Pirati! Briganti da strapazzo

film d'animazione del 2012 diretto da Peter Lord e Jeff Newitt
Pirati! Briganti da strapazzo
Pirates!.png
Capitan Pirata in una scena del film
Titolo originaleThe Pirates! In an Adventure with Scientists!
Paese di produzioneRegno Unito, Stati Uniti d'America
Anno2012
Durata88 min
Rapporto2,35:1
Genereanimazione, commedia, avventura, azione
RegiaPeter Lord, Jeff Newitt
SoggettoGideon Defoe
SceneggiaturaGideon Defoe
ProduttoreJulie Lockhart, Peter Lord, David Sproxton
Produttore esecutivoPeter Lord, Carla Shelley, David Sproxton
Casa di produzioneAardman Animations, Sony Pictures Animation
Distribuzione in italianoColumbia Pictures
FotografiaLuke Smith
Effetti specialiSimon Cockren
MusicheTheodore Shapiro
ScenografiaNorman Garwood
StoryboardKris Pearn, Jean-Paul Vermeulen
Art directorAlfred Llupiá
AnimatoriWill Becher
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Pirati! Briganti da strapazzo (The Pirates! In an Adventure with Scientists, conosciuto anche come The Pirates! Band of Misfits) è un film del 2012 diretto da Peter Lord in collaborazione con Jeff Newitt, basato sul romanzo del 2004 di Gideon Defoe Pirati! (The Pirates! In an Adventure with Scientists), pubblicato in Italia nel 2005. Il film, prodotto dalla Aardman Animations per la Sony Pictures Animation, girato utilizzando la tecnologia stop-motion e distribuito anche in 3-D. Il film è stato candidato ai Premi Oscar 2013 nella categoria miglior film d'animazione, senza vincere il premio.

TramaModifica

Ambientato nel 1837, il film narra le avventure del buffo pirata Capitan Pirata; questi è un inesperto capitano a capo di una squinternata ciurma allo sbando ma pronta a seguirlo in capo al mondo, e ambisce a ottenere il massimo riconoscimento in campo piratesco, il premio Pirata dell'Anno, che verrà consegnato al pirata che avrà all'attivo più saccheggi e ricchezze trafugate. Nel tentativo di aggiudicarsi finalmente l'ambito premio, che però viene coronato da numerosi insuccessi contro persino le navi più modeste, Capitan Pirata e i suoi uomini si imbatteranno nella nave d'esplorazione di Charles Darwin, intento a girare continenti alla ricerca di specie animali sconosciute per conto della regina Vittoria. L'incontro con Darwin cambierà le sorti di Capitan Pirata, in quanto Polly (il pennuto che Capitan Pirata credeva essere un pappagallo appesantito, e a cui tutta la ciurma è molto legata), altro non è che un dodo, un volatile già allora creduto estinto. Volendo in realtà rubare Polly per sé con l'aiuto del suo scimpanzé Mr. Bobo per sorprendere la sua amata regina Vittoria, Darwin convince Capitan Pirata a recarsi a Londra per presentare Polly ad un concorso scientifico con la promessa di un sostanzioso premio.

Incurante della tolleranza zero attuata all'epoca dalla regina Vittoria nei confronti dei pirati, Capitan Pirata accetta, e lui e la sua ciurma si travestono da scienziati per entrare nella competizione; lo stesso dodo vince il premio, che si rivelano dei miseri soldini e un incontro con la regina in persona. Dopo aver nascosto Polly, Capitan Pirata parla con la regina, la quale chiede che Polly sia donata a uno zoo: egli non solo rifiuta, ma rivela accidentalmente la sua vera identità, ma quando la regina ordina la sua esecuzione, Darwin si fa avanti e la convince a risparmiarlo, dicendole poi in segreto che solo il Capitano sa dove si trova Polly; convinta, la regina ordina a Dawin di trovare Polly a qualunque costo. Lo scienziato porta Capitan Pirata a una taverna e lo persuade ad ammettere che Polly è nascosto nella sua barba. Darwin e Mr. Bobo rubano il volatile, e inizia un inseguimento nella Torre di Londra dove la regina è in attesa: rifiuta di ricevere Darwin e offre invece a Capitan Pirata abbastanza denaro per assicurare la sua vittoria al premio Pirata dell'Anno in cambio di Polly; il Capitano accetta l'offerta e torna dai compagni, assicurando loro che Polly è ancora al sicuro nella sua barba.

Alla cerimonia sull'Isola del Sangue davanti al Re dei Pirati, Capitan Pirata vince il grande premio di Pirata dell'Anno, ma il suo rivale Black Bellamy fa sapere a tutti il perdono della regina, e spiega che se egli è stato perdonato allora non è più un pirata, e dunque non può più vincere il premio. Il Capitano viene dunque spogliando del suo premio, dei tesori e della sua licenza da pirata, viene bandito dall'Isola del Sangue e ammette la perdita di Polly alla ciurma, che lo abbandona. Tornato a Londra per salvare Polly, rivede Darwin, che rivela che la regina è in realtà un membro di una società di leader mondiali che si ciba di creature in pericolo d'estinzione, e Polly si troverebbe sulla nave volante della regina, la QV1, come prossimo pasto. Capitan Pirata e Darwin lavorano dunque insieme per rubare un'altra nave volante e raggiungere la QV1, mentre Mr. Bobo va a trovare il resto della ciurma di Capitan Pirata per arruolarli.

A bordo della QV1, la regina trova Capitan Pirata e Darwin e tenta di ucciderli, ma Mr. Bobo e la ciurma del Capitano intervengono e la regina viene sconfitta. Durante la battaglia, accade che il bicarbonato presente nella stiva della nave venga mischiato con l'aceto, causando una violenta reazione che spezza in due la nave dopo che i pirati fanno la pace. Il Capitano salva Polly e tutti riescono a scappare, mentre la sventurata regina viene lasciata sola in compagnia di alcuni degli animali rari che aveva intenzione di mangiare e dei quali si trova ora alla sua mercé. Capendo che quell'impresa gli è valsa una taglia di 100.000 dobloni, la più grande taglia nella storia della pirateria, Capitan Pirata si vede così reintegrato come un pirata, e parte con la sua ciurma in cerca di nuove avventure.

Nella scena dopo i crediti, Darwin viene lasciato sulle isole Galapagos, Mr. Bobo si unisce alla ciurma di Capitan Pirata, Black Bellamy rinuncia al premio Pirata dell'Anno per via della nuova infamia di Capitan Pirata, e la ciurma di quest'ultimo dona a lui un trofeo Pirata dell'Anno fatto in casa.

PersonaggiModifica

  • Il Capitano dei Pirati: un barbuto e vanesio pirata che come tale lascia un po' a desiderare, ma per lui è importante divertirsi sempre molto entusiasmandosi anche con poco. È felice di avere un pappagallo, un'imbarcazione, un equipaggio ed anche una folta barba: tutto ciò che, secondo lui, un pirata può volere. È anche interessato al premio di Pirata dell'anno.
  • Il Pirata con la sciarpa: fidatissimo, ragionevole, leale (forse anche troppo), intraprendente e astuto vice del Capitano, sempre pronto ad intervenire nelle varie situazioni evitargli guai; viene chiamato anche 'Numero Due' e ama indossare sempre la sua graziosa sciarpa.
  • Polly: il simpatico "pappagallo" particolarmente goloso di biscotti, mascotte amata da tutto l'equipaggio. Polly rappresenta il cuore e l'anima pennuta della nave dei pirati; di natura assolutamente tranquilla, anche quando dappertutto regna confusione, lui rimane sempre calmo e profondamente devoto al Capitano. Secondo Capitan Pirata, ogni bucaniere ha bisogno di un pappagallo sulla spalla, anche se si tratta di un volatile chiamato Dodo.
  • Charles Darwin: è uno scienziato al servizio della regina Vittoria, ed è alla ricerca del Dodo Polly, il "pappagallo" di Capitan Pirata, per poterlo dare alla regina di cui è molto innamorato.

DistribuzioneModifica

Il film è stato proiettato nel Regno Unito in anteprima mondiale il 28 marzo 2012, mentre è stato distribuito negli Stati Uniti a partire dal 30 marzo dello stesso anno. In Italia è uscito nelle sale a partire dal 4 aprile 2012, distribuito dalla Columbia Pictures.[1]

Il primo trailer ufficiale del film è stato distribuito il 14 luglio 2011[2] ed il 16 novembre 2011 è stato distribuito il secondo trailer internazionale.[3][4] Il 6 dicembre è stato invece messo online il primo trailer in lingua italiana, che riprende le stesse scene del primo trailer ufficiale.[5] Il 22 febbraio 2012 è stato messo online il secondo trailer in italiano del film, che vede tra i suoi doppiatori la presenza di Christian De Sica e di Luciana Littizzetto, rispettivamente nei ruoli di Capitan Pirata e della Regina Vittoria.[6]

CuriositàModifica

Nel film appaiono Jane Austen, Joseph Merrick, Napoleone Bonaparte e Cuthbert Collingwood, che tuttavia non potevano essere presenti nel 1837 (anno in cui è ambientato il film) per i seguenti motivi:

  • Jane Austen morì nel 1817, 20 anni prima dell'inizio del film.
  • Joseph Merrick sarebbe nato nel 1862, 25 anni dopo gli eventi del film.
  • Napoleone Bonaparte morì nel 1821, 16 anni prima dell'inizio del film.
  • Collingwood morì nel 1810, 27 anni prima dell'inizio del film.

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Scheda di Pirati! Briganti da strapazzo su Comingsoon.it, su comingsoon.it. URL consultato il 5 aprile 2012.
  2. ^ Il trailer di The Pirates! Band Misfits, su badtaste.it. URL consultato il 6 agosto 2011.
  3. ^ (EN) The Pirates! Band of Misfits Trailers & Video Clips, su movies.yahoo.com. URL consultato il 20 novembre 2011.
  4. ^ Esilarante nuovo trailer per Briganti da Strapazzo della Aardman, su badtaste.it, 17 novembre 2011. URL consultato il 20 novembre 2011.
  5. ^ PIRATI! BRIGANTI DA STRAPAZZO, IL TRAILER ITALIANO, su primissima.it, 6 dicembre 2011. URL consultato il 6 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2012).
  6. ^ Pirati! Briganti da Strapazzo 3D, il nuovo trailer italiano, su badtaste.it, 22 febbraio 2012. URL consultato il 23 febbraio 2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàBNE (ESXX5344462 (data)