Giacinto Ferro

attore italiano

Giacinto Ferro (Palazzolo Acreide, 22 novembre 1943[1]Valverde, 25 dicembre 2016[2]) è stato un attore italiano.

BiografiaModifica

Nato a Palazzolo Acreide, già dopo qualche mese si trasferisce con la famiglia a Catania. Dopo gli studi superiori classici, entra all'esattoria di Catania.

Scoprendo nel 1966 che Mario Giusti, direttore del Teatro Stabile di Catania, sta inaugurando la scuola di recitazione, decide di iscriversi al primo corso per attori. Completato il corso, prende parte fino al 1974 a vari spettacoli del Teatro Stabile di Catania tra cui I Viceré e il Mastro don Gesualdo con Turi Ferro. Dopo quest'ultimo spettacolo decide di lasciare il teatro per dedicarsi ad altro. Nel 1981 viene richiamato da Mario Giusti per lavorare nell'organizzazione. Finita nel 1987 la collaborazione come organizzatore al Teatro Stabile, comincia a frequentare alcune piccole compagnie teatrali locali.

Nella prima metà degli anni novanta comincia anche a recitare nel cinema, prendendo parte ad alcuni film tra cui Giovanni Falcone, La scorta e Il giudice ragazzino. Insieme all'attività cinematografica è tornato a recitare in alcuni spettacoli del Teatro Stabile etneo; nel Gattopardo e nel Consiglio d'Egitto con Turi Ferro e nell'Amico di tutti con Tuccio Musumeci.

Partecipa anche a molte fiction, tra cui Il commissario Montalbano, dove interpreta il questore Bonetti Alderighi, e la miniserie televisiva Il capo dei capi.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Doppiatori italianiModifica

NoteModifica

  1. ^ Elenco Artisti Settore Audiovisivo Rappresentati da Nuovo IMAIE (al 31/01/2014) (PDF), su areasoci.nuovoimaie.it, IMAIE. URL consultato il 16 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2015).
  2. ^ Addio all'attore Giacinto Ferro - Cronaca Oggi Quotidiano, su cronacaoggiquotidiano.it. URL consultato il 1º gennaio 2017.

Collegamenti esterniModifica