Federico Francesco I di Meclemburgo-Schwerin

sovrano tedesco

Federico Francesco I di Meclemburgo-Schwerin (Schwerin, 10 dicembre 1756Ludwigslust, 1º febbraio 1837) è stato prima duca (1785-1815) e poi granduca (1815-1837) di Meclemburgo-Schwerin.

Federico Francesco I di Meclemburgo-Schwerin
Friedrich Franz I Dom Bad Doberan.jpg
Federico Francesco I di Meclemburgo-Schwerin ritratto da Rudolph Suhrlandt nel XIX secolo, Duomo di Bad Doberan
Granduca di Meclemburgo-Schwerin
Stemma
Stemma
In carica9 giugno 1815 –
1º febbraio 1837
Predecessorese stesso come Duca di Meclemburgo-Schwerin
SuccessorePaolo Federico
Duca di Meclemburgo-Schwerin
In carica24 aprile 1785 –
9 giugno 1815
PredecessoreFederico II
Successorese stesso come Granduca di Meclemburgo-Schwerin
NascitaSchwerin, 10 dicembre 1756
MorteLudwigslust, 1º febbraio 1837
Casa realeMeclemburgo-Schwerin
PadreLuigi di Meclemburgo-Schwerin
MadreCarlotta Sofia di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
ConsorteLuisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
FigliFederico Ludovico
Luisa Carlotta
Gustavo Guglielmo
Carlo Augusto
Carlotta Federica
Adolfo
ReligioneProtestantesimo

BiografiaModifica

InfanziaModifica

 
Federico Francesco ritratto in tenera età con la sorella da Georg David Matthieu nel 1764

Era figlio del duca Luigi di Meclemburgo-Schwerin e dalla principessa Carlotta Sofia di Sassonia-Coburgo-Saalfeld.

MatrimonioModifica

 
La principessa Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg ritratta da Domenico Bossi nel 1796

Il 1º giugno 1775, a Gotha, Federico Francesco sposò la principessa Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg (1756-1808), da cui ebbe sei figli.

Duca di Meclemburgo-SchwerinModifica

 
Federico Francesco, duca di Meclemburgo-Schwerin, in una miniatura di Domenico Bossi

Federico Francesco succedette allo zio Federico II, deceduto senza eredi, come Duca di Meclemburgo-Schwerin nel 1785. Tra i suoi primi atti di governo vi fu la risoluzione con la Prussia della Reichexekution del 1731 con la quale il suo antenato Carlo Leopoldo aveva impegnato alcuni villaggi del ducato.

Nel 1789 si adoperò per l'ampliamento della Friedrichs-Universität di Bützow, che esisteva sin dal 1760 come distaccamento dell'Università di Rostock. Ampliò l'ospedale di Santo Spirito di Lubecca ed acquisì le città di Wismar, Poel e Neukloster dalla Svezia con il trattato di Malmö del 1803.

 
Statua del granduca Federico Francesco I presso il Castello di Ludwigslust

Durante le Guerre napoleoniche mantenne il ducato neutrale. Dopo la battaglia di Jena le truppe francesi occuparono il ducato nel dicembre 1806 ed egli fu costretto a fuggire ad Altona con la famiglia, sotto la protezione danese. Nel luglio del 1807 lo zar siglò il trattato di Tilsit con Napoleone e Alessandro I stesso si impegnò perché il duca venisse restaurato nei propri domini. Dopo il fallimento della Campagna di Russia da parte di Napoleone, Federico Francesco fu tra i primi principi tedeschi a uscire dalla Confederazione del Reno il 14 marzo 1813 e ad imbracciare le armi contro la Francia, ma ancora una volta fu costretto a fuggire dalla propria residenza per una nuova invasione napoleonica.

Elevazione a Granducato e morteModifica

 
Ritratto del granduca Federico Francesco I di Meclemburgo-Schwerin di Rudolph Suhrlandt, 1817

Al Congresso di Vienna Federico Francesco venne elevato alla dignità granducale, nel giorno del suo 30º anniversario di ascesa al trono. Assieme al cugino nel Meclemburgo-Strelitz, è conosciuto come uno dei reggenti più reazionari.

Alla sua morte, nel 1837, Federico Francesco venne sepolto nel monastero di Bad Doberan e venne succeduto dal nipote, il granduca Paolo Federico.

DiscendenzaModifica

 
La famiglia di Federico Francesco I di Meclemburgo-Schwerin e di Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg di Daniel Woge, 1788, Staatliches Museum Schwerin

Il granduca Federico Francesco e la principessa Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg ebbero sei figli:

Dopo la morte della moglie, Federico Francesco I ebbe numerose relazioni con altre donne, senza però sposarle, e dalle quali ebbe vari figli illegittimi.

Da Margarete Elisabeth Bojanowsky ebbe:

  • Johann Friedrich Ernst von Kleeburg (1790–1864).

Da una donna con cognome Deters ebbe:

Da Luise Friederike Saal ebbe:

  • Luise Friederike Charlotte von Kleinow (1785–1839);
  • Friederike von Kleinow (1794–1849).

Da Louise Müller ebbe:

  • Ludwig Christian Helmuth von Mecklenburg (2 novembre 1811 a Ludwigslust - 31 gennaio 1875, ivi).

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Federico di Meclemburgo-Schwerin Adolfo Federico I di Meclemburgo-Schwerin  
 
Maria Caterina di Braunschweig-Dannenberg  
Cristiano Ludovico II di Meclemburgo-Schwerin  
Cristina Guglielmina d'Assia-Homburg Guglielmo Cristoforo d'Assia-Homburg  
 
Sofia Eleonora d'Assia-Darmstadt  
Luigi di Meclemburgo-Schwerin  
Adolfo Federico II di Meclemburgo-Strelitz Adolfo Federico I di Meclemburgo-Schwerin  
 
Maria Caterina di Braunschweig-Dannenberg  
Gustava Carolina di Meclemburgo-Strelitz  
Maria di Meclemburgo-Güstrow Gustavo Adolfo di Meclemburgo-Güstrow  
 
Maddalena Sibilla di Holstein-Gottorp  
Federico Francesco I di Meclemburgo-Schwerin  
Giovanni Ernesto di Sassonia-Coburgo-Saalfeld Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Saalfeld  
 
Elisabetta Sofia di Sassonia-Altenburg  
Francesco Giosea di Sassonia-Coburgo-Saalfeld  
Carlotta Giovanna di Waldeck-Wildungen Giosia II di Waldeck-Wildungen  
 
Guglielmina Cristina di Nassau-Hilchenbach  
Carlotta Sofia di Sassonia-Coburgo-Saalfeld  
Luigi Federico I di Schwarzburg-Rudolstadt Alberto Antonio di Schwarzburg-Rudolstadt  
 
Emilia Giuliana di Barby-Muehlingen  
Anna Sofia di Schwarzburg-Rudolstadt  
Anna Sofia di Sassonia-Gotha-Altenburg Federico I di Sassonia-Gotha-Altenburg  
 
Maddalena Sibilla di Sassonia-Weissenfels  
 

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera
  Cavaliere di I classe dell'Ordine dell'Aquila Rossa

BibliografiaModifica

  • Ludwig Fromm: Friedrich Franz I. In: Allgemeine Deutsche Biographie (ADB). r. 7, Duncker & Humblot, Lipsia 1877, S. 558–560.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN15138343 · CERL cnp00874264 · LCCN (ENn2017036795 · GND (DE101509766 · WorldCat Identities (ENlccn-n2017036795