Apri il menu principale

Gran Premio d'Australia 1994

564º Gran Premio valido per il Campionato mondiale di Formula 1
Australia Gran Premio d'Australia 1994
564º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 16 di 16 del Campionato 1994
Adelaide (long route).svg
Data 13 novembre 1994
Nome ufficiale LIX Australian Grand Prix
Luogo Circuito di Adelaide
Percorso 3.780 km / 2.362 US mi
Circuito cittadino
Distanza 81 giri, 306.180 km/ 191.362 US mi
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Nigel Mansell Germania Michael Schumacher
Williams-Renault in 1:16.179 Benetton-Ford in 1:17.140
(nel giro 29)
Podio
1. Regno Unito Nigel Mansell
Williams-Renault
2. Austria Gerhard Berger
Ferrari
3. Regno Unito Martin Brundle
McLaren-Peugeot

Il Gran Premio d'Australia 1994 fu una gara di Formula 1, disputatasi il 13 novembre 1994 sul Circuito di Adelaide. Fu la sedicesima ed ultima prova del mondiale 1994 e vide l'ultima vittoria di Nigel Mansell in Formula 1 che tagliò il traguardo davanti a Gerhard Berger e a Martin Brundle. Il mondiale fu vinto, per la prima volta in carriera, da Michael Schumacher su Benetton-Ford. Inoltre è stato l'ultimo gran premio per Michele Alboreto, Paul Belmondo, Franck Lagorce, JJ Lehto, Christian Fittipaldi e, tra i team, per lo storico Team Lotus e la Larrousse.

QualificheModifica

Pos N Pilota Costruttore/Motore Tempo Gap
1 2   Nigel Mansell Williams-Renault 1:16.179
2 5   Michael Schumacher Benetton-Ford 1:16.197 +0.018
3 0   Damon Hill Williams-Renault 1:16.830 +0.651
4 7   Mika Häkkinen McLaren-Peugeot 1:16.992 +0.813
5 14   Rubens Barrichello Jordan-Hart 1:17.537 +1.358
6 15   Eddie Irvine Jordan-Hart 1:17.667 +1.488
7 6   Johnny Herbert Benetton-Ford 1:17.727 +1.548
8 27   Jean Alesi Ferrari 1:17.801 +1.622
9 8   Martin Brundle McLaren-Peugeot 1:17.950 +1.771
10 30   Heinz-Harald Frentzen Sauber-Mercedes 1:17.962 +1.783
11 28   Gerhard Berger Ferrari 1:18.070 +1.891
12 26   Olivier Panis Ligier-Renault 1:18.072 +1.893
13 4   Mark Blundell Tyrrell-Yamaha 1:18.237 +2.058
14 12   Alessandro Zanardi Lotus-Mugen-Honda 1:18.331 +2.152
15 3   Ukyo Katayama Tyrrell-Yamaha 1:18.411 +2.232
16 24   Michele Alboreto Minardi-Ford 1:18.755 +2.576
17 29   Jyrki Järvilehto Sauber-Mercedes 1:18.806 +2.627
18 23   Pierluigi Martini Minardi-Ford 1:18.957 +2.778
19 9   Christian Fittipaldi Footwork-Ford 1:19.061 +2.882
20 25   Franck Lagorce Ligier-Renault 1:19.153 +2.974
21 10   Gianni Morbidelli Footwork-Ford 1:19.610 +3.431
22 11   Mika Salo Lotus-Mugen-Honda 1:19.844 +3.665
23 19   Hideki Noda Larrousse-Ford 1:20.145 +3.966
24 31   David Brabham Simtek-Ford 1:20.442 +4.263
25 20   Jean-Denis Délétraz Larrousse-Ford 1:22.422 +6.243
26 32   Domenico Schiattarella Simtek-Ford 1:22.529 +6.350
Vetture non qualificate
DNQ 33   Paul Belmondo Pacific-Ilmor 1:24.087 +7.908
DNQ 34   Bertrand Gachot Pacific-Ilmor 7:40.317 +6:42.138

GaraModifica

ResocontoModifica

Alla partenza, sia Schumacher che Hill riescono a scavalcare Mansell, portandosi quindi in prima e seconda posizione; posizioni mantenute anche dopo il primo pit-stop. Al 35º giro il pilota tedesco va fuori pista alla curva East Terrace, urta il muretto con la gomma anteriore destra e danneggia la sospensione; rientrato in pista, alla curva successiva, chiude la traiettoria al sopraggiungente Damon Hill, causando un contatto. La vettura di Schumacher si solleva da terra, ricade nella via di fuga e si scontra con un muretto. Il tedesco si ritira, mentre Hill tenta di continuare: raggiunge i box a fatica, ma è costretto al ritiro per via di un grave danno al braccio del quadrilatero della sospensione anteriore sinistra. Schumacher conquista, così, il suo primo titolo mantenendo il distacco di un punto in classifica piloti sul rivale Hill.

A questo punto Mansell è in testa alla gara, seguìto, a pochi secondi, dai ferraristi Berger e Alesi, che, dopo un'astuta strategia dei rifornimenti, riescono a risalire la classifica. Più distanti sono Hakkinen, Barrichello e Brundle rispettivamente in quarta, quinta e sesta posizione. Poco più tardi, Alesi è vittima di una serie di problematiche sfortunate al pit-stop che lo porteranno fuori dalla lotta per la vittoria: rientrerà in pista in nona posizione. All'ultimo pit-stop, invece, Berger riesce a stare davanti a Mansell e tra i due piloti è bagarre. Intanto Hakkinen e Barrichello subiscono penalità per eccessiva velocità nella corsia dei box e ne approfitta Brundle che si porta in terza posizione. Il duello fra Berger e Mansell continua, fino a quando il ferrarista non incappa in una breve uscita di pista che favorisce il sorpasso dell'inglese ai suoi danni. Nel finale, Hakkinen si ritira dopo un violento scontro sulle barriere causato da un problema ai freni. La gara si conclude con la vittoria di Mansell, che conquista così l'ultima delle sue 31 vittorie in carriera. Per il pilota inglese, è il primo successo dal suo ritorno in Formula 1 (non accadeva dal Gran Premio del Portogallo 1992).[1] Berger e Brundle completano il podio davanti a Barrichello, Panis e Alesi (risalito in zona punti).

RisultatiModifica

Pos N. Pilota Costruttore/Motore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 2   Nigel Mansell Williams-Renault 81 1:47:51.480 1 10
2 28   Gerhard Berger Ferrari 81 +2.511 11 6
3 8   Martin Brundle McLaren-Peugeot 81 +52.487 9 4
4 14   Rubens Barrichello Jordan-Hart 81 +1:10.530 5 3
5 26   Olivier Panis Ligier-Renault 80 +1 Giro 12 2
6 27   Jean Alesi Ferrari 80 +1 Giro 8 1
7 30   Heinz-Harald Frentzen Sauber-Mercedes 80 +1 Giro 10  
8 9   Christian Fittipaldi Footwork-Ford 80 +1 Giro 19  
9 23   Pierluigi Martini Minardi-Ford 79 +2 Giri 18  
10 29   Jyrki Järvilehto Sauber-Mercedes 79 +2 Giri 17  
11 25   Franck Lagorce Ligier-Renault 79 +2 Giri 20  
12 7   Mika Häkkinen McLaren-Peugeot 76 Incidente 4  
Ret 24   Michele Alboreto Minardi-Ford 69 Sospensioni 16  
Ret 4   Mark Blundell Tyrrell-Yamaha 66 Incidente 13  
Ret 20   Jean-Denis Délétraz Larrousse-Ford 56 Cambio 25  
Ret 11   Mika Salo Lotus-Mugen-Honda 49 Problema elettrico 22  
Ret 31   David Brabham Simtek-Ford 49 Motore 24  
Ret 12   Alessandro Zanardi Lotus-Mugen-Honda 40 Acceleratore 14  
Ret 0   Damon Hill Williams-Renault 35 Collisione con M.Schumacher 3  
Ret 5   Michael Schumacher Benetton-Ford 35 Collisione con D.Hill 2  
Ret 32   Domenico Schiattarella Simtek-Ford 21 Cambio 26  
Ret 3   Ukyo Katayama Tyrrell-Yamaha 19 Testacoda 15  
Ret 19   Hideki Noda Larrousse-Ford 18 Perdita olio 23  
Ret 10   Gianni Morbidelli Footwork-Ford 17 Perdita olio 21  
Ret 15   Eddie Irvine Jordan-Hart 15 Testacoda 6  
Ret 6   Johnny Herbert Benetton-Ford 13 Cambio 7  
DNQ 34   Bertrand Gachot Pacific-Ilmor    
DNQ 33   Paul Belmondo Pacific-Ilmor    

ClassificheModifica

Decisioni della FIAModifica

Dopo una breve inchiesta, la FIA decide di non prendere provvedimenti per l'incidente tra Michael Schumacher e Damon Hill, in quanto non sono state riscontrate prove di una intenzionalità del pilota tedesco di danneggiare volontariamente il suo rivale.[2]

Polemiche dopo la garaModifica

Sono subito esplose accese discussioni sul contatto tra i due protagonisti del Mondiale. Molte sono state le prese di posizione al riguardo: La stampa d’oltremanica non ci sta, parlando apertamente di un furto ai danni di Hill e con titoli eloquenti (“Schumacher campione o furbone?” – “Hill derubato dalla guida sporca di Schumacher“); Sir Frank Williams dice che avrebbe odiato vincere in quel modo, mentre per John Watson è stato un colpo d’esperienza, altro che incidente casuale.

Dall’altra parte della barricata, Schumacher si difende, affermando di non aver causato l’incidente volontariamente:

«Non è stata certamente una bella conclusione, non sono riuscito a controllare la vettura. In quel momento ero così preso dai miei problemi che non ho guardato lo specchietto e quando ho visto sopraggiungere Hill era ormai troppo tardi. Mi avrebbe potuto sorpassare più avanti, sfruttando la situazione.»

Anche la Bild difende a spada tratta il primo campione del mondo tedesco di F1 della storia, bollando come pura invidia le critiche inglesi.

Caustico come al solito Flavio Briatore:

«Sicuro che Michael l’ha visto. Ma chi ha perso il Mondiale è Damon. Se avesse visto che Micheal era in difficoltà, alzava il piede dall’acceleratore e passava. Per cui non ha meritato il Titolo.»

NoteModifica

  1. ^ Gran Premio d'Australia 1994: L'ultimo Ruggito del Leone [collegamento interrotto], su magazinef1.blogspot.it. URL consultato il 15 gennaio 1994.
  2. ^ Storia della Formula 1: il contatto tra Schumacher e Hill che decise il Mondiale 1994, su racing.blogosfere.it, 17 maggio 2008. URL consultato il 15 gennaio 2014.

Salvo indicazioni diverse le classifiche sono tratte da Sito di The Official Formula 1, su formula1.com. URL consultato il 13 maggio 2009.

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1994
                               
   

Edizione precedente:
1993
Gran Premio d'Australia
Edizione successiva:
1995
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1