Apri il menu principale
Giulio Bobbio
Giulio Bobbio.png
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1931
Carriera
Squadre di club1
1919-1921 Novara ? (?)
1921-1925 Savoia 54 (42)
1925-1926 Palermo 7 (0)
1926-1927 Napoli 4 (0)
1927-1928 Savoia 5+ (5+)
1928-1929 Palmese 1+ (1+)[1]
1930-1931 Campobasso ? (?)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giulio Bobbio (Novara, 19 aprile 1900Novara, 17 marzo 1978[2]) è stato un calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Detiene dal 1928 il record di reti segnate con la maglia del Savoia, 47 in 57 incontri[3][4]

Indice

CarrieraModifica

Dopo aver giocato nel Novara[5], debuttò in massima serie (allora Prima Divisione) nella stagione 1921-1922 con il Savoia, squadra in cui passò su segnalazione di Salvatore Crispino[5], segnando in quella stagione quindici reti. Grazie anche alle sue sette decisive reti il Savoia arrivò secondo nel girone campano dietro solo alla Puteolana. Nella stagione 1922-1923 trascinò il Savoia con le sue reti alla Finale Lega Sud (una specie di semifinale di campionato), dove perse però contro la Lazio (3-3 all'andata e 1-4 al ritorno). Nel 1923-1924 con le sue 15 reti trascinò il Savoia alla vittoria del campionato di Lega Sud 1923-1924[6]; in questo modo il Savoia riuscì a qualificarsi alla finalissima nazionale contro il Genoa (la squadra che allora aveva vinto il maggior numero di scudetti, otto) vincitrice del campionato di Lega Nord. Il Savoia la perse con due reti di scarto (1-3 a Genova, il gol campano segnato da Bobbio[7], e 1-1 a Torre Annunziata).

Nella stagione 1924-1925 Bobbio segnò quattro reti nel campionato di Lega Sud e il Savoia fu eliminato alle semifinali interregionali[8].

Nell'estate 1925 il Savoia non si iscrisse al campionato di massima serie (che allora si chiamava Prima Divisione) e Bobbio dovette cambiare squadra accettando l'offerta del Palermo, pur di disputare il campionato di Prima Divisione Lega Sud. Nel 1926-1927 Bobbio giocò nel Napoli come riserva, disputando 4 partite, tenutesi tutte nel novembre 1926, e non riuscendo a segnare neanche una rete[9][10]. Il Napoli terminò ultimo il proprio girone e sarebbe dovuto retrocedere ma la FIGC lo ripescò[11].

Nell'estate 1927 Bobbio ritornò al Savoia, che era stato appena promosso in Prima Divisione (l'equivalente della Serie B odierna)[12]. Il campionato 1927-1928 fu disastroso per la formazione oplontina che si ritirò dal torneo dopo 11 giornate (su 14)[13] per problemi economici, arrivò penultima (venendo penalizzata anche di tre punti) e non riuscì a iscriversi al campionato successivo. Ciononostante Bobbio mise a segno 5 reti in 4 gare di cui una alla Fiorentina[12], due al Foggia[13], una al Tivoli[13] e all'Ideale Bari[14].

Nel 1928 passò alla Palmese di Palma Campania[15]. Terminò la carriera nel Campobasso nella stagione 1930-1931[16].

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1919-1920   Novara PC ? ? ? ?
1920-1921 PC ? ? ? ?
Totale Novara ? ? ? ?
1921-1922   Savoia PD 9 15 9 15
1922-1923 PD 13 8 13 8
1923-1924 PD 20 15 20 15
1924-1925 PD 12 4 12 4
1925-1926   Palermo PD 7 0 7 0
1926-1927   Napoli DN 4 0 Coppa CONI 0 0 4 0
1927-1928   Savoia PD 5+ 5+ 5+ 5+
Totale Savoia 59+ 47+ 59+ 47+
1928-1929   Palmese TD 1+ 1+ 1+ 1+
1930-1931   Campobasso SD ? ? ? ?
Totale carriera 71+ 48+ 71+ 48+

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ Terza Divisione, Il Littoriale, n. 105, 2 maggio 1929. URL consultato il 7 agosto 2014.
  2. ^ Dati anagrafici, comune.novara.it. URL consultato il 6 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  3. ^ Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 640.
  4. ^ Il libro di Calvelli riporta 57 gare e 47 reti. Per quanto riguarda le gare, riporta 57 e non 59, in quanto nel libro mancano i tabellini relativi a Savoia-Fiorentina e Savoia-Ideale Bari, mentre il conteggio totale delle reti segnate è riportato esattamente (47).
  5. ^ a b Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 30.
  6. ^ Calvelli, Lucibelli, Schettino, pag. 45.
  7. ^ Calvelli, Lucibelli, Schettino, pag. 49.
  8. ^ Italy 1924/25, Rsssf.com.
  9. ^ Tramontano, pag. 16.
  10. ^ Cenni storici dal 1926 al 1936 (Periodo Ascarelli), spazioinwind.libero.it.
  11. ^ Carratelli, pag. 34.
  12. ^ a b Campionato 1927-1928, Atf-firenze.it. - Si può vedere, nei tabellini delle partite Savoia-Fiorentina, che nel Savoia giocò Bobbio e che in queste due partite segnò una rete.
  13. ^ a b c Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 68.
  14. ^ La Gazzetta del Mezzogiorno, 5 dicembre 1927, p. 5; Savoia-Ideale 1-2; marcatori: Zito, Bobbio, Plemich.
  15. ^ Direttorio Regionale Campano, Il Littoriale, n. 266, 1º novembre 1928. URL consultato il 7 agosto 2014.
  16. ^ Liste di trasferimento del 1931, Il Littoriale, n. 187, 7 agosto 1931.

BibliografiaModifica

  • Chrystian Calvelli, Giuseppe Lucibelli; Raffaele Schettino, Savoia storia e leggenda dall'Oncino al Giraud, Gragnano, Stampa Democratica '95, dicembre 2000.
  • Elio Tramontano, Da Sallustro a Maradona 90 anni di storia del Napoli, Napoli, Edizioni Meridionali, 1984. ISBN non esistente
  • Mimmo Carratelli, La grande Storia del Napoli, Gianni Marchesini Editore, ISBN 978-88-88225-19-7.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica