Jean Peters

attrice statunitense
Jean Peters in un fotogramma del film Viva Zapata! (1952)

Jean Peters, nome d'arte di Elizabeth Jean Peters (Canton, 15 ottobre 1926Carlsbad, 13 ottobre 2000), è stata un'attrice statunitense.

BiografiaModifica

Nata in Ohio, crebbe in una famiglia di agricoltori. All'età di soli 10 anni perse suo padre quando sua sorella minore, Shirley, era appena in fasce; la madre, per sbarcare il lunario, aprì un campeggio nella loro fattoria. Studiò prima alla Università del Michigan e poi alla Università statale dell'Ohio. Mentre era studentessa in quest'ultimo istituto, un suo amico inviò una sua foto per il concorso di bellezza di Miss Ohio University che le permise di vincere un provino presso la Twentieth Century Fox grazie al quale fu lanciata nel mondo del cinema.

 
Jean Peters nel trailer del film Niagara (1953)

Accompagnata da sua madre a Hollywood, la ventenne Peters riuscì ad ottenere un contratto settennale con la major cinematografica, facendo il suo esordio nella pellicola d'avventura Il capitano di Castiglia (1947), al fianco di Tyrone Power. Il suo personaggio di amante spagnola focosa e ribelle fu un successo così clamoroso che segnò per diverso tempo la sua futura carriera, quando la Fox cercò di scritturarla per parti di donne ribelli e sensuali. Tuttavia, il lancio quale nuovo sex-symbol hollywoodiano poco si accordava con la religiosità dell'attrice, vicina al metodismo della sua terra di origine. Il suo senso di moralità fu così rigido da indurla a rifiutare la parte di protagonista femminile in Cielo giallo (1948), al fianco di Gregory Peck, che considerò troppo audace, e che dopo il suo rifiuto venne rilevato da Anne Baxter.

La Peters non sembrò prendere troppo sul serio la sua carriera cinematografica. Non le piaceva la folla, attori della Fox hanno ricordato che era molto seria riguardo alla sua carriera, Jeanne Crain ha raccontato che la Peters era "tutt'altro che una ragazza da festa".[1] Alcuni aneddoti narrano come cercasse sistematicamente di evitare le grandi star e che preferisse mangiare in compagnia delle troupe di ripresa. L'attore Audie Murphy affermò comunque di avere avuto una relazione con lei nel 1946.[2]

Peters, repubblicana, sostenne la campagna di Dwight Eisenhower durante le elezioni presidenziali del 1952.[3]. Nel 1953 venne preferita a Marilyn Monroe dal regista Samuel Fuller per il ruolo di protagonista femminile in Mano pericolosa (1953). Il regista la scelse poiché sosteneva che il suo sex-appeal più navigato e malizioso si addicesse meglio al personaggio da interpretare rispetto alla Monroe, considerata troppo ingenua. Nello stesso anno recitò comunque al fianco della Monroe in Niagara, per il quale fu chiamata a prendere il posto di Anne Baxter.

Sempre nel 1953, mentre si trovava a Roma per le riprese della commedia Tre soldi nella fontana (1954) di Jean Negulesco, conobbe il petroliere texano e presunto informatore della CIA Stuart Kramer III, che sposò il 29 maggio 1954[4] e dal quale si separò dopo appena 33 giorni di matrimonio. Nel 1955 recitò nel suo ultimo film intitolato A Man called Peter, per poi ritirarsi dalle scene cinematografiche. Ritornò a recitare sporadicamente dal 1973 in televisione. La sua ultima apparizione sul piccolo schermo risale al 1988 in un episodio de La signora in giallo.

Il rapporto con Howard HughesModifica

«La mia vita al fianco di Howard Hughes è stata e sarà sempre una questione sulla quale non ho nulla da dire»

Sulla sua celebre relazione con il grande produttore e regista Howard Hughes, di cui molto si è scritto e si è parlato, la stessa Peters non volle mai rivelare nulla.[5] Diverse fonti affermano che i due si conobbero per la prima volta a un party privato in occasione della festa del 4 luglio 1946. La loro relazione fu fin dall'inizio tormentata, e l'attrice cercò in ogni modo di evitare ogni forma di pubblicità. Subito dopo il fallito matrimonio con Stuart Kramer III, la Peters accettò la proposta di matrimonio di Hughes, che sposò nel gennaio del 1957. L'unione, che durò sino al 1971, sancì di fatto la fine della carriera cinematografica della Peters, la quale, secondo i desideri di Hughes, smise non solo di recitare ma abbandonò il mondo hollywoodiano, e persino le sue amicizie nate sul set, in favore di una vita blindata nel mondo privato di Hughes.[6][5] Per un certo periodo i due vissero in California, ma le manie e la gelosia di Hughes costrinsero la Peters a trasferirsi altrove, a Bel Air.

Nel 1971, Peters e Hughes divorziarono. Lui ha accettato il pagamento a vita per gli alimenti di $ 70.000 ($ 441.900 oggi), corretti per l'inflazione, e lei ha rinunciato a tutte le richieste di risarcimento alla proprietà di Hughes. Ha detto che sperava di evitare di essere conosciuta come "Mrs. Howard Hughes" per il resto della sua vita, pur sapendo che sarebbe stato difficile. "Sono una realista. So qual è il punteggio e so chi è la superstar".[5]

Più tardi nel 1971, Peters sposò Stan Hough, un dirigente della 20th Century Fox. Sono stati sposati fino alla morte di Hough nel 1990.

Morì di leucemia nel 2000, due giorni prima del suo 74º compleanno.

FilmografiaModifica

Doppiatrici italianeModifica

NoteModifica

  1. ^ The Des Moines Register, 25 gennaio 1970, p. 47
  2. ^ (EN) Kevin Starr, Embattled Dreams: California in War and Peace, 1940–1950, in Oxford University Press, 2003, pp. 200–201, ISBN 0-19-516897-6.
  3. ^ Motion Picture and Television Magazine, novembre 1952, p. 34, Ideal Publishers
  4. ^ (EN) Todd McCarthy, Howard Hawks: The Grey Fox of Hollywood, in Grove Press, 2000, p. 659, ISBN 978-0-8021-3740-1.
  5. ^ a b c "Jean Peters asserts Hughes secret safe", The Register-Guard, 6 dicembre 1972, p. 5A
  6. ^ "Mrs. Hughes: A Mysterious Figure", The Milwaukee Journal, 12 dicembre 1969, p. 10

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN17422477 · ISNI (EN0000 0001 0875 4286 · LCCN (ENno93037577 · GND (DE140892842 · BNF (FRcb140348711 (data) · BNE (ESXX977411 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no93037577