Jeff Chandler

attore statunitense
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il pugile statunitense, vedi Jeff Chandler (pugile).

Jeff Chandler, pseudonimo di Ira Grossel (Brooklyn, 15 dicembre 1918Los Angeles, 17 giugno 1961), è stato un attore statunitense.

Jeff Chandler nel gennaio 1958

BiografiaModifica

Nato da famiglia di origine ebraica, sua amica di infanzia e vicina di casa a Brooklyn fu Susan Hayward[senza fonte], anche lei futura star di Hollywood. Dopo il liceo, il giovane Ira Grossel seguì un corso di arte drammatica e iniziò a lavorare come attore in compagnie teatrali. Dopo aver prestato servizio militare come ufficiale durante la seconda guerra mondiale, recitò anche alla radio e la sua voce calda e virile divenne presto molto popolare grazie al radioromanzo della CBS Our Miss Brooks (1948-1957). All'apice della fama come attore, incise dischi di successo per la Liberty Records. Compositore e violinista, ebbe anche una sua casa editrice che pubblicava spartiti e canzoni, la Chandler Music.

Nel 1947 fu messo sotto contratto dalla Universal Pictures. Viso dai tratti somatici marcati, capelli precocemente brizzolati (fu chiamato "Big Grey"), alta statura (1,93 m), nella sua non lunga carriera (in tutto 48 film) interpretò per lo più personaggi d'azione dal carattere deciso: sceriffi, soldati, uomini della Frontiera e spesso indiani. Nel 1950 ottenne una candidatura all'Oscar al miglior attore non protagonista per il ruolo del fiero capo Apache Cochise nel film L'amante indiana, a fianco di James Stewart e Debra Paget, uno dei primi western a rileggere la figura degli indiani d'America e a sottolinearne il significato storico e la nobiltà di popolo. Chandler fu il primo attore a essere candidato all'Oscar per il ruolo di un indiano, e interpretò nuovamente il ruolo di Cochise in due sequel: Kociss, l'eroe indiano (1952) e Il figlio di Kociss (1954).

Chandler fu un divo di primo piano per tutti gli anni cinquanta, distinguendosi anche in melodrammi, come Delitto sulla spiaggia (1955), con Joan Crawford, Un solo grande amore (1957), per il quale ricevette un compenso di 200 000 dollari![senza fonte], Vento di passioni (1958), di Richard Wilson, con Eduardo De Filippo e Esther Williams (con la quale Chandler ebbe una relazione), Uno sconosciuto nella mia vita (1959) e Ritorno a Peyton Place (1961). Fu bravissimo anche in pellicole di genere bellico e western, come Il maggiore Brady (1954), La tragedia del Rio Grande (1958), Lampi nel sole (1959), Dieci secondi col diavolo (1959), di Robert Aldrich, con Martine Carol, e L'urlo della battaglia (1962), di Samuel Fuller, un film di guerra crudo e realistico, arrivato sugli schermi l'anno successivo alla morte di Chandler: fu il suo ultimo lavoro e la sua migliore interpretazione.

Vita privataModifica

Nel 1946 sposò Marjorie Hoshelle dalla quale ebbe due figlie, Jamie e Dana.

MorteModifica

Nel maggio del 1961, dopo un infortunio alla schiena avvenuto durante le riprese di L'urlo della battaglia di Samuel Fuller, Chandler fu sottoposto a un intervento chirurgico all'ernia del disco durante il quale fu danneggiata un'arteria; i medici effettuarono ripetute trasfusioni di sangue e altri due interventi, ma l'attore morì a 42 anni. La sua vicenda fu un caso di malasanità, che ebbe vasta eco negli Stati Uniti e si concluse con il risarcimento alle figlie di Chandler.

FilmografiaModifica

DoppiaggioModifica

Doppiatori italianiModifica

Jeff Chandler è stato doppiato prevalentemente da Emilio Cigoli che gli ha prestato la voce in: Spada nel deserto, Il deportato, L'amante indiana, Due bandiere all'ovest, L'uccello di Paradiso, Hong Kong, L'uomo di ferro, Jeff, lo sceicco ribelle, Kociss, l'eroe indiano, L'autocolonna rossa, Il pirata yankee, Perdonami, se mi ami, Bill West fratello degli indiani, Ad est di Sumatra, Il maggiore Brady, Il figlio di Kociss, Yankee Pascià, Il re dei barbari, Orgoglio di razza, Delitto sulla spiaggia, I pionieri dell'Alaska, Il tigrotto, Scialuppe a mare, I pilastri del cielo, Il vestito strappato, Un solo grande amore, La tragedia del Rio Grande, La signora prende il volo, Vento di passioni, Uno sconosciuto nella mia vita, Lampi nel sole, I ribelli del Kansas, Ritorno a Peyton Place, L'urlo della battaglia

Cambia voce nei film di produzione United Artists: in Drango e Dieci secondi col diavolo è infatti doppiato da Gualtiero De Angelis.

RiconoscimentiModifica

Premi Oscar 1951 - Candidatura come migliore attore non protagonista per L'amante indiana (Broken Arrow) di Delmer Daves.

BibliografiaModifica

  • (EN) Ray Stuart Immortals of the Screen, Bonanza Books, New York 1965

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN54335430 · ISNI (EN0000 0001 0814 6600 · Europeana agent/base/151738 · LCCN (ENno93037739 · GND (DE119301032 · BNF (FRcb13930804b (data) · BNE (ESXX1398855 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no93037739