Apri il menu principale

Stazione di Palermo Centrale

stazione ferroviaria italiana
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Palermo centrale" rimanda qui. Se stai cercando l'album discografico di Stokka & MadBuddy, vedi Palermo centrale (album).
Palermo Centrale
stazione ferroviaria
Palermo - Stazione Centrale.jpg
Stazione di Palermo Centrale
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàPalermo
Coordinate38°06′36″N 13°22′01″E / 38.11°N 13.366944°E38.11; 13.366944Coordinate: 38°06′36″N 13°22′01″E / 38.11°N 13.366944°E38.11; 13.366944
LineePalermo-Messina
Palermo-Agrigento
Palermo-Catania
Palermo-Trapani
Caratteristiche
TipoStazione di testa in superficie
Stato attualeIn uso
OperatoreGrandi Stazioni e Rete Ferroviaria Italiana
Attivazione1886
Binari16
InterscambiAutobus urbani ed extraurbani
Tram
DintorniCentro Storico, Università di Palermo, Villa Giulia, Orto botanico

La stazione di Palermo Centrale è il principale scalo ferroviario della città di Palermo; è una stazione di testa, in quanto in essa confluiscono, terminando con un paraurti, i binari dalle varie direzioni di arrivo.[1] È situata nel cuore della città, in piazza Giulio Cesare. È anche la stazione di origine della linea per l'aeroporto di Palermo - Punta Raisi del servizio ferroviario metropolitano.

StoriaModifica

La stazione di Palermo Centrale, dotata di un piazzale di 10 binari al piano terra, è stata progettata dall'architetto Di Giovanni ed inaugurata il 7 giugno 1886. Caratterizzata da linee neoclassiche, presenta in alcuni ambienti decorazioni pittoriche e dell'epoca, ideate e coordinate dal pittore Rocco Lentini.

Fino al 1941, era caratterizzata da una grande tettoia dalle eleganti linee in ferro e vetro, sorretta da capriate a falce posta a copertura del fascio binari; in tale data la struttura venne demolita per recuperare i rottami metallici per sostenere lo sforzo bellico. La tettoia, della lunghezza di 90,38 metri e con una luce di 40 m era munita di doppio lucernario; era stata progettata nel 1883 dall'ingegnere Ausanio Cajo della Società Italiana per le strade ferrate meridionali, poi vice direttore generale delle Ferrovie dello Stato, che gestiva la rete calabro-sicula, e realizzata dalla Società Nazionale delle Officine di Savigliano.
La tettoia della stazione di Palermo era del tipo più evoluto a centine snodate: gli archi, realizzati in due elementi, erano collegati con una cerniera alla sommità che ne permetteva la flessibilità della struttura, fatto importante nel caso specifico essendo posta in una stazione del sud con notevoli escursioni termiche tra notte e giorno che comportavano una variazione di lunghezza degli elementi in funzione della temperatura. Le centine avevano la possibilità di scorrere su cuscinetti a rullo lateralmente, per compensare la dilatazione termica nei periodi di più alta temperatura.

All'inizio degli anni cinquanta vennero iniziati i lavori per il rifacimento delle tettoie, ma in cemento armato, e coprivano lo spazio riservato ai passeggeri lasciando scoperto quello destinato ai treni. Sempre nello stesso periodo vennero arretrate le terminazioni dei binari ed aggiunto il secondo piano alla stazione.

Nel 2010 iniziarono i lavori di abbassamento del piano dei binari per permettere un accesso più facilitato ai treni. Vennero anche iniziati i lavori per la costruzione di un hub per pullman extraurbani all'interno dell'area della stazione[2].

Il 19 dicembre 2015 venne attivato l'Apparato Centrale Computerizzato (ACC); contemporaneamente l'area della stazione venne estesa fino a comprendere al suo interno la stazione di Palermo Brancaccio e il bivio Oreto[3].

MovimentoModifica

SFM di Palermo
     Palermo Centrale
   Guadagna
   Vespri
     Palazzo Reale-Orleans
   Lolli
   Palermo Notarbartolo
Federico       Francia
Fiera       San Lorenzo
Giachery       Cardillo-Zen
     Tommaso Natale
     Isola delle Femmine
     Capaci
     Carini Torre Ciachea
     Carini
     Piraineto
     Punta Raisi

La stazione è servita da treni Regionali,Regionali Veloci,InterCity,InterCity Notte,Espressi svolti da Trenitalia e collegamenti a lunga percorrenza del medesimo operatore.

ServiziModifica

La stazione, gestita da Grandi Stazioni, dispone dei seguenti servizi:

  •   Biglietteria a sportello
  •   Biglietteria automatica
  •   Deposito bagagli
  •   Ufficio oggetti smarriti
  •   Posto di Polizia Ferroviaria
  •   Posto di primo soccorso
  •   Ufficio postale
  •   Sala d'attesa
  •   Servizi igienici
  •   Ufficio informazioni turistiche
  •   Ristorante
  •   Bar
  •   Negozi
  •   Parcheggio

InterscambiModifica

Presso la stazione sono presenti la fermata Stazione Centrale della Linea 1 del tram, un terminal delle autolinee urbane AMAT, una fermata per l'autobus navetta Prestia e Comandè per l'aeroporto e il terminal delle autolinee extraurbane Flixbus, SAIS, AST, Autoservizi Salemi, Segesta Autolinee per le principali località regionali, nazionali e internazionali.

  •   Terminal autobus extraurbani
  •   Fermata autobus urbani
  •   Fermata tram
  •   Stazione taxi

NoteModifica

  1. ^ La Stazione di Palermo Centrale Archiviato il 20 agosto 2012 in Internet Archive. grandistazioni.it
  2. ^ I pullman di via Balsamo all'interno della Stazione Centrale mobilitapalermo.org
  3. ^ Rete Ferroviaria Italiana, Circolare territoriale PA 11/2015.

BibliografiaModifica

  • Regione siciliana. Assessorato dei beni culturali e ambientali e della pubblica istruzione. Centro regionale per la progettazione e il restauro e Università degli Studi di Palermo. Facoltà di ingegneria. Istituto di trasporti, Le stazioni ferroviarie di Palermo. Catalogo della Mostra tenuta a Palermo nel 2000-2001, a cura di Maria Carcasio, Salvatore Amoroso ; testi di Salvatore Amoroso ... [et al.], Palermo, Regione siciliana. Assessorato dei beni culturali e ambientali e della pubblica istruzione. Centro regionale per la progettazione e il restauro e per le scienze naturali e applicate ai beni culturali, 2001
  • Ferrovie dello Stato: cento anni per la Sicilia. Catalogo della Mostra tenuta a Palermo nel 2005, a cura di Giovanni Palazzolo ... [et al.], Roma, Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani, 2005, 1 CD-ROM

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica