Prima Categoria 1920-1921

20ª edizione della massima serie del campionato italiano di calcio
Prima Categoria 1920-1921
Competizione Prima Categoria
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 20ª (14ª di Prima Categoria)
Organizzatore Comitati Regionali e FIGC
Date dal 19 novembre 1920
al 24 luglio 1921
Luogo Italia Italia
Partecipanti 64 (Nord)
24 (Centro-Sud)
88 (totale)
Risultati
Vincitore Pro Vercelli
(6º titolo)
Pro Vercelli 27.03.1921.jpg
La Pro Vercelli campione d'Italia
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1919-1920 1921-1922 (FIGC)
1921-1922 (CCI)
Right arrow.svg

La Prima Categoria 1920-1921 fu la 20ª edizione della massima serie del campionato italiano di calcio, che si disputò tra il 19 novembre 1920 e il 24 luglio 1921. Il campionato fu vinto dalla Pro Vercelli, al suo sesto titolo.

StagioneModifica

NovitàModifica

Il campionato pletoricoModifica

Nonostante gli impegni che la Federazione aveva preso nelle prime riunioni del dopoguerra per procedere a una razionalizzazione del campionato e a una riduzione delle squadre partecipanti, al contrario nel 1920 i Comitati Regionali e le piccole squadre riuscirono a ottenere l'ennesimo ingrandimento del torneo, che raggiunse dimensioni colossali.

Invero, nella riunione del 4 luglio 1920 che aveva sancito lo spostamento della sede della FIGC a Milano, si era giunti alla rottura e alla costituzione dell'effimera Lega Italiana del Giuoco del Calcio[1] a opera delle maggiori società piemontesi guidate da Juventus e Pro Vercelli[2] forti della presentazione del Progetto Pozzo.[3] Ma già il 25 settembre seguente le secessioniste abdicarono ai loro propositi rientrando nei ranghi federali avendo ricevuto garanzia che il campionato si sarebbe chiuso in anticipo.

Nulla poteva far loro pensare che dopo la fine del conflitto molte società si sarebbero attrezzate con degli impianti sportivi validi (secondo la normativa FIGC) e che dopo gli adempimenti formali (compresi gravosi adempimenti finanziari, una spesa che non tutte le società calcistiche dell'epoca potevano sostenere) e aver disputato un solo campionato di Promozione queste sarebbero state velocemente inserite nel massimo campionato italiano di diritto oppure con degli spareggi di qualificazione e sommari ripescaggi.

Che i Comitati Regionali fossero oramai divenuti arbitri insindacabili dei propri rispettivi tornei è inoppugnabile: erano le nuove forze calcistiche a eleggere i loro rappresentanti regionali e spingere perché questo gioco che ormai aveva raggiunto anche tutti gli angoli remoti delle province più piccole portasse alla ribalta nuovi protagonisti. Malgrado continuassero ad anticipare l'inizio dei campionati la formula rimaneva inalterata procrastinando le finali per l'attribuzione del titolo regionale e di conseguenza ritardando la definizione delle squadre qualificate alle eliminatorie nazionali.

Se il Piemonte fu l'unico a lasciare il suo torneo inalterato, e la Liguria aumentò di sole due unità le sue iscritte, il Veneto e l'Emilia scissero addirittura i loro tornei in una prima fase (le eliminatorie delle eliminatorie) e in una fase finale, mentre la Lombardia dato l'alto numero delle squadre iscritte, arrivò a istituire sei gironi preliminari al girone finale regionale.

Il termine di questo infinito meccanismo cadde solo dopo Pasqua, e quindi la Federazione fu costretta addirittura a ridurre la fase nazionale, spezzata in quattro gruppi preliminari al quadrangolare conclusivo e alla finalissima da svolgersi oramai in piena estate, mentre in passato all'inizio dell'estate con l'arrivo della "canicola" tutto era già terminato da più di un mese.

FormulaModifica

Campionati regionali suddivisi fra ciascuno dei cinque Comitati Regionali. I posti per il campionato nazionale vengono così ripartiti: 5 al Piemonte, 4 alla Lombardia, 3 all'Emilia, 2 ciascuno a Liguria e Veneto.[4] La fase nazionale si articola su gironi di semifinale di quattro squadre ciascuno, le cui vincitrici accedono al quadrangolare finale, il cui primo classificato deve ratificare il titolo con una finalissima.

Il vincitore del torneo centro-meridionale doveva uscire dalla sfida fra le vincitrici di due minitornei interregionali, composti dalle prime due classificate dei campionati regionali di Toscana, Lazio e Campania.

AvvenimentiModifica

Torneo settentrionaleModifica

Quella che diverrà l'ultima edizione dei campionati regionali disputata dalle grandi squadre, riservò quelle sorprese che non si erano verificate negli anni precedenti. La notizia clamorosa arrivò dal Piemonte dove la Juventus, finalista nel 1920, fu malamente eliminata vincendo soltanto quattro delle dieci gare disputate. Sempre nei territori sabaudi, anche gli ex-campioni del Casale andarono incontro a una triste sorte. E pure nelle altre Regioni non mancarono esiti insoliti per i lunghi e stancanti tornei, con grandi nomi come il Genoa e il Milan ridotti a qualificarsi sul filo del rasoio.

Il campionato nazionale, spezzettato in quattro gironcini dato lo scarso tempo rimasto, non lesinò esiti clamorosi. Saltò all'occhio il pessimo comportamento delle tre milanesi, evidentemente spossate dall'interminabile percorso che avevano dovuto precedentemente affrontare (l'Inter, di fatto, diede forfait in quattro delle sei partite del girone finale). Se anche le due genovesi non brillarono, come pure, ma questo non era certo una novità, le rappresentanti del Veneto, fu invece splendido il comportamento delle emiliane, certificando il definitivo raggiungimento da parte del calcio cispadano dei livelli di quello originario del Triangolo Industriale. Il ruolo guida fu comunque sempre quello del Piemonte, sede della Federazione e Regione di spicco del calcio italiano, che conquistò due dei tre posti in finale, senza contare il Torino costretto al ritiro dopo un infinito e indecidibile pareggio contro il Legnano.

Nel girone A il Bologna non ebbe particolari problemi a eliminare il blasonato Genoa: una vittoria e un pareggio negli scontri diretti, a cui si aggiunse il passo falso del Grifone contro un non irresistibile Milan (pareggio 2-2),[5] furono più che sufficienti per chiudere il girone al primo posto, con tre punti di vantaggio sui genoani.

Nel girone D, invece, la Pro Vercelli ebbe la meglio per un punto sulla sorpresa del torneo, la US Torinese: gli scontri diretti terminarono con una vittoria a testa (2-0 vercellese all'andata[6] e vittoria della Torinese 3-0 al ritorno),[7] ma fu la Pro Vercelli a chiudere in testa il girone a causa del passo falso della Torinese contro l'Inter (uno spettacolare 4-4 con la Torinese in vantaggio 4-3 fino a un minuto dal termine ma beffata in zona cesarini dal gol del pareggio nerazzurro) e del ritiro dei lombardi nel girone di ritorno.[5] Inter-Pro Vercelli si sarebbe dovuta disputare alla prima giornata, il 10 aprile, ma la partita fu sospesa a causa del gioco duro svolto dai vercellesi (Corna infortunò gravemente i giocatori interisti Da Sacco e Fossati mandandoli in ospedale, venendo perciò squalificato per sei mesi, mentre Ara venne espulso)[8] e dei conseguenti incidenti (una rissa in campo punita gravemente dalla FIGC con squalifiche ai giocatori coinvolti)[6] e rinviata alla fine del girone;[9] tuttavia, i neroazzurri, dopo aver sconfitto il fanalino di coda del girone, la Bentegodi[6], e imposto il beffardo pari alla Torinese (4-4),[5] decisero, all'inizio del girone di ritorno, di ritirarsi dal campionato, sembrerebbe perché la Federazione avrebbe deciso di ripetere la partita con la Pro Vercelli in campo invertito,[10] dando forfait per tutte le quattro partite rimanenti da disputare: ne conseguì che la Pro Vercelli ottenne due vittorie a tavolino contro un avversario ostico come l'Inter (campione d'Italia in carica), beffando così l'US Torinese, che aveva perso un punto decisivo proprio contro i neroazzurri.

I gironi B e C, invece, furono ben più incerti e richiesero degli spareggi per deciderne le vincitrici. Nel girone B, definito da La Stampa "quello di ferro", al termine del girone di ritorno (ma con due partite ancora da recuperare), erano in testa alla classifica ben tre squadre: Alessandria, Modena e Doria; la Doria perse entrambi i recuperi contro piemontesi ed emiliani, venendo così tagliata fuori, mentre Alessandria e Modena, essendo ancora appaiati in vetta, dovettero disputare uno spareggio in cui trionfarono i piemontesi per 4-0.[11][12] Nel girone C, invece, il Legnano, dopo la vittoria nello scontro diretto all'ultima giornata, sembrava in grado di poter aver la meglio sul Torino, essendo in testa alla classifica a pari merito con i granata torinisti ma con una partita da recuperare contro il Mantova fanalino di coda: allorché un'inaspettata sconfitta a Mantova nel suddetto recupero impedì ai Lilla di operare il sorpasso, rendendo necessario uno spareggio tra le due compagini: esso si disputò sul neutro di Vercelli e fu sospeso sul risultato di 1-1 durante l'"oltranza", dopo ben due ore e 38 minuti di gioco.[11][12] La ripetizione dello spareggio si sarebbe dovuta disputare la settimana successiva, ma le due squadre, ormai spossate, decisero di rinunciare alle Finali ritirandosi dal campionato.

Le finali si disputarono oramai in piena estate a luglio. E la Pro Vercelli, tra cui spiccavano giocatori della Nazionale come Guido Ara, ebbe buon gioco a imporsi contro le sue inesperte avversarie. Nel primo turno delle finali travolse l'Alessandria per 4-0 in una partita caratterizzata da un gioco rude e violento: già sotto per 3-0 alla fine del primo tempo (reti di Rampini al 1º minuto, Gay e Rosetta), l'Alessandria subì un quarto gol nella ripresa (siglato da Gay) e, come se non bastasse, il suo giocatore Moretti si infortunò dopo un violento contrasto con Rampini nel tentativo disperato di impedirgli di andare ancora a segno; a causa di questo incidente l'Alessandria decise di ritirarsi dall'incontro a 30 minuti dalla fine, e il risultato di 4-0 fu omologato dalla FIGC.[13]

 
Da sinistra: il terzino vercellese Virginio Rosetta contro l'ala bolognese Alberto Pozzi, nella sfida tra Pro Vercelli e Bologna (2-1) valevole per la finale del torneo settentrionale, giocata il 17 luglio 1921 a Livorno.

Nell'ultima e decisiva partita delle Finali, contro il Bologna (2-1), la Pro Vercelli si trovò invece subito in difficoltà di fronte all'elevato tasso tecnico della squadra emiliana: al 20' del primo tempo infatti il Bologna si portò in vantaggio con Alberti su assist di Pozzi, dominando per ampi tratti del primo tempo, e il gol del pareggio vercellese, siglato da Ardissone, giunse solo nella ripresa. Poiché i tempi regolamentari terminarono sul risultato di 1-1, furono necessari i tempi supplementari, nei quali però nessuna delle due squadre riuscì a segnare; fu quindi necessario giocare "a oltranza", ovvero disputare ulteriori tempi supplementari finché una delle due squadre non avrebbe segnato (un golden goal ante litteram). Nel corso dei tempi supplementari a oltranza, il Bologna predominò per ampi tratti, prendendo d'assalto la porta avversaria, ma la Pro Vercelli, seppur in difficoltà, riuscì a difendersi bene e, in un'azione di contropiede, su rilancio di Rosetta, Rampini riuscì a segnare il gol della vittoria per i vercellesi.[14]

Il Bologna protestò per una presunta posizione in fuorigioco del marcatore del gol decisivo: apparentemente l'arbitro Giovanni Battista Vagge avrebbe segnalato l'offside, ma la folla invase il campo e Vagge, dopo aver tentato inutilmente di fermarla, convalidò il gol, ponendo fine alla partita, quando ormai era già buio.[14][15] Poco dopo l'incontro, vi fu un grave incidente: mentre un tram trasportava il pubblico verso la stazione, vennero sparati contro la vettura dei colpi di rivoltella, che ferirono alcune persone; «Fascisti!», fu urlato alla vettura; «No, Footballers!», fu risposto, e gli sparatori si ecclissarono.[14] Il Bologna presentò ricorso chiedendo l'annullamento dell'incontro in base alla presunta irregolarità del gol della vittoria vercellese, ma la Federazione lo respinse; contestualmente Vagge spiegò che non aveva fischiato il fuorigioco ma la convalida della rete.[16] Grazie a questa vittoria, i bianchi leoni accedettero alla finalissima contro il campione centro-meridionale, il sorprendente e dinamico Pisa.

Torneo peninsulareModifica

Anche quest'anno il torneo centro-meridionale fu gestito direttamente dalla Federazione, dopo che la proposta di istituzione di una Lega Sud decentrata era naufragata a causa dell'esodo effimero delle società piemontesi e dell'opposizione delle compagini toscane. Nel torneo peninsulare le favorite alla vigilia della competizione erano le toscane, soprattutto Livorno e Pisa (rispettivamente campione centro-meridionale e campione toscano nella stagione precedente). Peraltro le toscane, insieme alle emiliane, avevano dimostrato l'anno precedente di poter contendere il titolo nazionale alle compagini del Triangolo Industriale (il Livorno aveva perso solo per 3-2 la finalissima contro l'Inter giocando in inferiorità numerica gran parte dell'incontro). I progressi del calcio toscano furono confermati anche dai risultati delle amichevoli natalizie (il Livorno sconfisse addirittura il Real Madrid).[17] Anche in considerazione dell'alto livello tecnico raggiunto, nonché per risparmiare sulle spese di trasferta (per le toscane era più economica una trasferta al Nord che non in Campania), le toscane cominciarono a esercitare pressioni affinché fossero spostate nel più prestigioso campionato settentrionale.[18] La FIGC tuttavia si oppose in consiglio a tale richiesta pretendendo che anche per questo anno la Toscana giocasse con Lazio e Campania per rendere più competitivo il torneo centro-meridionale. Tra le possibili outsider per il titolo centromeridionale vi era la Fortitudo di Roma, che l'anno precedente aveva eliminato il Pisa e aveva perso di misura la finale contro il Livorno. I fortitudiani avevano però perso il proprio allenatore Ging, ingaggiato dal Pisa.

Le eliminatorie regionali riservarono molte sorprese: il Livorno, dopo essere stato a lungo in testa alla classifica del campionato toscano, perse la partita decisiva contro il Pisa per 3-0 facendosi superare in classifica proprio dai nerazzurri, anche se il secondo posto nel torneo toscano gli permise comunque di qualificarsi alle semifinali interregionali. Nel girone campano invece la Puteolana, che lo aveva vinto, venne squalificata e tolta dalla classifica per punirla degli incidenti in campo avvenuti nel corso dell'ultima partita del girone contro il Naples, sospesa a dieci minuti dal termine per invasione di campo dei tifosi puteolani quando la Puteolana stava perdendo per 3-0; al suo posto si qualificò, oltre allo stesso Naples, anche la Bagnolese.[19] Nel girone laziale infine si qualificarono Fortitudo e Lazio, mentre l'Audace, semifinalista nella stagione precedente, deluse arrivando solo quinta.

Nelle semifinali interregionali si ebbe il dominio delle toscane che si sbarazzarono delle campane e delle laziali e si qualificarono entrambe alla finale. Il Pisa, in particolare, si prese la rivincita sulla Fortitudo per l'eliminazione dell'anno precedente: dopo essere stata fermata sul pari interno dai forti campioni laziali, i pisani si imposero per 2-1 nel retour match a Roma eliminando così i capitolini. La finale centro-meridionale tra Livorno e Pisa fu disputata sul neutro di Bologna il 3 luglio 1921 e vide prevalere i secondi per 1-0 (rete di Tornabuoni al 47'). Ad affrontare nella finalissima i campioni del Nord della Pro Vercelli furono dunque i nerazzurri.

La finalissimaModifica

La finalissima tra Pro Vercelli e Pisa si disputò il 24 luglio 1921 sul neutro di Torino. Non fu affatto facile per la Pro battere i toscani, nonostante questi fossero stati ridotti in dieci già dai primi minuti dall'infortunio di Gnerucci dovuto a un fallo del vercellese Rampini, non punito con l'espulsione nonostante le proteste toscane. Nonostante la superiorità numerica, la Pro Vercelli, pur attaccando, segnò nel primo tempo solo un gol, anche grazie alle impeccabili parate del portiere del Pisa Gianni, il migliore in campo, la cui prestazione venne lodata dalle cronache dell'epoca in quanto sventò numerose palle gol create dai vercellesi: secondo La Stampa, se ci fosse stato un portiere diverso da Gianni, la Pro Vercelli avrebbe potuto segnare chissà quanti gol.[20] Nel primo minuto della ripresa il Pisa pareggiò su rigore, ma la Pro ritrovò al 63' il vantaggio con una rete contestata dai giocatori pisani, che sostenevano che il gol fosse irregolare per un fuorigioco.[20] L'arbitro Olivari espulse per proteste Viale del Pisa, riducendolo in nove uomini.[20] Sfruttando la doppia superiorità numerica, la Pro Vercelli riuscì a mantenere il vantaggio e vinse per 2-1.[20] Il Pisa protestò sia per la scelta di Torino (molto più vicina a Vercelli che non a Pisa) come "campo neutro", sia per l'arbitraggio (ritenuto dai pisani di parte e favorevole alla Pro Vercelli, a causa della mancata espulsione di Rampini, del gol vercellese in off-side e per l'espulsione di un giocatore del Pisa per proteste), e chiese la ripetizione della finalissima, ma la federazione respinse tale reclamo e il titolo di "Campioni d'Italia" andò alla Pro Vercelli.

Torneo settentrionaleModifica

Gironi regionali di qualificazioneModifica

Sezione emilianaModifica

Gestito dal Comitato Regionale Emiliano, sede: Bologna.

Girone AModifica
Squadre parteciantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Carpi dettagli Carpi (MO) - -
Modena dettagli Modena (MO) Campo di Viale Fontanelli -
Parma dettagli Parma Piazza d'armi -
Piacenza dettagli Piacenza Stadio Comunale -
Reggiana dettagli Reggio Emilia Stadio Mirabello -
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS
  1. Modena 13 8 6 1 1 28 7
  2. Parma 11 8 5 1 2 27 13
3. Piacenza 9 8 3 3 2 19 18
4. Reggiana 4 8 1 2 5 7 29
  5. Carpi 3 8 1 1 6 14 28

Legenda:

      Finalista regionale e qualificate ai gironi di semifinale.
   Qualificate alle finali regionali.
      Retrocesso in Promozione 1921-1922.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Note:

Il Carpi fu poi riammesso in Prima Categoria 1921-1922.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (6ª)
24 ott. 0-5 Reggiana-Modena 0-6 13 dic.
1-6 Carpi-Piacenza 3-4
Riposa: Parma
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (7ª)
31 ott. 1-2 Carpi-Modena 0-6 19 dic.
5-1 Parma-Reggiana[21] 2-3 23 gen.
Riposa: Piacenza


andata (3ª) Terza giornata ritorno (8ª)
7 nov. 3-0 Modena-Piacenza 2-2 16 gen.
1-3 Carpi-Parma 0-6 26 dic.
Riposa: Reggiana
andata (4ª) Quarta giornata ritorno (9ª)
14 nov. 1-1 Reggiana-Carpi 0-7 2 gen.
3-3 Piacenza-Parma 1-4
Riposa: Modena


andata (5ª) Quinta giornata ritorno (10ª)
21 nov. 4-1 Parma-Modena 0-3 9 gen.
2-1 Piacenza-Reggiana 1-1
Riposa: Carpi
Girone BModifica
Squadre parteciantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Bologna dettagli Bologna (BO) Stadio Sterlino (55x100) -
Mantova dettagli Mantova (MN) Campo dell'Ippodromo Te -
Nazionale Emilia dettagli Bologna (BO) Campo della Cesoia -
SPAL dettagli Ferrara Campo di Piazza d'Armi -
Virtus Bolognese dettagli Bologna (BO) - -
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS
  1. Bologna 15 8 7 1 0 25 5
  2. Mantova 12 8 5 2 1 14 6
3. SPAL 7 8 2 3 3 6 14
4. Virtus Bolognese 5 8 2 1 5 8 15
  5. Nazionale Emilia 1 8 0 1 7 4 17

Legenda:

      Finaliste regionali e qualificate ai gironi di semifinale.
   Qualificate alle finali regionali.
      Retrocessa in Promozione 1921-1922.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Note:

Il Mantova si qualificò ai gironi di semifinale dopo spareggi con la seconda dell'altro girone.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (6ª)
24 ott. 0-3 SPAL-Bologna 0-6 13 dic.
1-3 Virtus Bolognese-Mantova 1-4
Riposa: Nazionale Emilia
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (7ª)
31 ott. 2-1 Bologna-Virtus Bolognese[22] 3-0 23 gen.
28 nov. 2-0 [23] SPAL-Nazionale Emilia 1-1 19 dic.
Riposa: Mantova


andata (3ª) Terza giornata ritorno (8ª)
14 nov. 1-4 Nazionale Emilia-Bologna 1-4 2 gen.
1-1 Mantova-SPAL 2-0
Riposa: Bolognese
andata (4ª) Quarta giornata ritorno (9ª)
21 nov. 1-1 Mantova-Bologna 1-2 9 gen.
1-0 Virtus Bolognese-Nazionale Emilia 3-1
Riposa: SPAL


andata (5ª) Quinta giornata ritorno (10ª)
28 nov. 1-0 SPAL-Virtus Bolognese 1-1 16 gen.
30 gen. 0-1 Nazionale Emilia-Mantova 0-1
Riposa: Bologna
Finali regionaliModifica
Primo postoModifica

Per il titolo di campione regionale emiliano si scontrarono le prime classificate dei due gironi. Prevalse il Bologna dopo una partita di replay.

Risultati Luogo e data
Bologna 10-1 Modena Bologna, 6 febbraio 1921
Modena 1-0 Bologna Modena, 13 marzo 1921
Bologna 1-0 10000-00-00 Modena Ferrara, 3 aprile 1921
Terzo postoModifica

Per determinare la terza squadra emiliana ad avere accesso al girone di semifinale si disputò uno spareggio tra le seconde classificate dei due girone. Il Mantova ebbe la meglio.

Risultati Luogo e data
Parma 0-1 Mantova Parma, 2 febbraio 1921
Mantova 4-0 Parma Mantova, 20 febbraio 1921

Sezione ligureModifica

Gestito dal Comitato Regionale Ligure, sede: Genova.

Squadre partecipantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Andrea Doria dettagli Genova (GE) Campo sportivo della Cajenna -
Genoa dettagli Genova (GE) Campo di via del Piano -
Rivarolese dettagli Rivarolo Ligure (GE) Campo "Torbella" -
Sampierdarenese dettagli San Pier d'Arena (GE) Stadio di Villa Scassi -
Savona dettagli Savona (GE) Campo di via Frugoni -
Sestrese dettagli Sestri Ponente (GE) Campo sportivo di via Tripoli -
Spes Genova dettagli Genova - -
Spezia dettagli La Spezia Stadio Alberto Picco -
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS
  1. Andrea Doria 22 14 9 4 1 33 9
  2. Genoa 19 14 8 3 3 23 8
3. Spezia 17 14 6 5 3 17 9
3. Savona 17 14 6 5 3 15 12
5. Sampierdarenese 16 14 7 2 5 17 15
6. Spes Genova 12 14 5 2 7 16 27
7. Sestrese 9 14 2 5 7 11 23
  8. Rivarolese 0 14 0 0 14 3 32

Legenda:

      Qualificata ai gironi di semifinale.
      Retrocessa in Promozione 1921-1922.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Note:

L'Andrea Doria è campione regionale ligure.
La Rivarolese, squalificata dal campionato in seguito agli incidenti nella partita contro il Savona, perse le rimanenti partite da disputare a tavolino e, in quanto ultima classificata, avrebbe dovuto retrocedere, ma fu poi riammessa a integrazione dei quadri F.I.G.C. 1921-1922.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (8ª)
2 gen. 0-1 [24] Spes Genova-Sampierdarenese 0-1 16 gen.
31 ott. 1-1 Genoa-Sestrese 3-0
1-0 Savona-Spezia 0-0
3-1 Andrea Doria-Rivarolese[25] 2-0
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (9ª)
14 nov. 4-1 Andrea Doria-Sampierdarenese 1-0 23 gen.
2 gen. 0-2 [26] Rivarolese-Savona[25] 0-2
14 nov. 1-0 Genoa-Spezia 1-1
3-1 [27] Spes Genova-Sestrese 2-0


andata (3ª) Terza giornata ritorno (10ª)
21 nov. 1-1 Sestrese-Savona 0-1 30 gen.
2-0 Andrea Doria-Spes Genova[28] 7-1
1-0 Sampierdarenese-Genoa 0-2
3-1 Spezia-Rivarolese[25] 2-0
andata (4ª) Quarta giornata ritorno (11ª)
9 gen. 1-1 [29] Andrea Doria-Spezia 1-1 6 feb.
2-0 [30] Genoa-Rivarolese[25] 2-0
2-1 [31] Sampierdarenese-Sestrese 1-1
3-1 Savona-Spes Genova 1-1


andata (5ª) Quinta giornata ritorno (12ª)
5 dic. 1-1 Spes Genova-Genoa 0-5 13 mar.
2-0 Spezia-Sampierdarenese 1-0
2-0 Andrea Doria-Savona 0-0
0-2 Rivarolese-Sestrese[32] 0-2
andata (6ª) Sesta giornata ritorno (13ª)
13 dic. 1-1 Sestrese-Andrea Doria 1-6 20 mar.
4-1 Sampierdarenese-Rivarolese[32] 2-0
2-1 Savona-Genoa[33] 0-2 3 apr.
2-0 Spes Genova-Spezia 1-4 20 mar.


andata (7ª) Settima giornata ritorno (14ª)
19 dic. 2-0 Andrea Doria-Genoa 0-2 27 mar.
2-0 Sampierdarenese-Savona 2-2
2-0 Spes Genova-Rivarolese[32] 2-0
3-0 Spezia-Sestrese 0-0

Sezione lombardaModifica

Gestito dal Comitato Regionale Lombardo, sede: Milano.

Girone AModifica
Squadre partecipantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Ausonia Pro Gorla dettagli Gorlaprecotto (MI) Campo Pro Gorla, Viale Monza 6º nel girone A lombardo di 1ª Cat.
Casteggio dettagli Casteggio (PV) In Promozione
Inter dettagli Milano (MI) Campo di via Goldoni Campione d'Italia
Legnanesi dettagli Legnano (MI) Campo di Via Lodi In Promozione
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Inter 12 6 6 0 0 47 8 +39
2. Casteggio 7 6 3 1 2 18 12 +6
3. Legnanesi 5 6 2 1 3 16 20 -4
  4. Ausonia Pro Gorla 0 6 0 0 6 1 42 -41

Legenda:

      Qualificata al girone finale regionale.
      Retrocesso in Promozione 1921-1922.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (4ª)
24 ott. 5-3 Inter-Casteggio 4-3 14 nov.
0-7 Ausonia Pro Gorla-Legnanesi 0-5
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (5ª)
31 ott. 2-2 Casteggio-Legnanesi[34] 3-1 21 nov.
9-0 Inter-Ausonia Pro Gorla 14-0


andata (3ª) Terza giornata ritorno (6ª)
7 nov. 2-3 Legnanesi-Inter 0-12 28 nov.
5-0 Casteggio-Ausonia Pro Gorla 2-1
Girone BModifica
Squadre partecipantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Cremonese dettagli Cremona (CR) Campo di Via Persico 6º nel girone A di 1ª Cat. Lombarda
Milan dettagli Milano (MI) Campo di Viale Lombardia 4° nella semifinale A di 1ª Cat.
Monza dettagli Monza (MI) Campo delle "Grazie Vecchie" In Promozione
Pro Patria dettagli Busto Arsizio (MI) Stadium di via Valle Olona In Promozione
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Milan 11 6 5 1 0 21 5 +16
2. Pro Patria 8 6 4 0 2 10 10 0
3. Cremonese 5 6 2 1 3 9 9 0
  4. Monza 0 6 0 0 6 2 18 -16

Legenda:

      Qualificata al girone finale regionale.
      Retrocesso in Promozione 1921-1922.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Note:

Il Monza è stato poi riammesso in Prima Categoria 1921-1922.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (4ª)
24 ott. 1-4 Monza-Milan 0-5 14 nov.
3-0 Pro Patria-Cremonese 2-1
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (5ª)
31 ott. 2-2 Milan-Cremonese 2-1 21 nov.
2-1 Pro Patria-Monza 2-0


andata (3ª) Terza giornata ritorno (6ª)
7 nov. 0-1 Monza-Cremonese 0-4 28 nov.
7-1 Milan-Pro Patria 1-0
Girone CModifica
Squadre partecipantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Pavia dettagli Pavia (PV) Campo Velodromo 5º nel girone B lombardo di 1ª Cat.
Pro Sesto dettagli Sesto San Giovanni (MI) Campo di Via Carducci In Promozione
US Milanese dettagli Milano (MI) Campo di via Borsieri e Campo di Viale Lombardia 2° nella semifinale B di 1ª Cat.
Varese dettagli Varese (CO) Campo delle Bettole 5º nel girone C lombardo di 1ª Cat.
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. US Milanese 12 6 6 0 0 24 4 +20
2. Pavia 8 6 4 0 2 11 6 +5
3.   Varese 2 6 1 0 5 5 15 -10
  4. Pro Sesto 2 6 1 0 5 7 22 -15

Legenda:

      Qualificata al girone finale regionale.
      Retrocesso in Promozione 1921-1922.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Note:

Il Pro Sesto è retrocesso dopo uno spareggio con il Varese.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (4ª)
24 ott. 1-0 Pro Sesto-Varese 1-2 14 nov.
2-1 US Milanese-Pavia 1-0
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (5ª)
31 ott. 0-3 Varese-US Milanese 1-4 21 nov.
2-0 Pavia-Pro Sesto 3-2


andata (3ª) Terza giornata ritorno (6ª)
7 nov. 2-0 US Milanese-Pro Sesto 12-2 28 dic.
3-0 Pavia-Varese 2-1
SpareggioModifica
Risultati Luogo e data
Varese 2-1 Pro Sesto Busto Arsizio, 5 dicembre 1920
Girone DModifica
Squadre partecipantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Chiasso dettagli Chiasso (CH) Mornello di Maslianico (CO) 4º nel girone B di 1ª Cat. Lombarda
Como dettagli Como (CO) Campo Via dei Mille (55x100) 6º nel girone C di 1ª Cat. Lombarda
Legnano dettagli Legnano (MI) Campo di Via Lodi 5° nella semifinale A di 1ª Cat.
Stelvio dettagli Milano (MI) Campo di Via Candiani[35] In Promozione
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Legnano 10 6 4 2 0 17 3 +14
2. Como 8 6 3 2 1 12 10 +2
3. Chiasso 3 6 1 1 4 6 14 -8
  4. Stelvio 3 6 0 3 3 4 12 -8

Legenda:

      Qualificata al girone finale regionale.
      Retrocesso in Promozione 1921-1922.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Note:

Lo Stelvio, retrocesso dopo uno spareggio con il Chiasso, è stato poi riammesso in Prima Categoria 1921-1922.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (4ª)
24 ott. 3-0 Legnano-Stelvio 1-1 14 nov.
3-0 Como-Chiasso 3-0
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (5ª)
31 ott. 2-2 Stelvio-Como 0-3 21 nov.
0-4 Chiasso-Legnano 1-3


andata (3ª) Terza giornata ritorno (6ª)
7 nov. 1-1 Como-Legnano 0-5 28 nov.
1-1 Stelvio-Chiasso 0-3
SpareggioModifica
Risultati Luogo e data
Chiasso 1-0 Stelvio Saronno, 19 dicembre 1920
Girone EModifica
Squadre partecipantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Atalanta dettagli Bergamo (BG) Campo della Clementina 3° in 1ª Categoria Lombarda girone B
Brescia dettagli Brescia (BS) Campo di Via Cesare Lombroso 5° nella semifinale B di 1ª Cat.
AC Libertas dettagli Milano (MI) Campo del "Bersaglio" 5º nel girone A lombardo di 1ª Cat.
Saronno dettagli Saronno (MI) Campo di Via Milano 3º nel girone C lombardo di 1ª Cat.
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Saronno 9 6 4 1 1 12 7 +5
2. AC Libertas 6 6 2 2 2 12 9 +3
2. Brescia 6 6 2 2 2 10 9 +1
  4. Atalanta 3 6 1 1 4 6 15 -9

Legenda:

      Qualificata al girone finale regionale.
      Retrocesso in Promozione 1921-1922.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Note:

L'Atalanta è stata poi riammessa in Prima Categoria 1920-1921.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (4ª)
24 ott. 2-0 Saronno-Atalanta 2-1 14 nov.
1-1 Brescia-AC Libertas 1-2
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (5ª)
31 ott. 2-1 Saronno-Brescia 1-3 21 nov.
1-0 Atalanta-AC Libertas 1-7


andata (3ª) Terza giornata ritorno (6ª)
7 nov. 1-1 Atalanta-Brescia 2-3 28 nov.
1-4 AC Libertas-Saronno 1-1
Girone FModifica
Squadre partecipantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Enotria Goliardo dettagli Milano (MI) Campo di Via Colletta 6° nella semifinale C di 1ª Categoria.
Juventus Italia dettagli Milano (MI) Campo del "Bersaglio" 3º nel girone A lombardo di 1ª Cat.
Nazionale Lombardia dettagli Milano (MI) Campo della "Baggina" 4º nel girone C di 1ª Cat. Lombarda
Trevigliese dettagli Treviglio (BG) Campo C.S. Trevigliese 4º nel girone A lombardo di 1ª Cat.
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Trevigliese 10 6 5 0 1 13 7 +6
2. Juventus Italia 8 6 4 0 2 16 9 +7
3. Nazionale Lombardia 4 6 2 0 4 11 20 -9
  4. Enotria Goliardo 2 6 1 0 5 12 16 -4

Legenda:

      Qualificata al girone finale regionale.
      Retrocesso in Promozione 1921-1922.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Note:

L'Enotria Goliardo, è stata poi riammessa in Prima Categoria 1921-1922.
La Nazionale Lombardia rinuncia alla Prima Categoria.[36]
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (4ª)
24 ott. 1-2 Enotria Goliardo-Trevigliese 1-3 14 nov.
3-1 Nazionale Lombardia-Juventus Italia 0-7
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (5ª)
31 ott. 6-3 Enotria Goliardo-Nazionale Lombardia 2-3 21 nov.
3-0 Trevigliese-Juventus Italia 1-2


andata (3ª) Terza giornata ritorno (6ª)
7 nov. 1-0 Trevigliese-Nazionale Lombardia 3-2 28 nov.
4-2 Juventus Italia-Enotria Goliardo 1-0
Girone finale regionaleModifica
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS
  1. Legnano 17 10 8 1 1 22 9
  2. Inter 16 10 6 4 0 26 8
  3. US Milanese 11 10 5 1 4 15 14
  4. Milan 8 10 3 2 5 14 11
5. Saronno 6 10 3 0 7 14 30
6. Trevigliese 2 10 1 0 9 9 28

Legenda:

      Qualificate ai gironi di semifinale.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Note:

Il Legnano è campione regionale lombardo.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (6ª)
13 dic. 0-1 US Milanese-Legnano 0-4 23 gen.
0-4 Saronno-Inter 1-5
1-0 Milan-Trevigliese 2-1
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (7ª)
19 dic. 0-0 Inter-Milan 1-1 30 gen.
4-1 Legnano-Saronno 1-0
0-2 Trevigliese-US Milanese 1-4


andata (3ª) Terza giornata ritorno (8ª)
2 gen. 2-1 Inter-US Milanese 2-2 6 feb.
2-3 Milan-Saronno 7-1
0-1 Trevigliese-Legnano 2-6
andata (4ª) Quarta giornata ritorno (9ª)
9 gen. 1-0 US Milanese-Milan 1-0 13 feb.
1-1 Legnano-Inter 1-4 13 mar.
5-1 Saronno-Trevigliese[37] 0-2 13 feb.


andata (5ª) Quinta giornata ritorno (10ª)
16 gen. 1-2 Milan-Legnano 0-1 20 feb.
1-3 Trevigliese-Inter 0-4 20 mar.
2-0 US Milanese-Saronno 2-3 27 feb.

Sezione piemonteseModifica

Gestito dal Comitato Regionale Piemontese, sede: Torino

Girone AModifica
Squadre partecipantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Carignano dettagli Carignano (TO) - -
Juventus dettagli Torino (TO) Stadio di Corso Sebastopoli -
Novara dettagli Novara (NO) - -
Pastore dettagli Torino (TO) Campo di Pozzo Strada -
Torino dettagli Torino (TO) Campo Stradale Stupinigi -
US Torinese dettagli Torino - -
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS
  1. Novara 16 10 7 2 1 31 8
  2. Torino 16 10 7 2 1 25 12
  3. US Torinese 13 10 6 1 3 26 15
4. Juventus 11 10 4 3 3 27 14
5. Pastore 3 10 1 1 8 10 32
  6. Carignano 1 10 0 1 9 5 43

Legenda:

      Qualificate ai gironi di semifinale.
   Qualificate allo spareggio per l'accesso al girone di semifinale.
      Retrocessa in Promozione 1921-1922.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (6ª)
24 ott. 3-2 US Torinese-Pastore[38] 4-1 13 feb.
4-0 Novara-Carignano 6-0 30 gen.
2-2 Juventus-Torino 0-2
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (7ª)
31 ott. 0-4 Pastore-Juventus 0-5 2 gen.
1-6 Carignano-Torino 0-1
6 feb. 2-4 [39] US Torinese-Novara 1-2


andata (3ª) Terza giornata ritorno (8ª)
13 dic. 3-1 [40] Torino-US Torinese 0-1 9 gen.
0-6 [40] Pastore-Novara[41] 0-2
5 dic. 7-1 [40] Juventus-Carignano 5-1
andata (4ª) Quarta giornata ritorno (9ª)
21 nov. 1-1 Novara-Torino 2-3 16 gen.
2-1 US Torinese-Juventus 2-2
1-1 Pastore-Carignano 2-1


andata (5ª) Quinta giornata ritorno (10ª)
28 nov. 1-1 Juventus-Novara 0-3 23 gen.
3-2 Torino-Pastore 4-2
5-0 US Torinese-Carignano 5-0
SpareggiModifica

Il primo posto nel girone, che dava diritto a disputare la finale per il titolo di campione regionale, fu deciso, visto il pari merito, da uno spareggio.

Risultati Luogo e data
Novara 2-0 Torino Alessandria, 13 marzo 1921
Girone BModifica
Squadre partecipantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Alessandria dettagli Alessandria (AL) Campo degli Orti -
Amatori Torino dettagli Torino (TO) Campo di via Rivalta -
Biellese dettagli Biella (NO) Motovelodromo Lanzone -
Casale dettagli Casale Monferrato (AL) Stadio Natale Palli -
Pro Vercelli dettagli Vercelli (NO) Piazzale Conte di Torino -
Valenzana dettagli Valenza (AL) Campo di Porta Alessandria -
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS
  1. Alessandria 19 10 9 1 0 37 3
  2. Pro Vercelli 13 10 6 1 3 24 10
  3. Casale 12 10 6 0 4 18 10
4. Biellese 11 10 5 1 4 16 18
5. Valenzana 5 10 2 1 7 12 25
  6. Amatori Torino 0 10 0 0 10 3 44

Legenda:

      Qualificate ai gironi di semifinale.
   Qualificate allo spareggio per l'accesso al girone di semifinale.
      Retrocessa in Promozione 1921-1922.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (6ª)
13 dic. 1-2 [42] Casale-Alessandria 1-3 19 dic.
24 ott. 5-0 Biellese-Amatori Torino[43] 2-0
6-1 Pro Vercelli-Valenzana 3-2
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (7ª)
31 ott. 1-4 Amatori Torino-Pro Vercelli 0-4 2 gen.
1-6 Biellese-Alessandria[44] 0-2 a tav.
1-0 Casale-Valenzana 2-1 2 gen.


andata (3ª) Terza giornata ritorno (8ª)
7 nov. 2-0 Pro Vercelli-Casale[45] 0-2 9 gen.
0-0 Valenzana-Biellese 1-3
5 dic. 13-0 [46] Alessandria-Amatori Torino[47] 2-0
andata (4ª) Quarta giornata ritorno (9ª)
21 nov. 3-0 Valenzana-Amatori Torino[48] 2-0 16 gen.
3-0 Casale-Biellese 1-2
1-0 Alessandria-Pro Vercelli 0-0


andata (5ª) Quinta giornata ritorno (10ª)
28 nov. 6-1 Pro Vercelli-Biellese[49] 0-2 a tav.
5-0 Casale-Amatori Torino[50] 2-0 a tav.
3-0 Alessandria-Valenzana 5-0 23 gen.
SpareggiModifica
Spareggio titolo regionaleModifica
Risultati Luogo e data
Novara - Alessandria 1921
Spareggio girone semifinaleModifica

La quinta squadra piemontese ad aver diritto di giocare il girone di semifinale venne stabilita tramite uno spareggio tra le due squadre terze classificate nei rispettivi gironi. Ad avere la meglio, dopo un partita di replay, fu l'US Torinese

Risultati Luogo e data
US Torinese 0-0 10000-00-00 Casale Vercelli, 20 febbraio 1921
US Torinese 2-0 Casale Vercelli, 20 marzo 1921

Sezione venetaModifica

Gestito dal Comitato Regionale Veneto, sede: Venezia.

Girone AModifica
Squadre partecipantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Bentegodi Verona dettagli Verona Stadio Marcantonio Bentegodi -
Petrarca dettagli Padova Campo della Pensione Universitaria -
Treviso dettagli Treviso Campo di Santa Maria del Rovere -
Udinese dettagli Udine (PdF) Campo Polisportivo Moretti -
Venezia dettagli Venezia Campo di Sant'Elena -
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS
  1. Petrarca 13 8 5 3 0 21 5
  2. Bentegodi Verona 12 8 5 2 1 20 9
3. Venezia 9 8 3 3 2 12 7
4. Udinese 5 8 1 3 4 10 20
  5. Treviso 1 8 0 1 7 5 27

Legenda:

      Qualificata al girone finale regionale.
   Qualificata allo spareggio salvezza per non retrocedere in Promozione 1921-1922.
      Retrocessa in Promozione 1921-1922.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (6ª)
24 ott. 5-0 Bentegodi Verona-Udinese 2-1 5 dic.
0-2 Venezia-Petrarca 1-1
Riposa: Treviso
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (7ª)
16 gen. 6-0 Petrarca-Treviso 2-0 12 dic.
1-1 Udinese-Venezia 1-4
Riposa: Bentegodi


andata (3ª) Terza giornata ritorno (8ª)
7 nov. 2-2 Bentegodi Verona-Petrarca 1-3 19 dic.
0-3 Treviso-Venezia 0-2
Riposa: Udinese
andata (4ª) Quarta giornata ritorno (9ª)
14 nov. 1-0 Bentegodi Verona-Venezia 1-1 23 gen.
1-1 Udinese-Treviso 1-0
Riposa: Petrarca


andata (5ª) Quinta giornata ritorno (10ª)
21 nov. 2-1 Bentegodi Verona-Treviso 6-0 9 gen.
4-0 Petrarca-Udinese 1-1
Riposa: Venezia
Girone BModifica
Squadre partecipantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Bentegodi Verona dettagli Verona Stadio Marcantonio Bentegodi -
Petrarca dettagli Padova Campo della Pensione Universitaria -
Treviso dettagli Treviso Campo di Santa Maria del Rovere -
Udinese dettagli Udine (PdF) Campo Polisportivo Moretti -
Venezia dettagli Venezia Campo di Sant'Elena
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS
  1. Verona 13 8 6 1 1 19 7
  2. Padova 12 8 5 2 1 19 8
3. Vicenza 10 8 4 2 2 11 8
4. Schio 4 8 1 2 5 8 15
  5. Dolo 1 8 0 1 7 8 27

Legenda:

      Qualificata al girone finale regionale.
   Qualificata allo spareggio salvezza per non retrocedere in Promozione 1921-1922.
      Retrocessa in Promozione 1921-1922.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (6ª)
24 ott. 0-1 Schio-Verona 1-4 5 dic.
1-2 [51] Dolo-Vicenza 1-2
Riposa: Padova
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (7ª)
7 nov. 3-2 Padova-Dolo 5-1 19 dic.
4-1 Vicenza-Schio 0-0
Riposa: Verona


andata (3ª) Terza giornata ritorno (8ª)
14 nov. 1-1 Verona-Padova 0-2 26 dic.
0-0 Dolo-Schio 0-5
Riposa: Vicenza
andata (4ª) Quarta giornata ritorno (9ª)
21 nov. 1-2 Schio-Padova 0-4 9 gen.
0-2 Vicenza-Verona 0-1 6 feb.
Riposa: Dolo 9 gen.


andata (5ª) Quinta giornata ritorno (10ª)
13 dic. 1-2 [52] Padova-Vicenza 1-1 16 gen.
31 ott. 6-0 Verona-Dolo 4-3 12 dic.
Riposa: Schio
Spareggio retrocessioneModifica
Risultati Luogo e data
Treviso 5-1 Dolo Padova, 27 febbraio 1921
Girone finaleModifica
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS
  1. Padova 8 6 3 2 1 10 5
  2. Bentegodi Verona 7 6 2 3 1 12 9
3. Verona 6 6 2 2 2 7 9
4. Petrarca 3 6 1 1 4 9 15

Legenda:

      Qualificate ai gironi di semifinale.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Note:

Il Padova è campione regionale veneto.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (4ª)
13 feb. 3-2 Verona-Petrarca 0-3 6 mar.
6 mar. 2-2 Bentegodi Verona-Padova[53] 2-0
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (5ª)
20 feb. 1-1 Verona-Bentegodi Verona 2-1 13 mar.
3-0 Padova-Petrarca 3-0 3 apr.


andata (3ª) Terza giornata ritorno (6ª)
27 feb. 2-1 Padova-Verona 0-0 20 mar.
4-4 Bentegodi Verona-Petrarca[54] 2-0

Semifinali nazionaliModifica

Le semifinali nazionali di Prima Categoria della stagione sportiva 1920-1921 furono disputate da 16 società.

Squadre partecipantiModifica

Squadre emiliane
Bologna
Mantova
Modena
Squadre liguri
Andrea Doria
Genoa
Squadre lombarde
Inter
Legnano
Milan
US Milanese
Squadre venete
Padova
Bentegodi Verona

Girone AModifica

Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS
  1. Bologna 10 6 4 2 0 13 4
2. Genoa 7 6 2 3 1 9 8
3. Novara 6 6 2 2 2 6 6
4. Milan 1 6 0 1 5 8 18

Legenda:

      Qualificata alla semifinale.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (4ª)
10 apr. 2-0 Bologna-Milan 5-1 29 mag.
0-1 Novara-Genoa 1-1


andata (2ª) Seconda giornata ritorno (5ª)
14 apr. 1-2 Genoa-Bologna 1-1 5 giu.
2-0 Novara-Milan 3-2
andata (3ª) Terza giornata ritorno (6ª)
22 mag. 3-1 Bologna-Novara 0-0 12 giu.
2-2 Milan-Genoa 3-4

Girone BModifica

Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS
  1. Alessandria 8 6 4 0 2 17 5
2. Modena 8 6 4 0 2 7 8
3. Andrea Doria 6 6 3 0 3 6 5
4. US Milanese 2 6 1 0 5 4 16

Legenda:

      Qualificata alla semifinale.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Note:

Alessandria e Modena disputarono uno spareggio per il primo posto.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (4ª)
10 apr. 1-0 Modena-Alessandria 1-5 29 mag.
2-1 Andrea Doria-US Milanese 0-1


andata (2ª) Seconda giornata ritorno (5ª)
19 giu. 2-1 [55] Alessandria-Andrea Doria 0-1 5 giu.
14 apr. 2-1 Modena-US Milanese 2-0
andata (3ª) Terza giornata ritorno (6ª)
22 mag. 8-0 Alessandria-US Milanese 2-1 12 giu.
2-0 Andrea Doria-Modena[56] 0-1 26 giu.
Spareggio primo postoModifica

Per decidere quale squadra doveva accedere alle semifinali fu disputato un spareggio tra Alessandria e Modena, che avevano terminato il girone a pari punti.

Risultati Luogo e data
Alessandria 1-2 Modena Milano, 26 giugno 1921

Girone CModifica

Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS
1. Torino 8 6 4 0 2 13 10
1. Legnano 8 6 4 0 2 10 8
3. Padova 4 6 2 0 4 9 11
4. Mantova 4 6 2 0 4 8 11

Legenda:

      Qualificata alla semifinale.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Note:

Torino e Legnano disputarono uno spareggio per il primato nel girone e la conseguente qualificazione alle semifinali. La gara di spareggio fra le due capoliste venne sospesa nel corso dell'oltranza[57] dopo 158' di gioco.
Entrambe le squadre si ritirano dal campionato per esaurimento delle forze.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (4ª)
10 apr. 1-3 Mantova-Torino 0-1 29 mag.
0-1 Padova-Legnano 0-2


andata (2ª) Seconda giornata ritorno (5ª)
14 apr. 3-0 Legnano-Mantova 0-2 19 giu.
2-1 Torino-Padova 1-4 5 giu.
andata (3ª) Terza giornata ritorno (6ª)
22 mag. 4-1 Torino-Legnano 2-3 12 giu.
4-2 Mantova-Padova 1-2

Girone DModifica

Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS
  1. Pro Vercelli 10 6 5 0 1 13 4
2. US Torinese 9 6 4 1 1 14 6
3. Inter 3 6 1 1 4 8 13
4. Bentegodi Verona 2 6 1 0 5 4 16

Legenda:

      Qualificata alla semifinale.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (4ª)
10 apr. 0-2 Inter-Pro Vercelli 0-2 29 mag.
4-0 Torinese-Bentegodi Verona 1-0


andata (2ª) Seconda giornata ritorno (5ª)
14 apr. 4-1 Inter-Bentegodi Verona 0-2 5 giu.
2-0 Pro Vercelli-Torinese 0-3
andata (3ª) Terza giornata ritorno (6ª)
22 mag. 0-3 Bentegodi Verona-Pro Vercelli 1-4 12 giu.
4-4 Inter-Torinese 0-2

Semifinali nordModifica

Il Bologna, abbinato alla vincente di Torino-Legnano, si qualifica automaticamente alla finale settentrionale stante il ritiro delle sue avversarie.

Torino
10 luglio 1921
Pro Vercelli4 – 0
Partita sospesa al 62' per ritiro dell'Alessandria; risultato sul campo omologato dalla Federazione.
AlessandriaCorso Sebastopoli
Arbitro:  Brunetti (Torino)

Finale nordModifica

Livorno
17 luglio 1921, ore 17:18
Pro Vercelli2 – 1
A oltranza.
Bologna
Arbitro:  Vagge (Genova)

Verdetti

  •   Pro Vercelli qualificata alla finalissima.

Torneo peninsulareModifica

Gironi regionali di qualificazioneModifica

Sezione campanaModifica

Girone AModifica
Squadre partecipantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Naples dettagli Napoli Poligono di tiro a segno nazionale "Vittorio Emanuele III" 4° nella sezione campana del Torneo centro-meridionale
Puteolana dettagli Pozzuoli Campo Armstrong 2° nelle semifinali interregionali del Torneo centro-meridionale A
Salernitana dettagli Salerno Campo di Piazza d'Armi, Campo Armstrong 1° in Promozione Campana A
Savoia dettagli Torre Annunziata Campo Oncino 3° in Promozione Campana
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Puteolana 11 6 5 1 0 17 3 +14
  2. Naples 8 6 4 0 2 16 7 +9
3. Savoia 5 6 2 1 3 7 19 -12
4. Salernitana 0 6 0 0 6 0 11 -11

Legenda:

      Qualificate al girone finale regionale.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (4ª)
28 nov. 0-1 Salernitana-Naples 0-2 a tav.
1-1 Savoia-Puteolana 0-7 9 gen.
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (5ª)
5 dic. 4-2 Naples-Savoia 7-0 16 gen.
30 gen. 0-2 [59]Salernitana-Puteolana 0-2


andata (3ª) Terza giornata ritorno (6ª)
12 dic. 3-1 Puteolana-Naples 2-1 23 gen.
0-2 Salernitana-Savoia 0-2
Girone BModifica
Squadre partecipantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Audacia Napoli dettagli Napoli - 3° in Promozione Campana B
Internazionale Napoli dettagli Napoli Campo delle Terme di Agnano 3° nelle semifinali interregionali del Torneo centro-meridionale B
Pro Napoli dettagli Napoli Campo ILVA e Campo Pilastri 3° nella sezione campana del Torneo centro-meridionale
Bagnolese dettagli Bagnoli-Napoli Campo ILVA -
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Internazionale Napoli 9 6 4 1 1 13 5 +8
  2. Bagnolese 9 6 4 1 1 13 6 +7
3. Pro Napoli 6 6 3 0 3 10 6 +4
4. Audacia Napoli 0 6 0 0 6 3 22 -19

Legenda:

      Qualificate al girone finale regionale.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (4ª)
28 nov. 3-1 Internazionale Napoli-Bagnolese 1-1 9 gen.
3-0 Pro Napoli-Audacia Napoli 4-1
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (5ª)
19 dic. 2-1 Internazionale Napoli-Audacia Napoli 6-0 16 gen.
2-0 Bagnolese-Pro Napoli 2-1


andata (3ª) Terza giornata ritorno (6ª)
12 dic. 0-2 Internazionale Napoli-Pro Napoli 1-0 23 gen.
0-3 Audacia Napoli-Bagnolese 1-4
Girone finale regionaleModifica
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Naples 7 6 3 1 2 9 7 +2
  2. Bagnolese 6 6 3 0 3 7 5 +2
3. Internazionale Napoli 1 6 0 1 5 2 10 -8
  4. Puteolana 10 6 5 0 1 11 7 +4

Legenda:

      Qualificate ai gironi di semifinale.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Note:

La Puteolana fu squalificata e tolta dalla classifica finale.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (4ª)
6 feb. 2-1 Naples-Bagnolese 0-2 27 feb.
2-0 Puteolana-Internazionale Napoli 3-1
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (5ª)
13 feb. 0-0 Naples-Internazionale Napoli 2-1 6 mar.
1-2 Bagnolese-Puteolana 0-1


andata (3ª) Terza giornata ritorno (6ª)
20 feb. 1-0 Bagnolese-Internazionale 2-0 9 apr.
3-2 Puteolana-Naples[60] 0-2

Sezione lazialeModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Audace Roma dettagli Roma - 2° nelle semifinali interregionali del Torneo centro-meridionale B
Roman dettagli Roma Campo di Due Pini 7° nella sezione laziale del Torneo centro-meridionale, riammesso
Fortitudo dettagli Roma Campo "Madonna del Riposo" Perdente finale centro-sud
Juventus Audax dettagli Roma Campo della Farnesina 4° nella sezione laziale del Torneo centro-meridionale
Lazio dettagli Roma Stadio della Rondinella 3° nella sezione laziale del Torneo centro-meridionale
Pro Roma dettagli Roma Campo Piramide 6° nella sezione laziale del Torneo centro-meridionale
US Romana dettagli Roma Campo dell'Olmo 5° nella sezione laziale del Torneo centro-meridionale
Vittoria Roma dettagli Roma Trastevere Stadium 1° in Promozione Laziale, promosso
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Fortitudo 27 14 13 1 0 58 8 +50
  2. Lazio 22 14 10 2 2 45 12 +33
3. Juventus Audax 17 14 8 1 5 41 18 +23
4. Pro Roma 14 14 6 2 6 25 37 -12
5. Audace Roma 11 14 5 1 8 30 34 -4
6. US Romana 10 14 5 0 9 23 35 -12
7. Vittoria Roma 7 14 2 3 9 12 44 -32
8. Roman 4 14 1 2 11 13 59 -46

Legenda:

      Qualificate ai gironi di semifinale.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
RisultatiModifica
TabelloneModifica
AUD FOR JUA LAZ PRO ROM USR VIT
Audace Roma –––– 1-4 1-2 0-9 1-2 3-0 4-0 5-0
Fortitudo 6-3 –––– 3-0 1-1 4-2 11-0 4-0 4-0
Juventus Audax 2-2 1-3 –––– 3-0 8-1 9-0 6-2 1-2
Lazio 2-0 0-1 2-0 –––– 4-0 6-0 2-1 6-1
Pro Roma 4-1 0-6 1-0 2-5 –––– 4-0 1-2 2-1
Roman 1-6 0-1 1-2 1-5 3-3 –––– 1-2 1-1
US Romana 0-2 0-5 0-5 1-2 1-2 3-1 –––– 6-0
Vittoria Roma 2-1 0-5 0-2 1-1 1-1 3-4 0-5 ––––
CalendarioModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (8ª)
28 nov. 3-0 Fortitudo-Juventus Audax 3-1 27 feb.
4-0 Lazio-Pro Roma 5-2
3-0 Audace Roma-US Romana 2-0
3-4 Vittoria Roma-Roman 1-1


andata (2ª) Seconda giornata ritorno (9ª)
5 dic. 2-0 Lazio-Juventus Audax 0-3 6 mar.
0-6 Pro Roma-Fortitudo 2-4
3-4 Vittoria Roma-US Romana 0-6
1-6 Roman-Audace Roma 0-3


andata (3ª) Terza giornata ritorno (10ª)
12 dic. 5-0 Audace Roma-Vittoria Roma 1-2 13 mar.
6 feb. 0-1 Lazio-Fortitudo 1-1
20 feb. 1-0 Pro Roma-Juventus Audax 1-8
3-1 US Romana-Roman 2-1


andata (4ª) Quarta giornata ritorno (11ª)
19 dic. 2-1 Lazio-US Romana 2-1 20 mar.
1-2 Juventus Audax-Vittoria Roma 2-0
4-1 Pro Roma-Audace Roma[61] 2-1
11-0 Fortitudo-Roman 1-0
andata (5ª) Quinta giornata ritorno (12ª)
9 gen. 4-0 Fortitudo-US Romana 5-0 2 apr.
2-1 Pro Roma-Vittoria Roma 1-1
6-0 Lazio-Roman 5-1
2-2 Juventus Audax-Audace Roma 2-1


andata (6ª) Sesta giornata ritorno (13ª)
16 gen. 4-0 Pro Roma-Roman 3-3 10 apr.
6-1 Lazio-Vittoria Roma 1-1
6-3 Fortitudo-Audace Roma 4-1
13 feb. 6-2 Juventus Audax-US Romana 5-0


andata (7ª) Settima giornata ritorno (14ª)
23 gen. 4-0 Fortitudo-Vittoria Roma 5-0 17 apr.
2-0 Lazio-Audace Roma 9-0
9-0 Juventus Audax-Roman 2-1
1-2 Pro Roma-US Romana 2-1

Sezione toscanaModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
CS Firenze dettagli Firenze Prato del Quercione 5° nella sezione toscana del Torneo centro-meridionale
Gerbi Pisa dettagli Pisa - 4° nella sezione toscana del Torneo centro-meridionale
Libertas dettagli Firenze Parco delle Cascine 3° nella sezione toscana del Torneo centro-meridionale
Livorno dettagli Livorno Campo di Villa Chayes Perdente Finalissima
Lucchese dettagli Lucca Campo sportivo "Campo di Marte" 2° in Promozione Toscana
Pisa dettagli Pisa Arena Garibaldi 2° nelle semifinali interregionali del Torneo centro-meridionale A
Prato dettagli Prato - 6° nella sezione toscana del Torneo centro-meridionale
Viareggio dettagli Viareggio Campo di piazza Mazzini 1° in Promozione Toscana
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Pisa 25 14 12 1 1 40 11 +29
  2. Livorno 24 14 11 2 1 50 11 +39
3. Lucchese 18 14 8 2 4 31 20 +11
4. Prato 14 14 7 0 7 21 22 -1
5. CS Firenze 11 14 4 3 7 16 26 -10
6. Libertas 10 14 4 2 8 19 20 -1
7. Viareggio 5 14 1 3 10 21 48 -27
  8. Gerbi Pisa 5 14 1 3 10 10 50 -40

Legenda:

      Qualificate ai gironi di semifinale.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
RisultatiModifica
TabelloneModifica
CSF GIO LIB LIV LUC PIS PRA VIA
CS Firenze –––– 1-1 1-0 0-5 2-0 1-5 0-2 4-2
Gerbi Pisa 0-3 –––– 3-0 0-5 2-2 1-4 1-2 1-1
Libertas Firenze 0-0 8-0 –––– 2-4 0-1 2-4 2-0 0-0
Livorno 3-0 11-0 3-0 –––– 2-2 0-0 2-0 7-2
Lucchese 2-0 3-0 1-0 0-3 –––– 2-5 3-2 11-1
Pisa 3-2 4-0 2-0 3-0 3-0 –––– 2-0 2-0
Prato 1-0 3-0 0-2 0-1 0-2 2-1 –––– 5-3
Viareggio 2-2 3-1 1-3 2-4 0-2 1-2 3-4 ––––
CalendarioModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (8ª)
21 nov. 1-0 Lucchese-Libertas 1-0 23 gen.
2-0 Livorno-Prato 1-0
3-1 Viareggio-Gerbi Pisa 1-1
3-2 Pisa-CS Firenze 5-1


andata (2ª) Seconda giornata ritorno (9ª)
??? 0-3 Gerbi Pisa-CS Firenze 1-1 ???
28 nov. 0-0 Livorno-Pisa 0-3 30 gen.
0-2 Prato-Lucchese 2-3
20 mar. 1-3 Viareggio-Libertas 0-0 10 apr.


andata (3ª) Terza giornata ritorno (10ª)
5 dic. 0-5 CS Firenze-Livorno 0-3 6 feb.
0-2 Viareggio-Lucchese 1-11
10 apr. 3-0 Prato-Gerbi Pisa 2-1
3 apr. 2-0 Pisa-Libertas 4-2


andata (4ª) Quarta giornata ritorno (11ª)
12 dic. 2-2 Gerbi Pisa-Lucchese 0-3 13 feb.
2-1 Prato-Pisa[62] 0-2
3-0 Livorno-Libertas 4-2
4-2 CS Firenze-Viareggio 2-2
andata (5ª) Quinta giornata ritorno (12ª)
??? 2-0 Libertas-Prato 2-0 20 feb.
19 dic. 2-0 Lucchese-CS Firenze[62] 0-2 10 apr.
2-0 Pisa-Viareggio 2-1 20 feb.
11-0 Livorno-Gerbi Pisa 5-0


andata (6ª) Sesta giornata ritorno (13ª)
9 gen. 4-0 Pisa-Gerbi Pisa 4-1 27 feb.
2-2 Livorno-Lucchese 3-0
1-0 CS Firenze-Libertas 0-0
5-3 Prato-Viareggio 4-3 3 apr.


andata (7ª) Settima giornata ritorno (14ª)
16 gen. 2-5 Lucchese-Pisa 0-3 6 mar.
2-4 Viareggio-Livorno 2-7
20 mar. 0-2 CS Firenze-Prato 0-1 13 mar.
13 mar. 8-0 Libertas-Gerbi Pisa 0-3 17 apr.
Spareggio retrocessioneModifica
Risultati Luogo e data
Viareggio 3-1 Gerbi Pisa Lucca, 25 settembre 1921

Semifinali interregionaliModifica

Girone AModifica

Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Livorno 8 4 4 0 0 13 4 +9
2. Naples 3 4 1 1 2 11 13 -2
3. Lazio 1 4 0 1 3 7 14 -7

Legenda:

      Qualificate alla finale del torneo peninsulare.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (4ª)
22 mag. 1-2 Lazio-Livorno 0-4 12 giu.
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (5ª)
29 mag. 5-2 Livorno-Naples 2-1 19 giu.


andata (3ª) Terza giornata ritorno (6ª)
5 giu. 4-2 Naples-Lazio 4-4 26 giu.

Girone BModifica

Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Pisa 7 4 3 1 0 13 2 +11
2. Fortitudo 5 4 2 1 1 11 3 +8
3. Bagnolese 0 4 0 0 4 2 21 -19

Legenda:

      Qualificate alla finale del torneo peninsulare.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
RisultatiModifica
andata (1ª) Prima giornata ritorno (4ª)
22 mag. 0-0 Pisa-Fortitudo 2-1 12 giu.
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (5ª)
29 mag. 0-3 Bagnolese-Pisa 1-8 19 giu.


andata (3ª) Terza giornata ritorno (6ª)
5 giu. 7-0 Fortitudo-Bagnolese 3-1 26 giu.

Finale centro-meridionaleModifica

Bologna
3 luglio 1921
Pisa1 – 0LivornoSterlino

Verdetti

  •   Pisa qualificata alla finalissima.

FinalissimaModifica

Torino
24 luglio 1921, ore 17:17
Pro Vercelli2 – 1Pisa
Arbitro:  Olivari (Genova)

Verdetto

  Pro Vercelli campione d'Italia 1920-1921

Squadra campioneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Unione Sportiva Pro Vercelli 1920-1921.

La spaccatura della FederazioneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Progetto Pozzo, Prima Categoria 1921-1922 e Prima Divisione 1921-1922.

La mattinata della stessa domenica in cui era in programma la finalissima fra Pro Vercelli e Pisa, nel capoluogo piemontese si svolse un Consiglio Federale fra i dirigenti ivi intervenuti per assistere alla gara. Il futuro allenatore della Nazionale, Vittorio Pozzo, si fece interprete dell'insoddisfazione delle grandi società e presentò un suo progetto per una drastica riforma del campionato. La discussione nell'assemblea fu molto accesa, e anche questa volta, come accaduto molto spesso in passato, furono le piccole squadre che, temendo di scomparire, fecero valere il loro peso numerico, e così il Progetto Pozzo fu respinto.[63]

Stavolta però l'esito fu ben diverso. Le grandi e medie società non erano più disposte a iniziare una nuova stagione nelle condizioni di quella appena conclusa e, nel giro di poco tempo, tra il 27 e il 28 agosto,[64] ventiquattro fra le migliori squadre del campionato secessionarono in massa dalla FIGC dando vita privatamente alla Confederazione Calcistica Italiana,[65] che rifiutò ulteriori richieste di rientrare in seno alla FIGC[66] e organizzò un torneo strutturato sul modello presentato da colui che condurrà l'Italia alla doppia vittoria mondiale. A questo campionato, vista la genesi della scissione e al rango delle squadre del Nord ci si riferirà spesso, già all'epoca dei fatti, come "torneo delle 24", ma di fatto, oltre alle 24 squadre della Lega Nord, divise in due gironi, parteciparono anche 32 squadre della Lega Sud, divise in cinque gironi su base regionale. Inoltre molte altre squadre minori aderirono alla C.C.I. andando a costituire una vera e propria seconda serie della C.C.I. denominata Seconda Divisione.

NoteModifica

  1. ^ Dalla Gazzetta dello Sport di giovedì 29 luglio 1920 che titolò: Verso una nuova federazione?. seguito da "Il Consiglio provvisorio eletto nel congressino tenutosi a Torino la sera del 17 corrente....".
  2. ^ Dalla Gazzetta dello Sport di martedì 3 agosto 1920 che scrisse "Ieri sera nel Caffè Fiorina pervennero i rappresentanti di 36 società piemontesi aderenti e non: Casale, Novara, U.S. Torinese, U.S. Barriera Nizza, U.S. Novi Ligure, Torino, Asti, Alessandria, Carignano, Amatori, Valenza, U.S. Biellese, U.S. Barriera Francia, Fulgor di Asti, Chivasso, Pro Vercelli, Ansaldo (Aosta), Fert, Rivarolo, Monterosa, Lancia, Libertas, Chieri, Piemonte, U.S. Ornavassese, U.S. Reggiana, Trino, Acqui, Juventus, U.S. San Salvatore Monferrato, Pinerolo, Torre Pellice....".
  3. ^ Dalla Gazzetta dello Sport di giovedì 21 luglio 1920: Il "Progetto Pozzo" illustrato e volgarizzato dal suo autore.
  4. ^ Inizialmente le semifinaliste sarebbero dovute essere 12: 3 piemontesi, 3 lombarde, 2 emiliane, 2 liguri e 2 venete. In seguito alla riunione federale del 15 gennaio 1921, si decise di espandere le semifinali a 16 squadre, assegnando due posti in più al Piemonte e uno ciascuno a Lombardia ed Emilia.
  5. ^ a b c Il Campionato di Foot-Ball, La Stampa, 25 aprile 1921, p. 4.
  6. ^ a b c Il Campionato di Foot-Ball, La Stampa, 18 aprile 1921, p. 4.
  7. ^ Il Campionato italiano di Foot-Ball, La Stampa, 6 giugno 1921, p. 4.
  8. ^ L'episodio ebbe strascichi giudiziari, tanto che nel marzo 1924 Ara e Corna furono processati dal tribunale di Milano. Cfr. Corriere Italiano, 2 marzo 1924.
  9. ^ Il Campionato di Foot-Ball, La Stampa, 11 aprile 1921, p. 4.
  10. ^ Vedasi qui.
  11. ^ a b Il Campionato di Foot-Ball, La Stampa, 20 giugno 1921, p. 4.
  12. ^ a b Il Campionato si... diverte!, La Stampa, 27 giugno 1921, p. 4.
  13. ^ La meravigliosa partita della Pro Vercelli, La Stampa, 11 luglio 1921, p. 4.
  14. ^ a b c Il Campionato italiano di Foot-Ball, La Stampa, 18 luglio 1921, p. 4.
  15. ^ Il resoconto di Cesare Fanti, inviato de "La Gazzetta dello Sport", 18 luglio 1921: «Il goal della vittoria. All'inizio della terza ripresa tutto il pubblico è avvinto dal velocissimo giuoco di passaggi rapidi e raso al suolo che il Bologna trova modo di sfoggiare, ma lentamente, quando la stretta dei rosso bleu si allenta, gli avanti bianchi riescono a sfuggire alla vigilanza degli halves petroniani e a condurre a termine più di una scappata. All'ottavo minuto Rampini, in una di queste riesce ad infilare la rete avversaria. Gianese che ha la luce crepuscolare di fianco non può che raccogliere il pallone entro la rete. Vagge sembra avesse fischiato un istante prima il fuori giuoco e fa cenno al pubblico, che ha cominciato a invadere il campo, di fermarsi, ma ormai le sorti del match sono decise e il fischio finale trova l'U.S. Pro Vercelli vincente con 2 goals a uno.»
  16. ^ Da "La Gazzetta dello Sport", 21 luglio 1921: «In attesa del reclamo del Bologna F.C. e della "finalissima". Torino, 20. – Il reclamo preannunciato dal Bologna non è, a tutt'oggi, ancora giunto in Federazione. Può darsi che giunga domani, e sarebbe ancora tempestivo. Abbiamo pertanto potuto prendere conoscenza del rapporto dell'arbitro che così spiega il fischio emesso in precedenza a quello che pose fine alla partita. Il sig. Vagge dice che appena segnato il goal di Rampini, istantaneamente emise un primo fischio per ratificarne la validità, e subito dopo fece seguire un doppio fischio per significare che il match era terminato. Non è quindi che egli abbia fischiato in antecedenza al goal per fermare un ipotetico «offside» e quindi abbia fischiato il goal segnato, subito dopo, bensì i due segnali furono dati uno di seguito all'altro per indicare che con la marcatura del secondo punto anche la partita era terminata. Stando così le cose, è prevedibile che la Commissione Arbitri, non potrà che sanzionare la vittoria della Pro Vercelli ed in questo caso la «finalissima» col Pisa avrà luogo domenica nel nostro Stadium, a prezzi d'ingresso veramente popolari. – Resta pur sempre da vedere quali saranno i motivi addotti dal Bologna per sostenere il reclamo avanzato. Dopo le dichiarazioni esplicite del sig. Vagge, rimane un dubbio solo in chi assisteva alla partita: un dubbio che solo l'arbitro potrebbe togliere al pubblico spiegando che cosa significassero i gesti disperati da lui fatti per tentare di trattenere la folla che invadeva il campo per portare in meritato trionfo i vincitori
  17. ^ La Toscana Sportiva, 3 gennaio 1921.
  18. ^ La Toscana Sportiva, 29 gennaio 1921.
  19. ^ La stampa filoputeolana (cfr. ad esempio un articolo di Moto e Vita dell'aprile 1921) accusò il Comitato Regionale Campano (costituito da dirigenti di squadre partenopee invidiosi del dominio in ambito regionale della Puteolana) di essersi voluta vendicare della Puteolana prendendo a pretesto una mera invasione di campo per estrometterla del campionato (a tutto vantaggio della partenopea Bagnolese), privandola inoltre di alcuni elementi importanti (come il portiere Rinetti, squalificato per due anni). La stampa filopartenopea (come Il corriere di Napoli) accusò invece la Puteolana di comportamento antisportivo nel corso del match incriminato e applaudì l'operato del Comitato Regionale. La Puteolana presentò reclamo alla Presidenza Federale, la quale tuttavia confermò l'esclusione della Puteolana dalle Semifinali, ammonendo inoltre i dirigenti per non aver saputo o voluto prevenire o reprimere l'invasione di campo che provocò la sospensione della partita incriminata; in compenso revocò la squalifica del campo e ridusse notevolmente (fino a settembre 1921) la squalifica di Rinetti (inizialmente squalificato per due anni).
  20. ^ a b c d La Pro Vercelli Campione d'Italia, La Stampa, 25 luglio 1921, p. 4.
  21. ^ Rinviata per impraticabilità del campo.
  22. ^ Rinviata e trasformata in amichevole per mancato arrivo dell'arbitro.
  23. ^ Rinviata per ordine del Questore.
  24. ^ Disputata inizialmente il 31 ottobre e sospesa a due minuti dal termine sul risultato di 2-1 per la Spes per invasione di campo dei tifosi che rese impossibile il proseguimento dell'incontro, la partita fu ripetuta il 2 gennaio.
  25. ^ a b c d Vittoria a tavolino per squalifica della Rivarolese.
  26. ^ Disputata originariamente il 14 novembre si era conclusa 3-2 per la Rivarolese, ma fu annullata dal Comitato Regionale per ragioni tecniche e fatta ripetere. La ripetizione, disputata il 2 gennaio a Sampierdarena sul campo di Villa Scassi a causa di una frana caduta sul campo Torbella, fu sospesa sul 2-0 per il Savona per invasione di campo dei tifosi inferociti della Rivarolese i quali minacciarono il capitano del Savona. La partita fu sospesa e la Rivarolese, oltre a perderla, fu squalificato per tutto il campionato (n.b. la responsabilità oggettiva fu introdotta dalla C.C.I. l'anno dopo), perdendo le rimanenti partite 0-2 a tavolino.
  27. ^ Disputata a Savona.
  28. ^ Sospesa al 15º minuto perché il dirigente federale e dell'Andrea Doria Ricci, poco soddisfatto dell'arbitraggio, chiese all'arbitro la tessera di riconoscimento e la delega che lo autorizzava ad arbitrare, cosa che minava il prestigio dell'arbitro nei riguardi dei giocatori. L'arbitro sospese l'incontro e si recò negli spogliatoi per andare a prendere i documenti, poi quando il gioco riprese fu costretto ancora a sospendere la partita per l'atteggiamento ostile del pubblico nei suoi confronti. La partita continuò come amichevole e fu rinviata.
  29. ^ La partita del 28 novembre sospesa al 12' della ripresa sul risultato di 3-2 per l'Andrea Doria per maltempo e ripetuta in altra data.
  30. ^ La partita del 28 novembre sospesa al 26' della ripresa sul risultato di 4-0 per il Genoa per maltempo e ripetuta in altra data. Fu poi data vinta 2-0 a tavolino al Genoa per squalifica della Rivarolese.
  31. ^ La partita del 28 novembre sospesa alla fine del primo tempo sul risultato di 0-0 e ripetuta in altra data.
  32. ^ a b c Vittoria per squalifica della Rivarolese.
  33. ^ Rinviata per maltempo.
  34. ^ Disputata a Pavia.
  35. ^ Due isolati più a nord del campo di via Stelvio.
  36. ^ Si stacca dallo Sport Club Italia (che aderisce alla C.C.I. iscrivendosi alla Seconda Divisione) di cui era la sezione calcio e si trasferisce a Magenta dove gioca il campionato di Promozione 1921-1922 col nome di Nazionale Magentina.
  37. ^ Vittoria per rinuncia del Saronno.
  38. ^ Rinviata e trasformata in amichevole per mancanza dell'arbitro.
  39. ^ Rinviata per le elezioni.
  40. ^ a b c Partita inizialmente prevista il 7 novembre, ma rinviata alla fine del girone d'andata per le elezioni.
  41. ^ Vittoria a tavolino per rinuncia del Pastore.
  42. ^ Rinviata per mancato accordo tra le società sul luogo dove disputare l'incontro. A causa della squalifica del campo del Casale, la FIGC stabilì che l'incontro si sarebbe dovuto disputare sul campo della Valenzana, ma in seguito alle proteste del Casale, la stessa FIGC spostò l'incontro a Novi. A questo punto però protestò l'Alessandria per lo spostamento a Novi, così l'incontro dovette essere rinviato.
  43. ^ Vittoria a tavolino per mancanza di campo dell'Amatori.
  44. ^ Vittoria per rinuncia della Biellese.
  45. ^ Rinviata per tragedia e poi data vinta al Casale per rinuncia della Pro Vercelli.
  46. ^ Rinviata per le elezioni. Tutte le partite delle squadre torinesi furono rinviate per le elezioni.
  47. ^ Vittoria a tavolino per rinuncia.
  48. ^ La partita non si disputò perché l'Amatori era rimasto privo di campo. L'Amatori chiese alla Valenzana di disputare la partita sul campo dell'U.S. Torinese ma la Valenzana rifiutò perché le società partecipanti devono avere per regolamento il proprio terreno. La partita fu quindi vinta a tavolino dalla Valenzana.
  49. ^ Vittoria per rinuncia della Pro Vercelli.
  50. ^ Vittoria per rinuncia dell'Amatori.
  51. ^ 0-3 per La Stampa, 1-2 per l'Almanacco. Altro caso di partita annullata e fatta ripetere?
  52. ^ A Verona per campo Padova squalificato.
  53. ^ A tavolino per rinuncia.
  54. ^ Partita sospesa per incidenti tra il pubblico (nel secondo tempo sul 3 a 2) e vittoria assegnata a tavolino al Bentegodi.
  55. ^ Ripetuta il 19 giugno 1921
  56. ^ Sospesa a 10' dalla fine causa intemperanze dei tifosi, venne ripetuta il 26 giugno 1921
  57. ^ Le partite di spareggio all'epoca non terminavano dopo i tempi supplementari: si andava avanti a oltranza fino al primo e decisivo gol di una delle due squadre (poi chiamato sudden death o golden goal). Permanendo la situazione di parità, la gara veniva sospesa per sopravvenuta oscurità e fatta ripetere.
  58. ^ SPORT - La domenica sportiva, archiviolastampa.it. URL consultato il 18 gennaio 2013.
  59. ^ Secondo il tabellone dei risultati pubblicato dall'Almanacco Panini 1898-2004 Puteolana-Salernitana sarebbe finito 2-1, cosa confermata da La Gazzetta dello Sport del 6 dicembre 1921 che riporta "Puteolana b. Salernitana 2-1" (senza mettere asterischi per indicare chi giocò in casa). Il libro della Puteolana e il Corriere della Sera sostengono che si disputò a Salerno anche se differiscono sul risultato (2-1 per il Corriere, 1-0 per il libro della Puteolana). Secondo Il Mezzogiorno del 7-8 dicembre 1920 la partita, disputata a Salerno, fu sospesa sul 2-1 per la Puteolana, dunque il risultato non era valido, cosa confermata dalle ricostruzioni salernitane secondo cui la partita fu ripetuta il 30 gennaio sul campo neutro di Torre Annunziata e fu vinta dalla Puteolana per 2-0 per forfait.
  60. ^ Sospesa sul 3-0 in favore del Naples a dieci minuti alla fine per invasione di campo dei tifosi della Puteolana, vittoria assegnata a tavolino al Naples.
  61. ^ Fu sospesa al 79' sull'1-2 perché dopo 5 espulsioni l'Audace era ridotta a soli 6 giocatori in campo. Il Comitato Regionale Laziale della F.I.G.C. decise di omologare il risultato conseguito sul campo: 1-2 per la Pro Roma.
  62. ^ a b Gara persa a tavolino per forfait. Il punto di penalizzazione per forfait fu voluto e introdotto nel regolamento campionati dalla C.C.I. alla fine del campionato 1921-1922. La C.C.I. introdusse anche la "responsabilità oggettiva" che portò all'assegnazione della perdita della gara a tavolino (art. 17 del R.O. = Regolamento Organico) avendo constatato che troppe partite venivano volontariamente fatte sospendere da una o dall'altra tifoseria con pacifiche invasioni di campo. Fino alla stagione 1920-1921 tutte le partite non portate a termine venivano ripetute.
  63. ^ Stefano Olivari, Le grandi se ne vogliono andare, in blog.guerinsportivo.it, 1º febbraio 2011. URL consultato il 14 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2013).
  64. ^ La Stampa, 29 agosto 1921 - La costituzione ufficiale della Confederazione Calcistica Italiana
  65. ^ Stefano Olivari, La lunga estate della scissione, in blog.guerinsportivo.it, 5 febbraio 2011. URL consultato il 14 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2013).
  66. ^ La Stampa, 26 settembre 1921 - Nonostante la ripulsa della F.I.G.C. la C.C.I. mantiene le sue controproposte

RiferimentiModifica

I risultati sono stati tratti da La Stampa, annate 1920 e 1921, e controllati con i tabelloni dell'Almanacco 1898-2004 e con i siti Internet con i risultati stagione per stagione di Reggiana, Piacenza, Juventus, Verona ecc. Di seguito gli articoli de La Stampa consultati:

BibliografiaModifica

LibriModifica

GiornaliModifica

  • Giornale quotidiano La Stampa di Torino, consultabile online nelle pagine dell'archivio.
  • Giornale settimanale Il Ponte di Pisa di Pisa, consultabile online nelle pagine dell'archivio.

Siti webModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica