Apri il menu principale

Rally d'Alsazia 2011

Francia Rally Francia 2011
N. 11 su 13 del Campionato del mondo rally 2011
Mikko Hirvonen durante la dodicesima speciale con la sua Ford con livrea nera
Mikko Hirvonen durante la dodicesima speciale con la sua Ford con livrea nera
Data dal 30 al 2 ottobre 2011
Nome ufficiale II Rally d'Alsazia
Percorso 337.43 km
Superficie Asfalto
Prove speciali 23
Equipaggi Partiti: 66
Arrivati: 34
Risultati
WRC
Podio
1. Francia Sébastien Ogier
Citroën
2. Spagna Dani Sordo
Mini
3. Finlandia Mikko Hirvonen
Ford

Il Rally d'Alsazia 2011, valevole quale Rally di Francia 2011, è stata l'undicesima prova del campionato mondiale rally 2011 e la seconda edizione del Rally d'Alsazia. Il rally si è disputato dal 30 settembre e si è concluso il 2 ottobre; la città di partenza del rally è stata Strasburgo, il capoluogo della regione dell'Alsazia, in Francia[1]. Questo rally è stato anche il settimo turno del campionato mondiale rally Super2000, ed è valso come quinto rally stagionale del WRC Academy.

La garaModifica

Sébastien Ogier ha vinto il suo quinto rally della stagione, dopo aver preso la leadership della gara durante la seconda giornata ed aver battagliato a lungo e con flebili margini di vantaggio con lo spagnolo a bordo della Mini, Dani Sordo, ed il norvegese alla guida della Citroën, Petter Solberg[2]. Questa vittoria porta il pilota francese a sole tre lunghezze di distacco dal suo compagno di squadra Loeb che conduce la classifica mondiale, nonostante il forzato ritiro a causa del guasto al motore occorso alla sua Citroën DS3 WRC durante la terza prova speciale[3]. Dani Sordo ha invece concluso il rally al secondo posto assoluto e questo piazzamento corrisponde al suo migliore della stagione in corso, perfezionando il terzo posto conquistato in Germania; sul terzo gradino del podio, prima delle analisi tecniche, è terminato Petter Solberg, distanziato di un minuto e ventiquattro secondi dal vincitore.

Solberg è stato però squalificato e quindi escluso dalla classifica generale dopo che la sua vettura è risultata con un peso pari a 1196 kg, contro il limite minimo fissato dal regolamento a 1200 kg; in questo modo il finlandese Mikko Hirvonen è salito sul gradino più basso del podio guadagnando altri tre punti che gli permettono di agguantare a pari quota Sébastien Loeb in classifica generale[4]. Jari-Matti Latvala ha terminato il suo rally in quarta posizione, precedendo l'olandese Dennis Kuipers, cha ha raggiunto il miglior risultato della storia del WRC per un pilota dei Paesi Bassi[5].

Ott Tänak ha vinto per la terza volta quest'anno nella categoria SWRC e in classifica generale, con una sola prova ancora da disputare, ha avvicinato il primato del finlandese Juho Hänninen, che in questo rally ha chiuso solamente in quinta posizione; Alastair Fisher nel WRC Academy si è imposto per la prima volta in questa stagione con quaranta secondi di margine sull'avversario spagnolo[6]. Sempre nel WRC Academy l'italiano Andrea Crugnola è incappato in un incidente durante la terza speciale dopo essersi ben comportato nelle due precedenti e, dopo aver accumulato i minuti di penalità, ha gareggiato nella nona, decima ed undicesima speciale, prima di ritirarsi definitivamente durante la dodicesima.

In questa prova del mondiale è stata provata per la prima volta una copertura massiccia in live streaming, della durata di quattordici ore, con le riprese on-board delle vetture, della webcam dall'elicottero che ha mostrato immagini spettacolari ed un commento in diretta in lingua inglese o francese; oltre alla diretta del rally è stato possibile vedere le interviste ai piloti e la conferenza stampa a fine di ognuna della tre frazioni. Il promoter del WRC, North One Sport, in collaborazione con la società Streamworks, specializzata nel settore, ha voluto inaugurare questo nuovo progetto che spera di portare avanti anche nelle prossime occasioni, al fine di instaurare un miglior collegamento digitale con i tifosi[7][8].

Resoconto WRCModifica

La prima e la seconda speciale del rally d'Alsazia 2011 vengono vinte in successione dai piloti di casa del Citroën World Rally Team, Loeb e Ogier, che mettono in fila tutti i favoriti che, ad eccezione dei piloti Henning Solberg e Matthew Wilson restano a pochissimi secondi di distacco. La terza speciale, della lunghezza di 36 km, pone una svolta decisiva al rally mettendo in difficoltà molti piloti, anche di una certa caratura; la vettura di Sébastien Loeb dopo aver percorso il primo tratto della speciale senza alcun problema, cala nettamente di potenza e costringe il pilota francese ad abbandonare definitivamente il rally di Francia ed incassare un pesante zero in classifica generale[9]. Anche i piloti del Ford World Rally Team sono vittima di due uscite di strada molto pericolose ma che permettono ad entrambi di continuare il rally seppur con ritardi di quasi due minuti; il finlandese Kimi Räikkönen invece finisce fuori strada e per lui non è più possibile continuare il rally[10]. Nella quarta, quinta e sesta speciale entra a condurre la classifica provvisoria Sébastien Ogier che precede Petter Solberg e Dani Sordo, entrambi distanti meno di dieci secondi, poi nella settima prova Petter Solberg fa segnare il miglior crono e scavalca il francese che termina con un parziale di 7.6 secondi più lento. Durante il settimo tratto del rally Mads Østberg decide di fermarsi e scendere dalla vettura per controllare lo stato di una delle due ruote posteriori, probabilmente danneggiata; dopo aver controllato decide però di ripartire. L'ultima speciale della prima giornata di gare è l'ottava e viene vinta dallo spagnolo Dani Sordo che nel frattempo si installa in prima posizione provvisoria con un vantaggio di un secondo su Petter Solberg e 2.8 secondi su Ogier; anche i finlandesi Latvala e Hirvonen recuperano alcune posizioni in classifica e terminano il primo giorno in quinta e sesta posizione[11].

Il 1º ottobre si apre con la vittoria di Ogier mentre Petter Solberg è il più rapido nella seconda speciale, decima complessiva, e supera tutti in classifica; durante la prova speciale seguente il norvegese è però sfortunato ad incorrere in una foratura alla ruota anteriore destra che lo costringe a rallentare, accumulando un ritardo di quaranta secondi. Nel frattempo Kris Meeke continua ad occupare la quarta posizione e Armindo Araújo dopo essere stato a lungo al settimo posto è costretto a cedere due posizioni. L'undicesima speciale, della lunghezza di 22 km, è dominata da Sébastien Ogier che rifila cospicui distacchi agli avversari, la prova successiva vede invece il sorpasso di Latvala su Meeke in classifica generale ed il crollo di Mads Østberg che perde ben quattro posizioni a causa di un grave errore; anche il russo Novikov è autore di un incidente infatti termina violentemente contro dei piloni che delimitano una chicane artificiale[12]. Nella tredicesima speciale Ogier sale in testa alla classifica provvisoria invece Kris Meeke deve dire addio ad un buon piazzamento in questo rally dato che rovina malamente la sua vettura dopo essere finito contro degli alberi all'esterno di una curva. Nelle quattro successive speciali, che portano alla fine della seconda giornata di gare, la situazione non cambia drasticamente nelle prime posizioni e il francese alla guida della Citroën gestisce un vantaggio di dieci secondi su Sordo e di cinquantadue secondi su Solberg[13].

La prima prova speciale della terza frazione del rally è la numero diciotto ed è vinta dal finlandese Latvala che si impone, nonostante la brevità, con alcuni secondi di vantaggio sull'olandese Kuipers; per Armindo Araújo termina il rally a causa di un incidente nella parte iniziale, dopo aver recuperato quasi fino alla sesta posizione generale. Mentre Latvala si avvicina costantemente al terzo posto occupato da Petter Solberg, la rimonta di Dani Sordo è assai complicata, dato che anche nella seconda prova di giornata riesce a recuperare solamente un secondo e mezzo su Ogier; in questa speciale Petter Solberg è fortunato ad uscire indenne, ed in breve tempo, da un urto con una pianta, avvenuto per aver sterzato nella direzione opposta datagli dal co-pilota[14]. Nella ventesima e ventunesima prova speciale Latvala fa segnare il miglior tempo, Sordo non riesce a recuperare il divario che lo separa dalla vetta della classifica e nel resto delle posizioni di testa non si registrano cambiamenti. Prima dell'avvio della penultima speciale viene attuato il gioco di squadra fra i due piloti del Ford World Rally Team, infatti Jari-Matti Latvala, classificato fino a quel momento al quarto posto e davanti a Mikko Hirvonen, si presenta due minuti in anticipo al controllo dei tempi e gli viene così accreditata un'eguale penalizzazione nel crono complessivo, allo scopo di farsi sfilare dal suo compagno di squadra[15]. Nella power stage conclusiva, della lunghezza di 4.20 km, vengono come da regolamento assegnati dei punti mondiali; Latvala in questa occasione non fa sconti a nessuno e va a vincere la speciale aggiudicandosi i tre punti, lo spagnolo Dani Sordo giunge in seconda posizione mentre per pochi millesimi di secondo Sébastien Ogier precede Mikko Hirvonen conquistando un punto ed il rally, con un vantaggio di 6.3 secondi[16].

Poche ore dopo la fine del rally le verifiche di peso effettuate su tutte le vetture hanno rilevato un'incongruenza sul veicolo guidato da Petter Solberg, classificato al terzo posto generale; la sua Citroën DS3 WRC è stata pesata per tre volte ma è sempre risultata pari a 1196 kg, ovvero quattro chilogrammi inferiore al peso minimo consentito dal regolamento. Non essendoci state giustificazioni da parte dei meccanici del team, è scattata la squalifica per il pilota norvegese che ha fatto salire di una posizione tutti i piloti classificati alle sue spalle[17]; il primo a giovarsi di questa situazione è stato senz'altro il finlandese Hirvonen che acquisendo altri tre punti mondiali raggiunge a quota 196 Sébastien Loeb.

RisultatiModifica

ClassificaModifica

Pos Pilota Co-pilota Auto Tempo Distacco Punti
Generale
1.   Sébastien Ogier   Julien Ingrassia Citroën DS3 WRC 3:06:20.4 0.0 26[18]
2.   Dani Sordo   Carlos del Barrio Mini John Cooper Works WRC 3:06:26.7 6.3 20[19]
3.   Mikko Hirvonen   Jarmo Lehtinen Ford Fiesta RS WRC 3:09:47.0 3:26.6 15
4.   Jari-Matti Latvala   Miikka Anttila Ford Fiesta RS WRC 3:09:50.7 3:30.3 15[20]
5.   Dennis Kuipers   Frédéric Miclotte Ford Fiesta RS WRC 3:13:02.4 6:42.0 10
6.   Henning Solberg   Ilka Minor Ford Fiesta RS WRC 3:13:28.7 7:08.3 8
7.   Mads Østberg   Jonas Andersson Ford Fiesta RS WRC 3:14:18.7 7:58.3 6
8.   Ken Block   Alex Gelsomino Ford Fiesta RS WRC 3:14:45.9 8:25.5 4
9.   Pierre Campana   Sabrina De Castelli Mini John Cooper Works WRC 3:14:59.1 8:38.7 2
10.   Matthew Wilson   Scott Martin Ford Fiesta RS WRC 3:16:21.2 10:00.8 1
SWRC
1. (11.)   Ott Tänak   Kuldar Sikk Ford Fiesta S2000 3:17:52.1 0.0 25
2. (13.)   Eyvind Brynildsen   Timo Alanne Škoda Fabia S2000 3:20:25.8 2:33.7 18
3. (14.)   Martin Prokop   Jan Tománek Ford Fiesta S2000 3:20:32.8 2:40.7 15
4. (15.)   Bernando Sousa   Paulo Babo Ford Fiesta S2000 3:22:27.0 4:34.9 12
5. (26.)   Juho Hänninen   Mikko Markkula Škoda Fabia S2000 3:49:21.6 31:29.5 10
6. (27.)   Julien Maurin   Olivier Ural Ford Fiesta S2000 3:49:26.1 31:34.0 8
WRC Academy[21]
1.   Alastair Fisher   Daniel Barritt Ford Fiesta R2 3:06:01.5 0.0 28[22]
2.   José Antonio Suárez   Cándido Carrera Ford Fiesta R2 3:06:42.0 40.5 19[23]
3.   Yeray Lemes   Rogelio Peñate Ford Fiesta R2 3:10:29.2 4:27.7 21[24]
4.   Sepp Wiegand   Claudia Harloff Ford Fiesta R2 3:12:23.2 6:21.7 0[25]
5.   Molly Taylor   Sebastian Marshall Ford Fiesta R2 3:24:06.0 18:04.5 10
6.   Timo van der Marel   Erwin Berkhof Ford Fiesta R2 3:36:39.3 30:37.8 8
7.   Miko-Ove Niinemäe   Timo Kasesalu Ford Fiesta R2 3:38:49.0 32:47.5 6
8.   Fredrik Åhlin   Bjorn Nilsson Ford Fiesta R2 3:42:34.7 36:33.2 4

Prove specialiModifica

Giorno Prova Ora Nome Lunghezza Vincitore Tempo V. media Leader del rally
Frazione 1
(30 settembre)
PS1 7:48 Klevener 1 9.68 km   Sébastien Loeb 5:41.7 101.98 km/h   Sébastien Loeb
PS2 8:14 Ungersberg 1 15.45 km   Sébastien Ogier 9:03.5 102.34 km/h
PS3 9:19 Pays d'Ormont 1 36.00 km   Sébastien Ogier 19:26.7 111.08 km/h   Sébastien Ogier
PS4 10:12 Salm 1 13.06 km   Jari-Matti Latvala 7:03.1 111.12 km/h
PS5 13:23 Klevener 2 9.68 km   Sébastien Ogier 5:42.7 101.69 km/h
PS6 13:49 Ungersberg 2 15.45 km   Dani Sordo
  Petter Solberg
9:04.9 102.07 km/h
PS7 14:54 Pays d'Ormont 2 36.00 km   Petter Solberg 19:33.4 110.45 km/h   Petter Solberg
PS8 15:47 Salm 2 13.06 km   Dani Sordo 7:03.8 110.94 km/h   Dani Sordo
Frazione 2
(1º ottobre)
PS9 8:23 Hohlandsbourg 1 9.87 km   Sébastien Ogier 5:19.6 111.18 km/h
PS10 8:41 Firstplan 1 16.50 km   Petter Solberg 8:18.0 119.28 km/h   Petter Solberg
PS11 9:10 Vallée de Munster 1 22.26 km   Sébastien Ogier 11:15.0 118.72 km/h   Sébastien Ogier
PS12 10:33 Grand Ballon 1 24.02 km   Dani Sordo 13:28.1 107.01 km/h   Dani Sordo
PS13 13:02 Hohlandsbourg 2 9.87 km   Petter Solberg
  Sébastien Ogier
5:24.4 109.53 km/h   Sébastien Ogier
PS14 13:20 Firstplan 2 16.50 km   Sébastien Ogier 8:16.3 119.69 km/h
PS15 13:49 Vallée de Munster 2 22.26 km   Sébastien Ogier 11:17.6 118.26 km/h
PS16 15:12 Grand Ballon 2 24.02 km   Jari-Matti Latvala 13:31.5 106.56 km/h
PS17 16:56 Mulhouse 3.09 km   Sébastien Ogier 2:21.9 78.39 km/h
Frazione 3
(2 ottobre)
PS18 7:18 Gravière de Bischwiller 1 5.52 km   Jari-Matti Latvala 2:51.0 116.21 km/h
PS19 8:27 Vignoble de Cleebourg 1 10.61 km   Dani Sordo 5:54.6 107.71 km/h
PS20 9:48 Haguenau 1 4.20 km   Jari-Matti Latvala 3:11.6 78.91 km/h
PS21 10:18 Gravière de Bischwiller 2 5.52 km   Jari-Matti Latvala 2:47.2 118.85 km/h
PS22 11:27 Vignoble de Cleebourg 2 10.61 km   Sébastien Ogier
  Jari-Matti Latvala
5:50.3 109.04 km/h
PS23 13:08 Haguenau 2 (Power stage) 4.20 km   Jari-Matti Latvala 3:09.4 79.83 km/h

Power StageModifica

La "Power stage" è stata una prova in diretta televisiva della lunghezza di 4.20 km, che si è disputata alla fine del rally a Haguenau.

Pos Pilota Tempo Distacco V. media Punti
1   Jari-Matti Latvala 3:09.4 0.0 79.83 km/h 3
2   Dani Sordo 3:11.5 2.1 78.95 km/h 2
3   Sébastien Ogier 3:11.9 2.5 78.79 km/h 1

Classifiche MondialiModifica

NoteModifica

  1. ^ Itinerary (PDF), su Rallye de France - Alsace, World Rally Championship; International Sportsworld Communicators, 26 settembre 2011. URL consultato il 29 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2011).
  2. ^ Ogier wins in France, in World Rally Championship, International Sportsworld Communicators, 2 ottobre 2011. URL consultato il 2 ottobre 2011.
  3. ^ Loeb out, Hirvonen in trouble, in World Rally Championship, International Sportsworld Communicators, 30 settembre 2011. URL consultato il 2 ottobre 2011.
  4. ^ Petter excluded from rally, in World Rally Championship, International Sportsworld Communicators, 2 ottobre 2011. URL consultato il 2 ottobre 2011.
  5. ^ Home triumph for Ogier, in World Rally Championship, International Sportsworld Communicators, 2 ottobre 2011. URL consultato il 3 ottobre 2011.
  6. ^ Joy turns to despair for Lemes, in World Rally Championship, International Sportsworld Communicators, 2 ottobre 2011. URL consultato il 2 ottobre 2011.
  7. ^ "Live internet project a resounding success"
  8. ^ "Al rally d'Alsazia prove di live streaming"[collegamento interrotto]
  9. ^ Ritiro di Sébastien Loeb
  10. ^ Resoconto PS3, su wrc.com.
  11. ^ Risultati prima giornata, su wrc.com.
  12. ^ Incidente di Evgeny Novikov, su wrc.com.
  13. ^ Risultati seconda giornata, su wrc.com.
  14. ^ Uscita di strada di Petter Solberg PS19, su wrc.com.
  15. ^ Penalità accreditata a Latvala
  16. ^ Risultati finali, su wrc.com.
  17. ^ Petter Solberg squalificato, su omnicorse.it.
  18. ^ 25 punti per il primo posto, più uno per la Power Stage.
  19. ^ 18 punti per il secondo posto, più due per la Power Stage.
  20. ^ 12 punti per il quarto posto, più tre per la Power Stage.
  21. ^ Il WRC Academy disputa solamente 17 delle 23 prove speciali in programma.
  22. ^ 25 punti per il primo posto, più tre per le vittorie delle speciali.
  23. ^ 18 punti per il secondo posto, più uno per la vittoria della speciale.
  24. ^ 15 punti per il terzo posto, più sei per le vittorie delle speciali.
  25. ^ Non registrato per i punti del WRC Academy.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Campionato del mondo rally - Stagione 2011
                         
   

Edizione precedente:
2010
Rally d'Alsazia
Altre edizioni
Edizione successiva:
2012
  Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo