Apri il menu principale

Charles Crupelandt

ciclista su strada e pistard francese
Charles Crupelandt
1912crupelandt.jpg
Charles Crupelandt nel 1912
Nazionalità Francia Francia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, Pista
Ritirato 1914
Carriera
Squadre di club
1904 Radiator
1905 Individuale
1906 La Française
1907-1909 Individuale
1910 Depas
1910 Le Globe-Dunlop
1911-1914 La Française
 

Charles Crupelandt (Roubaix, 23 ottobre 1886Roubaix, 18 febbraio 1955) è stato un ciclista su strada e pistard francese, professionista dal 1904 al 1914, era soprannominato il Toro del Nord.

CarrieraModifica

Considerato l'archetipo del passista-veloce, vinse due Parigi-Roubaix (1912[1], 1914), una Parigi-Tours (1913), i Campionati francesi (1914), e quattro tappe al Tour de France, indossando anche "idealmente" la maglia gialla per due volte, un giorno nel 1910 ed un giorno nel 1912, visto che il simbolo del primato nella Grande Boucle sarà adottato solo a partire dal 1919. Dopo la Prima guerra mondiale dei problemi con la legge gli impedirono di riprendere con le corse in bici[2]. Morì nel 1955 dopo una malattia che aveva costretto i medici, già nel 1951, ad amputargli entrambe le gambe.

L'ultimo tratto in pavé della Parigi-Roubaix è stato dedicato alla sua memoria[3].

PalmarèsModifica

Huit heurs d'Andrimont
Vierentwintig uur van Antwerpen
1ª tappa Tour de France (Parigi > Roubaix)
Paris-Menin
4ª tappa Tour de France (Belfort > Chamonix)
7ª tappa Tour de France (Nizza > Marsiglia)
Parigi-Roubaix
1ª tappa Tour de France (Parigi > Dunkerque)
Parigi-Tours
Parigi-Roubaix
Campionati francesi, Prova in linea
Vierentwintig uur van Antwerpen

PiazzamentiModifica

Grandi GiriModifica

1906: ritirato (2ª tappa)
1907: ritirato (6ª tappa)
1910: 6º
1911: 4º
1912: ritirato (10ª tappa)
1913: ritirato (3ª tappa)
1914: ritirato

Classiche monumentoModifica

1910: 14º
1912: 26º
1914: 3º
1904: 13º
1910: 5º
1912: vincitore
1913: 3º
1914: vincitore

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN75699038 · ISNI (EN0000 0000 3692 8768 · LCCN (ENn2003120312 · WorldCat Identities (ENn2003-120312
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie