Apri il menu principale

Marian Pahars

allenatore di calcio e calciatore lettone
Marian Pahars
Marians Pahars.jpg
Pahars con la divisa dello Skonto.
Nazionalità Lettonia Lettonia
Altezza 174 cm
Peso 67 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 2010 - giocatore
Carriera
Squadre di club1

Jelgava

1994Pārdaugava 17 (3)
1995Skonto/Metāls Rīga 16 (4)
1995-1998Skonto85 (44)
1999-2006Southampton 137 (43)
2006-2008Anorthosis 19 (4)
2008Skonto19 (8)
2009-2010Jūrmala-VV 2 (0)
Nazionale
1996-2008 Lettonia Lettonia 75 (15)
Carriera da allenatore
2010-2011SkontoVice
2011-2012Skonto
2013Lettonia Lettonia U-21
2013-2017Lettonia Lettonia
2018-Jelgava
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 3 settembre 2018

Marians Pahars, meglio noto come Marian Pahars (Černovoļa, 5 agosto 1976), è un allenatore di calcio ed ex calciatore lettone, di ruolo attaccante.

Ex nazionale lettone, ha trascorso sette anni della sua carriera di club in Inghilterra, nelle file del Southampton.

Indice

Caratteristiche tecnicheModifica

Alto 174 centimetri per 67 chilogrammi, è dotato di buona tecnica e può giocare su tutto il fronte d'attacco, a destra, a sinistra e al centro.[1][2] È soprannominato "il Michael Owen lettone".[1]

Carriera da calciatoreModifica

ClubModifica

Gli anni in LettoniaModifica

Dopo gli esordi da diciottenne nel Pārdaugava Rīga, comincia la stagione 1995 nello Skonto-Metāls, la squadra riserve dello Skonto Rīga. A metà anno viene promosso in prima squadra e trova presto spazio, disputando 9 gare di Virslīga (la prima divisione) e mettendo a referto 8 reti.[3]

Nella stagione successiva è titolare quasi inamovibile: gioca tutte e 28 le partite e realizza 12 reti.[4] Nel 1997 totalizza 5 reti in 22 gare, mentre nella stagione 1998, con 19 reti in 26 gare, si afferma come secondo cannoniere stagionale della squadra dopo Mihails Miholaps, a quota 20. Da rimarcare i 5 gol segnati da entrambi i giocatori alla 24a giornata, quando lo Skonto batté il Valmieras per 15-2.[5]

Il trasferimento in InghilterraModifica

Nel marzo 1999 il Southampton, squadra della Premier League, lo preleva dallo Skonto per 800 000 sterline.[6] L'allora ventiduenne attaccante diventa così il primo lettone a vestire la divisa di una squadra inglese. Fa il suo esordio il 5 aprile, in un match con il Coventry City, mentre già nella gara seguente, il 17 aprile contro il Blackburn, realizza il suo primo gol in Premier League.[7] La stagione 1998-1999 termina per lui con 6 presenze e 3 marcature.[7]

Nella stagione 1999-2000 mette a referto 33 presenze e 13 reti in campionato, risultando il miglior realizzatore del Southampton,[8] mentre l'anno dopo si ferma a 9 reti in 31 presenze.

Durante il periodo inglese, è il campionato 2001-2002 quello migliore per lui dal punto di vista realizzativo, dal momento che insacca 14 reti in 36 gare, ancora miglior marcatore stagionale per la sua squadra. Nell'estate 2002 viene operato per un'ernia al disco, mentre a gennaio 2003, infortunatosi alla caviglia, deve sottoporsi ad un altro intervento chirurgico[9] che lo tiene a lungo lontano dai campi. Questi periodi di stop gli consentono di mettere a referto, per la stagione 2002-2003, solo 9 presenze e una rete su calcio di rigore.

Torna al gol nel dicembre 2003, in una gara contro il Portsmouth, ma viene fermato di nuovo da diversi problemi fisici che limitano a 14 le sue presenze nel campionato 2003-2004; le reti stagionali sono invece due. Nell'annata seguente, sempre per i continui problemi fisici, addirittura non scende mai in campo (0 presenze e 0 reti), mentre intanto il Southampton retrocede in seconda divisione dopo 28 anni. La stagione 2005-2006, la prima in FL Championship, lo vede ancora poco presente (10 gare e 1 gol) a causa di nuovi infortuni.

Lascia il Southampton nell'aprile 2006, dopo aver giocato 156 partite e messo a referto 45 marcature.

A Cipro e di nuovo in LettoniaModifica

Nel luglio 2006 si trasferisce a Cipro per giocare nelle file dell'Anorthosis, allenato da Temuri Ketsbaia. Nella prima stagione totalizza 17 presenze e 4 reti, mentre nella seconda gioca solo due match prima di essere lasciato libero a metà stagione, nel gennaio 2008.

Svincolato, si accasa così allo Skonto Rīga, tornandovi dopo 10 anni. Nel primo campionato dopo il ritorno in patria prende parte a 19 gare e realizza 8 reti.

NazionaleModifica

Ha fatto il proprio esordio in Nazionale lettone il 12 marzo 1996, in un'amichevole con Cipro, mentre ha realizzato la prima rete il 17 febbraio 1997, nella sconfitta per 3-2 contro la Polonia, sempre in amichevole.

Nel 2004 è stato uno dei 23 lettoni a prendere parte per la prima volta al campionato d'Europa, giocato quell'anno in Portogallo e terminato per i baltici al primo turno. In dodici anni di carriera in Nazionale ha totalizzato 75 presenze e 15 reti.

Carriera da allenatoreModifica

Smessi i panni del calciatore ha cominciato la carriera di allenatore nel luglio 2010 come vice di Aleksandrs Starkovs allo Skonto (all'epoca Starkovs era anche allenatore della nazionale lettone). Dal gennaio 2011 diventa primo allenatore dello Skonto, con cui vince la Coppa 2011-2012.

Dal 2013 guida la nazionale Under-21 lettone per 5 incontri, fino al luglio dello stesso anno quando viene promosso allenatore della nazionale maggiore, proprio al posto di Starkovs. Fa il suo esordio sulla panchina lettone il 14 agosto 2013 in amichevole contro l'Estonia[10].

StatisticheModifica

PalmarèsModifica

CalciatoreModifica

ClubModifica

Skonto: 1996, 1997, 1998
Skonto: 1997, 1998
Anorthosis: 2007-2008
Anorthosis: 2006-2007

AllenatoreModifica

ClubModifica

Skonto: 2011-2012

IndividualeModifica

1999, 2000, 2001

NazionaleModifica

2001
2001 (2 reti)

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Marian Pahars, in news.bbc.co.uk, 25 maggio 2004. URL consultato il 13 gennaio 2009.
  2. ^ (EN) Profilo su Footballdatabase.com, su footballdatabase.com. URL consultato il 23 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2007).
  3. ^ (LV) SKONTO FC - stagione 1995, su skontofc.lv. URL consultato il 13 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2009).
  4. ^ (LV) SKONTO FC - stagione 1996, su skontofc.lv. URL consultato il 13 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2009).
  5. ^ (LV) SKONTO FC - stagione 1998, su skontofc.lv. URL consultato il 13 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2009).
  6. ^ (EN) Nick Harris, Football: Pahars makes double payment on stadium, in www.independent.co.uk, 17 maggio 1999. URL consultato il 13 gennaio 2009.
  7. ^ a b (EN) www.soccerbase.com - Marian Pahars, su soccerbase.com. URL consultato il 13 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2009).
  8. ^ (EN) www.soccerbase.com - Southampton F.C., su soccerbase.com. URL consultato il 13 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2009).
  9. ^ San Marino spaventa Starkovs [collegamento interrotto], in www1.it.uefa.com, aprile 2003. URL consultato il 13 gennaio 2009.
  10. ^ (EN) Estonia and Latvia national football teams played to a 1:1 draw, 14 August 2013, su eu-football.info. URL consultato il 4 febbraio 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica


Controllo di autoritàLCCN (ENn2019007040 · WorldCat Identities (ENn2019-007040