Giussano

comune italiano

Giussano[4] (Giüsan in dialetto brianzolo[5][6], AFI: [dʒyˈsaɳ]) è un comune italiano di 25 988 abitanti della provincia di Monza e della Brianza in Lombardia.

Giussano
comune
Giussano – Stemma
Giussano – Bandiera
Giussano – Veduta
Giussano – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia-Monza-Brianza-stemma.svg Monza e Brianza
Amministrazione
SindacoMarco Citterio (centro-destra) dal 26-5-2019
Territorio
Coordinate45°42′N 9°13′E / 45.7°N 9.216667°E45.7; 9.216667 (Giussano)
Altitudine256 m s.l.m.
Superficie10,28 km²
Abitanti25 988[1] (31-12-2021)
Densità2 528,02 ab./km²
FrazioniBirone, Paina-Brugazzo, Robbiano
Comuni confinantiArosio (CO), Briosco, Carate Brianza, Carugo (CO), Inverigo (CO), Mariano Comense (CO), Seregno, Verano Brianza
Altre informazioni
Cod. postale20833
Prefisso0362
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT108024
Cod. catastaleE063
TargaMB
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 547 GG[3]
Nome abitantigiussanesi
PatronoGiussano: santi Filippo e Giacomo
Robbiano: santi Quirico e Giulitta
Birone: santo Stefano
Paina-Brugazzo: santa Margherita
Giorno festivo1ª domenica di ottobre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Giussano
Giussano
Giussano – Mappa
Giussano – Mappa
Posizione del comune di Giussano nella provincia di Monza e della Brianza
Sito istituzionale

StoriaModifica

OriginiModifica

Pare che i primi insediamenti che hanno dato natale alla città fossero abitati da popolazioni celtiche e germaniche per poi aver ricevuto verso il VI secolo a.C. gli Etruschi durante il periodo di conquista verso il Lario.

Epoca romanaModifica

Da Glussianum, nome latino di Giussano, passava la via Mediolanum-Bellasium, che metteva in comunicazione Milano con Bellagio.

SimboliModifica

Il comune ha come proprio simbolo lo stemma riconosciuto con D.C.G. del 24 gennaio 1930[7]:

«D'argento, al castello di rosso, a tre piani, merlato e circondato da due trecce a tre capi di nero e d'azzurro, riunite nel capo e decussate in punta. Ornamenti esteriori da Città.»

 
Stemma della famiglia Giussano contenuto nello Stemmario Trivulziano

Lo stemma deriva da quello della famiglia Giussano, originaria del luogo, che compare anche a p. 159 dello Stemmario Trivulziano (d’argento, alla casatorre coperta e merlata alla ghibellina, aperta e finestrata del campo, fiancheggiata da due trecce piegate a cerchio, con le punte finite a fiocchetto, il tutto di rosso).

Il gonfalone è stato concesso con D.P.R. del 14 ottobre 1958.[7]

OnorificenzeModifica

  Titolo di Città
«Decreto del Presidente della Repubblica»
— 22 ottobre 1987[7][8]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Nel territorio comunale troviamo un piccolo laghetto, il noto ‘Laghetto di Giussano’ (una risorgiva naturale con attorno un percorso vita e un punto ristoro), Villa Mazenta, disegnata e progettata dall'architetto Pellegrino Tibaldi e Villa Sartirana. Villa Sartirana è stata ristrutturata nel 2004, è attualmente la sede della biblioteca civica, durante l'anno vi si svolgono numerose mostre ed eventi culturali; con il suo splendido parco è un immobile storico di pregio a livello regionale, essendo stata inserita nel circuito della Sopraintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio della Lombardia.

Di fronte alla villa si trova piazza Roma con al centro la colonna sostenente una statua della Madonna, patrona della città, festeggiata annualmente la prima domenica d'ottobre.

Poco distante dalla piazza si erge la basilica dedicata agli apostoli Filippo e Giacomo che fu consacrata il 1º maggio 1932 dal Cardinale Arcivescovo Ildefonso Schuster, il quale dettò personalmente la dicitura della lapide ricordo posta sopra la porta maggiore d'ingresso. La basilica è formulata sul tipo iconografico delle solenni basiliche romane post-costantiniane è davvero possente e di un equilibrio spaziale riuscitissimo, opera dell'architetto Ottavio Cabiati.

Il Palazzo Municipale ospita la sala consiliare impreziosita da quattro vetrate opera del Maestro [Aligi Sassu], due delle vetrate sono dedicate a illustri personaggi giussanesi: il matematico e fisico Gabrio Piola e il leggendario Alberto da Giussano.

Nel cimitero di Paina-Brugazzo, una delle tre frazioni di Giussano, è noto il Sepolcro Passalacqua.

Nel cimitero di Giussano è stato sepolto il calciatore Stefano Borgonovo.

MuseiModifica

La città ospita il Museo Molteni, fondato nel 2015 e progettato da Jasper Morrison[9]. Il Museo ripercorre la storia dell'omonima azienda produttrice di mobili, fondata nel 1934, che a partire dagli anni ’50 ha lavorato con noti designer, come Jean Nouvel e Ferruccio Laviani. La collezione è costituita da 48 pezzi di design iconici e prototipi[10]. L'Istituzione fa parte del Circuito Lombardo dei Musei del Design.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[11]

Etnie e minoranze straniereModifica

Secondo i dati ISTAT, al 31 dicembre 2015 la popolazione straniera residente era di 1 683 persone, pari al 6,6% di tutti i residenti. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:[12]

Pos. Cittadinanza Popolazione
1   Romania 362
2   Pakistan 241
3   Marocco 214
4   Albania 168
5   Ucraina 115

CulturaModifica

BibliotecheModifica

La Biblioteca Civica "Don Rinaldo Beretta" di Giussano fa parte del Sistema Bibliotecario BrianzaBiblioteche.

Geografia antropicaModifica

FrazioniModifica

Il Comune di Giussano ha tre frazioni:

EconomiaModifica

Nel territorio comunale sono molto diffuse le industrie meccaniche, del settore del mobile, dell'abbigliamento e calzaturiere.

Infrastrutture e trasportiModifica

StradeModifica

Il territorio comunale è attraversato dalla Strada statale 36 del Lago di Como e dello Spluga.

FerrovieModifica

La fermata fermata ferroviaria di Carugo-Giussano, posta sulla ferrovia Milano-Asso, è servita da treni regionali cadenzati operati da Trenord nell'ambito del contratto di servizio stipulato con la Regione Lombardia.

Fra il 1881 e il 1958 la località rappresentò inoltre uno dei capolinea settentrionali della tranvia Milano-Carate/Giussano.

AmministrazioneModifica

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Franco Riva liste civiche - Unione di Centro Sindaco
2009 2014 Gian Paolo Riva centrodestra Sindaco
2014 2019 Matteo Riva Partito Democratico Sindaco
2019 in carica Marco Citterio centrodestra Sindaco

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2021 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Luciano Canepari, Giussano, in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  5. ^ Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, Garzanti, 1996, p. 309.
  6. ^ ortografia classica
  7. ^ a b c Giussano, su Archivio Centrale dello Stato.
  8. ^ Statuto comunale.
  9. ^ Molteni Museum - un nuovo museo per 80 anni di design italiano, su 80!Molteni. URL consultato il 15 luglio 2021.
  10. ^ Molteni Museum, su Musei Design. URL consultato il 15 luglio 2021.
  11. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  12. ^ Statistiche demografiche ISTAT - Bilancio Demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2015 per sesso e cittadinanza, su tuttitalia.it, ISTAT.

BibliografiaModifica

  • Don Rinaldo Beretta - 1935 - Robbiano Brianza. Notizie storiche, Carate Brianza, pp. 178 [2ª ediz.: Monza 1968].

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN125631906 · WorldCat Identities (ENlccn-n92075660
  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia