Apri il menu principale

Engines Engineering 125

Engines Engineering 125
Loncin 125.JPG
Loncin 125 guidata da Koyama nel 2009
CostruttoreItalia Engines Engineering
Tipoprototipo 125cc
Produzionedal 2001 al 2011
Modelli similiAprilia RSA 125
Gilera 125 GP
Honda RS 125 R
KTM 125 FRR
Yamaha YZR 125

La Engines Engineering 125 è una motocicletta da competizione progettata nel 2001 dalla Engines Engineering, un'azienda bolognese operante nel settore del design e della progettazione di moto, e che è stata portata in gara nel motomondiale della classe 125 sotto diverse denominazioni in base ai vari sponsor, diventando di volta in volta Malaguti 125, Loncin 125, Lambretta 125 e Mahindra 125.

I teamModifica

La moto ha debuttato nel 2001 nei campionati italiano e spagnolo, partecipando in seguito anche all'edizione 2002, sotto il nome di Engines Engineering e condotta da Fabrizio Lai.

Nel 2003 debuttò nel motomondiale, sotto la sponsorizzazione della Malaguti, che manterrà sino al 2006.[1][2][3][4] Tornò in gara nel 2008 sponsorizzata dalla Loncin, portata in gara dal Loncin Racing anche per l'anno successivo.

Nel 2010 il progetto fu sponsorizzato dalla Lambretta e il team prese il nome di Lambretta Reparto Corse[5][6].

Nel 2011 venne sponsorizzato dalla Mahindra & Mahindra e il team prende il nome di Mahindra Racing.[7].

CaratteristicheModifica

 
Engines Engineering 125 nei colori della Lambretta (2010)

La moto è dotata di una motorizzazione a 2 tempi con valvola a disco rotante e alimentata con un carburatore, il raffreddamento è a liquido e il cambio è a sei rapporti.

Nei circa 10 anni di sviluppo, la carenatura è stata rivista più volte per motivi aerodinamici, soprattutto nelle zone del codino e del cupolino oltre che negli sfoghi dell'aria calda proveniente dal radiatore. Sempre negli stessi anni vi sono state configurazioni diverse anche per quanto riguarda l'impianto frenate, di volta in volta mono o bidisco anteriormente, così come per l'impianto di scarico i cui terminali erano alternativamente sui due lati della moto e per i cerchioni, mentre per quanto riguarda il telaio nei primi anni sono state usate più versioni, una a traliccio e l'altra bitrave in alluminio, mentre dal 2006 sono stati usati solo telai bitrave in alluminio.

Risultati sportiviModifica

 
Engines Engineering 125 nei colori della Mahindra (2011)

Dal 2003 al 2006 con il nome Malaguti si è posizionata sempre nell'ultima posizione della classifica dei costruttori, ad eccezione del 2004 in cui è riuscita a precedere la Yamaha che però aveva partecipato solo a due gare; ha ottenuto 23 posizioni a punti (4 nel 2003, 7 nel 2004, 1 nel 2005 e 11 nel 2006) e quale migliore risultato in gara una sesta posizione.

Come Loncin, nel 2008 ottiene il penultimo posto nella classifica costruttori davanti a Honda e 3 posizioni a punti, mentre nel 2009 ottiene il quinto posto, con 4 posizioni a punti, finendo davanti a Haojue e Yamaha che avevano entrambe partecipato a sole due gare.

Nel 2010, come Lambretta, ottiene sempre la penultima posizione nella classifica costruttori, con un solo piazzamento a punti, davanti a Yamaha (che ha partecipato a una sola gara) e dietro a KTM che ha partecipato a solo due gare.

Nel 2011 l'ultimo anno della categoria sportiva, partecipa come Mahindra, riesce ad ottenere la "Pole position" durante l'ultimo gran premio ed ottiene la terza posizione nella classifica costruttori, con 12 piazzamenti a punti, portandosi davanti a KTM (che ha partecipato a tutte le gare) e all'ultima classificata Honda che ha partecipato a 11 gare su 17, quest'ultima senza mai andare a punti.

Caratteristiche tecnicheModifica

Caratteristiche tecniche - Loncin 125
Dimensioni e pesi
Altezze Sella: 730 mm
Interasse: 1245 mm Massa a vuoto: 72 kg Serbatoio: 13,5 litri
Meccanica
Tipo motore: Monocilindrico a 2 tempi Raffreddamento: a liquido
Cilindrata 124 cm³ (Alesaggio 54 x Corsa 54,5 mm)
Distribuzione: Valvola a disco rotante posteriore Alimentazione: carburatore da 40 mm
Frizione: multidisco a secco Cambio: sequenziale estraibile a 6 rapporti (sempre in presa)
Accensione Digitale CDI con batteria
Trasmissione a catena
Avviamento a spinta
Ciclistica
Telaio doppia trave inclinata, in alluminio
Sospensioni Anteriore: forcella Paioli a steli rovesciati / Posteriore: ammortizzatore completamente regolabile "WP"
Freni Anteriore: doppio disco da 215 mm con pinza Nissin / Posteriore: disco singolo
Pneumatici su cerchi Marchesini anteriore da 2.5 17; posteriore da 3.5 17
Fonte dei dati: [1]
Caratteristiche tecniche - Mahindra 125
Dimensioni e pesi
Interasse: Massa a vuoto: 72 kg Serbatoio:
Meccanica
Tipo motore: Monocilindrico a 2 tempi Raffreddamento: a liquido
Cilindrata 124 cm³ (Alesaggio 54 x Corsa 54,5 mm)
Distribuzione: Valvola a disco rotante posteriore/centrale Alimentazione: carburatore
Potenza: 40,12 kW (53,8 BHP) a 12.800 giri/min Coppia: 30 N·m a 12.000 giri/min Rapporto di compressione:
Frizione: multidisco a secco Cambio: sequenziale estraibile a 6 rapporti (sempre in presa)
Accensione Digitale CDI con batteria
Trasmissione a catena
Avviamento a spinta
Ciclistica
Telaio doppia trave inclinata, in alluminio
Sospensioni Anteriore: forcella Paioli a steli rovesciati / Posteriore: ammortizzatore completamente regolabile
Freni Anteriore: doppio disco da 215 mm / Posteriore: disco singolo da 188 mm
Prestazioni dichiarate
Velocità massima 245 km/h
Fonte dei dati: [2]

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica