Apri il menu principale
航空自衛隊
Kōkū Jieitai
Forze di Autodifesa Aeree
JASDF emblem.svg
Descrizione generale
Attiva1º Luglio 1954 - oggi[1]
NazioneGiappone Giappone
Servizioaeronautica militare
Dimensione50 324 effettivi (2017)[2]
805 aeromobili di cui 380 caccia (2017)[2]
Sito internethttp://www.mod.go.jp/asdf/English_page/
Parte di
Comandanti
GeneraleYoshinari Marumo (2017)[3]
Simboli
CoccardaRoundel of Japan.svg Roundel of Japan – Low Visibility.svg
BandieraFlag of the Japan Air Self-Defense Force.svg
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

La Kōkū Jieitai (航空自衛隊?)(in italiano: Forze di Autodifesa Aeree), internazionalmente conosciuta anche nella sua dizione inglese Japan Air Self-Defense Force ed abbreviata JASDF, è l'attuale aeronautica militare del Giappone e parte integrante delle forze armate giapponesi.

Dopo la conclusione della seconda guerra mondiale ed il trattato di pace che impediva al Giappone di ricostituire delle forze armate a scopi offensivi, venne creata come servizio a sé stante, mentre nel passato il Giappone non aveva mai avuto un'arma aerea indipendente. Infatti, fino al 1945, i gruppi di volo dipendevano dall'esercito o dalla marina.

Due F-15J della JASDF al decollo in formazione.
RF-4E giapponesi alla base aerea di Yokota.
Mitsubishi F-2 alla base aerea di Hamamatsu.
Un C-130H.
Un E-767 AWACS delle JASDF alla base aerea di Komaki.

StoriaModifica

Il Giappone non aveva una Aeronautica militare separata prima e durante la Seconda guerra mondiale. Le operazioni di aviazione furono eseguite dall'Dai-Nippon Teikoku Rikugun Kōkū Hombu e dall'Dai-Nippon Teikoku Kaigun Kōkū Hombu. Dopo la Seconda guerra mondiale, l'esercito e la Marina imperiale giapponese furono sciolti nel 1945. L'articolo 9 della Costituzione del Giappone del 1947, scritta dagli Stati Uniti, impediva al Giappone di avere un esercito regolare.

Il 1 ° luglio 1954, il Consiglio di sicurezza nazionale fu riorganizzato come Agenzia di difesa, e la Forza di sicurezza nazionale fu riorganizzata in seguito come Rikujō Jieitai (di fatto esercito giapponese postbellico), la Forza di sicurezza costiera fu riorganizzata come Kaijō Jieitai (di fatto la marina giapponese postbellica) e la Kōkū Jieitai (di fatto l'aeronautica giapponese del dopoguerra) è stata istituita come una nuova filiale della JSDF. Il generale Keizō Hayashi è stato nominato primo presidente del Consiglio dello staff congiunto, capo professionale delle tre filiali. La legislazione abilitante per questo era la legge sulle forze di autodifesa del 1954 (legge n. 165 del 1954).[4] [5][6]

La Far East Air Force, la US Air Force, annunciò il 6 gennaio 1955 che 85 aerei sarebbero stati consegnati alla nascente aeronautica giapponese il 15 gennaio circa, il primo equipaggiamento della nuova forza.[7]

Fino al 2015, alle donne è stato proibito di diventare piloti di aerei da caccia e da ricognizione. La prima pilota femminile di un F-15 si è unita ai ranghi, insieme ad altre tre donne pilota attualmente in addestramento, nel 2018.[8] Dal 2008, il numero di arrampicate per intercettare gli aerei cinesi è aumentato rapidamente. Nel 2010 ci furono scrambles contro 31 aerei cinesi e 193 aerei russi. Nel 2018 questo è aumentato a 638 aerei cinesi e 343 aerei russi. Le rotte di volo degli aerei cinesi si trovano principalmente nel Mar Cinese Orientale, intorno alle isole Ryūkyū e attraverso lo Stretto di Corea. La Russia effettua frequentemente voli in orbita attorno al Giappone con aerei militari.[9]

Il Ministero della difesa (Giappone) ha riferito nell'anno fiscale 2018 che c'erano 999 rimescolamenti di jet JASDF contro aeromobili non identificati principalmente cinesi e russi. Questa è la seconda più alta quantità di scramble dal JASDF dal 1958. 638 (64%) erano aerei cinesi e 343 (34%) erano aerei russi. Il 20 giugno 2019, due bombardieri russi (Tupolev Tu-95) hanno violato lo spazio aereo giapponese due volte nello stesso giorno.[10]


Aeromobili in usoModifica

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2018)[11]
Note Immagine
Aerei da combattimento
Mitsubishi F-2   Giappone cacciabombardiere
conversione operativa
F-2A
F-2B
61[11][12]
25[13][11][12]
Previsti 94, di cui 4 prototipi. Uno dei 26 F-2B in organico al dicembre 2018, è precipitato a febbraio 2019.[13]
McDonnell Douglas F-4 Phantom II   Stati Uniti cacciabombardiere
aereo da ricognizione
F-4EJ kai
RF-4EJ
30[14][15][11][16]
10[14][17][15][11][16]
140 F-4E e 14 RF-4E consegnati a partire dal 1972.[14][18] Nel 1984 fu varato il programma F-4EJ Kai (Kai sta per modificato) e 96 F-4EJ ricevettero il radar Doppler a impulsi AN/APG-66J (al posto dell'APQ-120), nuovo computer centrale, Head-Up Display Kaiser, IFF Hazeltine AN/APZ-79, sistema di navigazione inerziale Litton LN-39, nuovo complesso di allarme radar J/APR-6.[18][14] Anche l'RF-4EJ (RF-4EJ-Kai) venne aggiornato, anche se, date le differenti esigenze, il radar che era l'APQ-99, fu sostituito con l'APQ-172.[14][18]17 dei 29 F-4EJ non aggiornati furono trasformati in RF-4E-Kai, che mantenevano intatte le capacità di combattimento, e si distinguevano dai ricognitori originali perché non avevano la J nella denominazione come i ricognitori originali.[14][18][15][11][16]
McDonnell Douglas F-15 Eagle   Stati Uniti cacciabombardiere
conversione operativa
F-15J
F-15DJ
156[19][11][20][12]
45[19][11][20][12]
2 F-15J e 12 F-15DJ In parte costruiti negli Stati Uniti ed in parte assemblati in Giappone. Dei 213 aerei consegnati, all'ottobre 2019, restano in servizio 201 esemplari.[20][19] Ad ottobre 2019 è stato comunicato che 98 dei 156 F-15J monoposto saranno aggiornati (i 45 biposto operativi alla stessa data, F-15DJ, non sono inclusi nell'aggiornamento) con nuovo radar AESA APG-82(V), nuovo computer di missione ADCP II (Advanced Display Core Processor II) e il sistema per guerra elettronica (DEWS) AN/ALQ-239.[19][21][22]
Lockheed Martin F-35 Lightning II   Stati Uniti cacciabombardiere F-35A 12[23][24][25][26][11][27][28][11] 42 ordinati, con previsione di ordini per 105 esemplari, compresi una quarantina a decollo verticale che dovrebbero andare alla Marina.[27][11] I primi 4 F-35A prodotti a Fort Worth, saranno seguiti da ulteriori 38 che saranno assemblati su licenza dalla Mitsubishi a Nagoya.[29] Ad aprile 2019, uno dei 13 aerei in servizio è precipitato nel Pacifico.[25][26][24][23]
Aerei AEW ed AWACS
Grumman E-2 Hawkeye   Stati Uniti AWACS E-2C
E-2D
13[11][30]
1[31][32][33]
4 E-2D Advanced Hawkeye ordinati che saranno consegnati a partire dal 2019.[34][35][36][30][33] 13 E-2C consegnati ed in servizio al gennaio 2018.[36][30][37] A maggio 2019 risulta consegnato il primo E-2D.[32][33] L'annuncio del 12 ottobre 2018 per l'acquisizione di ulteriori 9 E-2D dagli Stati Uniti oltre ai 4 già ordinati, è stato formalizzato a settembre 2019.[31][38][33]
Boeing E-767   Stati Uniti AWACS E-767 4[11][30][36] 4 consegnati e tutti in servizio al novembre 2017.[30]
Aerei per impieghi speciali
Kawasaki EC-1   Giappone aeromobile per la guerra elettronica
aereo test
EC-1B
C-1FTB
1[11][39]
1
NAMC YS-11   Giappone aeromobile per la guerra elettronica
ELINT
YS-11EA
YS-11EB
4[11][39][36]
NAMC YS-11FC   Giappone Ispezioni di volo YS-11FC 1
British Aerospace BAe 125   Regno Unito Ispezioni di volo
Ricerca e soccorso
U-125
U-125A
3
27[11][40]
Aerei per rifornimento in volo
Boeing KC-767   Stati Uniti Rifornimento in volo KC-767J 4[11][41] 4 ordinati e tutti in servizio al dicembre 2018.[41]
Lockheed KC-130 Hercules   Stati Uniti Rifornimento in volo KC-130H 1[11]
Boeing KC-46 Pegasus   Stati Uniti Rifornimento in volo KC-46J 0 Previsione di acquisto per 4 esemplari, il primo dei ordinato a dicembre 2017 ed il secondo al dicembre 2018.[41][42][43][44][45]
Aerei da addestramento
Kawasaki T-4   Giappone aereo da addestramento avanzato T-4 201[11]
Fuji T-7   Giappone aereo da addestramento basico T-7 49[46][11] 49 esemplari consegnati a partire dal 2003.[46]
Beechjet 400   Stati Uniti aereo da addestramento T-400 13[11]
NAMC YS-11NT   Giappone addestramento alla navigazione YS-11NT 2[11]  
Aerei da trasporto
Kawasaki C-2   Giappone aereo da trasporto C-2A 6[11][47][48][49] 5 aerei in servizio al febbraio 2018.[47][48][49] Ordinati 30 esemplari.[50]
Boeing 747   Stati Uniti aereo da trasporto VIP 747-400 (Japanese Air Force One/Two) 2
Boeing 777   Stati Uniti aereo da trasporto VIP 777-300ER 1[51] 2 Boeing 777-300ER ordinati nel 2014 e consegnati entro fine 2018, che andranno a sostituire entro il 2020 i due Boeing 747 utilizzati per il trasporto presidenziale.[51]
Gulfstream IV   Stati Uniti aereo da trasporto VIP U-4 5[11]
Kawasaki C-1   Giappone aereo da trasporto tattico C-1A 17[11]
Lockheed C-130 Hercules   Stati Uniti aereo da trasporto tattico C-130H 14[11]
NAMC YS-11   Giappone aereo da trasporto YS-11P 1[11]
Textron Citation 680A   Stati Uniti Ispezioni di volo (indeciso) 0 2 ordinati 2017.[52]
Elicotteri
Mitsubishi UH-60J   Stati Uniti SAR UH-60J 36[40] 3 UH-60J furono costruiti negli Stati Uniti. I restanti UH-60J furono invece assemblati dalla Mitsubishi. Un esemplare è andato distrutto il 17 ottobre 2017.[40]
Boeing CH-47 Chinook   Stati Uniti elicottero da trasporto CH-47J 17[11] Costruiti dalla Kawasaki.
Aeromobili a pilotaggio remoto
Northrop Grumman RQ-4 Global Hawk   Stati Uniti UAV RQ-4 Block 30i 0 3 RQ-4 Block 30i ordinati il 19 ottobre 2018, con consegne entro il 2022.[53]

Aeromobili ritiratiModifica

Aeromobili futuriModifica

NoteModifica

  1. ^ "JAPAN AIR SELF-DEFENCE FORCE", su aviation-report.com, 6 dicembre 2016, URL consultato il 14 marzo 2017.
  2. ^ a b "TOP 12 MOST INTERESTING AIR FORCES AROUND THE WORLD", su defenceaviation.com, 21 febbraio 2017, URL consultato il 19 marzo 2017.
  3. ^ (EN) Teleconference between General Marumo, CoS, Koku-Jieitai, and USAF leadership (PDF), su mod.go.jp, p. 1. URL consultato il 28 dicembre 2017.
  4. ^ Japan Self-Defense Force | Defending Japan, Defendingjapan.wordpress.com. URL consultato il 3 agosto 2014.
  5. ^ Tomohisa Takei, Japan Maritime Self Defense Force in the New Maritime Era (PDF), in Hatou, vol. 34, Hatou, 2008, p. 3 (archiviato dall'url originale il 15 dicembre 2018).
  6. ^ (JA) 武居智久, 海洋新時代における海上自衛隊 [Japan Maritime Self Defense Force in the New Maritime Era] (PDF), in 波涛, vol. 34, 波涛編集委員会, 2008, p. 5 (archiviato dall'url originale il 15 dicembre 2018).
  7. ^ Associated Press, "Jap Air Force Will Get 85 U. S. Planes", Pittsburgh Post-Gazette (Pittsburgh, Pennsylvania), 7 January 1955, Volume 28, Number 137, page 2.
  8. ^ (EN) First Japanese woman to fly fighter jet, in BBC News, 24 agosto 2018. URL consultato il 24 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2018).
  9. ^ Airspace Surrounding Japan, Japan Ministry of Defense, 26 agosto 2018. URL consultato il 28 ottobre 2019 (archiviato il 26 agosto 2018).
  10. ^ (EN) Russian bombers violated Japan’s airspace twice in one day, defense ministry says, in Stars and Stripes, 21 giugno 2019. URL consultato il 23 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2019).
  11. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab (EN) World Air Force 2019 (PDF), su Flightglobal.com, p. 19. URL consultato il 30 dicembre 2018.
  12. ^ a b c d Subscription Plans[collegamento interrotto].
  13. ^ a b "JASDF F-2 FIGHTER CRASHES INTO SEA OF JAPAN", su janes.com, 20 febbraio 2019, URL consultato il 20 febbraio 2019.
  14. ^ a b c d e f "I Phantom II del Sol Levante" - "Aeronautica & Difesa" N. 391 - 05/2019 pp. 42-45
  15. ^ a b c "MCDONNELL DOUGLAS F-4 PHANTOM II: L'EPICA STORIA DI UN VERO MULTIRUOLO", su difesaonline.it, 3 novembre 2018.
  16. ^ a b c "Gli ultimi Phantom II" - "Aeronautica & Difesa" N. 369 - 07/2017 pag. 9
  17. ^ "JAPAN PLANS TO DECOMMISSION ITS ONLY TACTICAL RECONNAISSANCE SQUADRON", su stripes.com, 7 gennaio 2019, URL consultato il 25 gennaio 2019.
  18. ^ a b c d "Samurai Phantoms, ovvero gli F-4 del Giappone" - "Aeronautica & Difesa" N. 372 - 10/2017 pp. 50-53
  19. ^ a b c d "US APPROVES UPGRADE FOR JAPANESE EAGLES", su janes.com, 30 ottobre 2019, URL consultato il 30 ottobre 2019.
  20. ^ a b c "IL GIAPPONE AGGIORNA GLI F-15J", su portaledifesa.it, 10 dicembre 2018, URL consultato il 10 dicembre 2018.
  21. ^ "VIA ALLA MODERNIZZAZIONE DEGLI F-15J", su portaledifesa.it, 30 ottobre 2019, URL consultato il 30 ottobre 2019.
  22. ^ "U.S. STATE DEPARTMENT APPROVES SALE OF UPGRADE PACKAGE TO TRANSFORM JAPANESE F-15 FIGHTERS", su defence-blog.com, 30 ottobre 2019, URL consultato il 30 ottobre 2019.
  23. ^ a b "Alla ricerca del caccia perduto" - "Aeronautica & Difesa" N. 392 - 06/2019 pp. 48-50
  24. ^ a b "PIECE OF F-35A JET'S TAIL RECOVERED FROM PACIFIC, PILOT MISSING: JAPAN’S DEFENCE CHIEF", su defenceworld.net, 10 aprile 2019, URL consultato il 10 aprile 2019.
  25. ^ a b "F-35A GIAPPONESE SCOMPARSO DAI RADAR", su aviation-report.com, 9 aprile 2018, URL consultato il 9 aprile 2019.
  26. ^ a b "JAPANESE F-35 FIGHTER REPORTELDLY CRASHES DURING ROUTINE TRAINING FLIGHT", su defence-blog.com, 9 aprile 2019, URL consultato il 10 aprile 2019.
  27. ^ a b "ALTRI 105 F-35 PER IL GIAPPONE", su portaledifesa.it, 18 dicembre 2018, URL consultato il 19 dicembre 2018.
  28. ^ "JAPAN DEPLOYS SECOND F-35A TO MISAWA AIR BASE" Archiviato il 18 maggio 2018 in Internet Archive., su janes.com, 18 maggio 2018, URL consultato il 18 maggio 2018.
  29. ^ "Opportunità per l'F-35 nel Sud-est Asiatico?" - "Aeronautica & Difesa" N. 354 - 04/2016 pag. 21.
  30. ^ a b c d e "FIRST E-2D FOR JAPAN MAKES MAIDEN FLIGH", su janes.com, 16 novembre 2017, URL consultato il 16 novembre 2017.
  31. ^ a b "NORTHROP GRUMMAN GETS $1,3 BILLION JAPANESE E-2D CONTRACT MODIFICATION", su defence-blog.com, 27 settembre 2019, URL consultato il 30 settembre 2019.
  32. ^ a b "JAPAN RECEIVED FIRST E-2D ADVANCED HAWKEYE AIRCRAFT", su defence-blog.com, 31 maggio 2019, URL consultato il 31 maggio 2019.
  33. ^ a b c d "JAPAN RECEIVED FIRST E-2D ADVANCED HAWKEYE AEW&C AIRCRAFT", su janes.com, 31 maggio 2019, URL consultato il 1 giugno 2019.
  34. ^ "E-2D per il Giappone" - "Rivista italiana difesa" N. 10 - 10/2018 pag. 14
  35. ^ "Altri E-2D Hawkeye per il Giappone" - "Aeronautica & Difesa" N. 386 - 12/2018 pag. 75
  36. ^ a b c d "Primo E-2D Advanced Hawkeye giapponese" - "Aeronautica & Difesa" N. 375 - 01/2018 pag. 71
  37. ^ "Il Giappone ordina l'E-2D Advanced Hawkeye" - "Aeronautica & Difesa" N. 351 - 01/2016 pag. 79.
  38. ^ "JAPAN TO BUY NINE MORE E-2D AIRCRAFT FROM THE UNITED STATES", su janes.com, 12 ottobre 2018, URL consultato il 12 ottobre 2018.
  39. ^ a b "VIA AI TEST DEL NUOVO VELIVOLO ELINT GIAPPONESE", su portaledifesa.it, 21 febbraio 2018, URL consultato il 21 febbraio 2018.
  40. ^ a b c "FOUR JASDF PERSONNEL MISSING FOLLOWING UH-60J HELO CRASH OFF COAST OF SHIZUOKA PREFECTURE" Archiviato il 18 ottobre 2017 in Internet Archive., su janes.com, 18 ottobre 2017, URL consultato il 18 ottobre 2017.
  41. ^ a b c "JAPAN SIGNS FOR SECOND KC-46A TANKER", su janes.com, 7 dicembre 2018, URL consultato il 10 dicembre 2018.
  42. ^ "CONSEGNE DAL 2020 PER I NUOVI TANKER GIAPPONESI", su analisidifesa.it, 25 marzo 2018, URL consultato il 29 marzo 2018.
  43. ^ "Giappone. L'Air Self-Defence Force ordina tre KC-46A" - "Aeronautica & Difesa" N. 376 - 02/2018 pag. 74
  44. ^ "BOEING SCORES BIG WITH F-15, KC-46 CONTRACTS WITH FOREIGN MILITARIES", su defensenews.com, 23 dicembre 2017, URL consultato il 25 dicembre 2017.
  45. ^ "JAPAN SIGNS FOR KC-46A TANKER" Archiviato il 28 dicembre 2017 in Internet Archive., su janes.com, 27 dicembre 2017, URL consultato il 27 dicembre 2017.
  46. ^ a b "FUJI T-7", su avionslegendaires.net, 2 aprile 2019, URL consultato il 9 aprile 2019.
  47. ^ a b "Il budget della Difesa giapponese" - "Rivista italiana difesa" N. 2 - 02/2018 pp. 76-77
  48. ^ a b "JAPAN POSITION C-2 TRANSPORT AIRCRAFT FOR EXPORTS" Archiviato il 9 ottobre 2017 in Internet Archive., su janes.com, 9 ottobre 2017, URL consultato il 9 ottobre 2017.
  49. ^ a b "JASDF DEPLOYS C-2 TRANSPORTS TO MIHO AIR BASE" Archiviato il 7 aprile 2017 in Internet Archive., su janes.com, 3 aprile 2017, URL consultato il 8 aprile 2017.
  50. ^ "L'aereo cargo giapponese Kawasaki C-2 è appena stato dichiarato operativo" - "Aeronautica & Difesa" N. 366 - 4/2017 pag. 77
  51. ^ a b "JAPAN RECEIVES NEW AIR FORCE ONE", su ainonline.com, 22 agosto 2018, URL consultato il 25 agosto 2018.
  52. ^ "Defense Programs and Budget of Japan" 12/2016 pag.13, Ministero della Difesa.
  53. ^ "JAPAN SIGNS FOR THREE GLOBAL HAWK UAVs", su janes.com, 20 novembre 2018, URL consultato il 20 novembre 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN136054531 · ISNI (EN0000 0000 9271 9266 · LCCN (ENn81110814 · NDL (ENJA00277318 · WorldCat Identities (ENn81-110814