Apri il menu principale

Geografia fisicaModifica

Il centro storico di Barbara si articola su due alture di una tipica dorsale collinare marchigiana, allungata tra i fiumi Misa e Nevola.

StoriaModifica

OriginiModifica

Il comune di Barbara affonda le sue radici storiche ed onomastiche nell'epoca dell'invasione dei Longobardi: verso la fine del VI secolo un avamposto di questo popolo germanico - "barbaro", cioè straniero - si insediò qui, ai confini con il territorio della città bizantina di Senigallia, in posizione intermedia e dominante fra le antiche città romane di Ostra e Suasa, ormai abbandonate.

MedioevoModifica

Dopo la disfatta longobarda ad opera dei Franchi nel 774, con l'istituzione del Sacro Romano Impero il territorio venne indemaniato. Successivamente, trasformato in feudo ecclesiastico, è affidato all'abbazia benedettina di S. Maria di Sitria, fondata agli inizi del sec. XI sulle pendici del Monte Catria dal santo monaco riformatore Romualdo da Ravenna. Nel 1257 viene conquistata dal vicino Comune di Jesi entrò così a far parte del Contado della cosiddetta "Respublica Aesina" e ne seguirà tutte le vicende storiche.

Regno d'ItaliaModifica

Neanche il nuovo comune, costituitosi nel 1257 grazie al protettorato jesino, riuscirà a sciogliere i vincoli vassallatici, che perdureranno fino alla costituzione del Regno d'Italia, per tutta l'età moderna, periodo nel quale il paese di Barbara diventerà la sede amministrativa degli estesi possessi dell'abbazia, ormai trasformata in commenda ed affidata dal 1453 ai cardinali delle più importanti famiglie dello Stato Pontificio, come i Cesi, i Barberini, gli Albani.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

A Barbara sono presenti alcuni monumenti come il monumento ai Caduti e il recente tributo ad Aldo Moro.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[3]

 


CulturaModifica

Il paese è fornito di un asilo dell'infanzia, di una scuola elementare e di un Oratorio per il ritrovo dei giovani.

EventiModifica

"La Festa del Castello" è una festa tradizionale di Barbara il primo fine settimana di agosto. In onore della patrona della città, Santa Barbara, la prima domenica di dicembre di tutti gli anni c'è la fiera in suo onore e il 4 dicembre c'è "La Festa della Patrona". Ormai è un'altra tradizione creare durante le vacanze natalizie un Presepe Vivente che si può vedere in tutti i giorni festivi. È la più grande e suggestiva rappresentazione della natività. Inoltre molto bella la Notte Bianca dei Bambini organizzata dall'associazione Barbamamme

Geografia antropicaModifica

Il centroModifica

Il centro storico si articola su due alture di una dorsale allungata tra i fiumi Misa e Nevola. A monte sorge il Castello, verso il mare, al di là del fossato e del ponte levatoio frapposto, si estendeva il Borgo munito di una cinta difensiva culminante in una propaggine occidentale chiamata Castellaro, probabilmente perché costituiva il sito più antico ed elevato e perché fruiva di rudimentali fortificazioni: un terrapieno ed una palizzata. Gli stessi ipogei o grotte del Castellaro costituiscono gallerie e vani sotterranei scavati nella roccia arenaria non solo per la conservazione delle derrate alimentari, ma anche a scopo di riparo o di via di fuga verso il fossato ed il castello durante gli assedi, come nel caso del sotterraneo murato del palazzo "Bùfera", sede del ristorante tipico "'L Castellaro".

Borgo medievaleModifica

Il borgo medievale si allunga in un pendio o declivio, la quale scende dal castello alla chiesa neoclassica dell'Assunta ripartita in due strade parallele, denominate nel dialetto locale Piazza e Piazzetta. La Piazzetta, via più ristretta ed aristocratica, sale dalla Costarella, ripida china affiancata al monumentale tempio mariano, per confluire nello Spalmento, l'attuale piazza Cavour antistante al castello. Sulla destra, i vicoli, caratteristiche viuzze popolari del Castellaro, delimitano due palazzi affacciati sulla strada e rispettivamente appartenuti nel primo Ottocento alle famiglie signorili Leli e Bufera. Passeggiando lungo le declinanti vie del paese in una gradevole visita, si possono idealmente ripercorrere gli sviluppi urbanistici del centro abitato nel corso dei secoli: partendo dal castello medievale e dal sottostante borgo cinquecentesco, passando per l'attuale Borgo Mazzini - sviluppatosi nell'Ottocento con il nome di Borgo san Francesco - si perviene prima alle "Case Nove" d'inizio Novecento, odierna Via Vittorio Veneto, poi al moderno quartiere di Via Fratelli Kennedy.

AmministrazioneModifica

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
13 giugno 2004 7 giugno 2009 Raniero Serrani lista civica Sindaco
8 giugno 2009 26 maggio 2019 Raniero Serrani lista civica Sindaco
27 maggio 2019 in carica Riccardo Pasqualini Viva Barbara viva Sindaco

SportModifica

CalcioModifica

La squadra di calcio Ilario Lorenzini Barbara milita in Eccellenza e i colori sociali sono il giallo ed il blu. Retrocessa il 29 aprile 2018 in Promozione dopo aver concluso la stagione all'ultimo posto.

NoteModifica

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche