Batman: Il mistero di Batwoman

film di animazione del 2003 diretto da Kurt Geda, Tim Maltby
Batman: Il mistero di Batwoman
Il mistero di Batwoman.png
Batwoman in una scena del film
Titolo originaleBatman: Mystery of the Batwoman
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2003
Durata74 min
Genereanimazione
RegiaKurt Geda, Tim Maltby
SoggettoAlan Burnett
SceneggiaturaMichael Reaves
MusicheLolita Ritmanis
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Batman: Il mistero di Batwoman (Batman: Mystery of the Batwoman) è un film d'animazione statunitense del 2003 diretto da Kurt Geda[1] e Tim Maltby.

Ambientato nel DC Animated Universe, è basato sulla serie Batman - Cavaliere della notte. Il cast vede come doppiatori Kevin Conroy, Kyra Sedgwick, David Ogden Stiers, Kevin Michael Richardson, John Vernon, Hector Elizondo, Kimberly Brooks, Kelly Ripa, Elisa Gabrielli, Bob Hastings, Robert Costanzo, Efrem Zimbalist Jr., Eli Marienthal e Tara Strong. La pellicola racconta della comparsa di Batwoman, una misteriosa vigilante non legata a Batgirl, su cui Batman si trova a dovere indagare.

Il film è uscito direttamente per il mercato home video nell'ottobre 2003, prodotto da Warner Bros. Animation[2].

Indice

TramaModifica

Gotham City. Carltron Duquesne e Rupert Thorne stanno contrabbandando delle armi provenienti da Kasnia per conto di Oswald "Pinguino" Copplepot, quando vengono ostacolati da Batwoman, una nuova misteriosa vigilante di cui neanche Batman e Robin erano al corrente.

Ad una riunione della Wayne Enterprises viene presentato un tipo di metallo rivoluzionario, e Bruce Wayne vuole conoscere la sua creatrice, la detective Roxanne "Roxy" Ballantine, ed inizia a frequentare Kathy Duquesne, figlia di un criminale ma apparentemente onesta. Intanto, Gordon, Bullock e la nuova detective Sonia Alcana chiedono a Batman di indagare. Quest'ultimo sospetta che la misteriosa nuova combattente sia in realtà Kathy, ma ad una serata all'Iceberg Lounge, il locale di Pinguino, la donna è presente durante la comparsa di Batwoman: non può essere lei.

Più tardi, Batman, Robin e Batwoman si trovano di fronte alla pericolosissima minaccia di Bane, spietato nemico di Batman, che il Pinguino ha chiamato per avere rinforzi. Ora Batman ha dei sospetti: Sonia Alcana, collega del Detective Bullock, conosce la tecnologia che Pinguino sta smerciando meglio di quanto si ci si aspettasse da lei; Kathy e Sonia hanno frequentato un corso all'università insieme, e Sonia e Roxy dividevano la medesima stanza. Batwoman è in realtà contemporaneamente Kathy, Roxanne e Sonia: la prima ha finanziato il progetto della vigilante per frenare i traffici del padre; la seconda aveva ideato la tattica come vendetta verso il Pinguino, perché Kevin, fidanzato di Roxanne, è stato incarcerato per un reato che un mandato del Pinguino in realtà ha commesso; Sonia infine si è occupata dei gadget e delle armi del travestimento da Vigilante e dirige il proprio rancore verso gli uomini di Thorne, che hanno incendiato il negozio dei genitori di lei e sono rimasti impuniti per mancanza di prove, e in più, dall'esser stata salvata da Batman una volta, ha preso l'ispirazione per il costume da vigilante. Le tre donne impersonavano a turno Batwoman per sviare i sospetti della polizia e del nemico, e finiscono smascherate dai criminali e da Batman sulla nave di Bane. Kathy sulla nave intanto ha piazzato una bomba, e in uno scontro finale, le tre Batwoman e Batman riescono ad arrestare Rupert Thorne e il Pinguino e ad uccidere Bane, che cade nel fiume.

Alla fine del film Kevin è scagionato dalle accuse per mezzo di una lettera; Roxanne, temendo che la sua presenza causi problemi, lascia il dipartimento di polizia, in cui frattanto tutti (meno Batman e le complici) credono che l'unica Batwoman sia lei; Carlton accetta di testimoniare contro Pinguino e Thorne per i loro contrabbandi e Kathy, riconciliatasi con lui per questo, esce a fare un giro in macchina con Bruce.

Personaggi e doppiatoriModifica

Cherie interpreta se stessa mentre canta il singolo "Betcha Never" nell'Iceberg Lounge. Questa è l'unica volta nel DC Animated Universe che Paul Williams non ha dato la voce al Pinguino. Questo film ha segnato la performance finale di John Vernon nei panni di Rupert Thorne prima della sua morte nel 2005.

Colonna sonoraModifica

L'album della colonna sonora, composto da Lolita Ritmanis, prodotto da John Takis e masterizzato da James Nelson è stato rilasciato il 29 marzo 2016 da La-La Land Records. Sono stati inclusi anche i brani bonus e la colonna sonora del cortometraggio animato Chase Me[3][4]. Oltre al tema della serie animata, composto da Shirley Walker, durante la scena all'Iceberg Lounge viene eseguita da Cherie la canzone Betcha Neva.

DistribuzioneModifica

Il film è uscito nell'ottobre 2003 direttamente per il mercato home video, prodotto da Warner Bros. Animation[2].

Edizione italianaModifica

Per il doppiaggio italiano, pesantemente riadattato[5], sono state mantenute le voci delle serie televisive di Batman, a partire da Marco Balzarotti come protagonista e Davide Garbolino come Robin.

Edizione home videoModifica

Chase MeModifica

Nel DVD è presente un cortometraggio d'animazione di sei minuti intitolato Chase Me, scritto da Alan Burnett e Paul Dini che, privo di dialoghi, è musicato da Lolita Ritmanis.

Bruce Wayne, assorto a fissare il vuoto in una finestra durante una festa, viene intrattenuto da tre splendide donne; riuscito a fuggirle, entra in una stanza nella quale Catwoman sta svaligiando la cassaforte; inseguitala nei panni di Batman fino ad uno Zoo, la raggiunge ed i due si baciano; in quel momento però Bruce si dà una scossa, smettendo così di fissare assorto il vuoto nella finestra.

Chase Me è incluso anche come parte della funzione principale su siti di video streaming come Amazon Video[6].

Collegamenti con il DC Animated UniverseModifica

  • Gli eventi in questo film hanno luogo prima del flashback in Batman of the Future: Il ritorno del Joker, anche se Robin è ritratto un po' 'più vecchio qui che nell'altro film.
  • Bane è stato precedentemente assunto da Rupert Thorne per uccidere Batman nell'episodio della serie Batman "Bane". Stranamente, Thorne non ha alcun risentimento nei confronti di Bane dopo aver pianificato insieme alla segretaria di Thorne Candice di ucciderlo dopo la potenziale sconfitta di Batman in quell'episodio.
  • Sonia Alcana sembra aver sostituito Renee Montoya come partner di Harvey Bullock. Stranamente, Sonia indossa abiti simili: pantaloni grigi, top nero e fondina a spalla.
  • La conversazione che Barbara Gordon ha al telefono con Bruce esplora la relazione che c'è tra i due; questa storia è stata introdotta per la prima volta nell'episodio di Batman of the Future "A Touch of Curaré". Nel film, Barbara ha mostrato di avere interessi romantici nei confronti di Bruce, il che lo mette a disagio, anche la mancanza di sorpresa di Tim e Alfred implica che questa non è la prima volta che Barbara ci ha provato con Bruce.
  • Bruce dice a Pinguino che l'ultima volta che si sono incontrati, ha rubato il plutonio dagli Wayne Labs e ha minacciato di far saltare in aria Gotham City. Questo è accaduto al di fuori dello schermo, presumibilmente qualche tempo prima del rinnovamento di design e di Batman - Cavaliere della notte, poiché il Pinguino è apparentemente un "uomo d'affari legale" a quel tempo.
  • Anche se Bane sembra andare incontro alla morte a fine film, è già stato rivelato nell'episodio di Batman of the Future "The Winning Edge" che in qualche modo è sopravvissuto ed è stato mandato in prigione solo per essere rilasciato entro il 2019.
  • Il Tarnower Building è stato visto in precedenza nell'episodio "Mudslide" della serie Batman.

AccoglienzaModifica

CriticaModifica

« Dopo le incursioni nel futuro (Batman of the Future) e le pellicole cinematografiche aperte ad un ricercato modernismo scenografico (la trilogia di Christopher Nolan), Il mistero di Batwoman compie un rewind nostalgico, proponendo un format classico ma vincente.[5] »

La pellicola ha ricevuto recensioni contrastanti.[7] Sull'aggregatore Rotten Tomatoes ha un indice di gradimento del 46%, con un voto medio del pubblico di 3.1 su 5.[8]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Batwoman, in Turner Classic Movies. URL consultato il 3 marzo 2016.
  2. ^ a b (EN) Pirrello, Phil e Schedeen, Jesse, Ranking the DC Animated Universe, IGN, 23 febbraio 2010. URL consultato il 7 dicembre 2010.
  3. ^ (EN) Releases - CD - Batman: Mystery of the Batwoman Music from the DC Universe Animated Original Movie, su Worldsfinest.com.
  4. ^ (EN) Lolita Ritmanis – Batman: Mystery Of The Batwoman (Music From The DC Universe Animated Original Movie), su Discogs.
  5. ^ a b Batman: Il mistero di Batwoman - Recensione Film, Silenzio in Sala. URL consultato il 15 maggio 2013.
  6. ^ (EN) Batman - Mystery of the Batwoman, su Amazon Video. URL consultato il 15 luglio 2013.
  7. ^ (EN) Tyner, Adam, Batman - Mystery of the Batwoman, DVD Talk, 19 ottobre 2003. URL consultato il 25 novembre 2010.
  8. ^ (EN) Batman - Mystery of the Batwoman at Rotten Tomatoes, Rotten Tomatoes. URL consultato il 14 marzo 2017.

Collegamenti esterniModifica