Lockheed Martin F-35 Lightning II

aereo caccia multiruolo prodotto dalla azienda Lockheed Martin con la partecipazione di Northrop Grumman, Pratt & Whitney e BAE Systems Di quinta generazione
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "F35" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi F35 (disambigua).

Il Lockheed Martin F-35 Lightning II, o Joint Strike Fighter-F35, è un caccia multiruolo monoposto di 5ª generazione, a singolo propulsore, con ala trapezoidale e caratteristiche stealth. Le sue capacità multiruolo lo rendono utilizzabile per compiti di supporto aereo ravvicinato, bombardamento tattico e missioni di supremazia aerea.[16]

Lockheed Martin F-35 Lightning II
U.S. Air Force pilot navigates an F-35A Lightning II aircraft assigned to the 58th Fighter Squadron, 33rd Fighter Wing into position to refuel with a KC-135 Stratotanker assigned to the 336th Air Refueling 130516-F-XL333-390.jpg
Un F-35A Lightning II, in forza al 58th Fighter Squadron dell'USAF, impegnato in operazioni di rifornimento in volo
Descrizione
TipoCaccia multiruolo stealth
Equipaggio1 pilota
CostruttoreStati Uniti Lockheed Martin

Regno Unito BAE Systems Tier I
Italia Leonardo (dal 2017, in precedenza Finmeccanica) Tier II & FACO

Data di accettazione10 maggio 2011[1]
Data primo volo15 dicembre 2006
Data entrata in servizioLuglio 2015 con i Marines; 2017 con l'AMI
Utilizzatore principaleStati Uniti US Air Force
Stati Uniti US Navy
Stati Uniti US Marine Corps
Altri utilizzatoriRegno Unito RAF
Italia Aeronautica Militare
Italia Marina Militare
Paesi Bassi KLU
altri
Esemplari700 (settembre 2021)[2][3][4][5][6][7][8][9]
Costo unitarioUS$ 82,4 milioni F35A

US$ 108 milioni F35B

US$ 103,1 milioni F35C

[Lotto 12] [4],

Sviluppato dalLockheed Martin X-35
Altre variantiF-35B (STOVL)
F-35C (CATOBAR)
Dimensioni e pesi
F-35A three-view.PNG
Tavole prospettiche
Lunghezza15,67 m (51,4 ft)
Apertura alare10,70 m (35 ft)
Altezza4,33 m (14,2 ft)
Superficie alare42,7  (460 ft²)
Peso a vuoto13 000 kg
Peso carico22 470 kg
Peso max al decollo31 800 kg
Capacità combustibile8 382 kg (18 480 lb)
Propulsione
Motore1 Pratt & Whitney F135-PW-100 con postbruciatore
Spinta191 kN (con postbruciatore)
Prestazioni
Velocità max1.6 Mach 1 962 km/h
Autonomia2220 km
Raggio di azione1 080 km
Tangenza18 288 m
Armamento
Cannoni1 GAU-12 nella versione A, 1 GAU-22A in Gunpod per le versioni B e C
Bombecaduta libera:
Mk 83
Mk 82
Mk 84

a grappolo:
Mk.20 Rockeye II
a guida laser:
serie Paveway
a guida GPS:
GBU-39 Small Diameter Bomb
JDAM
nucleari:
B61

Missiliaria-aria:
AIM-120 AMRAAM
AIM-132 ASRAAM
AIM-9X Sidewinder
IRIS-T
MBDA Meteor

aria-superficie:
AGM-154 JSOW
AGM-158 JASSM
Storm Shadow
Brimstone
anti-nave:
Joint Strike Missile

Piloni6 subalari
4 nelle stive
NoteI dati riportati sono riferiti alla versione F-35A

Lockheed Martin[10][11][12]
F-35 Program brief[10][13]
F-35 JSF Statistics[14]
F-35 Program Status[15]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'aereo viene anche definito in ambito militare come omni-ruolo data la capacità di svolgere contemporaneamente, senza tornare alle base per modificare il suo assetto, differenti attività operative.[17][18]

Battendo il Boeing X-32, è diventato il vincitore della gara per il programma JSF (Joint Strike Fighter) per la ricerca di un aereo che potesse sostituire diversi modelli dell'USAF, dell'US Navy e dei USMC (Marines). Inizialmente era previsto che circa l'80% delle parti fosse in comune fra le diverse versioni, ma poi, con l'evolversi del progetto, non si è potuto raggiungere più del 25/27%, sebbene l'elettronica di bordo e una parte del software saranno molto simili tra loro.

Esistono tre versioni dell'F-35: una variante a decollo e atterraggio convenzionale (F-35A - Conventional Take Off and Landing), una variante a decollo corto e atterraggio verticale, per poter operare da portaerei di dimensioni ridotte come la portaerei italiana Cavour (F-35B Short Take Off And Vertical Landing), e una variante per l'uso su portaerei convenzionali dotate di catapulte (F-35C - Catapult Assisted Take Off But Arrested Recovery)[19].

Storia del progettoModifica

L'F-35 è il risultato del programma Joint Strike Fighter (JSF), la sintesi di svariati progetti di aerei da combattimento andanti dal 1980 al 1990. Uno degli antenati del progetto fu il programma Advanced Short Take-Off/Vertical Landing (ASTOVL, in italiano: Decollo avanzato su pista corta con atterraggio verticale) promosso dalla DARPA, il quale decorse dal 1983 fino al 1984. L'ASTOVL mirava a sviluppare un rimpiazzo per gli Harrier dell'USMC (United States Marine Corps) e della Royal Navy inglese. Sotto uno dei progetti segreti dell'ASTOVL, il Supersonic STOVL Fighter (SSF, in italiano: Caccia Supersonico STOVL), la Lockheed Skunk Works promosse la ricerca per un velivolo d'attacco stealth, supersonico e STOVL, mirato sia all'aeronautica statunitense (USAF) che all'USMC. Una componente tecnologica chiave presa in considerazione fu il sistema della ventola di sollevamento ad albero condotto (SDLF, shaft-driven lift fan). Il prototipo della Lockheed era un aereo a un solo motore dotato di alette canard a forma di delta di circa 11,000 kg scarico. Nel 1993 l'ASTOVL fu ribattezzato Common Affordable Lightweight Fighter (CALF, in italiano: Caccia Leggero Comune Economico) e portò a bordo la Lockheed, la McConnell Douglas e la Boeing.[20][21]

Nel 1993, soggiunse il progetto Joint Advanced Strike Technology (JAST, in italiano: Programma Congiunto Tecnologia Avanzata di Assalto) in seguito all'annullamento dei programmi Advanced Fighter-Attack (A/F-X, in italiano: Aereo d'Assalto d'Avanguardia) MRF (Multi-Role Fighter, in italiano: Caccia Multi-Ruolo) dell'USAF e della marina statunitense. L'MRF, un progetto per un rimpiazzo a buon mercato dell'F-16 venne ridimensionato e rinviato a causa del cambiamento nell'assetto difensivo in seguito alla Guerra Fredda, con una diminuzione nell'impiego della flottiglia di F-16 con conseguente allungamento della sua vita utile, accompagnato ad un aumento della pressione fiscale sul progetto F-22. L'A/F-X, inizialmente conosciuto come Advanced-Attack (A-X), nacque nel 1991 come successore del progetto Advanced Tactical Aircraft (ATA, in italiano: Aereo Tattico d'Avanguardia) della USN (United States Navy) per sostituire l'A-6. Il risultante A-12 Avenger II venne dismesso nel 1991 a causa di problemi tecnici e sforamenti dei fondi allocati. Nello stesso anno, la fine del piano Naval Advanced Tactical Fighter (NATF, in italiano: Caccia Tattico Avanzato Navale), un derivato del progetto Advanced Tactical Fighter (ATF) atto a sostituire l'F-14, condusse ad un aumento delle abilità del caccia A-X, successivamente rinominato A/F-X. Trovandosi alle prese con una pressione fiscale molto alta, la Bottom-Up Review (BUR) del Dipartimento della Difesa nel 1993 annunciò la soppressione dei progetti MRF e A/F-X, e le conoscenze applicabili vennero trasferite al progetto JAST.[21] Il JAST non doveva sviluppare un nuovo aereo, quanto nuovi requisiti, tecnologie ormai mature e dimostrare nuove idee per il combattimento di precisione avanzato.[22]

Man mano che il JAST faceva progressi, nel 1996 emerse il bisogno per un aereo dimostrativo, il che avrebbe coinciso con la fase di dimostrazione aerea su larga scala dell'ASTOVL/CALF. Poiché il progetto sembrava essere in linea con gli obiettivi del JAST, i due programmi vennero eventualmente fusi nel 1994 sotto il nome del JAST, e il progetto ora era in servizio dell'USAF, USMC, e USN.[22] Da JAST si passò a Joint Strike Fighter (JSF) nel 1995, con le proposte STOVL avanzate dalla McDonnell Douglas, Northrop Grumman, Lockheed Martin[23] e Boeing. Si preumeva che, ad un certo punto, il JSF avrebbe rimpiazzato un gran numero di aerei multi-ruolo e d'attacco al suolo nelle mani degli Stati Uniti e dei suoi alleati, includendo l'Harrier, l'F-16, l'F/A-18, l'A-10 e l'F-117.[24]

La partecipazione internazionale fu un aspetto chiave del JSF, partendo dall'adesione del Regno Unito nel progetto ASTOVL. Molti partner internazionali che avevano bisogno di rimodernizzare le loro aeronautiche erano perciò interessati nel JSF. Nel 1995 il Regno Unito entrò nel JAST/JSF come membro fondatore e divenne dunque l'unico partner Tier 1 del progetto.[25] L'Italia, i Paesi Bassi, la Danimarca, la Norvegia, il Canada, l'Australia, e la Turchia affermarono la loro presenza durante la Fase Dimostrativa del Progetto (CDP, Concept Demonstration Phase), con Italia e Danimarca diventando partner Tier 2, mentre il resto divenne Tier 3. Successivamente, l'aereo venne creato in cooperazione con partner internazionali aperti all'esportazione.[26]

Concorrenza al JSFModifica

Boeing e Lockheed Martin vennero scelti all'inizio del 1997 per il CDP, con i loro X-32 e X-35; la squadra McDonnell Douglas venne eliminata, e la Northrop Grumann e la British Aerospace entrarono a far parte del team Lockheed Martin. Ciascuna azienda avrebbe prodotto due velivoli aerei prototipo per comprovare decollo e atterraggio convenzionali (CTOL, Conventional Takeoff and Landing), decollo e atterraggio da portaerei (CV in inglese), e la funzionalità STOVL.[27] Il design della Lockheed Martin si fece forte del lavoro svolto sull'SDLF sotto il programma ASTOVL/CALF. La caratteristica chiave dell'X-35 che permetteva l'operatività STOVL era il sistema SDLF, che consiste nella presenza della ventola di sollevamento nella parte centrale della fusoliera, la quale poteva essere attivata mediante un innesto che connette il semiasse alla turbina, aumentando di fatto la spinta ottenuta dall'ugello di scarico girevole. La ricerca sugli aerei precedenti, che incorporava sistemi simili, come il Convair Model 200[28], il Rockwell SFV-12 e lo Yakolev Yak-141, venne presa in considerazione.[29][30][31] Per contro, l'X-32 della Boeing utilizzava un sistema diretto di sollevamento al quale la turboventola sarebbe stata poi riconfigurata nella modalità STOVL.

La strategia di comunanza della Lockheed Martin era quella di rimpiazzare l'SDLF della versione STOVL con un serbatoio, e l'ugello di scarico girevole presente a poppa con un ugello a spinta vettoriale bi-dimensionale per la versione CTOL.[32] Ciò avrebbe permesso configurazioni aerodinamiche identiche per le versioni STOVL e CTOL, mentre la variante CV aveva un'ala più grande per diminuire la velocità d'atterraggio per il carrier recovery.[33] A causa delle caratteristiche aerodinamiche e dei requisiti di carrier recovery dovuti all'unione con il JAST, il design venne modificato per includere un timone convenzionale al contrario del design a forma di delta delle alette canard, originarie del progetto ASTOVL/CALF; è degno di nota che dalla configurazione con un timone convenzionale deriva un rischio decisamente inferiore per il carrier recovery rispetto alla configurazione delle alette canard dei modelli ASTOVL/CALF. Ciò permise un'ulteriore comunanza fra le tre varianti, obiettivo di grande importanza nella fase di design.[33] I prototipi della Lockheed Martin furono dunque l'X-35A per dimostrare le capacità CTOL, per poi essere convertito alla versione X-35B per lo STOVL e all'X-35C per dimostrare la compatibilità con il CV.[34]

 
X-35B nel 2001

Il primo X-35A volò il 24 ottobre 2000 e portò a termine voli di prova dimostrando le sue caratteristiche di volo subsoniche e supersoniche, maneggevolezza, portata, e prestazione di manovra.[35] Dopo 28 voli, il velivolo fu poi convertito nella variante X-35B per testare lo STOVL, includendo modifiche chiave come l'aggiunta del SDLF, il 3BSM (three-bearing swivel module, in italiano: Modulo di Rotazione Tri-direzionale) e condotti di controllo del rollio. L'X35-B dimostrò con successo il sistema SDLF attraverso l'esecuzione di una sospensione stabile in aria, di un atterraggio verticale e di un decollo corto in meno di 150 metri.[33][36] L'X-35C volò per la prima volta nel 16 dicembre del 2000 ed eseguì dei test di atterraggio su portaerei.[35]

Il 26 ottobre del 2001, la Lockheed Martin venne scelta come vincitrice e ottenne il contratto System Development and Demonstration (SDD, in italiano: Sviluppo e Dimostrazione Sistema); alla Pratt & Whitney venne poi assegnato un appalto in separata sede per lo sviluppo del motore dell'F135 per il JSF.[37] La denominazione F-35, la quale non è in linea con la numerazione standard del Dipartimento della Difesa, venne presumibilmente scelta sul luogo dal responsabile del programma, il Generale Maggiore Mike Hough; questa fu una sorpresa anche per la Lockheed Martin, che immaginava invece la designazione "F-24" per il JSF.[38]

Design e produzioneModifica

Man mano che il programma JSF progrediva nella fase SDD, il design del modello dimostratore X-35 venne modificato per creare l'F-35. La fusoliera frontale venne allungata di 13 centimetri per fare spazio all'avionica di missione, mentre gli stabilizzatori orizzontali vennero spostati di 5.1 centimetri a poppa per mantenere equilibrio e controllo. La parte della fusoliera si riempì con l'innalzamento di 2.5 centimetri della superficie superiore lungo la linea centrale, al fine di far spazio al vano armamenti. In seguito alla denominazione dei prototipi X-35, le tre varianti furono battezzate F-35A (CTOL), F-35B (STOVL), e F-35C (CV). L'appaltatore primario, la Lockheed Martin, conduce l'integrazione dei sistemi complessiva, assemblaggio e verifica finale (FACO, Final Assembly and Checkout), mentre la Northrop Grumman e la BAE Systems forniscono componenti per i sistemi di missione e per la cellula.[39][40]

L'aggiunta dei sistemi comportò un aumento del peso. L'F-35B fu il più colpito fra tutti, in primo luogo grazie ad una decisione presa nel 2003, che stabiliva l'ingrandimento del vano armamenti per aumentare la somiglianza fra modelli. L'incremento totale del peso avrebbe toccato i 1000 kg, più dell'8%, comportando dunque il mancato raggiungimento delle soglie di prestazione della funzionalità STOVL.[41] A dicembre del 2003, lo STOVL Weight Attack Team (SWAT, in italiano: Squadra Riduzione Peso STOVL) venne creato per ridurre l'aumento di peso, e tra le modifiche effettuate si annoverano: più spinta ai motori, assottigliamento delle componenti della cellula, vano armamenti e stabilizzatori verticali più piccoli, meno spinta ai condotti di rollio, re-design della giuntura alare, modifica alle parti elettroniche e della cellula subito a poppa dell'abitacolo.[42] Molti dei cambiamenti derivati dallo SWAT vennero applicati a tutte e tre le varianti, e per settembre del 2004, questi sforzi lavorativi avevano ridotto il peso dell' F-35B di oltre 1400 kg, mentre l'F-35A e l'F-35C persero rispettivamente 1100 e 860 kg.[33][43] Questo lavoro arrivò a costare 6.2 miliardi di dollari e causò un ritardo di 18 mesi.[44]

Il primo F-35A, codificato AA-1, venne presentato a Fort Worth, in Texas, il 19 febbraio del 2006, e volò per la prima volta il 15 dicembre dello stesso anno.[45][46] Sempre nel medesimo, l'F-35 prese il nome "Lightning II" da un aereo della Seconda Guerra Mondiale, il P-38 Lightning.[47] Qualche pilota USAF soprannominò l'aereo "Panther".[48]

Il software dell'aereo venne sviluppato e diviso in 6 rilasci per l'SDD, detti Blocks ("blocchi", letteralmente). I primi due Blocks, l'1A e l'1B, prepararono l'F-35 all'addestramento iniziale e fornirono sicurezza multilivello. Il Block 2A migliorò le capacità di addestramento, mentre il 2B fu il primo rilascio pronto al combattimento pianificato per la capacità operativa iniziale (IOC, Initial Operational Capability) dell'USMC. Il Block 3i pianificato per l'IOC dell'USAF mantiene le capacità del 2B, impiegando però hardware diverso. L'ultimo rilascio per l'SDD, il Block 3F, fornì un pieno inviluppo di volo e tutte le capacità di combattimento base. Accompagnati alle software release, ciascun aggiornamento include aggiornamenti per l'avionica di bordo e miglioramenti del veicolo aereo derivati dai voli effettuati e da test strutturali.[49] In quella che si chiama "co-occorrenza", qualche aereo appartenente alla produzione iniziale a bassa velocità (LRIP, in inglese: low rate initial production) vennero consegnati con dei Block più datati per poi essere eventualmente migliorati con il Block 3F non appena venne sviluppato.[50] Dopo 17000 ore di voli di prova, il volo finale per la fase SDD venne completato ad Aprile del 2018.[51] Proprio come l'F-22, l'F-35 fu soggetto ad attacchi cibernetici e a tentativi di furto delle componenti, appaiati a potenziali vulnerabilità nell'integrità della catena di fornitura.[52][53][54]

Vennero individuati numerosi e gravi problemi durante le prove: i primi modelli dell'F-35B dimostrarono crepature premature,[55] il gancio d'arresto dell'F-35C non era completamente affidabile, i serbatoi erano troppo vulnerabili ai fulmini, il display dell'elmetto presentava problemi, e via dicendo. Il software fu continuamente rinviato a causa del suo ambito mai visto prima d'allora e della sua complessità. Nel 2009, il Joint Estimate Team (JET, in italiano: Comitato Unito Preventivi) del Dipartimento della Difesa affermò che il progetto era indietro di 30 mesi rispetto alla tabella di marcia pubblicata.[56][57] Nel 2011, il programma venne "ri-definito". Ciò sta a significare che i suoi costi e i suoi scopi pianificati vennero modificati, spostando l'IOC dal 2010 al 2015.[58][59] La decisione di collaudare, sistemare i difetti, e dare il via alla produzione allo stesso tempo fu criticata per essere stata una mossa inefficace. Nel 2014, il Sottosegretario della Difesa per l'Acquisizione Frank Kendall la definì "negligenza d'acquisizione".[60] Le tre varianti condividevano solo il 25% delle componenti, percentuale di gran lunga inferiore al 70% previsto.[61] Il programma attirò critiche notevoli a causa dello sforamento dei costi e per il prezzo totale previsto per il mantenimento dell'aereo, e anche a causa della malagestione del controllo qualità da parte degli appaltatori.[62][63]

Il programma JSF sarebbe dovuto costare circa 200 miliardi di dollari per l'acquisizione nell'anno di riferimento (2002), quando l'SDD venne assegnato nel 2001.[64][65] Già agli inizi del 2005, il Government Accountability Office (GAO) aveva individuato dei rischi non indifferenti nel progetto e nella programmazione.[66] I costosi ritardi incrinarono i rapporti tra il Pentagono e gli appaltatori.[67] Per il 2017, tra ritardi e sforamenti, il programma di acquisizione dell'F-35 aveva gonfiato i prezzi fino 406.5 miliardi di dollari, con un costo complessivo della vita di servizio dell'aereo (cioè fino al 2070) ammontanti a 1.5 trilioni di dollari (valore dollaro calibrato su quell'annata) tra operazioni e mantenimento.[68][69][70] Il costo LRIP di un lotto di 13 F-35A arrivava a 79.2 milioni di dollari.[71] Ritardi nello sviluppo, nei test operativi e nella valutazione hanno respinto la produzione a pieno regime al 2023.[72][73]

Migliorie e sviluppi futuriModifica

La prima configurazione pronta al combattimento, la Block 2B, possedente abilità aria-aria e di attacco al suolo basilari, venne dichiarata pronta dall'USMC nel luglio del 2015.[74] La configurazione Block 3F iniziò test operativi e valutazione (OT&E, Operational Test and Evaluation) nel dicembre del 2018, e al completamento di essa si avrà la fine del SDD.[75] Il programma dell'F-35 sta anche conducendo la realizzazione di un piano di mantenimento e miglioramento; i primi aerei furono gradualmente aggiornati al Block 3F nel 2021.

L'F-35 verrà continuamente migliorato durante la sua vita operativa. Il primo pacchetto di aggiornamenti, chiamato Continuous Capability Development and Delivery (C2D2, in italiano: Sviluppo e Consegna Continui Funzionalità) iniziò nel 2019 e al momento la sua durata è pianificata fino al 2024. La priorità di sviluppo a breve termine del C2D2 è il Block 4, che integrerà armamenti aggiuntivi, includendo quelli esclusivi ai clienti internazionali, e intende anche aggiornare l'avionica, migliorare le capacità ESM (Electronic Support Measures, in italiano: Misure Supporto Elettronico) e aggiungere supporto per il Remotely Operated Video Enhanced Receiver (ROVER, in italiano: Ricevitore Video Avanzato Remoto).[76] Il C2D2 concentra ulteriormente l'attenzione su una metodologia agile per permettere rilasci più veloci.[77] Nel 2018, l'Air Force Life Cycle Management Centre (AFLCMC, in italiano: Centro Gestione Vita Utile Aeronautica) concesse dei contratti alla General Electric e alla Pratt & Whitney per sviluppare motori a ciclo adattivo più potenti ed efficaci per un potenziale impiego, sfruttando la ricerca fatta sotto il Programma di Transizione al Motore Adattivo (AETP, Adaptive Engine Transition Program). Nel 2022, il FAER, ovvero il programma di Sostituzione Motore Adattivo dell'F-35 (F-35 Adaptive Engine Replacement) venne avviato per integrare, per il 2028, motori a ciclo adattivo nell'aereo.[78][79]

Gli appaltatori della Difesa hanno offerto migliorie per l'F-35 anche fuori dai contratti ufficiali del progetto. Nel 2013, la Northrop Grumman divulgò lo sviluppo di una serie di contromisure a infrarossi, denominata Threat Nullification Defensive Resource (ThDNR, in italiano: Risorsa Difensiva Annullamento Pericoli). Il sistema di contromisure avrebbe condiviso lo stesso spazio dei sensori DAS (Distributed Aperture System, in italiano: Sistema Distribuito Diaframmi), ed ora agisce come disturbatore di missili a laser al fine di proteggere l'aereo contro missili con ricerca a infrarossi.[80]

Israele vuole più accesso all'avionica per includere il loro equipaggiamento.[81]

TecnicaModifica

CellulaModifica

 
L'F-35A viene trainato durante la sua cerimonia di inaugurazione il 7 luglio 2006

L'F-35 appare più piccolo e leggermente più tradizionale del bimotore F-22 Raptor. Il progetto del condotto di scarico si è ispirato al modello 200 della General Dynamics, un aereo VTOL del 1972 progettato per le Sea Control Ship. I progettisti della Lockheed hanno lavorato assieme al Yakovlev Design Bureau che progettò l'aereo Yakovlev Yak-141 "Freestyle" negli anni novanta[82][83]. La tecnologia stealth rende l'aereo difficile da individuare mentre si avvicina ai radar a corto raggio.

Rispetto alla generazione precedente, gli obiettivi di questo progetto sono di creare un velivolo:

  • con tecnologia stealth a bassa manutenzione e durevole;
  • con sistemi avionici integrati con i sensori per combinare le informazioni e aumentare la conoscenza del pilota sulla situazione circostante, l'identificazione e lo sgancio delle armi e l'invio veloce di informazioni ad altri nodi di controllo e comando;
  • con una rete interna ad alta velocità, tra cui l'IEEE 1394[84] e fibre ottiche[85].

MotoriModifica

Inizialmente erano stati sviluppati due diversi propulsori per l'F-35: il Pratt & Whitney F135 e il General Electric/Rolls-Royce F136, il secondo, nonostante le proteste di Rolls-Royce che comunque rimane responsabile per la costruzione/integrazione del gruppo trasmissione/ventola per la versione STOVL ad atterraggio verticale, è stato annullato.

 
Il Rolls-Royce LiftSystem in mostra al salone aeronautico di Parigi del 2007

Il sistema di decollo verticale, della versione STOVL (Short Take Off Vertical Landing) è composto dal motore, una turboventola a basso rapporto di diluizione con postbruciatore come su un normale aereo da combattimento, fornito di un ugello di coda dotato di un particolare meccanismo di rotazione che permette di orientare il flusso dei gas di scarico verso il basso, e da una ventola anteriore verticale a due stadi controrotanti, posta subito dietro l'abitacolo; quando questa viene innestata all'albero della turbina di bassa pressione del motore, attraverso un albero e un giunto di collegamento, trasforma il propulsore in una sorta di turboventola ad alto rapporto di diluizione a flussi separati ottenendo, grazie al miglior rendimento di questo tipo di propulsore, un surplus di spinta che viene utilizzato per il sostentamento verticale della parte anteriore e centrale del velivolo. Il controllo del rollio viene effettuato deviando aria pressurizzata, spillata dal compressore a bassa pressione, verso ugelli posti sotto le ali[86]. Il motore produce una spinta di 128,1 kN a secco e 191,3 kN (213,5 kN al decollo) con post-combustione inserita[87][88]; quando la ventola anteriore è innestata, la spinta a secco diventa di 80 kN dall'ugello di coda, 89 kN dalla ventola anteriore verticale e 8,7 kN da ciascuno dei due ugelli per il controllo laterale, per un totale di 186,4 kN[89].

Rispetto alla normale turboventola ad alto rapporto di diluizione a flussi separati utilizzata sull'Harrier, questo sistema di propulsione presenta il vantaggio che, una volta disinnestata la ventola anteriore, può essere utilizzato anche a velocità supersonica. Inoltre il raffreddamento aggiuntivo dei gas di scarico operato dal maggior lavoro, sottratto loro dalla turbina a bassa pressione per il funzionamento della ventola anteriore, diminuisce la quantità di aria ad alta velocità e a elevata temperatura che viene proiettata verso il basso durante il decollo, aria calda che può danneggiare i ponti delle portaerei e le piste di decollo.

Sistemi e impiantiModifica

AbitacoloModifica

 
Un modello di F-35 per i test nella galleria del vento nell'Arnold Engineering Development Center

L'F-35 possiede un display di tipo "panoramic cockpit display (PCD)" con dimensioni di 50 x 20 cm[90]. Un sistema di riconoscimento vocale permette di aumentare le capacità del pilota di interagire con il velivolo. L'F-35 sarà il primo aereo ad ala fissa operativo a usare questo sistema, anche se soluzioni simili sono state utilizzate nell'AV-8B e sperimentati in altri aerei, come l'F-16 VISTA[91].

Un sistema di visualizzazione sull'elmetto sarà integrato in tutti i modelli dell'F-35. Anche se alcuni caccia di quarta generazione (come lo svedese Saab JAS 39 Gripen) hanno questo sistema assieme a un visore a testa alta (HUD), l'F-35 sarà il primo caccia moderno a essere progettato senza dotazione di HUD[92].

Il pilota può manovrare l'aereo tramite un sidestick sul lato destro e una manetta per il controllo della spinta a sinistra[93].

In tutte le varianti dell'F-35 sarà impiegato il sedile US16E, costruito dalla Martin-Baker[94], che soddisfa i requisiti di prestazioni e impiega un sistema a doppia catapulta contenuto in binari laterali[95].

SensoriModifica

 
Il Sistema Integrato di Puntamento Elettro-Ottico (EOTS) sotto il muso di un modello dell'aereo

Il sensore principale è il radar APG-81, progettato dalla Northrop Grumman Electronic Systems[96]. Verrà integrato dal sistema elettro-ottico di puntamento, montato sotto il muso dell'aereo e progettato dalla Lockheed Martin e dalla BAE[97]. Lungo tutto l'aereo sono distribuiti ulteriori sensori elettro-ottici, come parte del sistema AN/AAS-37 che funge da sistema di allerta per il lancio di missili e può aiutare la navigazione e le operazioni notturne.

SoftwareModifica

il sistema software che gestirà l'aereo sarà costituito da 8,3 milioni di linee di codice e consentirà di gestire i controlli di volo, le funzionalità del radar, comunicazioni, navigazione, identificazione, gestire gli attacchi elettronici, integrare i dati dei sensori, dispiegare le armi. Il software dell'F22 raptor, primo aereo di quinta generazione, ha "solo" 2 milioni di righe di codice.

Lo sviluppo del software verrà effettuato tramite 6 release denominati block:

  • Block 1A / 1B. Il block 1 comprende il 78% delle 8,3 milioni di linee di codice sorgente richieste per la piena capacità militare. Il blocco 1A sarà la configurazione per il training di base, il blocco 1B fornirà i primi livelli di sicurezza.
  • Block 2A. Il block 2A comprende l'86% del codice previsto e consentirà fusione off-board, link dati, attacchi elettronici e definizione delle missioni.
  • Block 2B. Il block 2B comprende l'87% del codice previsto e fornirà le funzionalità iniziali di guerra.
  • Block 3i - il block 3i comprenderà l'89 per cento del codice previsto e fornirà le stesse capacità tattiche del blocco 2B. La principale differenza tra 2B e 3i è l'implementazione di nuovi hardware, in particolare il processore integrato di aggiornamento.
  • Block 3F. Il block 3F fornisce il 100 per cento del software richiesto per la completa capacità militare[98].

Sistemi d'armaModifica

 
Stiva delle armi di un modello dell'aereo

L'F-35 impiega un cannone a quattro canne GAU-22/A da 25 mm[99]. Il cannone è montato internamente con 180 colpi nella variante F-35A, mentre nelle altre varianti F-35B e C è disponibile in un pod esterno (stealth) con 220 colpi[100].

Nelle due stive interne possono essere inserite varie combinazioni di armamenti, come due missili aria-aria e due armi aria-terra (fino a due bombe da 910 kg - 2 000 lb nei modelli A e C; due bombe da 450 kg - 1 000 lb nel modello B)[101]. L'armamento impiegabile include missili AIM-120 AMRAAM, AIM-132 ASRAAM, il Joint Direct Attack Munition (JDAM) fino a 2 000 lb (910 kg), il Joint Standoff Weapon (JSOW), le bombe GBU-39 (un massimo di quattro in ogni stiva), i missili Brimstone, le munizioni a grappolo (WCMD) e i missili AARGM-ER, della Orbital ATK, che sono la versione con nuovo triplo sistema di guida, raggio d'azione raddoppiato e dimensioni compatibili con la stiva interna dell'F-35A e C, del precedente AGM-88 HARM. Il missile aria-aria MBDA Meteor è in fase di adattamento per essere alloggiato negli F-35. Originariamente il Regno Unito ha pianificato di posizionare internamente quattro missili AIM-132 ASRAAM, ma i piani sono stati modificati per caricare due missili ASRAAM internamente e altri due esternamente[102].

Possono essere agganciati altri missili, bombe e serbatoi di carburante ai quattro piloni alari e nelle due posizioni sulle punte delle ali, con lo svantaggio di rendere l'aereo più rilevabile dai radar. Sull'estremità delle ali possono essere inseriti solo missili di tipi AIM-9X Sidewinder, mentre i missili AIM-120 AMRAAM, Storm Shadow, AGM-158 JASSM e i serbatoi di carburante possono essere inseriti nei piloni alari. Impiegando le posizioni interne ed esterne potrebbe essere impiegata una configurazione aria-aria con oltre otto AIM-120 e due AIM-9, oppure una configurazione aria-terra con sei bombe da 2000 lb, due AIM-120 e due AIM-9[103]. Con la sua capacità di carico, l'F-35 può trasportare più armi aria-aria e aria-terra dei suoi predecessori[104].

Il velivolo potrà inoltre essere equipaggiato con bombe nucleari B61.

Partecipazione internazionale al progettoModifica

Oltre agli Stati Uniti, il principale cliente e finanziatore, hanno contribuito anche Regno Unito, Italia, Paesi Bassi, Canada, Turchia, Australia, Norvegia e Danimarca con un totale di 4 375 milioni di dollari nella fase di sviluppo. I costi totali sono stimati in più di 40 miliardi di dollari, coperti in gran parte dagli Stati Uniti, mentre l'acquisto dei 2 400 esemplari previsti è stimato in ulteriori 200 miliardi di dollari[105]. Le nove nazioni partner principali prevedono di acquistare più di 3 100 esemplari entro il 2035[106].

Ci sono tre livelli di partecipazione internazionale che riflettono l'impegno finanziario comune nel programma, la quantità di tecnologia trasferita e l'ordine con il quale le nazioni possono ottenere esemplari di produzione.
Il Regno Unito è l'unico partner di "livello 1", con un contributo di 2,5 miliardi di dollari, pari al 10% dei costi di sviluppo.[107][108] I partner di "livello 2" sono l'Italia, che contribuisce con $1 miliardo, e i Paesi Bassi con un contributo di $800 milioni. I partner di "livello 3" sono Canada ($440 milioni), Turchia ($175 milioni), Australia ($144 milioni), Norvegia ($122 milioni) e Danimarca ($110 milioni). Israele e Singapore partecipano al programma in qualità di "Security Cooperative Partecipants"[109].

Alcuni dei partner internazionali hanno esitato negli impegni del programma JSF, alludendo o minacciando l'abbandono del JSF a favore di altri velivoli come l'Eurofighter Typhoon, il Saab JAS 39 Gripen o il Dassault Rafale. La Norvegia ha lanciato vari avvertimenti su una possibile interruzione del sostegno finanziario in mancanza di sostanziali garanzie su un incremento nella quota industriale[110].

Le uniche forze aeree interessate alla versione B sono lo United States Marine Corps degli Stati Uniti, l'Aeronautica Militare e l'Aviazione Navale della Marina Militare Italiana, la Royal Air Force e la Fleet Air Arm della Gran Bretagna.
Nel 2010 La Gran Bretagna, nell'ambito della revisione dei programmi della difesa attuata dall'allora neo-insediato governo Cameron aveva annunciato l'intenzione di abbandonare completamente la versione B, scegliendo in sua vece la versione C, e di voler modificare di conseguenza le portaerei in costruzione della Classe Queen Elizabeth da STOVL a CATOBAR[111]. Tuttavia nel maggio del 2012 una nuova analisi dei costi e dei tempi per realizzare le pesanti modifiche sulle predette portaerei, oltre ai mancati ritorni per l'industria motoristica nazionale, ha indotto lo stesso governo Cameron a ritornare sui suoi passi e a riconfermare l'acquisizione della versione B[112].

La Marina Italiana, poiché la portaerei Cavour ha un ponte di volo troppo corto per ospitare caccia a decollo convenzionale e non essendovi al mondo alcun altro STOVL in via di sviluppo, sostituirà gli attuali AV-8B Harrier II della Marina Militare con l'F-35B.

Tra il 3 e il 5 febbraio 2016 un F-35A Lightning II dell'AMI ha effettuato il primo volo transatlantico di un F-35, volando dall'aeroporto di Cameri fino alla base aerea della Marina militare statunitense di Patuxent River, nel Maryland, con una sosta a Lajes das Flores, nelle Azzorre e con rifornimento in volo da parte di un Boeing KC-767. Il velivolo utilizzato per il volo, denominato AL-1, è il primo completamente costruito in Italia nella Final Assembly & Check-Out (F.A.C.O.) di Cameri[113].

Con l'acquisto dei sistemi missilistici russi S-400 la Turchia è stata posta dagli Stati Uniti fuori dal programma F-35; i due esemplari forniti verranno riutilizzati in altro modo, il personale turco rimpatriato, le aziende turche che avevano ottenuto la certificazione di abilitazione alla fornitura di materiali rimpiazzate aumentando la quota di componentistica prodotta da altre aziende[114]; rimane il trasferimento di tecnologia e di conoscenza che i turchi hanno dichiarato di voler mettere a frutto con un proprio programma nazionale. Successivamente, il Pentagono ha assegnato a Lockheed Martin un contratto "di rimodulazione" di 861,7 milioni di dollari per riacquistare otto F-35A Lot 14, inizialmente destinati alla Turchia, e per finanziare altri sei aerei dello stesso lotto da destinare all'USAF.[115]

Impiego operativoModifica

Nel febbraio 2013 il Pentagono decideva di sospendere tutti i voli dell'aereo dopo che sulla turbina di uno degli F-35 era stata rilevata una frattura[116]. Il 1º marzo 2013 la USAF confermava che tutti i voli sarebbero ripresi, essendo stato appurato in sede d'indagine tecnica che la suddetta rottura era dovuta all'eccesso di esposizione a parametri estremi a cui era stata sottoposta la turbina, che quindi non necessitava una riprogettazione[117].

Nel luglio 2014 il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha bloccato tutti i voli degli F35[118][119] in seguito a un principio d'incendio durante il decollo dalla base di Eglin, in Florida[120]. Il blocco è stato revocato meno di una settimana dopo[121].

Nel giugno del 2015 l'F-35A partecipava alla "Green Flag": manovre durante le quali gli aerei testavano la loro capacità di attacco ad aree densamente difese da caccia intercettori e missili terra-aria. Durante la simulazione l'F-35 risultava essere l'unico aereo a non subire abbattimenti[122][123].

Nel giugno 2016 effettuava una simulazione di combattimento con gli F-15 riportando uno score di 0 a 8, nessun F-35 abbattuto contro 8 F-15 abbattuti[124].

Il 2 agosto 2016 il gen. Hawk Carlisle dichiarava l'F-35A Lightning II 'combat ready', la IOC "Initial Operational Capability" e cioè che "aveva raggiunto la capacità operativa iniziale" la FOC "Full Operational Capability" verrà raggiunta dopo i test sul block 3F del software[125].

Nel gennaio del 2017 l'F-35A partecipava alla "Red Flag": scontri simulati tra caccia degli USA e quelli dei suoi alleati. Durante i test l'F-35 otteneva il miglior risultato tra gli aerei presenti con un rapporto di 1 a 20 (un aereo perso ogni 20 abbattuti) definito dal Corpo dei Marines e dall'USAF "senza precedenti"[126][127][128][129]. Il risultato è stato ottenuto sebbene l'aereo avesse il software in versione "Block 3i" che contiene l'89% del codice previsto per la piena operatività militare che sarà raggiunta con il "Block 3F"[130].

Fonti giornalistiche, basate su informazioni provenienti dai servizi segreti francesi, riportavano che il primo impiego militare dell'F-35 sarebbe avvenuto nella notte tra il 12 e il 13 gennaio 2017 in un'incursione aerea dell'aviazione militare israeliana sul teatro di guerra in Siria, usando i primi due F-35 consegnati[131] appena un mese prima, per colpire obiettivi nell'aeroporto militare di Mezzeh, presso Damasco: durante l'operazione, che non avrebbe causato alcuna vittima, sarebbero stati distrutti una rampa di missili SAM S-300 e un deposito di missili, al fine di scongiurare il rischio della consegna di questi sistemi d'arma a gruppi Hezbollah attivi in Libano[132][133]. Le stesse fonti di intelligence riferivano di un'azione dimostrativa di uno dei due aeromobili durante il rientro alla base dopo il raid, un passaggio di avvertimento ravvicinato sul palazzo presidenziale di Bashar al-Assad a Damasco[133].

Nel luglio del 2017 l'aereo raggiungeva le 100 000 ore di volo senza la perdita di nessun velivolo per incidente, collocandosi tra gli aerei militari più sicuri[134][135].

Il primo marzo 2018 l'aeronautica militare italiana attribuisce la capacità operatività iniziale agli F-35 in dotazione al 32º Stormo di Amendola che così entrano a far parte del dispositivo di Difesa Aerea Nazionale in quanto inseriti nel Servizio di Sorveglianza dello Spazio Aereo (S.S.S.A.)[136].

Nel maggio del 2018 l'esercito israeliano (IDF) ha dichiarato che gli F-35 sono operativi e sono stati utilizzati in due missioni di bombardamento su due differenti fronti. Israele diventa così la prima nazione ad avere usato gli F-35 in uno scenario di guerra.[137]

Il 27 settembre 2018 in Afganistan un F-35B dell'US Marine Corps ha effettuato un attacco su posizioni dei talebani, si tratta della prima operazione militare condotta da questa variante dell'aereo.[138]

Il 28 settembre 2018 nel sud della California un F-35B di un reparto di addestramento dell'US Marine Corps è precipitato al suolo distruggendosi, diventando il primo F-35 perso per incidente; il pilota eiettatosi è sopravvissuto.[139]

Il 20 gennaio 2019 Israele ha effettuato con gli F-35I un attacco in Siria, distruggendo un radar JY-27 di fabbricazione cinese. La particolarità dell'azione militare sta nel fatto che il radar JY-27 è stato progettato specificamente per individuare gli aerei stealth come l'F-35. Secondo alcune testate giornalistiche specialistiche il radar, pur riuscendo ad individuare l'aereo, non sarebbe stato in grado di tracciarlo in modo tale che i missili terra-aria potessero colpirlo.[140][141][142]

Il 9 aprile 2019 un F-35A dell'Aeronautica giapponese, decollato dalla base di Misawa, è precipitato nell'Oceano Pacifico durante un'esercitazione al combattimento aereo mentre era in volo a circa 85 miglia a nord-est dell'isola di Honshu. La perdita del velivolo ha dato il via a un'imponente operazione di recupero del relitto. La perdita dell'aereo è stata attribuita ad un errore del pilota per disorientamento.[143][144]

Nel mese di luglio 2019 l’ayatollah Ali Khamenei, guida suprema della Repubblica islamica, avrebbe rimosso dall'incarico Farzad Ismail, il numero uno dell’Aeronautica militare, per l'incapacità delle forze da lui condotte di intercettare ripetuti voli di F-35 Adir israeliani sull’Iran, in particolare su Teheran, Karajrak, Isfahan, Shiraz e Bandar Abbas.[145]

In Europa, tre aeronautiche militari hanno dichiarato a tutto febbraio 2020 la Initial Operation Capability del velivolo: RAF, Aeronautica Militare e Royal Norwegian Air Force[146]; a fine febbraio la RNoAF ha ridispiegato quattro velivoli in Islanda nell'ambito della NATO Icelandic Air Policing[146]; gli F-35 norvegesi sono gli unici ad avere un paracadute frenante, per abbreviare i tempi di rallentamento durante gli atterraggi su piste ghiacciate e ventose, ma vi sono stati vari problemi nell'uso di questa capacità[146][147]. Sempre nell'ambito Nato Iceland Air Policing nel giugno 2020 sei velivoli F-35 dell'Aeronautica Militare Italiana sono stati dispiegati in Islanda. Altri F-35 italiani sono stati dispiegati in Estonia nel maggio 2021. Gli F35A del 32º Stormo dell'Aeronautica Militare sono stati impiegati per la prima volta nell'Operazione Northern Lightning I in Islanda nel 2019.

Nella seconda metà di novembre 2021 un F-35B della Royal Navy, decollato dalla portaerei Queen Elizabeth, durante esercitazioni con la USNAVY e Marina/Aeronautica italiana nel Mediterraneo centro orientale, è precipitato in mare[148] in fase di decollo, il pilota si è eiettato ed è sopravvissuto. Il veicolo è stato recuperato dalla Royal Navy nei giorni successivi. Secondo indiscrezioni della stampa specializzata e in attesa di conferme ufficiali, l'incidente sarebbe dovuto ad errore umano per la mancata rimozione, prima del decollo, del telo antipioggia che copriva il motore.[149][150]

  • F-35A: versione di base ad atterraggio e decollo convenzionale destinata all'USAF, per la sostituzione della flotta di F-16 e A-10 Thunderbolt II, ed altri acquirenti tra cui l'Aeronautica Militare italiana. Questa è la versione leggera ed è l'unica a montare un cannone interno GAU-22/A da 25 mm che sostituirà l'M61 Vulcan da 20 mm finora montato su i caccia dell'USAF.
 
L'immagine raffigura il funzionamento degli ugelli nella versione "B", cioè in caso di atterraggio verticale
  • F-35B: versione a decollo corto e atterraggio verticale (STOVL). Questa versione è destinata in particolar modo al Corpo dei Marines, alla Royal Navy, alla RAF, alla Marina Militare Italiana e all'Aeronautica Militare italiana. Il BF-6, primo modello di produzione per il corpo dei Marines, ha effettuato il volo inaugurale il 25 ottobre 2011. Il 31 luglio 2015 è stata dichiarata la IOC (Capacità Operativa Iniziale) per il corpo dei Marines. L'F-35B è quindi la prima versione a entrare in servizio attivo.

Differisce dalla versione base per:

  • 1x Pratt & Whitney F135-PW-600 da 128,1kN a secco e 191,3kN (con postbruciatore)[87][88], ed ugello di scarico orientabile verso il basso;
  • 1x Lift Fan da 89kN della Rolls-Royce, con flabelli mobili inferiori che permettono di orientare la spinta di 15º-30º in avanti o all'indietro rispetto alla verticale, installato dietro l'abitacolo[89]:
  • 2x ugelli per la stabilizzazione laterale posti nelle ali;
  • riduzione della capacità interna di carburante a 6 045 kg;
  • riduzione del volume utile della stiva armi interna;
  • assenza del cannone interno (previsto in un pod sotto la fusoliera);
  • sonda retrattile per il rifornimento in volo;
  • tettuccio accorciato per la presenza del Lift Fan.
  • struttura riprogettata/alleggerita nella parte posteriore dell'abitacolo al fine di posizionare la ventola aggiuntiva;
  • F-35C: versione imbarcata del Lightning, operante da portaerei tutto-ponte dotate di catapulta. Dovrebbe sostituire nella US Navy le prime versioni degli F-18 Hornet. Differisce dalla versione base per:
    • 1x Pratt & Whitney F135-PW-400;
    • capacità interna del carburante di 8 901 kg;
    • assenza del cannone interno (previsto in un pod sotto la fusoliera);
    • sonda retrattile per il rifornimento in volo;
    • carrello a doppio ruotino anteriore con annessa barra di aggancio alla catapulta;
    • incremento delle dimensioni alari (apertura: 13,11 m; superficie: 57,6 m²);
    • lunghezza: di 14,48 m;
    • incremento della superficie dei piani di coda;
    • estremità alari ripiegabili per facilitare lo stivaggio.

UtilizzatoriModifica

 

     Opera varianti F-35A, F-35B e F-35C (Stati Uniti d'America)

     Opera varianti F-35A e F-35B (Italia, Giappone e Sud Corea)

     Opera solo variante F-35A (Australia, Belgio, Danimarca, Finlandia, Paesi Bassi, Norvegia e Polonia)

     Opera solo variante F-35B (Regno Unito)

     Opera solo variante F-35i (Israele)

     In attesa di consegna (Finlandia, Singapore & Svizzera)

Paesi PartnerModifica

 
F-35B, RAF
  Regno Unito
48 F-35B ordinati inizialmente (fabbisogno di 138 esemplari), più ulteriori 26 esemplari ordinati il 26 aprile 2022, che hanno portato il numero degli esemplari ordinati a 74 [157][158][159][160][161][162] ed assegnati:
  • n.3 al Air Warfare Center - 17 Squadron (Edwards Air Force Base) California;
  • 207 Squadron, RAF Marham;
  • 617 Squadron, RAF Marham.
 
Il primo F-35B della Marina Militare in volo
  Italia
60 F-35A + n.15 F-35B ordinati.[163] 17 F-35A + 2 F-35 B consegnati al marzo 2022.[164] al Reparto:
15 F-35B ordinati, 4 consegnati al marzo 2022.[165][166][167][168][169][170][171][172][173] al Reparto:
 
F-35, Koninklijke Luchtmacht
  Paesi Bassi
37 F-35A ordinati.[174] Dei 37 aerei, 8 sono stati consegnati direttamente dalla linea di montaggio Lockheed Martin, 29 invece, saranno costruiti in Italia da Leonardo nella FACO di Cameri.[175][176] Ad ottobre 2019 la difesa olandese ha confermato l'acquisto di ulteriori 9 aerei, che porterà il totale degli F-35 da consegnare a 46.[177] Un ordine di ulteriore 6 aerei, approvato a giugno 2022, ha portato a 52 il totale dei velivoli ordinati.[178] I velivoli sono stati assegnati ai seguenti Reparti:
  Turchia
30 F-35A ordinati (più opzione per altri 70), il primo dei quali ha volato il 10 maggio 2018.[179][180]. Il primo esemplare è stato presentato (ne sono stati consegnati 2) il 21 giugno 2018.[181][182] I due esemplari consegnati, che non avevano mai lasciato gli Stati Uniti, verranno girati ad altri acquirenti poiché la Turchia, con l'acquisto dei sistemi missilistici russi S-400, è stata esclusa dal programma, e nessuna consegna ulteriore dovrebbe avere luogo e, oltre all'esclusione della fornitura dei mezzi finiti, sono stati esclusi dal programma anche i fornitori turchi della componentistica[114].
  • 7° Base Principale Jet (7’inci Ana Jet Üs’sü), Malatya:
  Australia
72 F-35A ordinati.[183][184]
 
F-35 Lightning II, Kongelige Norske Luftforsvaret
  Norvegia
52 F-35A ordinati.[185][186]
  Danimarca
27 F-35A ordinati a giugno 2016.[187][188][189][190] Il primo aereo è stato consegnato il 7 aprile 2021.[190]
  Canada
Il 28 marzo 2022 il Canada ha selezionato l’F-35A della Lockheed Martin come offerta per il nuovo aereo da combattimento che prevede l’acquisto di 88 velivoli per sostituire i suoi Boeing CF-18 Hornet con una spesa prevista di 19 miliardi di dollari canadesi (15 miliardi di dollari USA).[191][192][193]

Security Cooperative PartecipantsModifica

 
F-35I, Heyl Ha'Avir
  Israele
50 F-35I ordinati al marzo 2017.[194][195] In fase di consegna, 9 consegnati all'agosto 2018.[196]
    • 28ª Base Aerea (באצ'ה 28 - Bacha 28), Nevatim - su F-35i
      • 116º Gruppo "Leoni del Sud" (116 טייסת - Tayeset 116)
      • 117º Gruppo "Primo Gruppo Jet" (117 טייסת - Tayeset 117) - in fase di attivazione
      • 140º Gruppo "Aquila d'Oro" (140 טייסת - Tayeset 140)
  Singapore
12 F-35B selezionati nel 2019, accordo siglato nel marzo 2020 per soli 4 F-35B (più un'opzione per ulteriori 8 aerei) con consegne previste tra il 2025 e il 2026.[197][198][199][200]

Altri utilizzatoriModifica

  Belgio
34 F-35A ordinati[201][202].
  Corea del Sud
40 F-35A ordinati nel dicembre 2017, e consegnati tra il 2018 ed il gennaio 2022.[183][203][204][205][206][207]
    • 17º Stormo Caccia (제17전투비행단 - je17jeontubihaengdan), Cheongju - su F-35A
      • 151º Gruppo Caccia (제151전투비행대대 - je151jeontubihaengdaedae)
      • 152º Gruppo Caccia (제152전투비행대대 - je152jeontubihaengdaedae)
      • 156º Gruppo Caccia (제156전투비행대대 - je156jeontubihaengdaedae) - in fase di attivazione
  Finlandia
Il 10 dicembre 2021, la Finlandia ha selezionato l'F-35A quale nuovo caccia, con un fabbisogno di 64 esemplari da consegnarsi a partire dal 2026.[208][209][210][211] Il contratto per 64 F-35A da consegnarsi tra il 2026 e il 2030 è stato firmato l'11 febbraio 2022.[211]
  Germania
Il 28 luglio 2022, il Dipartimento di Stato americano ha dato il via libera alla vendita di 35 F-35A alla Germania per 8,4 miliardi di dollari (incluse munizioni, logistica e apparecchiature), con entrata in servizio prevista per il 2030.[212] Tali velivoli sostituiranno, nei compiti di deterrenza nucleare, la flotta di Tornado del Tactical Air Wing 33 a Büchel.[213]
  Giappone
 
Il 3 ottobre 2021, i primi F-35B hanno effettuato atterraggi e decolli da JS Izumo
  • 42 F-35A ordinati (13 consegnati al giugno 2019), con previsione di ordini per 105 esemplari, compresi una quarantina a decollo verticale che dovrebbero andare alla Marina.[183][214][215][216][217] Uno dei 13 aerei consegnati è andato perso ad aprile 2019.[215]
    • 3º Stormo (第3航空団 - Dai 3 kōkū-dan), Misawa, su F-35A
      • 301º Gruppo (第301飛行隊 - Dai 301 hikō-tai)
      • 302º Gruppo (第302飛行隊 - Dai 302 hikō-tai)
  Polonia
32 F-35A ordinati il 31 gennaio 2020, con consegne previste per il 2023-2024.[218][219][220]
  Svizzera
Il 30 giugno 2021, il Consiglio federale svizzero ha selezionato l'F-35A come vincitore del programma per un nuovo caccia.[221][222] A partire dal 2030 saranno consegnati 36 F-35A.[221][222][223]. Di questi almeno 24 dei complessivi 36 saranno assemblati dalla FACO di Cameri, 8 velivoli negli USA e forse 4 presso gli stabilimenti elvetici della RUAG.[224] Ordine per 36 F-35A firmato il settembre 2022.[225][226]

Possibili utilizzatori futuriModifica

  Emirati Arabi Uniti
  Grecia

A fine giugno, la Grecia ha inviato una lettera di richiesta (LoR) ufficiale agli Stati Uniti per ordinare 20 caccia F-35. Il primo ministro, Kyriakos Mitsotakis, ha affermato che Atene sta esaminando l’acquisto di un secondo gruppo di jet.[213]

  Marocco
  Rep. Ceca

Il 20 luglio, Praga ha intavolato i colloqui con gli Stati Uniti per la fornitura dei caccia F-35A Lightning II in sostituzione dei JAS 39 Gripen presi in leasing dalla svedese Saab AB. Lo ha affermato il primo ministro Petr Fiala.[213]

Iter parlamentare e burocratico in ItaliaModifica

In Italia si è iniziato a parlare del progetto nel 1996 e nel 1998 è stato firmato il Memorandum of Agreement per la fase concettuale-dimostrativa con un investimento di 10 milioni di dollari. Nel 2002, dopo l'approvazione delle Commissioni Difesa di Camera e Senato è stata confermata la partecipazione alla fase di sviluppo. Nel 2009 le Commissioni difesa di Camera e Senato hanno espresso parere favorevole sullo schema di programma trasmesso dal Governo che comprendeva l'acquisto di 131 F-35 al costo di 12,9 miliardi di euro.[227]

Il 15 febbraio 2012 il ministro della Difesa Giampaolo Di Paola, nel quadro delle riduzioni di spesa del suo ministero, ha proposto tra i vari provvedimenti quello di diminuire l'acquisto di F-35 da 131 (69 F-35A e 62 F-35B) a 90 (60 F-35A e 30 F-35B) unità[228].

Il 28 marzo 2012 l'Aula della Camera ha approvato alcune mozioni sulla riduzione e razionalizzazione delle spese militari tra cui quelle che riducono a 90 gli aerei da acquistare[227].

Varie parti politiche hanno mosso critiche al progetto già dai primi giorni del 2012[229] proprio a causa dell'elevato costo dei 131 caccia ordinati inizialmente che, secondo il giornale La Repubblica, è lievitato verso l'alto nel 2011 ed è riportato dal giornale pari a 200 milioni di dollari ad aereo.[230][231]

Al 22 febbraio 2013 l'Italia ha materialmente ordinato 3 velivoli e si appresta a firmare il contratto per altri 3: il primo F-35 A uscirà dagli impianti di Cameri, in Piemonte, entro il 2015 ed entrerà in servizio l'anno dopo.[232]

Dopo una polemica inter-istituzionale sviluppatasi ad inizio legislatura[233], il 30 luglio 2013 il ministro della Difesa ha riferito al parlamento a proposito di un eventuale ritiro dal programma: «Bisogna considerare, oltre ai 700 milioni di euro già spesi per la progettazione e i due miliardi investiti per l'impianto di produzione di Cameri, anche il fatto che la portaerei Cavour[234] dovrà ospitare gli F-35 a decollo verticale, altrimenti non capiremmo per quale ragione avremmo speso 3 miliardi e mezzo di euro per la nave»[235].

Il 24 settembre 2014 il Parlamento italiano ha votato a maggioranza di tagliare del 50% il finanziamento sull'acquisto di 90 cacciabombardieri americani F-35, da 13 a 6,5 miliardi di euro, il che comporta una riduzione del numero di velivoli acquistabili[236].

L'11 dicembre 2014 Roberta Pinotti, ministro della Difesa, e John Philips, ambasciatore americano in Italia, hanno annunciato che lo stabilimento della Finmeccanica di Cameri a Novara è stato scelto per la manutenzione di tutti gli F-35 operanti in Europa[237].

Il 21 maggio 2015 il ministro Pinotti ha presentato il documento programmatico pluriennale per il triennio 2015-2017 che conferma la partecipazione dell'Italia al programma, con un budget complessivo di circa 10 miliardi di euro. Il numero di velivoli da acquistare è stato fissato nuovamente a 90 unità, di cui 38 da acquisire entro il 2020[238][239].

La Corte dei Conti, nella sua Relazione speciale sulla partecipazione italiana al Programma Joint Strike Fighter F-35 Lightning II del 3 agosto 2017, circa i costi complessivi del programma ha esposto che l'investimento iniziale a carico degli USA è passato da 233 miliardi di dollari a 406 miliardi di dollari, i costi operativi per l'intero ciclo di vita dell'aereo ammontano a 1 100 miliardi di dollari. Tuttavia la Corte precisa che la misura della partecipazione dei partner, Italia compresa, alla fase di sviluppo è fissa e non suscettibile di aumenti. Gli incrementi di costo attribuibili a questa fase vengono pertanto assorbiti dai soli Stati Uniti. Per la fase di produzione è previsto che i partner acquistino i propri velivoli allo stesso prezzo dei velivoli americani appartenenti allo stesso lotto[240].

Inoltre i mezzi d'informazione hanno riferito che l'avanzamento del programma è in ritardo di almeno cinque anni sulla tabella di marcia originaria, con costi quasi raddoppiati rispetto alle previsioni iniziali[241]. Su quest'ultimo punto una nota del giornalista e storico dell'aviazione Gregory Alegi riporta che gli 80 milioni al pezzo per il block buy attualmente in discussione sono il 16% in più dei 69 previsti nel 2001 e non il doppio, sottolineando che il costo maggiore dei primi lotti è fisiologico e che, per una valutazione corretta, bisognerebbe fare la media ponderata tenendo in considerazione i valori di spesa con gli impianti a pieno regime di produzione.[242]

Nel gennaio 2018 il primo F-35 è stato consegnato al Ministero della Difesa Italiano e poi assegnato alla Marina Militare Italiana. Nel dicembre 2018 i primi otto F-35 sono operativi per l'Aeronautica Militare[243]. I velivoli sono stati assegnati al 32º Stormo con sede ad Amendola (Foggia), primo reparto in Europa ad acquisire gli F-35. Al giugno 2019 del lotto di 28 velivoli previsti entro il 2022, ne sono stati consegnati 13[244].

Critiche al progettoModifica

Il progetto ha attirato su di sé molte critiche da parte di analisti strategici e personale militare.[245] Tra i detrattori il mezzo si è da tempo guadagnato il degradante soprannome di "Fiasco 35"[246]. Tra gli altri, la RAND Corporation, una società di analisi strategiche che collabora a stretto contatto col Dipartimento della Difesa statunitense, ha apertamente criticato l'F-35: prima è trapelato che, secondo le simulazioni effettuate dalla società statunitense, l'F-35 non sarebbe in grado di competere con il russo Su-35 in un combattimento aereo[247]; poi un analista della stessa società ha dichiarato che l'F-35 "è inferiore nel combattimento in termini di accelerazione, salita e virate sostenute".[248] Tuttavia i dati tecnici e le prove effettuate evidenziano che l'F-35 ha una velocità di punta di mach 1,67 e sostenuta di 1.65 a carico bellico (mentre l'F-16 a carico bellico non raggiunge i mach 1,4), il carico alare è inferiore a quello di un SU-27 e superiore a quello di un F-16, l'accelerazione a carico bellico è simile o superiore a quello di un F-16 e a quello di un'F-18, la virata a carico bellico è pari o migliore rispetto a quella della maggior parte dei caccia Usa e di poco inferiore a quella dell'F-22, tutte caratteristiche in linea con il progetto iniziale. Viene anche evidenziato come queste prestazioni miglioreranno ulteriormente nel corso della vita dell'aereo, come è successo per tutti i suoi predecessori.[249][250] In realtà la cellula dell'F-35 è progettata per sostenere accelerazioni fino ad un massimo di 6 g, mentre caccia come il Rafale e l'Eurofighter sono progettati per accelerazioni superiori a 8 g. La scarsa predisposizione dell'F-35 a manovre estreme è evidente anche dal tipo di ala, trapezoidale e dalla ridotta superficie alare (42 metri quadrati contro i 51 metri quadrati dell'Eurofighter ad esempio) rispetto al peso dell'aviogetto. La manovrabilità ad alta velocità non è il suo punto di forza, ma lo scopo principale di questo aereo non è la superiorità aerea, quanto la ridotta RCS; in effetti un aereo con un peso al decollo tra le 21 e le 30 tonnellate, spinto da un reattore che produce al massimo 19 tonnellate di spinta, nasce evidentemente senza pretese di superiorità aerea.

È circolata un'intervista al produttore discografico Pierre Sprey (titolare della Mapleshade Records), presentato in veste di progettista aeronautico e definito "padre" degli aerei A-10 e F-16: nell'intervista, Sprey definiva l'F-35 come "pesante e poco reattivo"[251][252]. Secondo quanto riportato da testate specialistiche, Pierre Sprey non è né progettista né il "padre" degli A-10 e F-16, ma solo un ex analista della difesa attivo fino al 1986, poi divenuto produttore discografico con la Mapleshade Records, famoso per aver fatto parte del gruppo di analisti strategici che, negli anni settanta e ottanta del Novecento, avevano propugnato la dottrina militare detta della "Fighter Mafia", mentre a progettare F-16 è stato un team guidato da Robert H. Widmer.[253]

Critiche sono state avanzate da un gruppo di piloti statunitensi che, avendo provato in volo l'F-35A, lo hanno definito "per niente stellare"[254]. Il rapporto ufficiale da loro redatto il 15 febbraio 2013[255] offre un ritratto desolante del mezzo: vi sono individuate otto aree di grave rischio (la visibilità, l'interfaccia tra gli apparati di bordo e il pilota, il sistema radar, l'apparato di proiezione dei dati nel casco di volo, l'eventualità di esplosione in caso d'impatto con fulmini, per via delle pareti troppo sottili dei serbatoi[256] e così via), problemi tali da suggerire addirittura una nuova progettazione del velivolo[257]. Le più recenti valutazioni da parte dei piloti, suffragate dai test bellici effettuati come la green flag o red flag, sono risultate positive.[258][259]

Secondo un rapporto del Pentagono[260] gli strumenti elettronici del jet non funzionano[261], perché il display nel casco di volo non fornisce un orizzonte artificiale analogo a quello reale, a volte l'immagine è troppo scura o scompare, e il radar in alcuni voli di collaudo si è dimostrato incapace di avvistare e inquadrare bersagli, o addirittura si è spento. Inoltre la manutenzione dell'F-35 è troppo laboriosa e limita l'efficienza operativa, l'affidabilità tecnica generale lascia a desiderare e il dispositivo di carica delle batterie tende a esser colpito da malfunzionamenti alle basse temperature[262]. Sempre riguardo alle presunte prestazioni in combattimento del velivolo, il maggiore Richard Koch dell'USAF, capo dell'ufficio di superiorità aerea del USAF Air Combat Command, ha dichiarato: "mi sveglio la notte con i sudori freddi al pensiero che l'F-35 avrà solo due armi per la superiorità aerea"[263]. La Lockheed Martin ha contestato le critiche alla sua creatura[248] dichiarando, tra l'altro, che "la superiorità nell'elettronica di cui gode l'F-35 rispetto agli altri velivoli può risultare più importante della manovrabilità in future missioni"[264]. Dopo la capacità di combattimento, le critiche più diffuse hanno puntato alla scarsa autonomia di volo, da alcuni ritenuta insufficiente per conflitti su larga scala, come un'ipotetica azione contro altri Paesi[265]. L'autonomia dell'aereo è in linea con i modelli che andrà a sostituire e il suo raggio di azione è aumentabile grazie ai serbatoi supplementari o tramite il rifornimento in volo con aerocisterne.[266][267]

Con l'allungarsi dei tempi di sviluppo non sono potute mancare le critiche ai costi del progetto, che la rivista specialistica World Military Affair ha imputato alla discutibile scelta di voler creare un unico aereo per tre differenti ruoli operativi[268]. I dubbi sugli elevati costi di progetto si sono aggiunti a quelli sui costi unitari di produzione[251] e di manutenzione, che la marina statunitense ha stimato essere del 30%-40% superiori a quelli dei caccia attualmente in uso[269]. Nel 2013 il tenente generale dell'USAF Christopher Bogdan ha apertamente accusato l'azienda di voler "spremere ogni centesimo" dal governo degli Stati Uniti per questa commessa.[270]

A febbraio 2014 il Pentagono ha reso nota la decisione di acquistare otto aeromobili meno del previsto nel corso dell'anno successivo, dovuta a tagli al bilancio della difesa e non ad una valutazione delle prestazioni dell'F-35.[271]

In una audizione davanti all’Assemblea parlamentare nell'agosto del 2017 il generale André Lanata, Capo di stato maggiore dell’aeronautica francese, ha dichiarato che l’F-35 sarà presto lo standard di riferimento per i velivoli da combattimento in tutto il mondo e la Francia, che non è tra i paesi finanziatori del progetto e non prevede l'acquisto degli aerei, sarà surclassata dai partner ad oggi alla pari che acquisiranno il veicolo.[272]

La vita del veicolo è stata predeterminata in 8.000 ore di volo, la Lockheed Martin, a seguito del superamento di specifici test a terra corrispondenti a 24.000 ore di volo, ha dichiarato di voler portare la vita operativa del velivolo a 16.000 ore di volo.[273]

In una intervista alla rivista specializzata "Difesa Online" il comandante del 32º Stormo, il colonnello Davide Marzinotto, che ha seguito il programma per anni, in Italia e negli USA sin da quando sono stati definiti i requisiti operativi della macchina, ha dichiarato che: «La rivoluzione che rappresenta l’F-35 è dovuta al suo DNA “omnirole”: il velivolo può assolvere a più missioni simultaneamente, senza bisogno di tornare alla base per essere riconfigurato. Forse non è immediatamente comprensibile a tutti il valore in termini operativi di tutto questo. Posso assicurare che si tratta di un qualcosa di rivoluzionario» e «Quando si è in volo impressiona la percezione della consapevolezza espansa fornita dai sensori: si apre un mondo e si resta a bocca aperta. In un confronto aereo un tempo si facevano considerazioni del tipo “Qui me la cavo...”, “Qui me la gioco...” o “Qui devo stare attento”. A bordo di un F-35 il pensiero non può essere altro che “Povero colui che si trova dall’altra parte!!!”»[274]

Cultura di massaModifica

NoteModifica

  1. ^ Royal Navy Commissions Latest Destroyer: Armed Forces Int. News (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2011)..
  2. ^ "LOCKHEED MARTIN DELIVERS THE 700th F-35 STEALTH FIGHTER JET"., su defence-blog.com, 27 settembre 2021, URL consultato il 2 ottobre 2021.
  3. ^ "LOCKHEED MARTIN CONSEGNA IL 500° F-35"., su aresdifesa.it, 4 marzo 2020, URL consultato il 4 marzo 2020.
  4. ^ "400th F-35 DELIVERED AS FLEET PASSES 200,000 FLIGHT HOURS"., su ukdefencejournal.org.uk, 4 giugno 2019, URL consultato il 9 giugno 2019.
  5. ^ "Sono 300 gli F-35 Lightning II prodotti" - "Aeronautica & Difesa" N. 381 - 07/2018 pag. 24
  6. ^ "Consegnato il 300° F-35" - "Rivista italiana difesa" N. 7 - 07/2018 pag. 16
  7. ^ "300 UP FOR THE F-35 - ES18D3"., su janes.com, 13 giugno 2018, URL consultato il 13 giugno 2018.
  8. ^ F-35 Lightning II Program Status and Fast Facts (PDF), su Lockheed Martin F-35 Communications Team. URL consultato il 16 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2017).
  9. ^ General Manager Weekly Update April 3, 2017 (PDF), su Jeff Babione. URL consultato il 16 aprile 2017.
  10. ^ a b Lockheed Martin, F-35A Conventional Takeoff and Landing Variant, su lockheedmartin.com, undated. URL consultato il 13 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2011).
  11. ^ "F-35B Short Takeoff/Vertical Landing Variant.", su lockheedmartin.com. URL consultato il 13 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2013).
  12. ^ "F-35C Carrier Variant.", su lockheedmartin.com. URL consultato il 13 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2014).
  13. ^ per un carico complessivo di armamenti pari a 18 000 lb (8 100 kg).
  14. ^ "F-35 Joint Strike Fighter Media Kit Statistics." (ZIP), su jsf.mil, agosto 2004 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  15. ^ "F-35 Lightning II Program Status and Fast Facts." (PDF), su f-35.ca, 13 marzo 2012. URL consultato il 22 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2013).
  16. ^ F-35 Capabilities, su f35.com.
  17. ^ TLP Amendola, Gen. Rosso: conseguita Initial Operational Capability F-35, su aeronautica.difesa.it. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  18. ^ Rivoluzione F35, su Difesa Online, 1º ottobre 2018. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  19. ^ GlobalSecurity.org, F-35 Joint Strike Fighter (JSF) Lightning II – International Partners, su globalsecurity.org.
  20. ^ Code One Magazine. Lockheed. (PDF), su codeonemagazine.com.
  21. ^ a b JSF.mil > History > Pre-JAST, su jsf.mil, 6 dicembre 2019. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2019).
  22. ^ a b JSF.mil > History > JAST, su web.archive.org, 15 luglio 2019. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2019).
  23. ^ La Lockheed acquisì la divisione caccia della General Dynamics situata a Fort Worth nel 1993, e si unì con Martin Marietta nel 1995 per creare la Lockheed Martin.
  24. ^ 1995 | 0833 | Flight Archive, su web.archive.org, 17 luglio 2015. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2015).
  25. ^ Joint Strike Fighter (JSF) UK Industry Team - Home Page, su web.archive.org, 27 aprile 2006. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2001).
  26. ^ "US, UK sign JAST agreement". Aerospace Daily. New York: McGraw-Hill. 25 November 1995. p. 451.
  27. ^ In qualità di aerei dimostratori per la riduzione rischi, essi non avevano bisogno di una struttura interna o della maggior parte dei sottosistemi d'attacco dell'aereo finale.
  28. ^ L'ugello direzionale dell'F-35 venne testato per la prima volta sul Convair Model 200.
  29. ^ The engine that could - Defense Beat - Defense - GovExec.com, su web.archive.org, 19 ottobre 2013. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2013).
  30. ^ "Propulsion system for a vertical and short takeoff and landing aircraft, United States Patent 5209428", su patentgenius.com. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2012).
  31. ^ Bill Library Genesis e Yefim Gordon, Yakovlev aircraft since 1924, London : Putnam Aeronautical Books, 1997, ISBN 978-0-85177-872-3. URL consultato il 29 agosto 2022.
  32. ^ L'ugello a spinta vettoriale venne eventualmente rimpiazzato da un ugello asimmetrico a bassa visibilità per ridurre il peso.
  33. ^ a b c d Arthur E. Sheridan e Robert Burnes, F-35 Program History: From JAST to IOC, American Institute of Aeronautics and Astronautics, Inc., pp. 1–76, DOI:10.2514/5.9781624105678.0001.0076, ISBN 978-1-62410-566-1. URL consultato il 29 agosto 2022.
  34. ^ Paul M. Bevilaqua, Joint Strike Fighter Dual-Cycle Propulsion System, in Journal of Propulsion and Power, vol. 21, n. 5, 2005, pp. 778–783, DOI:10.2514/1.15228. URL consultato il 29 agosto 2022.
  35. ^ a b JSF.mil > History > JSF, su web.archive.org, 15 luglio 2019. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2019).
  36. ^ NOVA | Battle of the X-Planes | PBS, su pbs.org. URL consultato il 29 agosto 2022.
  37. ^ JSF.mil > History > F-35 Acquisition, su web.archive.org, 6 luglio 2019. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2019).
  38. ^ Non-Standard DOD Aircraft Designations, su designation-systems.net. URL consultato il 29 agosto 2022.
  39. ^ (EN) X to F: F-35 Lightning II And Its X-35 Predecessors | Code One Magazine, su codeonemagazine.com. URL consultato il 29 agosto 2022.
  40. ^ Keijsper 2007, pp. 122, 124.
  41. ^ Keijsper 2007, p. 119.
  42. ^ Fulghum, David A.; Wall, Robert (19 September 2004). "USAF Plans for Fighters Change". Aviation Week & Space Technology.
  43. ^ Keijsper 2007, p. 124.
  44. ^ (EN) Smithsonian Magazine, Weight Watchers, su Smithsonian Magazine. URL consultato il 29 agosto 2022.
  45. ^ Il primo F-35 mancava dell'ottimizzazione del peso apportata dallo SWAT.
  46. ^ CF 35 Lightning II (PDF), su westdef.com, 21 febbraio 2014. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2014).
  47. ^ (EN) 'Lightning II' moniker given to Joint Strike Fighter, su Air Force. URL consultato il 29 agosto 2022.
  48. ^ The Air Force's Elite Weapons School Has Given The F-35 A New Nickname - The Drive, su thedrive.com, 13 agosto 2018. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2018).
  49. ^ F-35 Software Development | F-35 Lightning II, su web.archive.org, 2 luglio 2020. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2020).
  50. ^ DOD Plans to Enter Production before Testing Demonstrates Acceptable Performance (PDF), su gao.gov, 1º agosto 2020. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2020).
  51. ^ (EN) Valerie Insinna, F-35 program office wraps up final developmental flight test, su Defense News, 16 aprile 2018. URL consultato il 29 agosto 2022.
  52. ^ (EN) F-35 jets: Chinese-owned company making parts for top-secret UK-US fighters, su Sky News. URL consultato il 29 agosto 2022.
  53. ^ (EN) Zak Doffman, U.S. And U.K. F-35 Jets Include 'Core' Circuit Boards From Chinese-Owned Company, su Forbes. URL consultato il 29 agosto 2022.
  54. ^ (EN) Wendell Minnick, Chinese Businessman Pleads Guilty of Spying on F-35 and F-22, su Defense News, 24 marzo 2016. URL consultato il 29 agosto 2022.
  55. ^ I primi F-35B hanno una vita di servizio di 2100 ore prima di rimodernizzazioni come visto sul Lot 9 e aerei successivi.
  56. ^ Bob Cox, "Internal Pentagon memo predicts that F-35 testing won't be complete until 2016", in Fort Worth Star-Telegram, 1º marzo 2010.
  57. ^ Lockheed F-35 Purchases Delayed in Pentagon’s Fiscal 2011 Plan - BusinessWeek, su businessweek.com, 10 gennaio 2010. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2010).
  58. ^ (EN) F-35 Program Continues to Struggle with Software, su IEEE Spectrum, 19 settembre 2012. URL consultato il 29 agosto 2022.
  59. ^ (EN) F-35 Joint Strike Fighter (JSF) (PDF), su dote.osd.mil, 26 giugno 2019. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  60. ^ (EN) Is the F-35 worth it?, su cbsnews.com. URL consultato il 29 agosto 2022.
  61. ^ (EN) All For One and All for All, su Air Force Magazine, 14 marzo 2016. URL consultato il 29 agosto 2022.
  62. ^ (EN) U.S. watchdog finds quality violations in Pratt work on F-35 engine, in Reuters, 27 aprile 2015. URL consultato il 29 agosto 2022.
  63. ^ (EN) Is the F-35 a Trillion-Dollar Mistake?, in Bloomberg.com, 4 aprile 2017. URL consultato il 29 agosto 2022.
  64. ^ Schneider, Greg (27 October 2001). "Lockheed Martin Beats Boeing for Fighter Contract", su washingtonpost.com.
  65. ^ (EN) James Dao With Laura M. Holson, Lockheed Wins $200 Billion Deal for Fighter Jet, in The New York Times, 27 ottobre 2001. URL consultato il 29 agosto 2022.
  66. ^ GAO Questions Cost Of Joint Strike Fighter (washingtonpost.com), su washingtonpost.com. URL consultato il 29 agosto 2022.
  67. ^ (EN) Pentagon tells Lockheed to shape up on F-35 fighter, in Reuters, 18 settembre 2012. URL consultato il 29 agosto 2022.
  68. ^ The Cost of Teamwork, su web.archive.org, 25 maggio 2014. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2014).
  69. ^ (EN) F-35 Program Costs Jump to $406.5 Billion in Latest Estimate, in Bloomberg.com, 10 luglio 2017. URL consultato il 29 agosto 2022.
  70. ^ "The Pentagon's $1.5 Trillion Addiction to the F-35 Fighter", su thenation.com. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2019).
  71. ^ (EN) Massive $34 Billion F-35 Contract Includes Price Drop as Readiness Improves, su Air Force Magazine, 29 ottobre 2019. URL consultato il 29 agosto 2022.
  72. ^ (EN) Development Is Nearly Complete, but Deficiencies Found in Testing Need to Be Resolved (PDF), su gao.gov.
  73. ^ (EN) Valerie Insinna, Full rate production for F-35 is at least another year away, su Breaking Defense, 8 marzo 2022. URL consultato il 29 agosto 2022.
  74. ^ (EN) James Drew2015-07-31T19:09:51+01:00, First operational F-35 squadron declared ready for combat, su Flight Global. URL consultato il 29 agosto 2022.
  75. ^ (EN) Valerie Insinna, After a couple months delay, the F-35 moves into operational tests, su Defense News, 7 dicembre 2018. URL consultato il 29 agosto 2022.
  76. ^ (EN) Defense World, su defenseworld.net. URL consultato il 29 agosto 2022.
  77. ^ (EN) U.S. Defense Department Plans to Spend $6.6B on F-35 Continuing Development Through 2024, su Aviation Today, 19 marzo 2019. URL consultato il 29 agosto 2022.
  78. ^ (EN) Stephen Trimble2018-07-10T01:14:59+01:00, USAF starts work on defining adaptive engine for future fighter, su Flight Global. URL consultato il 29 agosto 2022.
  79. ^ (EN) USAF launches F-35 advanced engine effort, su Janes.com. URL consultato il 29 agosto 2022.
  80. ^ (EN) Northrop Developing Laser Missile Jammer For F-35, su aviationweek.com, 20 aprile 2014. URL consultato il 29 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2014).
  81. ^ (EN) Israel Wants To Put New Equipment Inside The F-35: Exclusive Q&A With Top Officer, su Breaking Defense, 21 settembre 2021. URL consultato il 29 agosto 2022.
  82. ^ Hayles, John, Yakovlev Yak-41 'Freestyle', su aeroflight.co.uk, Aeroflight, 28 marzo 2005. URL consultato il 3 luglio 2008.
  83. ^ Joint Strike Fighter (JSF), su janes.com. URL consultato il 3 luglio 2008.
  84. ^ Philips, E. H., The Electric Jet, Aviation Week & Space Technology, 5 febbraio 2007.
  85. ^ Ian Parker, Reducing Risk on the Joint Strike Fighter, su aviationtoday.com, Avionics Magazine, 1º giugno 2007. URL consultato l'8 luglio 2007.
  86. ^ Going vertical. Developing a STOVL system (PDF) (archiviato dall'url originale il 20 luglio 2015)..
  87. ^ a b Engine for F-35A Conventional Take Off and Landing (CTOL) (PDF), su pw.utc.com. URL consultato il 22 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  88. ^ a b Power for F-35B Short Take Off and Vertical Landing (STOVL) (PDF), su pw.utc.com. URL consultato il 22 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  89. ^ a b Rolls-Royce LiftSystem Technology, su rolls-royce.com. URL consultato il 22 febbraio 2015.
  90. ^ The Lockheed Martin F-35 Joint Strike Fighter (JSF), su airvectors.net, vectorsite.net.
  91. ^ Researchers fine-tune F-35 pilot-aircraft speech system, su af.mil, US Air Force, 10 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2007).
  92. ^ VSI's Helmet Mounted Display System flies on Joint Strike Fighter, su rockwellcollins.com, Rockwell Collins. URL consultato l'8 giugno 2008.
  93. ^ F-35 JSF Joint Strike Fighter, su militarypower.com.br.
  94. ^ Martin-Baker (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2008)., Jsf.org.uk.
  95. ^ Martin-Baker, UK (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2009)., Martin-baker.com.
  96. ^ APG-81 (F-35 Lightning II), su es.northropgrumman.com. URL consultato il 4 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2007).
  97. ^ Lockheed Martin Missiles and Fire Control: Joint Strike Fighter Electro-Optical Targeting System., su lockheedmartin.com. URL consultato l'11 aprile 2008 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2009).
  98. ^ F-35 Software Development | F-35 Lightning II, su F-35 Lightning II. URL consultato il 21 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2020).
  99. ^ . Copia archiviata, su gdatp.com. URL consultato il 13 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2009)., General Dynamics Armament and Technical Products.
  100. ^ F-35 specifications, su globalsecurity.org.
  101. ^ F-35 Program Brief (PDF) (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2007)., USAF, 26 September 2006.
  102. ^ "F-35 Lightning II News: ASRAAM Config Change For F-35"., f-16.net, 4 March 2008.
  103. ^ Davis Digger, JSF Range & Airspace Requirements (PDF), su dtic.mil, Headquarters Air Combat Command, 30 ottobre 2007. URL consultato il 3 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2008).
  104. ^ National Review (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2009)..
  105. ^ Renae Merle, GAO Questions Cost Of Joint Strike Fighter, su washingtonpost.com, Washington Post, 15 marzo 2005. URL consultato il 15 luglio 2007.
  106. ^ Estimated JSF Air Vehicle Procurement Quantities (PDF), su jsf.mil, aprile 2007. URL consultato il accesso=7 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2009).
  107. ^ JSF Global Partners, su teamjsf.com. URL consultato il 20 marzo 2007 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2007).
  108. ^ "US, UK sign JAST agreement." Aerospace Daily New York: McGraw-Hill, 25-11-1995, p. 451.
  109. ^ Katherine V. Schnasi, Joint Strike Fighter Acquisition: Observations on the Supplier Base (PDF), su gao.gov, US Accounts Office. URL consultato l'8 febbraio 2006 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2020).
  110. ^ Defense Industry Daily. F-35 Lightning II Faces Continued Dogfights in Norway (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2007)..
  111. ^ Dedalonews » Londra dice addio agli STOVL si disfa degli Harrier e per l’F-35 sceglie la versione C, su dedalonews.it, 25 ottobre 2010. URL consultato il 9 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2011).
  112. ^ UK reverses controversial F-35 switch..
  113. ^ Italiano il primo F-35 che completa volo oltreoceano, su difesa.it. URL consultato il 2 aprile 2016.
  114. ^ a b La Turchia è ufficialmente fuori dal Programma F-35, su analisidifesa.it. URL consultato il 27 luglio 2019.
  115. ^ "Stati Uniti. L'USAF incorpora gli F-35 turchi" - "Aeronautica & Difesa" N. 408 - 10/2020 pag. 80
  116. ^ Redazione online, Il Pentagono sospende i voli del F-35Problemi alla turbina, supercaccia a terra, in Corriere della Sera, 22 febbraio 2013. URL consultato il 23 febbraio 2013.
  117. ^ F-35s cleared to resume flight operations..
  118. ^ Redazione Online, Usa, la flotta degli F35 a terra: «Non sono sicuri», in Corriere della Sera, 4 luglio 2014. URL consultato il 4 luglio 2014.
  119. ^ A terra tutti gli F35: per il Pentagono sono a rischio dopo incidente, in La Repubblica, 4 luglio 2014. URL consultato il 4 luglio 2014.
  120. ^ F-35, caccia a terra negli Usa dopo principio di incendio, in La Repubblica, 28 giugno 2014. URL consultato il 4 luglio 2014.
  121. ^ Il Pentagono blocca i voli degli F-35 “Problemi alla turbina del reattore”.. La stampa. Esteri. 22 febbraio 2013.
  122. ^ F-35s played the US Army’s primary CAS providers during Green Flag. And were not shot down in the process.
  123. ^ RID Portale Difesa. URL consultato il 12 febbraio 2017.
  124. ^ F-15E Strike Eagles unable to shoot down the F-35s in 8 dogfights during simulated deployment, su The Aviationist, 27 giugno 2016. URL consultato il 22 marzo 2017.
  125. ^ ultimaora - flash news 24 Corriere della Sera, su corriere.it. URL consultato il 3 agosto 2016.
  126. ^ F-35’s kill ratio with Aggressors stands at 15:1 during Red Flag 17-1 (most probably thanks to the supporting F-22…).
  127. ^ (EN) F-35 Dominates the Air at This Year's Red Flag War Games, in Popular Mechanics, 7 febbraio 2017. URL consultato il 12 febbraio 2017.
  128. ^ Dragon029, Final F-35 Kill Ratios at Red Flag 17-1 (and USMC Exercises), 18 febbraio 2017. URL consultato il 19 febbraio 2017.
  129. ^ Avalon 2017: F-35 transforming US Marine Corps' aviation capabilities | IHS Jane's 360, su janes.com. URL consultato il 28 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2017).
  130. ^ F-35 Software Development | F-35 Lightning II, su F-35 Lightning II. URL consultato il 13 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2020).
  131. ^ (IT) Andrea Mottola, La guerra d'attrito israeliana in Siria, in Rivista italiana difesa, n. 5, Chiavari, Giornalistica riviera, 5 maggio 2019, p. 37.
    «Il conflitto in Siria ha fatto da cornice al primo impiego operativo degli F-35A-I ADIR. Dopo appena 2 mesi dalla loro consegna, gli aerei del 140º Squadrone sono stati più volte utilizzati in missioni di coordinamento/gestione del campo di battaglia e pattugliamento EW/ELIN accanto ad altri velivoli dedicati (B-200, G-550 SEMA)»
  132. ^ Have Israel’s new F-35s seen combat? | Air Forces Monthly, su airforcesmonthly.com. URL consultato l'8 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2017).
  133. ^ a b (EN) Daniel Soar, The Most Expensive Weapon Ever Built, in London Review of Books, vol. 39, n. 7, 30 marzo 2017, pp. 3-5. URL consultato il 23 aprile 2017.
  134. ^ (EN) F-35 Passes 100,000 Hour Mark with No Crashes, in Popular Mechanics, 25 luglio 2017. URL consultato il 3 agosto 2017.
  135. ^ (EN) Dave Majumdar, Almost Ready for War: F-35 Joint Strike Fighter Has Flown 100,000 Hours, su The National Interest. URL consultato il 3 agosto 2017.
  136. ^ Gli F-35 italiani implementano il sistema di difesa aerea nazionale - Aviation Report, in Aviation Report, 6 marzo 2018. URL consultato l'8 marzo 2018.
  137. ^ Battesimo del fuoco in Siria per gli F-35 israeliani – Analisi Difesa, su analisidifesa.it. URL consultato il 22 maggio 2018.
  138. ^ Ryan Browne and Barbara Starr, CNN, US F-35 fighter jet conducts first-ever airstrike, in CNN. URL consultato il 29 settembre 2018.
  139. ^ (EN) Marine pilot in stable condition after fighter jet crashes near Beaufort air station, in islandpacket. URL consultato il 29 settembre 2018.
  140. ^ Neanche i radar cinesi fermano gli F-35, su Difesa Online, 25 febbraio 2019. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  141. ^ J Francowa, Israeli F 35 & Chinese made radar JY 27, 23 febbraio 2019. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  142. ^ Siria. L'F-35 evidenzia i limiti dei radar cinesi?, su AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  143. ^ (EN) Franz-Stefan Gady, The Diplomat, Japan Air Self-Defense Force: Pilot Error Likely Cause of F-35A Crash, su The Diplomat. URL consultato il 27 giugno 2019.
  144. ^ (EN) Reiji Yoshida, Remains of Japan ASDF pilot found, two months after F-35A fighter crash off Aomori, in The Japan Times Online, 7 giugno 2019. URL consultato il 27 giugno 2019.
  145. ^ Ng, Iran. F-35 israeliani sorvolano e fotografano indisturbati obiettivi militari | Notizie Geopolitiche, su notiziegeopolitiche.net. URL consultato il 27 luglio 2019.
  146. ^ a b c Norwegian F-35s Have Deployed To Iceland for NATO Air Policing Mission, su theaviationist.com. URL consultato il 28 febbraio 2020.
  147. ^ https://www.defensenews.com/air/2019/06/12/the-pentagon-is-battling-the-clock-to-fix-serious-unreported-f-35-problems/ The Pentagon is battling the clock to fix serious, unreported F-35 problems - June 12, 2019
  148. ^ F-35 precipita nel Mediterraneo, ecco cosa è successo, su startmag.it. URL consultato il 24 novembre 2021.
  149. ^ Redazione di Aviation Report News Militari 2 min read, Recuperato il relitto del velivolo stealth F-35B inglese precipato in mare durante il decollo dalla portaerei HMS Queen Elizabeth, su Aviation Report, 7 dicembre 2021. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  150. ^ Pubblicato su Twitter il video dell'incidente del velivolo da combattimento F-35B britannico, su Aviation Report, 30 novembre 2021. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  151. ^ a b c "Il Pentagono pianifica la produzione su larga scala (FRP, Full Rate Production) dell'F-35 Lightning II" - "Aeronautica & Difesa" N. 380 - 06/2018 pag. 21
  152. ^ "US Air Force: uno sguardo ai numeri" - "Aeronautica & Difesa" N. 395 - 09/2019 pp. 42-47
  153. ^ a b "CONSEGNATO IL PRIMO F-35C AI MARINES"., su portaledifesa.it, 10 giugno 2019, URL consultato il 10 giugno 2019.
  154. ^ "L'aviazione dei Marines" - "Aeronautica & Difesa" N. 379 - 05/2018 pp. 50-55
  155. ^ "MARINE CORPS F-35 FIGHTER JET CRASHED IN SOUTH CAROLINA"., su defence-blog.com, 28 settembre 2018, URL consultato il 3 ottobre 2018.
  156. ^ "THE MARINE CORPST HAS LOST ITS FIRST F-35"., su marinecorpstimes.com, 21 giugno 2018, URL consultato il 3 ottobre 2018.
  157. ^ "ADDITIONAL LIGHTNING IIs FOR RAF"., su scramble.nl, 29 aprile 2022, URL consultato il 12 maggio 2022.
  158. ^ "GLI F-35B BRITANNICI COMPLETANO LE PRIME MISSIONI OPERATIVE SU SIRIA E IRAQ"., su aviation-report.com, 27 giugno 2019, URL consultato il 9 luglio 2019.
  159. ^ "UK ORDERS NEXT BATCH OF 17 F-35B LIGHTNING JETS"., su ukdefencejournal.org.uk, 15 novembre 2018, URL consultato il 16 novembre 2018.
  160. ^ "RIFORMATO IL FAMOSO 617 SQUADRON DAMBUSTERS DELLA RAF PER VOLARE CON I NUOVI F-35"., su aviation-report.com, 18 aprile 2018, URL consultato il 2 maggio 2018.
  161. ^ "MAJORITY OF BRITISH F-35B FLEET TO ARRIVE IN UK THIS SUMMER"., su ukdefencejournal.org.uk, 20 aprile 2018, URL consultato il 2 maggio 2018.
  162. ^ "Un ripensamento (al ribasso) sul numero complessivo degli F-35B Lightning II per le forze aeree britanniche?" - "Aeronautica & Difesa" N. 375 - 01/2018 pag. 19
  163. ^ "L’AERONAUTICA MILITARE ENTRA UFFICIALMENTE NELLA 5 GENERAZIONE CON L’F-35"., su geopoliticalcenter.com, 8 marzo 2018, URL consultato il 30 marzo 2018.
  164. ^ Gianluca Conversi, Primo volo per l'F-35A 32-12 destinato all'Aeronautica Militare, su Aviation Report, 1º febbraio 2020. URL consultato il 21 luglio 2020.
  165. ^ "Il primo F-35B italiano consegnato alla Marina Militare" - "Aeronautica & Difesa" N. 377 - 03/2018 pp. 22-23
  166. ^ "LA MARINA MILITARE RICEVE IL PRIMO F-35B"., su portaledifesa.it, 25 gennaio 2018, URL consultato il 25 gennaio 2018.
  167. ^ "CONSEGNATO IL PRIMO F-35B ALLA MARINA MILITARE"., su fromtheskies.it, 25 gennaio 2018, URL consultato il 27 gennaio 2018.
  168. ^ "F-35, CONSEGNATO ALLA DIFESA IL PRIMO VELIVOLO A DECOLLO CORTO"., su airpressonline.it, 25 gennaio 2018, URL consultato il 27 gennaio 2018.
  169. ^ "CONSEGNATO ALLA MARINA MILITARE IL PRIMO F-35B"., su aviation-report.com, 25 gennaio 2018, URL consultato il 27 gennaio 2018.
  170. ^ "CONSEGNATO IL PRIMO F-35B ALLA MARINA MILITARE ITALIANA"., su analisidifesa.it, 26 gennaio 2018, URL consultato il 27 gennaio 2018.
  171. ^ "IL PRIMO F-35B REALIZZATO IN ITALIA È STATO CONSEGNATO AL MINISTERO DELLA DIFESA ITALIANO"., su difesaonline.it, 26 gennaio 2018, URL consultato il 27 gennaio 2018.
  172. ^ "ITALIA? ECCELLENZA GLOBALE DELL’AERONAUTICA. PAROLA DI WILHELM (LOCKHEED MARTIN)"., su airpressonline.it, 27 gennaio 2018, URL consultato il 27 gennaio 2018.
  173. ^ "Alla Marina Militare il primo F-35B STOVL" - "Rivista italiana difesa" N. 3 - 03/2018 pag. 9
  174. ^ "Il libro bianco della difesa olandese" - "Rivista italiana difesa" N. 6 - 06/2018 pag. 28
  175. ^ "In montaggio a Cameri il primo F-35 olandese" - "Aeronautica & Difesa" N. 381 - 07/2018 pag. 16
  176. ^ CAMERI: IN PRODUZIONE PRIMO F-35 OLANDESE"., su portaledifesa.it, 15 giugno 2018, URL consultato il 15 giugno 2018.
  177. ^ "ALTRI 9 F-35 PER L’OLANDA, BUONE NOTIZIE PER L’ITALIA"., su portaledifesa.it, 9 ottobre 2019, URL consultato il 9 ottobre 2019.
  178. ^ "MORE LIGHTNING IIs FOR THE DUTCH", su scramble, 3 ottobre 2022, URL consultato il 3 ottobre 2022.
  179. ^ "Vola il primo F-35 turco e si apre un dibattito" - "Aeronautica & Difesa" N. 380 - 06/2018 pag. 21
  180. ^ "F-35: LA TURCHIA ACQUISTA SECONDO LOTTO"., su difesaonline.it, 2 novembre 2016, URL consultato il 2 novembre 2016.
  181. ^ "CONSEGNATI I PRIMI 2 F-35 PER LA TURCHIA"., su portaledifesa.it, 21 giugno 2018, URL consultato il 21 giugno 2018.
  182. ^ "US DELIVERS FIRST F-35 TO TURKEY AS CONGRESSIONAL OPPOSITION TO FURTHER DELIVERIES GROWS" (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2018)., su janes.com, 21 giugno 2018, URL consultato il 21 giugno 2018.
  183. ^ a b c "Opportunità per l'F-35 nel Sud-est Asiatico?" - "Aeronautica & Difesa" N. 354 - 04/2016 pag. 21
  184. ^ "Il futuro della difesa australiana" - "Aeronautica & Difesa" N. 364 - 02/2017 pp. 52-55
  185. ^ "Test del paracadute freno dell'F-35 in Norvegia" - "Aeronautica & Difesa" N. 378 - 04/2018 pag. 18
  186. ^ "La Norvegia dichiara operativo l'F-35" - "Aeronautica & Difesa" N. 398 - 12/2019 pag. 23
  187. ^ "Le forze aeree del mondo. Danimarca" - "Aeronautica & Difesa" N. 391 - 05/2019 pag. 70
  188. ^ "F-35, UFFICIALE: LA DANIMARCA È L'UNDICESIMO PAESE A SCEGLIERE IL JSF"., su difesaonline.it, 12 maggio 2016, URL consultato il 9 aprile 2018.
  189. ^ "LE PARC AÉRIEN DE LA FLYVEVABNET EN 2019 ET EN IMAGES"., su avionslegendaires.net, 2 luglio 2019, URL consultato il 5 luglio 2019.
  190. ^ a b "OFFICIAL HAND-OVER FIRST RDAF F-35A"., su scramble.nl, 7 aprile 2021, URL consultato il 7 aprile 2021.
  191. ^ "F-35 ANCHE PER IL CANADA"., su analisidifesa.it, 30 marzo 2022, URL consultato il 30 marzo 2022.
  192. ^ "LIGHTNING II FOR CANADA"., su scramble.nl, 29 marzo 2022, URL consultato il 30 marzo 2022.
  193. ^ "LE LOCKHEED-MARTIN F-35A LIGHTNING II VOLERA SOUS LA COCARDE À FEUILLE D’ÉRABLE"., su avionslegendaires.net, 29 marzo 2022, URL consultato il 30 marzo 2022.
  194. ^ "Have Israel’s new F-35s seen combat?" (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2017)., su airforcesmonthly.com, 7 marzo 2017, URL consultato il 8 marzo 2017.
  195. ^ "Le forze aeree del mondo. Israele" - "Aeronautica & Difesa" N. 425 - 3/2022 pag. 68
  196. ^ "F-35I Adir: il battesimo del fuoco" - "Aeronautica & Difesa" N. 382 - 08/2018 pp. 42-45
  197. ^ "L'Aeronautica di Singapore" - "Rivista italiana difesa" N. 1 - 01/2022 pp. 40-50
  198. ^ F35: la crisi non ferma la produzione, ma i difetti e le carenze sono moltissimi, su ilfattoquotidiano.it.
  199. ^ Anche Singapore sceglie l'F-35, su portaledifesa.it.
  200. ^ (EN) Singapore eyes F-35 jets to replace ageing F-16 fighters, su straitstimes.com.
  201. ^ (NL) “Keuze voor F-35 is gemaakt, regering zoekt naar beste communicatie”, su hln.be.
  202. ^ (EN) Belgium Reportedly Chooses F-35 Stealth Jets over Eurofighter Typhoons To Replace Its Aging F-16s, su theaviationist.com.
  203. ^ "SOUTH KOREA STAGES ‘ELEPHANT WALK’ WITH ITs F-35As A DAY AFTER NORTH KOREA TEST-FIRED A LARGE ICBM"., su theaviationist.com, 25 marzo 2022, URL consultato il 31 marzo 2022.
  204. ^ "SOUTH KOREA SAYS F-35A FLEET OPERATIONAL"., su janes.com, 30 marzo 2022, URL consultato il 30 marzo 2022.
  205. ^ "Le forze aeree del mondo. Corea del Sud" - "Aeronautica & Difesa" N. 386 - 12/2018 pag. 72
  206. ^ "SOUTH KOREA GETS FIRST OF 40 F-35s"., su aviationtoday.com, marzo 2018, URL consultato il 29 marzo 2018.
  207. ^ Republic of Korea
  208. ^ "FINLAND CHOOSES LIGHTNING II"., su scramble.nl, 10 dicembre 2021, URL consultato il 10 dicembre 2021.
  209. ^ "LA FINLANDIA SCEGLIE L’F-35A"., su rid.it, 10 dicembre 2021, URL consultato il 10 dicembre 2021.
  210. ^ "La Finlandia ha scelto l'F-35A Lightning II per sostituire gli FA-18 Hornet dell'Ilmavoimat" - "Aeronautica & Difesa" N. 424 - 2/2022 pag. 67
  211. ^ a b "FINLAND SIGNS FOR F-35s"., su janes.com, 11 febbraio 2022, URL consultato il 11 febbraio 2022.
  212. ^ "Gli USA approvano la vendita di 35 F-35A alla Germania" - "Rivista italiana difesa" N. 9 - 09/2022 pag. 13
  213. ^ a b c Germani, Grecia e Repubblica Ceca: il trionfo dell’F-35 in Europa, su analisidifesa.it, 29 luglio 2022. URL consultato il 31 luglio 2022.
  214. ^ "Le forze aeree del mondo. Giappone" - "Aeronautica & Difesa" N. 409 - 11/2020 pag. 66
  215. ^ a b "Alla ricerca del caccia perduto" - "Aeronautica & Difesa" N. 392 - 06/2019 pp. 48-50
  216. ^ "ALTRI 105 F-35 PER IL GIAPPONE"., su portaledifesa.it, 18 dicembre 2018, URL consultato il 19 dicembre 2018.
  217. ^ "FIRST JAPANESE-ASSEMBLED F-35A COMPONENTS MATE AT NAGOYA FACO"., su f35.com, 15 dicembre 2015, URL consultato il 7 maggio 2017.
  218. ^ "POLAND SIGNS F-35 DEAL"., su janes.com, 31 gennaio 2020, URL consultato il 3 febbraio 2020.
  219. ^ "F-35A PER LA POLONIA"., su portaledifesa.it, 31 gennaio 2020, URL consultato il 3 febbraio 2020.
  220. ^ "LA POLONIA FIRMA UN ACCORDO DI 4,6 MILIARDI DI DOLLARI PER L'ACQUISTO DI 32 F-35"., su aviation-report.com, 3 febbraio 2020, URL consultato il 3 febbraio 2020.
  221. ^ a b "BREAKING: F-35A LIGHTNING II FOR SWITZERLAND"., su scramble.nl, 30 giugno 2021, URL consultato il 2 luglio 2021.
  222. ^ a b "SWITZERLAND SELECTS F-35 JETS, PATRIOT MISSILE SYSTEMS"., su defenseworld.net, 30 giugno 2021, URL consultato il 2 luglio 2021.
  223. ^ "Cieli neutrali: l'Aeronautica Svizzera" - "Rivista italiana difesa" N. 2 - 02/2022 pp. 76-81
  224. ^ Gli F-35 svizzeri verranno assemblati a cameri, su analisidifesa.it, 30 marzo 2022.
  225. ^ "IL PARLAMENTO SVIZZERO AUTORIZZA L’ACQUISTO DEI CACCIA BOMBARDIERI F-35A E DEI MISSILI PATRIOT", su aresdifesa.it, 16 settembre 2022, URL consultato il 17 settembre 2022.
  226. ^ "LA SVIZZERA FIRMA IL CONTRATTO DI ACQUISTO DEGLI F-35A", su aresdifesa.it, 20 settembre 2022, URL consultato il 21 settembre 2022.
  227. ^ a b Temi dell'attività Parlamentare, su camera.it (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2013).
  228. ^ PACE (QUASI) FATTA TRA MARINA E AERONAUTICA PER GLI F-35 STOVL (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2013)..
  229. ^ Ora la parola d'ordine è tagliare.. Repubblica. Politica. 2 gennaio 2012.
  230. ^ Costano troppo,il governo non li compri.. Repubblica. 2 gennaio 2012.
  231. ^ Don Renato Sacco: Quante bugie sull'F-35.. Repubblica. MicroMega. 22 febbraio 2012.
  232. ^ [1]. Repubblica. 22 febbraio 2013.
  233. ^ Una "baruffa mediatica" secondo Giampiero Buonomo, La crescente procedimentalizzazione dell’atto parlamentare di indirizzo politico (PDF)., Questione giustizia, 7 ottobre 2021 (p. 9).
  234. ^ Nel luglio 2013, la Cavour è l'unica portaerei rimasta in Europa insieme alla francese Charles De Gaulle.
  235. ^ Articolo online. sul sito de La Stampa.
  236. ^ F35, sì a mozione Pd: Camera dimezza i fondi per i caccia: da 13 a 6,5 miliardi.. Enrico Piovesana. Il fatto quotidiano. 24 settembre 2014.
  237. ^ F-35, sarà in Italia il polo europeo di manutenzione dei jet.. Il Sole 24 ore. 11 dicembre 2014.
  238. ^ Spese militari, nessun taglio agli F35. Anzi, il budget complessivo aumenta.. Enrico Piovesana. Il Fatto Quotidiano. 21 maggio 2015.
  239. ^ F35, tre anni di promesse e smentite. Così la politica ha messo le ali alle armi.. Thomas Mackinson. Il Fatto Quotidiano. 26 maggio 2015.
  240. ^ Relazione della Corte dei Conti (PDF), su corteconti.it. URL consultato il 9 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2017).
  241. ^ La Corte dei Conti sugli F-35: Ritardi e costi raddoppiati, ma non possiamo ritirarci.. La Stampa. Economia. 7 agosto 2017.
  242. ^ F-35, vi racconto l'abbaglio mediatico sulla relazione della Corte dei Conti - Formiche.net, in Formiche.net, 9 agosto 2017. URL consultato il 12 agosto 2017.
  243. ^ Repubblica, su repubblica.it.
  244. ^ Torna a volare il secondo esemplare degli F-35B italiani destinati alla Marina Militare.
  245. ^ F-35 bocciati e anti-economici, in Il Fatto Quotidiano, 21 giugno 2006.
  246. ^ Tories feel the heat over F-35 Fiasco, in The Global and Mail, 12 dicembre 2012.
  247. ^ Lake 2010, pp. 37–45.
  248. ^ a b Pocock, Chris. "LM defends F-35 JSF agility against critics." (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2011). Aviation International News, 15 giugno 2009.
  249. ^ L’F-35 Lightning II in combattimento: parte prima, su loneflyer.com. URL consultato il 10 settembre 2017.
  250. ^ (EN) F-35 Demo Pilot: Paris Performance Will ‘Crush Years Of Misinformation’, su aviationweek.com. URL consultato il 10 settembre 2017.
  251. ^ a b "Amerikaanse twijfel over JSF". Nova, 12 luglio 2010. (in olandese).
  252. ^ Video della puntata. di Presa diretta andata in onda il 3 febbraio 2013, con l'intervista all'ingegnere Sprey; un frammento del video con l'intervista a Pierre Sprey è visibile su YouTube..
  253. ^ Aleks, Pierre Sprey non ha progettato l’F-16, su SOBCHAK SECURITY - est. 2005, 2 ottobre 2015. URL consultato il 10 settembre 2017.
  254. ^ Gianluca Di Feo, "Con questi F35 ci abbattono subito". - L'Espresso, 7 marzo 2013.
  255. ^ F 35 dossier (PDF)., (PDF). Repubblica. Espresso. Speciale.
  256. ^ L'F-35 esplode con i fulmini.. La stampa. Esteri. 21 gennaio 2013.
  257. ^ F-35, il caccia dei guai: “Ma il cantiere alla base militare di Cameri non si ferma”.. La stampa. Novara. 23 gennaio 2013.
  258. ^ F-35 pilot explains how he dominated dogfights against multiple A-4 aggressors. Every time., su The Aviationist, 11 luglio 2016. URL consultato l'11 settembre 2017.
  259. ^ “Here’s what I’ve learned so far dogfighting in the F-35”: a JSF pilot’s first-hand account, su The Aviationist, 1º marzo 2016. URL consultato l'11 settembre 2017.
  260. ^ Rapporto del Pentagono: “F-35 fragile e inaffidabile, crepe durante i test”.. La stampa. Novara. 30 gennaio 2014.
  261. ^ F35, pieno di guai ma difficile da eliminare.. La stampa. Cronaca. 27 giugno 2013.
  262. ^ Il nuovo F-35 verrebbe abbattuto dai caccia che volano da 30 anni.. La stampa. Esteri. 9 marzo 2013.
  263. ^ (EN) "JSF Leaders Back In The Fight".. Sweetman, Bill. Aviation Week, 22 settembre 2008.
  264. ^ en "F-35 Fighter Confounding Critics As Flight Tests Ramp Up".. Thompson, Loren B. Lexington Institute, 1º marzo 2011.
  265. ^ (EN) Jim Wolf, "Air Force chief links F-35 fighter jet to China", su reuters.com, 19 settembre 2007. URL consultato il 12 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  266. ^ [2]
  267. ^ [3]
  268. ^ (EN) "F-35 fighter has become a clumsy white elephant", su opinion.globaltimes.cn, 24 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2012).
  269. ^ Clark, Colin. "AF Worries JSF Costs May Soar." (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2011). DoD Buzz 27 gennaio 2011.
  270. ^ (EN) U.S. General's Australian Outburst Could Undermine F-35 Program (XML) (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2013).. Aviation Week. 4 marzo 2013.
  271. ^ F-35, il Pentagono taglia il budget e riduce a 34 jet gli ordini del 2015.. La stampa. Novara. 26 febbraio 2014.
  272. ^ Così il capo dell'aeronautica francese elogia gli F-35 - Formiche.net, in Formiche.net, 7 settembre 2017. URL consultato il 7 settembre 2017.
  273. ^ F-35: i test a terra indicano la possibilità di un’estensione della durata di vita del caccia stealth di quinta generazione - Aviation Report, in Aviation Report, 19 settembre 2018. URL consultato il 23 settembre 2018.
  274. ^ Rivoluzione F35, in Difesa Online, 1º ottobre 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  275. ^ F-35C Lightning II - Acepedia, the Ace Combat wiki..
  276. ^ La LISTA AEREI di Tom Clancy's HAWX! | Forums, su forums-it.ubi.com.
  277. ^ AirForceDelta Aircraft List, su gamefaqs.com, GameFQS.
  278. ^   McClane vs F35, su YouTube.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh99003778 · GND (DE4835611-6 · J9U (ENHE987007534830505171