Apri il menu principale

Hollywood che canta

film del 1929 diretto da Charles Reisner
Hollywood che canta
Titolo originaleThe Hollywood Revue of 1929
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1929
Durata130 min (lunghezza copyright)
118 min (stampa Turner)
Dati tecniciB/N e a colori
Generemusicale
RegiaCharles Reisner (come Charles F. Reisner)
SceneggiaturaAl Boasberg e Robert E. Hopkins
ProduttoreIrving Thalberg, Harry Rapf (non accreditati)
Casa di produzioneMetro-Goldwyn-Mayer
FotografiaJohn Arnold, Max Fabian, Irving Reis, John M.Nickolaus
MontaggioWilliam S.Gray; Cameron K.Wood (non accreditato)
ScenografiaErté (non accreditato)
Richard Day, Erté, Cedric Gibbons (ambientazione)
CostumiDavid Cox
Erté, Henrietta Frazer e Joe Rapf (non accreditati)
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Hollywood che canta (The Hollywood Revue of 1929) è un film del 1929 diretto da Charles Reisner.

Un lungometraggio, in parte a colori, dove si esibivano tutte le star della MGM, in omaggio al sonoro, con l'eccezione di Greta Garbo, Ramón Novarro e Lon Chaney.

TramaModifica

Il cantante Cliff Edwards (Ukulele Ike), si esibisce nella prima versione cinematografica di " Singin in the rain", mentre Buster Keaton si esibiva nella stessa canzone senza cantare[1].

Lo sketch di Stanlio & OllioModifica

Nel film Laurel e Hardy appaiono in uno sketch di circa 6 minuti in B/N come improvvisatori di numeri di magia, introdotti da Jack Benny.
Ben presto i due cominciano a litigare, poi Ollio, con accompagnamento musicale, tenta di far scomparire e riapparire alcuni oggetti dietro un telone sostenuto da Stanlio. Nel gran finale, Ollio fa apparire una torta e ordina a Stanlio di prendere il tavolino per posarcela sopra; il grassone si avvia, ma inciampa su una buccia di banana e rovina per terra con la faccia sul dolce. Ollio mantiene il controllo e, annunciando la fine dei loro giochi, getta la torta in faccia al presentatore.

StatoModifica

Per molti anni si credette che tutte le parti a colori fossero andate perdute, mentre sono state invece riscoperte nel 1990 e restaurate.

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Cliff Edwards in Singin in the rain, su clarkspicks.com. URL consultato il 03-04-2010 (archiviato dall'url originale il 26 maggio 2010).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema