Apri il menu principale

Classifica generale (Tour de France)

classifica generale del Tour de France
(Reindirizzamento da Maglia gialla)

1leftarrow blue.svgVoce principale: Tour de France.

La maglia gialla, simbolo del primato al Tour de France dal 1919

La classifica generale del Tour de France è la principale classifica della corsa a tappe francese, la quale definisce il vincitore della gara. si basa su una graduatoria a tempo, calcolata sommando i tempi di ogni ciclista sul traguardo di ogni tappa. Il simbolo distintivo e della corsa è la maglia gialla (fr. Maillot jaune).

Indice

StoriaModifica

Le originiModifica

Nella prima edizione del Tour de France, nel 1903, la classifica generale era calcolata in base ai tempi di percorrenza di ogni tappa. Tuttavia, in seguito ai problemi sorti durante la seconda edizione, le regole furono cambiate e la classifica generale non fu più calcolata in base ai tempi, ma a punti. Questo sistema di punti fu mantenuto fino al 1912, per poi tornare alla graduatoria a tempi. In quelle prime edizioni, il leader di questa classifica non portava ancora una maglia distintiva.

Generalmente si considera Eugène Christophe come il primo ciclista che indossò la maglia gialla nel 1919, ricevendola alla partenza dell'undicesima tappa Grenoble-Ginevra.

La maglia gialla, introdotta al Tour durante l'edizione del 1919, fu infatti indossata per la prima volta il 19 luglio alla partenza dell'undicesima tappa Grenoble-Ginevra da Eugène Christophe.[1] L'idea originale è attribuita da alcuni a dei giornalisti[2], da altri ad Alphonse Baugé, che poco dopo divenne collaboratore nell'organizzazione della corsa, che suggerì a Henri Desgrange di far portare al leader della classifica generale una maglia distintiva, di colore giallo come la maglia che portava quando era corridore e che faceva indossare nella Alcyon e nella Peugeot, squadre che diresse prima della guerra. La scelta del colore giallo può essere anche stata fatta dallo stesso Desgrange, che optò per il colore delle pagine del giornale L'Auto, che organizzava la corsa[3]. Tuttavia, altre fonti fanno risalire la creazione della maglia gialla al 1913 o 1914. Il vincitore di quelle due edizioni, il belga Philippe Thys, affermò che Desgrange gli fece portare una maglia gialla al Tour 1913. Il giornalista Roger Frankeur attribuisce a Desgrange queste parole, dette a Thys nel 1914: « Voi la porterete l'anno prossimo, la mia maglia gialla! »[4].

RegolamentoModifica

La classifica generale individuale a tempi si stabilisce sommando i tempi realizzati da ogni corridore nel prologo e nelle venti tappe, tenendo conto dei bonus e delle penalità[5].

Il corridore con il miglior tempo globale al termine di ogni tappa riceve una maglia gialla e la indossa durante la tappa successiva. Il corridore che riceve la maglia gialla al termine dell'ultima tappa a Parigi è il vincitore del Tour de France.

Leader ex aequoModifica

Nelle prime edizioni del Tour de France, i tempi della classifica generale erano calcolati in minuti, visto che generalmente i corridori arrivavano con distacchi di molti secondi. Di fatto però, diversi corridori si trovavano classificati con lo stesso tempo. Ad esempio, nel 1914, prima dell'introduzione della maglia gialla, la corsa vide due leader per quattro tappe, Philippe Thys e Jean Rossius[6].

Dopo l'introduzione della maglia gialla nel 1919, una situazione analoga si ripeté solo due volte. La prima nel 1929, quando tre corridori avevano lo stesso tempo all'arrivo della tappa di Bordeaux: il lussemburghese Nicolas Frantz e i francesi Victor Fontan e André Leducq, che corsero la tappa successiva indossando ognuno una maglia gialla, senza tuttavia riuscire a conservarla fino a Parigi. Nel 1931 invece Charles Pélissier e Raffaele Di Paco furono classificati con lo stesso tempo al termine della quinta frazione[7].

Il problema dei co-leader fu risolto dando la maglia gialla al corridore meglio classificato negli arrivi di tappa. Con l'introduzione all'inizio della corsa di una breve cronometro, il cosiddetto prologo, avvenuta per la prima volta nel 1967, in caso di parità di tempi i corridori vengono classificati considerando i centesimi di secondo fatti registrare all'arrivo di tale prologo. Dal regolamento dell'ASO[8]:

«In caso di parità di tempo nella classifica generale, i centesimi di secondo registrati dai cronometristi in occasione delle cronometro individuali sono reincorporati nei tempi totali per classificare i corridori e decidere l'attribuzione della maglia gialla. In caso di nuova parità, si fa appello alla somma dei piazzamenti ottenuti in ogni tappa e, in ultimo, al piazzamento ottenuto nell'ultima tappa.»

Nessun corridore in maglia giallaModifica

In diverse occasioni e per diverse ragioni, è successo che nessun corridore portasse la maglia gialla nel corso di una tappa.

Durante il Tour de France 1950, lo svizzero Ferdi Kübler preferì partire con la maglia della sua nazionale piuttosto della maglia gialla, quando il leader della corsa, Fiorenzo Magni, abbandonò la corsa con tutta la squadra italiana per protestare contro le minacce subite dagli spettatori.

Il belga Eddy Merckx si rifiutò di indossare la maglia nel 1971, dopo che il leader precedente, Luis Ocaña, cadde durante la discesa del Col de Mente sui Pirenei.

Al Tour 1980, l'olandese Joop Zoetemelk non indossò la maglia gialla che conquistò in seguito al ritiro del rivale Bernard Hinault a causa di un infortunio al ginocchio.

Durante la quinta tappa del Tour de France 1991, la maglia gialla Rolf Sørensen abbandonò la corsa per una caduta. Nel Tour de France 2005 invece, Lance Armstrong si rifiutò di indossare la maglia che David Zabriskie aveva perso a causa di una caduta. Lo statunitense fu tuttavia costretto a indossarla durante la tappa.

Nella settima tappa del Tour de France 2015 il leader della classifica Christopher Froome non indossò in segno di rispetto la maglia gialla persa il giorno prima da Tony Martin per una frattura alla clavicola.[9]

Gli scandali della maglia giallaModifica

Durante diverse edizioni del Tour de France, il corridore in maglia gialla fu al centro di scandali, principalmente legati all'uso di sostanze dopanti.

Maurice Garin vinse nel 1904, ma venne esqualificato dopo essere stato visto da altri corridori imbrogliare durante il percorso.

La maglia gialla tornò al centro degli scandali a partire dagli anni settanta, quando nel 1978 il belga Michel Pollentier divenne leader della corsa dopo aver attaccato sull'Alpe d'Huez. Fu squalificato il giorno stesso, dopo aver cercato di imbrogliare a un controllo anti-doping[10].

Dieci anni dopo, nel 1988, lo spagnolo Pedro Delgado vinse il Tour, malgrado un controllo antidoping dimostrasse l'uso di un medicinale che poteva essere utilizzato per mascherare l'uso di steroidi[11]. Tuttavia gli fu concesso di proseguire in quanto il medicinale, il probenecid, non era vietato dall'Union Cycliste Internationale.

Il vincitore del 1996, il danese Bjarne Riis, dichiarò nel 2007 di aver fatto uso di sostanze dopanti durante quell'edizione del Tour[12]. Fu squalificato e gli fu vietato di seguire il Tour di quell'anno come direttore sportivo della CSC. Successivamente fu riabilitato per l'onestà dimostrata.

Il vincitore del 2006, Floyd Landis, fu squalifcato più di un anno dopo la fine della corsa. Dopo essere stato trovato positivo a un controllo dopo la vittoria della diciassettesima tappa, fu dichiarato colpevole nel settembre del 2007 e la vittoria del 2006 fu assegnata a Óscar Pereiro. Landis fece appello al Tribunale Arbitrale dello Sport, perdendolo nel giugno 2008[13]. Solo nel maggio del 2010 ha ammesso di essersi dopato[14].

Nel 2007, il danese Michael Rasmussen fu escluso dalla corsa dalla sua squadra, la Rabobank, per non essersi reso reperibile per effettuare controlli durante il periodo precedente al Tour. Rasmussen segnalò di essere in Messico, mentre in realtà era in Italia[15].

Il 22 ottobre 2012 l'UCI riconosce la sanzione imposta dall'USADA a Lance Armstrong, accusato di aver utilizzato sostanze dopanti durante la sua permanenza alla US Postal Service, e conferma di fatto la cancellazione delle sue vittorie al Tour de France dal 1999 al 2005[16]. Il 26 ottobre la stessa UCI ufficializza la decisione di non attribuire ad altri corridori le vittorie ottenute dallo statunitense e nemmeno di modificare i piazzamenti degli altri corridori[17].

Modifica

La banca francese Crédit Lyonnais, già partner commerciale del Tour dal 1981, sponsorizzò la maglia gialla dal 1987 al 2005, consegnando anche un leone di peluche al vincitore di ogni tappa. Dal 2006, lo sponsor sulla maglia ha cambiato nome in LCL, semplicemente la nuova nomenclatura della Crédit Lyonnais, dopo l'assorbimento da parte della Crédit agricole.

Lista completa

StatisticheModifica

Prima della squalifica per doping, lo statunitense Lance Armstrong, con sette successi finali, era il corridore che più volte aveva vinto il Tour de France, seguito da Jacques Anquetil, Eddy Merckx, Bernard Hinault e Miguel Indurain fermi a cinque[21]. Il corridore che ha indossato la maglia gialla più volte è il belga Eddy Merckx, che l'ha portata per 111 giorni, seguito da Armstrong (83) e Hinault (79)[21]. Il maggior numero di corridori che hanno indossato la maglia gialla in una sola edizione della corsa è invece di otto, nel 1958 e 1987. Più recentemente, nel 2008, sette corridori hanno avuto la chance di portarla (Alejandro Valverde, Romain Feillu, Stefan Schumacher, Kim Kirchen, Cadel Evans, Fränk Schleck, Carlos Sastre).

Albo d'oroModifica

Anno Corridore Squadra Tempo/Punti Altre classifiche
1903   Maurice Garin La Française-Diamant 94h33'14" -
1904   Henri Cornet Cycles J.Conte 96h05'55" -
1905   Louis Trousselier Peugeot 35 -
1906   René Pottier Peugeot 31 -
1907   Lucien Petit-Breton Peugeot 47 -
1908   Lucien Petit-Breton Peugeot 36 -
1909   François Faber Alcyon 37 -
1910   Octave Lapize Alcyon 63 -
1911   Gustave Garrigou Peugeot 43 -
1912   Odiel Defraye Alcyon 49 -
1913   Philippe Thys Peugeot 197h54'00" -
1914   Philippe Thys Peugeot 200h28'48" -
1915-18 non disputato
1919   Firmin Lambot La Sportive 231h07'15" -
1920   Philippe Thys La Sportive 228h36'13" -
1921   Léon Scieur La Sportive 221h50'26" -
1922   Firmin Lambot Peugeot 222h08'06" -
1923   Henri Pélissier Automoto 222h15'30" -
1924   Ottavio Bottecchia Automoto 226h18'21" -
1925   Ottavio Bottecchia Automoto 219h10'18" -
1926   Lucien Buysse Automoto 238h44'25" -
1927   Nicolas Frantz Alcyon 198h16'42" -
1928   Nicolas Frantz Alcyon 192h48'58" -
1929   Maurice Dewaele Alcyon 186h39'16" -
1930   André Leducq Francia 172h12'16" -
1931   Antonin Magne Francia 177h10'03" -
1932   André Leducq Francia 154h11'49" -
1933   Georges Speicher Francia 147h51'37" -
1934   Antonin Magne Francia 147h13'58" -
1935   Romain Maes Belgio 141h32'00" -
1936   Sylvère Maes Belgio 142h47'32" -
1937   Roger Lapébie Francia 138h58'31" -
1938   Gino Bartali Italia 148h28'12"   Scalatori
1939   Sylvère Maes Belgio 132h03'17"   Scalatori
1940-46 non disputato
1947   Jean Robic Francia Ovest 148h11'25" -
1948   Gino Bartali Italia 147h10'36"   Scalatori
1949   Fausto Coppi Italia 149h40'49"   Scalatori
1950   Ferdi Kübler Svizzera 145h36'56" -
1951   Hugo Koblet Svizzera 142h20'14" -
1952   Fausto Coppi Italia 151h57'20"   Scalatori
1953   Louison Bobet Francia 129h23'25" -
1954   Louison Bobet Francia 140h06'05" -
1955   Louison Bobet Francia 130h29'26" -
1956   Roger Walkowiak Francia Centro N-E 124h01'16" -
1957   Jacques Anquetil Francia 135h44'42" -
1958   Charly Gaul Nelux 116h59'05" -
1959   Federico Bahamontes Spagna 123h46'45"   Scalatori
1960   Gastone Nencini Italia 112h08'42" -
1961   Jacques Anquetil Francia 122h01'33" -
1962   Jacques Anquetil Saint-Raphaël-Helyett 114h31'54" -
1963   Jacques Anquetil Saint-Raphaël-Gitane 113h30'05" -
1964   Jacques Anquetil Saint-Raphaël-Gitane 127h09'44" -
1965   Felice Gimondi Salvarani 116h42'06" Combattività
1966   Lucien Aimar Ford France-Hutchinson 117h34'21" -
1967   Roger Pingeon Francia A 136h53'50" -
1968   Jan Janssen Paesi Bassi 133h49'42" -
1969   Eddy Merckx Faema 116h16'02"   Punti
  Scalatori
Combattività
1970   Eddy Merckx Faemino-Faema 119h31'49"   Scalatori
Combattività
1971   Eddy Merckx Molteni 96h45'14"   Punti
1972   Eddy Merckx Molteni 108h17'18"   Punti
1973   Luis Ocaña Bic 122h25'34" Combattività
1974   Eddy Merckx Molteni 116h16'58" Combattività
1975   Bernard Thévenet Peugeot-BP-Michelin 114h35'31" -
1976   Lucien Van Impe Gitane-Campagnolo 116h22'23" -
1977   Bernard Thévenet Peugeot-Esso-Michelin 115h38'30" -
1978   Bernard Hinault Renault-Gitane 108h18'00" -
1979   Bernard Hinault Renault-Gitane 103h06'50"   Punti
1980   Joop Zoetemelk TI-Raleigh 109h19'14" -
1981   Bernard Hinault Renault-Elf-Gitane 96h19'38" Combattività
1982   Bernard Hinault Renault-Elf-Gitane 92h08'46" -
1983   Laurent Fignon Renault-Elf 105h07'52"   Giovani
1984   Laurent Fignon Renault-Elf 112h03'40" -
1985   Bernard Hinault La Vie Claire-Radar 113h24'23" -
1986   Greg LeMond La Vie Claire-Radar 110h35'19" -
1987   Stephen Roche Carrera Jeans-Vagabond 115h27'42" -
1988   Pedro Delgado Reynolds 84h27'53" -
1989   Greg LeMond ADR 87h38'35" -
1990   Greg LeMond Z 90h43'20" -
1991   Miguel Indurain Banesto 101h01'20" -
1992   Miguel Indurain Banesto 100h49'30" -
1993   Miguel Indurain Banesto 95h57'09" -
1994   Miguel Indurain Banesto 103h38'38"
1995   Miguel Indurain Banesto 84h54'47" -
1996   Bjarne Riis Team Telekom 95h57'16" -
1997   Jan Ullrich Team Telekom 100h30'35"   Giovani
1998   Marco Pantani Mercatone Uno-Bianchi 92h49'46" -
1999   Lance Armstrong[22] US Postal Service 91h32'16" -
2000   Lance Armstrong[22] US Postal Service 92h33'08" -
2001   Lance Armstrong[22] US Postal Service 86h17'28" -
2002   Lance Armstrong[22] US Postal Service 82h05'12" -
2003   Lance Armstrong[22] US Postal Service p/b Berry Floor 83h41'12" -
2004   Lance Armstrong[22] US Postal Service p/b Berry Floor 83h36'02" -
2005   Lance Armstrong[22] Discovery Channel 86h15'02" -
2006   Óscar Pereiro[23] Caisse d'Epargne-Illes Balears 89h40'27" -
2007   Alberto Contador Discovery Channel 91h00'26"   Giovani
2008   Carlos Sastre Team CSC-Saxo Bank 87h52'52" -
2009   Alberto Contador Astana 85h48'35"
2010   Andy Schleck[24]
Team Saxo Bank 91h59'27"   Giovani
2011   Cadel Evans BMC Racing Team 86h12'22" -
2012   Bradley Wiggins Sky Procycling 87h34'47" -
2013   Chris Froome Sky Procycling 83h56'40" -
2014   Vincenzo Nibali Astana 89h59'06" -
2015   Chris Froome Team Sky 84h46'14"   Scalatori
2016   Chris Froome Team Sky 89h04'48" -
2017   Chris Froome Team Sky 86h20'55" -
2018   Geraint Thomas Team Sky 83h17'13" -

StatisticheModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Statistiche del Tour de France.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Mark Deterline, The legend of the maillot jaune, in velonews.com, 29 giugno 2003. URL consultato il 26 luglio 2009 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2003).
  2. ^ Chany, p. 250
  3. ^ Viollet, 2007
  4. ^ de Mondenard, 2010
  5. ^ (FR) Classement général individuel par points (PDF), Letour.fr, p. 14. URL consultato il 14 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2010).
  6. ^ (DE) Tour de France 1914, www.radsport-seite.de. URL consultato il 24 maggio 2010.
  7. ^ Bill McGann, McGann, Carol, The Story of the Tour De France, Dog Ear Publishing, 2006, p. 118, ISBN 1-59858-180-5. URL consultato il 24 maggio 2010.
  8. ^ Règlement de l'épreuve (PDF), ASO/letour.fr. URL consultato il 24 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2010).
  9. ^ Tour de France: Froome non indosserà la maglia gialla dopo il ritiro di Martin, gazzetta.it, 10 luglio 2015. URL consultato il 26 luglio 2015.
  10. ^ 100 Storie, pagg. 128-129
  11. ^ Scoppia la protesta sul doping. I corridori fermano il Tour, in La Repubblica, 23 luglio 1988. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  12. ^ Doping, confessa anche Bjarne Riis "Ho preso l'Epo al Tour del 1996", in La Repubblica, 25 maggio 2004. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  13. ^ (EN) Landis ban appeal is turned down, in BBC News, 30 giugno 2008. URL consultato il 3 maggio 2010.
  14. ^ Landis ammette l'uso di doping: "Me lo insegnò Lance Armstrong", in La Stampa, 20 maggio 2010. URL consultato il 13 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2010).
  15. ^ Choc al Tour: Rasmussen cacciato dalla sua squadra, in La Gazzetta dello Sport, 24 luglio 2007. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  16. ^ (EN) Laura Weislo, USADA's reasoned decision on Lance Armstrong follows the money trail, in Cyclingnews.com, 10 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012., (EN) The UCI recognises USADA decision in Armstrong case, in Uci.ch, 22 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2013)., (EN) UCI backs stripping Lance Armstrong of Tour de France wins, in Usatoday.com, 22 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012.
  17. ^ (EN) Press release: UCI takes decisive action in wake of Lance Armstrong affair, in Uci.ch, 26 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2012).
  18. ^ (FR) Jean-Louis Le Touzet, Miko, une crème de sponsor, in Liberation.fr, 8 luglio 2003. URL consultato il 14 dicembre 2010.
  19. ^ (FR) LCL Maillot Jaune jusqu'en 2013, in Lcl.com, 22 ottobre 2008. URL consultato il 14 dicembre 2010.
  20. ^ (FR) LCL partenaire du Maillot Jaune jusqu'en 2018, 2 luglio 2012.
  21. ^ a b (FR) Historical results - Tour de France (TXT), in Cyclinghalloffame.com. URL consultato il 14 agosto 2011.
  22. ^ a b c d e f g Il 22 ottobre 2012 l'UCI riconosce la sanzione imposta dall'USADA a Lance Armstrong, accusato di aver utilizzato sostanze dopanti durante la sua permanenza alla US Postal Service, e conferma di fatto la cancellazione delle sue sette vittorie al Tour de France. Cfr. (EN) Laura Weislo, USADA's reasoned decision on Lance Armstrong follows the money trail, in Cyclingnews.com, 10 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012., (EN) The UCI recognises USADA decision in Armstrong case, in Uci.ch, 22 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2013)., (EN) UCI backs stripping Lance Armstrong of Tour de France wins, in Usatoday.com, 22 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012.. Il 26 ottobre la stessa UCI ufficializza la decisione di non attribuire ad altri corridori le vittorie ottenute dallo statunitense e nemmeno di modificare i piazzamenti degli altri corridori. Cfr. (EN) Press release: UCI takes decisive action in wake of Lance Armstrong affair, in Uci.ch, 26 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2012)..
  23. ^ La vittoria finale del Tour era andata allo statunitense Floyd Landis, che perse il titolo a causa di positività al testosterone, confermata dall'Agenzia Antidoping USA. L'UCI quindi assegnò la vittoria al secondo classificato, lo spagnolo Oscar Pereiro Sio. Si veda Landis, l'ultima condanna Addio al Tour del 2006, in gazzetta.it, 30 giugno 2008. URL consultato il 17 febbraio 2010.
  24. ^ In seguito alla squalifica di Contador per doping, in base alla sentenza del Tribunale Arbitrale dello Sport, sono stati annullati tutti i risultati ottenuti dallo spagnolo al Tour de France 2010. Si veda (EN) Press release: CAS decision in Contador case, Uci.ch, 6 febbraio 2012. URL consultato l'11 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2012)., (EN) Alberto Contador case: the consequences of the CAS ruling, Uci.ch, 6 febbraio 2012. URL consultato l'11 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2012). La vittoria fu dunque assegnata ad Andy Schleck, secondo nella classifica generale. Si veda al riguardo (EN) Results Tour de France (FRA/HIS) - 2010, in Uci.ch. URL consultato l'11 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2012).

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo