Apri il menu principale

Il turismo in Francia è uno dei settori economici più ricchi e prosperi. La Francia è stata visitata da 85,7 milioni di turisti stranieri nel 2013, il che la rende la destinazione turistica più popolare del mondo[1]; è tuttavia solamente al terzo, e non al primo posto, nel reddito prodotto proveniente dal turismo a causa delle visite più brevi. Più del 20% dei turisti hanno infatti speso meno della metà di quanto hanno fatto negli Stati Uniti d'America[2].

Indice

DescrizioneModifica

La Francia possiede 43 siti[3] iscritti nella lista dei patrimoni mondiali dell'umanità dell'UNESCO ed ha città caratterizzate da un elevato interesse culturale (Parigi è la più importante, ma si possono citare anche Tolosa, Strasburgo, Bordeaux, Lione ed altre) oltre a spiagge e località balneari, stazioni sciistiche e regioni rurali che molti godono per la loro bellezza e tranquillità (turismo verde).

I piccoli e pittoreschi villaggi francesi appartengono al patrimonio di qualità del paese (come Collonges-la-Rouge o Locronan) e vengono promossi attraverso l'associazione "Les Plus Beaux Villages de France" (lett. "I Borghi più belli di Francia"). L'etichetta "Remarkable Gardens" è un elenco di oltre duecento giardini classificati dal ministero della cultura e della comunicazione (Francia) francese. Questa etichetta ha lo scopo di proteggere e promuovere giardini e parchi notevoli per la loro bellezza e unicità.

Nel 2012 i viaggi turistici hanno contribuito direttamente per 77,7 miliardi di euro al PIL francese, il 30% dei quali proveniente da visitatori internazionali ed il 70% dalla spesa inerente al turismo domestico. Il contributo totale dei viaggi e del turismo rappresenta il 9,7% del PIL e supporta 2,9 milioni di posti di lavoro (il 10,9% dell'intera occupazione nazionale)[4]. Il turismo contribuisce infine in maniera significativa alla bilancia dei pagamenti.

StatisticheModifica

Arrivi per nazioneModifica

La maggior parte dei turisti che sono giunti in Francia nel 2016 provengono dai seguenti paesi:

Posizione Paese Numero di turisti
1   Germania 30,180,000
2   Regno Unito 12,378,000
3   Belgio 9,500,000
4   Italia 9,320,000
5   Svizzera 7,400,000
6   Spagna 5,933,700
7   Paesi Bassi 5,500,000
8   Stati Uniti 4,176,000
9   Algeria 2,300,000
10   Turchia 1,600,000
11   Portogallo 1,455,000
12   Cina 1,439,100
13   Russia 1,202,000
14   Polonia 1,067,000
15   Austria 1,040,000
Turisti stranieri in totale 86,490,455

Numero dei soggiorniModifica

La maggior parte delle notti trascorse in Francia nel 2014 da parte dei turisti provenienti dai paesi seguenti[5]:

Posizione Paese Numero di notti
1   Germania 86,400,000
2   Regno Unito 79,700,000
3   Belgio 59,500,000
4   Paesi Bassi 43,600,000
5   Italia 42,700,000
6   Spagna 34,700,000
7   Svizzera 33,600,000
8   Stati Uniti 27,600,000
9   Portogallo 12,000,000
10   Canada 11,000,000

ParigiModifica

Parigi, la capitale (città), è la terza città più visitata al mondo[6]. Parigi possiede alcuni dei musei più grandi e rinomati, tra cui il Louvre, che è il museo d'arte più visitato al mondo (vedi lista dei musei d'arte più visitati al mondo), ma anche il museo d'Orsay, in gran parte dedicato all'impressionismo e il Centro Georges Pompidou in rue Beaubourg dedicato all'arte contemporanea.

Parigi ospita alcuni dei monumenti maggiormente riconoscibili al mondo e punto di riferimento, come la torre Eiffel, che è il monumento a pagamento più visitato dell'intero pianeta[7], l'Arco di Trionfo (Parigi), la cattedrale di Notre-Dame o la basilica del Sacro Cuore.

La Cité des sciences et de l'industrie è il più grande museo della scienza esistente in Europa[8]; situato nel Parc de la Villette è il cuore del Centro culturale di scienza, tecnologia e industria (CCSTI), un centro di promozione della scienza e della cultura. Nei pressi di Parigi vi è il palazzo di Versailles, l'ex palazzo dei sovrani di Francia ora trasformato in un museo.

Riviera franceseModifica

Con più di 10 milioni di turisti all'anno la riviera francese o Costa azzurra, nella Francia sud-orientale, è la seconda destinazione turistica di primo piano nel paese, dopo la regione di Parigi (l'Île-de-France)[9]. Secondo l'agenzia dello sviluppo economico della costa azzurra, questa gode di 300 giorni di sole all'anno, 115 km di coste e spiagge, 18 campi da golf, 14 stazioni sciistiche e 3 000 ristoranti[10].

Ogni anno la costa azzurra ospita il 50% della flotta di super-yacht del mondo, con il 90% di tutte le grandio imbarcazioni di lusso che visitano la costa della regione almeno una volta nella vita[11].

ProvenzaModifica

Una gran parte della Provenza è stata designata nel 2013 come capitale europea della cultura. Numerosi e assai famosi siti naturali possono essere rinvenuti nella regione, come le gole del Verdon, il parco naturale regionale della Camargue, il parco nazionale di calanchi e il tipico paesaggio del Luberon.

La Provenza ospita decine di rinomati siti storici come il ponte del Gard, i grandi monumenti romani di Arles o il palazzo dei Papi ad Avignone. Diversi altri centri urbani finiscono con l'attrarre una varietà molto ampia di turisti, come Aix-en-Provence, Marsiglia o Cassis sulla costa del Mare Mediterraneo.

Valle della LoiraModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Castelli della Valle della Loira .

Un'altra tra le destinazini principali sono i castelli della valle della Loira; questo patrimonio mondiale è degno di nota per la qualità del suo patrimonio architettonico, nelle sue città storiche come Amboise, Angers, Blois, Chinon, Nantes, Orléans, Saumur e Tours, ma in particolare per i suoi castelli come quello di Amboise, del castello di Chambord, il castello di Ussé, Villandry e il castello di Chenonceau, che illustrano in modo eccezionale gli ideali del rinascimento francese.

NoteModifica

  1. ^ UNWTO Highlights (PDF), United Nations World Tourism Organization. URL consultato l'11 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2013).
  2. ^ Sarah Dilorenzo, France learns to welcome, to speak 'touriste', in The Burlington Free Press (Burlington (Vermont)), 20 luglio 2013, pp. 5A. URL consultato il 20 luglio 2013.
  3. ^ States Parties: France, whc.unesco.org. URL consultato il 12 settembre 2017.
  4. ^ 2013 Travel & Tourism Economic Impact Report France (PDF), World Travel & Tourism Council. URL consultato il 26 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2013).
  5. ^ Visiteurs internationaux en France en 2014 (XLSX), su entreprises.gouv.fr.
  6. ^ France, Travel-university.org, 28 luglio 2010. URL consultato il 30 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2006).
  7. ^ The Leading Travel Zone Site on the Net, travelzones.net. URL consultato il 30 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2011).
  8. ^ Ferne Arfin, France: Insider's guide to Paris, in The Daily Telegraph, 11 gennaio 2009. URL consultato il 6 settembre 2009.
  9. ^ The French Riviera Tourist Board, Frenchriviera-tourism.com. URL consultato il 23 gennaio 2011.
  10. ^ Côte d'Azur Economic Development Agency. p. 31 CRDP-Nice.net Archiviato il 4 luglio 2010 in Internet Archive.
  11. ^ Côte d'Azur Economic Development Agency, p. 66 Archiviato il 4 luglio 2010 in Internet Archive.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica