Apri il menu principale
Eurovision Song Contest 1983
EdizioneXXVIII (28ª)
PeriodoFinale
23 aprile 1983
SedeRudi-Sedlmayer-Halle, Monaco di Baviera,
Germania Ovest Germania Ovest
PresentatoreMarlene Charell
Trasmissione TVHR in Eurovisione
Partecipanti20
Paesi debuttanti-
RitiriIrlanda Irlanda
RitorniFrancia Francia
Grecia Grecia
Italia Italia
VincitoreLussemburgo Lussemburgo (5°)
con la canzone:
Si la vie est cadeau
SecondoIsraele Israele
TerzoSvezia Svezia
Cronologia
19821984

Il ventottesimo Gran Premio Eurovisione della Canzone si tenne a Monaco di Baviera (Germania Ovest) il 23 aprile 1983.

StoriaModifica

L'Irlanda decise di non partecipare al concorso del 1983, mentre Francia, Grecia e Italia fecero il loro ritorno, riportando il numero di partecipanti a 20. Non fu un'edizione particolarmente spettacolare, quella di quest'anno. Non ci furono le cartoline di presentazione dei cantanti e la scenografia non fu molto fastosa. La presentatrice, Marlene Charell cercò di annunciare tutte le canzoni in tedesco, inglese e francese, ma fu particolarmente arduo per lei, tanto che fece molti errori. Durante le votazioni sbagliò circa tredici volte.

Il “Gran Premio dell'Eurovisione” fu vinto da Corinne Hermes con il brano Si la vie est cadeau, per il Lussemburgo; la canzone divenne molto famosa in Francia. Altri artisti da ricordare furono la rappresentante della Svezia, Carola Haeggkvist, che con il brano Fraemling, si pizzò al terzo posto e divenne molto famosa nella sua terra (nel 1991 tornerà all'ESC per vincerlo), e Daniel Popovic, rappresentante della Jugoslavia, con il brano Julie, che si classificò al quarto posto. Ofra Haza rappresentò Israele e fu seconda: più tardi sarebbe diventata famosa in tutta Europa. Spagna e Turchia, con zero punti, furono ultimi. L'Australia, per la prima volta mandò in onda il concorso. Mariella Farré rappresenta la Svizzera con un brano in italiano, Io così non ci sto. L'Italia ritorna all'Eurofestival con Riccardo Fogli; il brano s'intitola Per Lucia ed è undicesimo.

Stati partecipantiModifica

 

     Stati partecipanti

     Paesi che hanno partecipato in passato ma non nel 1983

Stato Artista Brano Lingua Processo di selezione
  Austria Westend Hurricane Tedesco Finale nazionale, 17 marzo 1983
  Belgio Pas de Deux Rendez-vous Olandese Eurosong 1983, 19 marzo 1983
  Cipro Stavros & Constantina I Agapi Akoma Zi Greco Interno
  Danimarca Gry Johansen Kloden drejer Danese Dansk Melodi Grand Prix 1983, 5 marzo 1983
  Finlandia Ami Aspelund Fantasiaa Finlandese Euroviisukarsinta 1983, 28 gennaio 1983
  Francia Guy Bonnet Vivre Francese Finale nazionale, 20 marzo 1983
  Germania (organizzatore) Hoffmann & Hoffmann Rücksicht Tedesco Ein Lied für München, 19 marzo 1983
  Grecia Christie Stasinopoulou Mou Les Greco Ellinikós Telikós 1983, 18 marzo 1983
  Israele Ofra Haza Hi Ebraico Kdam Eurovision 1983
  Italia Riccardo Fogli Per Lucia Italiano Interno
  Jugoslavia Daniel Džuli Serbo-croato Jugovizija 1983, 04 marzo 1983
  Lussemburgo Corinne Hermès Si la vie est cadeau Francese Interno
  Norvegia Jahn Teigen Do Re Mi Norvegese Melodi Grand Prix 1983, 25 febbraio 1983
  Paesi Bassi Bernadette Sing Me a Song Olandese Nationaal Songfestival 1983, 23 febbraio 1983
  Portogallo Armando Gama Esta balada que te dou Portoghese Festival da Canção 1983, 5 marzo 1983
  Regno Unito Sweet Dreams I'm Never Giving Up Inglese A Song For Europe 1983, 24 marzo 1983
  Spagna Remedios Amaya ¿Quién maneja mi barca? Spagnolo Interno
  Svezia Carola Häggkvist Främling Svedese Melodifestivalen 1983, 26 febbraio 1983
  Svizzera Mariella Farré Io così non ci sto Italiano Concours Eurovision 1983, 26 gennaio 1983
  Turchia Çetin Alp & the Short Waves Opera Turco 7. Eurovision Şarkı Yarışması Türkiye Finali, 4 marzo 1983

Artisti ritornantiModifica

  • Guy Bonnet (Francia 1970)
  • Jahn Teigen (Norvegia 1978, Norvegia 1982 - insieme ad Anita Skorgan)

Struttura di votoModifica

Ogni paese premia con dodici, dieci, otto e dal sette all'uno, punti per le proprie dieci canzoni preferite.

OrchestraModifica

Diretta dai maestri: Allan Botschinsky (Danimarca), Michel Bernholc (Lussemburgo), Nanssi Sliviu Brandes (Israele), John Coleman (Regno Unito), Anders Ekdahl (Svezia), José Miguel Evóra (Spagna), Maurizio Fabrizio (Italia), Sigurd Jansen (Norvegia), Richard Österreicher (Austria), Radovan Papovic (Jugoslavia), Mimis Plessas (Grecia), François Raubèr (Francia), Dieter Reith (Germania), Michalis Rozakis (Cipro), Ossi Runne (Finlandia), Mike Sergeant (Portogallo), Piet Souer (Paesi Bassi), Freddy Sunder (Belgio), Bugra Ugur (Turchia) e Robert Weber (Svizzera).

ClassificaModifica

Stato Cantante Canzone Punti Posizione
01   Francia Guy Bonnet Vivre 56 8
02   Norvegia Jahn Teigen Do re mi 53 9
03   Regno Unito Sweet Dreams I'm Never Giving Up 79 6
04   Svezia Carola Främling 126 3
05   Italia Riccardo Fogli Per Lucia 41 11
06   Turchia Çetin Alp & The Short Waves Opera 0 19
07   Spagna Remedios Amaya ¿Quién maneja mi barca? 0 19
08   Svizzera Mariella Farré Io così non ci sto 28 15
09   Finlandia Ami Aspelund Fantasiaa 41 11
10   Grecia Christina Stasinopoulou Mou les 32 14
11   Paesi Bassi Bernadette Sing Me A Song 66 7
12   Jugoslavia Danijel Džuli 125 4
13   Cipro Stavros & Konstantina I agapi akome zi 26 16
14   Germania Ovest Hoffmann & Hoffmann Rücksicht 94 5
15   Danimarca Gry Kloden drejer 16 17
16   Israele Ofra Haza Hai 136 2
17   Portogallo Armando Gama Esta balada que te dou 33 13
18   Austria Westend Hurricane 53 9
19   Belgio Pas de Deux Rendez-vous 13 18
20   Lussemburgo Corinne Hermès Si la vie est cadeau 142 1


12 punti

N. A Da
6   Lussemburgo Francia, Grecia, Israele, Italia, Jugoslavia, Portogallo
5   Jugoslavia Belgio, Danimarca, Finlandia, Regno Unito, Turchia
2   Grecia Cipro, Spagna
2   Israele Austria, Paesi Bassi
2   Svezia Germania, Norvegia
1   Germania Lussemburgo
1   Paesi Bassi Svizzera
1   Regno Unito Svezia

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica