Barry Levinson

regista statunitense

Barry Levinson (Baltimora, 6 aprile 1942) è un regista, sceneggiatore, attore, produttore cinematografico e produttore televisivo statunitense.

Barry Levinson al Tribeca Film Festival per la prima di PoliWood (2009)
Statuetta dell'Oscar Oscar al miglior regista 1989

Ha vinto il premio Oscar al miglior regista nel 1989 per Rain Man - L'uomo della pioggia.

BiografiaModifica

Levinson nasce a Baltimora, nel Maryland, il 6 aprile del 1942 da una famiglia ebraica di origini russe[1], figlio di Irvin Levinson, proprietario di un negozio d'elettrodomestici, e di Violet "Vi" Krichinsky, una casalinga[2][3]. Dopo aver studiato all'università di Washington, si trasferisce a Los Angeles, dove inizia la sua carriera come attore e autore di commedie per teatro e televisione. Debutta alla regia nel 1982 con A cena con gli amici.

Tra i suoi film più celebri tra gli anni ottanta e novanta si segnalano Il migliore (1984) con Robert Redford, Glenn Close, Robert Duvall e Kim Basinger, Good Morning, Vietnam (1987), con Robin Williams, Rain Man - L'uomo della pioggia (1988) con Dustin Hoffman, Tom Cruise e Valeria Golino, Toys - Giocattoli (1992), ancora con Robin Williams, Rivelazioni (1994), con Michael Douglas e Demi Moore, Sleepers (1996), con Robert De Niro, Brad Pitt e Vittorio Gassman, e Sesso & potere (1997), con Dustin Hoffman e Robert De Niro.

È stato sposato dal 1977 al 1982 con l'attrice Valerie Curtin, mentre dal 1983 è sposato con la pittrice Diana Rhodes, da cui ha avuto due figli: Sam e Jack.

FilmografiaModifica

RegistaModifica

LungometraggiModifica

DocumentariModifica

TelevisioneModifica

SceneggiatoreModifica

AttoreModifica

Premi e riconoscimentiModifica

Premi OscarModifica

Golden GlobeModifica

Doppiatori italianiModifica

NoteModifica

  1. ^ Pqasb.pqarchiver.com. URL consultato il 14 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2012).
  2. ^ Filmreference.com
  3. ^ Pqasb.pqarchiver.com. URL consultato il 19 marzo 2022 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2012).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN100242701 · ISNI (EN0000 0001 1815 6618 · LCCN (ENn80032461 · GND (DE118971093 · BNE (ESXX1298808 (data) · BNF (FRcb138966049 (data) · J9U (ENHE987007270940905171 · WorldCat Identities (ENlccn-n80032461