Apri il menu principale

Carate Brianza

comune italiano
Carate Brianza
comune
Carate Brianza – Stemma
Carate Brianza – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Monza e della Brianza-Stemma.png Monza e Brianza
Amministrazione
SindacoLuca Veggian (FI) dal 25-6-2018
Territorio
Coordinate45°41′N 9°14′E / 45.683333°N 9.233333°E45.683333; 9.233333 (Carate Brianza)Coordinate: 45°41′N 9°14′E / 45.683333°N 9.233333°E45.683333; 9.233333 (Carate Brianza)
Altitudine256 m s.l.m.
Superficie9,92 km²
Abitanti17 945[1] (31-12-2018)
Densità1 808,97 ab./km²
FrazioniAgliate, Costa Lambro
Comuni confinantiAlbiate, Besana in Brianza, Briosco, Giussano, Seregno, Triuggio, Verano Brianza
Altre informazioni
Cod. postale20841 (fino al 29/10/2010 era 20048)
Prefisso0362
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT108015
Cod. catastaleB729
TargaMB
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanticaratesi
Patronosant'Ambrogio
Giorno festivo7 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Carate Brianza
Carate Brianza
Carate Brianza – Mappa
Posizione del comune di Carate Brianza nella provincia di Monza e della Brianza
Sito istituzionale

Carate Brianza (Caràa in dialetto brianzolo[2], e semplicemente Carate fino al 1863) è un comune di 17.945 abitanti della provincia di Monza e Brianza. Fa parte del Parco regionale della Valle del Lambro e il suo territorio è compreso tra i 215 e i 299 metri s.l.m.[3]

StoriaModifica

Le prime testimonianze di insediamenti furono scoperte nella valletta della Brovada con il ritrovamento di un masso erratico su cui erano scolpite delle coppelle, cioè incavi semisferici di vario diametro. Il ritrovamento più importante fu però un sarcofago di pietra risalente all'età romana rinvenuto nei pressi della Peschiera, in località Realdino.

Da Carate, in epoca romana, passava la via Regina, strada romana che collegava il porto fluviale di Cremona (la moderna Cremona) con Clavenna (Chiavenna) passando da Mediolanum (Milano). Leggenda vorrebbe che la moderna Carate sia stata, durante la dominazione longobarda, un centro prediletto della regina Teodolinda.

Nel IX e X secolo viene edificata la basilica di Agliate, dedicata ai santi Pietro e Paolo, da parte dell'arcivescovo di Milano Ansperto, che fu posta a capo della importante pieve omonima, con giurisdizione su vasti territori. Dopo il secolo X il borgo era difeso da un castello, eretto da una nobile famiglia dei "De Carate", nell'attuale area di Villa Cusani , così come Costa Lambro era munita del castello "de Aia" dei Confalonieri, a loro volta feudatari di Agliate.

Nella contesa per il controllo di Milano, la "foppa dei dusent" ricorda il luogo dove furono sepolti le vittime del terribile scontro avvenuto in loco fra i Visconti e i Della Torre nel 1275. Attorno al 1300 gli Umiliati erano presenti sul territorio con ben due conventi che dimostrano la potenza dell'ordine religioso e la fiorente attività che avviarono principalmente con la lavorazione della lana.

Alla fine del XVIII secolo ma ancora più durante l'intero XIX secolo, lungo le rive del fiume Lambro sorsero numerose filande, tessiture e tintorie che decretarono il boom del comparto tessile nella cittadina. Nel 1869 i borghi di Agliate e Costa Lambro vennero uniti a Carate Brianza in un unico comune. Dal XVI secolo in poi il territorio comunale vede il sorgere di numerose ville di delizia legate alle famiglie nobili che qui vennero a stabilirsi da Milano.

Dall'antico castello difensivo i Cesana ricavarono l'attuale Villa Cusani Confalonieri, ora comunale, attiguo alla quale fu edificato l'Oratorio di S. Maria Maddalena, in stile gotico, del XV secolo. Il 6 marzo 1906 il ministro degli esteri Tommaso Tittoni tenne in occasione dell'inaugurazione delle scuole di disegno della Brianza un discorso, passato alla storia come Discorso di Carate in cui faceva apparire certa l'acquisizione di compensi all'Italia per l'annessione austriaca della Bosnia.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

 
Palazzo comunale
 
Basilica dei Santi Pietro e Paolo nella frazione Agliate
  • Prepositurale dei Santi Ambrogio e Simpliciano La chiesa prepositurale è di antichissima origine, e quella attuale è stata costruita su quella preesistente risalente alla fine del XVIII secolo, mentre il campanile è rimasto identico nei secoli. L'interno è stato progettato dall'architetto Simone Cantoni, mentre le decorazioni sono da attribuirsi a David Beghè. È presente un concerto di 8 campane in La2 fuse dai F.lli Barigozzi nel 1938.
  • Villa Cusani Confalonieri Villa fatta costruire da Valerio Confalonieri nel XVII secolo su una residenza già esistente. Nella Villa residenza di campagna per la nobile famiglia milanese dei Confalonieri, vi dimorò a lungo Teresa Casati moglie del patriota risorgimentale Federico Confalonieri. Antico possesso dei "Del Bene" che fecero erigere una cappella dedicata a Santa Maria Maddalena che fu ampliata e resa l'attuale "Gesolo" grazie al lascito di Fra' Gabriele Del Bene, monaco gerosolimitano priore della Domus milanese di Santa Croce e Santa Maria del Tempio. Possiede un ampio parco affacciato sulla valle del Lambro, di cui è parte uno splendido giardino all'italiana prossimo alla torre della villa; è stata acquisita dall'Amministrazione Comunale e aperta al pubblico nel 1976. Una parte della villa oggi ospita la biblioteca pubblica intitolata allo storico Germano Nobili.
  • Basilica dei Santi Pietro e Paolo (Agliate) anticamente Collegiata, anticamente Prepositurale Plebana dei Santi Pietro e Paolo, il complesso basilicale, con battistero annesso, in stile romanico, risale al X secolo. L'interno è tripartito, con colonne tutte diverse l'una dall'altra. Una cripta è presente sotto al presbiterio. Il Battistero conserva affreschi di età diverse, dal Medioevo sino al XV secolo, che hanno subito di recente un intervento di restauro.
  • Villa Beldosso
  • Villa La Rovella
  • Villa Negri
  • Villa Stanga Busca Borromeo
  • Castello Formenti
  • Monumento ai caduti di Nasiriyya (L'Eroe) dello scultore Giuseppe De Feo in Piazza Cesare Battisti.
  • Grotte di Realdino
 
Torre civica Carate Brianza e il Monumento ai caduti di Nasiriyya

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[4]

 

Etnie e minoranze straniereModifica

Secondo i dati ISTAT, al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 1176 persone (di cui il 45,9% uomini), pari al 6,53% di tutti i residenti. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:[5]

CulturaModifica

IstruzioneModifica

IIS "Leonardo da Vinci" e Liceo "Don Carlo Gnocchi", con gli indirizzi Classico, Scientifico, delle Scienze Applicate, Scientifico Sportivo, Socio-Economico, Alberghiero e diversi indirizzi Tecnici.

BibliotecheModifica

La Biblioteca civica di Carate Brianza fa parte del Sistema Bibliotecario Brianza Biblioteche. Si trova presso l'edificio di Villa Cusani Confalonieri.

CucinaModifica

EventiModifica

  • 5 gennaio: Befana sul Lambro - Mito festa nella Natura; è un evento che si ripete dal 1987 sul ponte di Agliate (frazione di Carate Brianza).

Geografia antropicaModifica

FrazioniModifica

  • Agliate - Con la sua antica Basilica è situata in valle è spesso soggetta a esondazioni del fiume Lambro[6].
  • Costa Lambro - Situata sul costone morenico di sinistra rispetto al corso del fiume Lambro, dalla sua posizione favorevole domina il panorama del corso del fiume e della città di Carate Brianza e parte della Brianza verso ovest.

Infrastrutture e trasportiModifica

 
Stazione di Carate Brianza-Calò

Il paese dispone di una propria fermata ferroviaria posta sulla linea Monza-Molteno-Lecco.
In passato Carate era capolinea di due tranvie interurbane: la linea per Monza, soppressa nel 1960, e la linea per Milano, soppressa nel 1982.

SportModifica

La Pro Carate, società di ginnastica artistica, storica e pluri premiata in ambito nazionale, fondata nel 1911, fucina di atleti olimpionici ed insignita dal CONI con la Stella d'Argento al merito sportivo.

La Folgore Caratese milita nel campionato di calcio di Serie D.

La Pallacanestro Masters, squadra cestistica locale, è iscritta al campionato di Serie D regionale e vanta di numerose squadre giovanili.

AmministrazioneModifica

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1985 1995 Dante Oreste Orsenigo Democrazia Cristiana Sindaco
1995 1998 Maria Petacchi Lega Nord Sindaco
1998 1998 Rosalba Scialla Comm. pref. [7]
1998 2002 Dante Oreste Orsenigo UDC Sindaco
2002 2003 Marco Pipino Alleanza Nazionale Sindaco
2003 2004 Cristiana Cirelli Comm. pref. [8]
2004 2012 Marco Pipino Alleanza Nazionale Sindaco
2012 2013 Michele Basilicata Comm. pref. [9]
2013 2018 Francesco Paoletti Partito Democratico Sindaco
2018 in carica Luca Veggian Forza Italia Sindaco

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2018.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 140.
  3. ^ mappa
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Statistiche demografiche ISTAT - Bilancio Demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2010 per sesso e cittadinanza, ISTAT. URL consultato il 19 agosto 2012.
  6. ^ http://www.protezionecivilecaratebrianza.it/interventi_ponte_albiate.html[collegamento interrotto]
  7. ^ Dopo la dimissione del consiglio il comune è stato commissariato
  8. ^ Dopo lo scioglimento del consiglio il comune è stato commissariato
  9. ^ Dopo le dimissioni del sindaco il comune è stato commissariato

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN172797310 · WorldCat Identities (EN172797310
  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia