Apri il menu principale

I briganti italiani

film del 1961 diretto da Mario Camerini

TramaModifica

All'indomani dell'unificazione italiana un giovane caporale borbonico cerca di entrare nell'esercito piemontese ma viene arruolato da Sante Carbone, un brigante che sta preparando una rivolta contro il nuovo stato.

ProduzioneModifica

RipreseModifica

Il film venne girato nel 1961 in gran parte a Cerreto Sannita a Foci e Valloni, frazioni di Cerro al Volturno.

La sparatoria all'inizio fu girata nell'attuale piazza Roma, a Cerreto Sannita. Nella scena dove il brigante parla alla popolazione si nota il sagrato della Chiesa dell'ex monastero delle Clarisse mentre poco dopo, quando il brigante parte a cavallo verso la campagna, alcuni fabbri della vecchia fucina battono sul ferro all'angolo fra la piazza e via Telesina.

CriticaModifica

Morando Morandini in Stasera del 18 dicembre 1961 scrive: «Il risultato è quello di un racconto telefonato, piattamente illustrativo e che sarebbe decisamente moscio se qua e là non intervenisse ad agitarlo l'istrionismo compiaciuto di Vittorio Gassman».

BibliografiaModifica

  • ANCESCAO Sez. di Cerreto Sannita, Guida di Cerreto Sannita 2009, ANCESCAO, 2008.
  • Pro Loco Cerreto Sannita, Una passeggiata nella storia, Di Lauro, 2003.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema