Apri il menu principale

Unforgiven (2003)

(Reindirizzamento da WWE Unforgiven 2003)
Unforgiven (2003)
TaglineFace Your Fear
Colonna sonoraEnemy dei Sevendust[1]
Prodotto daWWE
BrandRaw
SponsorSoulcalibur II
Data21 settembre 2003[2]
SedeGiant Center[2]
CittàHershey, Pennsylvania[2]
Spettatori10.347[2]
Cronologia pay-per-view
SummerSlam (2003)Unforgiven (2003)No Mercy (2003)
Progetto Wrestling

Unforgiven (2003) è stata la sesta edizione dell'omonimo evento in pay-per-view prodotto dalla World Wrestling Entertainment. L'evento, esclusivo del roster di Raw, si è svolto il 21 settembre 2003 al Giant Center di Hershey.[3] La tagline dell'evento era Face Your Fear ("Affronta le tue paure"), mentre la colonna sonora è stata Enemy dei Sevendust.

Il main event dell'evento fu valido per il World Heavyweight Championship tra il campione Triple H e lo sfidante Goldberg. Goldberg vinse l'incontro e il World Heavyweight Championship schienando Triple H dopo l'esecuzione di una spear e della Jackhammer.[4] I match predominanti della card furono il triple threat match per l'Intercontinental Championship tra il campione Christian e gli sfidanti Rob Van Dam e Chris Jericho, vinto da Christian dopo aver colpito Van Dam con il titolo, e il Last Man Standing match tra Kane e Shane McMahon, vinto dal primo dopo un conto di dieci dell'arbitro.[3][5][6] Un altro match predominante fu quello tra Randy Orton e Shawn Michaels, vinto da Orton per schienamento dopo aver colpito Michaels con un tirapugni.[3][5][6]

AntefattoModifica

La rivalità principale dell'evento fu quella per il World Heavyweight Championship tra il campione Triple H e lo sfidante Goldberg. Il mese precedente a SummerSlam, Triple H vinse l'Elimination Chamber match mantenendo il World Heavyweight Championship dopo aver eliminato per ultimo Goldberg.[7][8] Dopo la fine del match, Triple H insieme ai membri dell'Evolution (Randy Orton e Ric Flair), ammanettò Goldberg alla gabbia e lo colpì ripetutamente con lo sledgehammer.[7][8] La notte seguente a Raw, Goldberg sfidò Triple H in un match quella sera. Triple H rifiutò dicendo che si sarebbero affrontati a Unforgiven. Triple H aggiunse la stipulazione nella quale in caso di sconfitta, Goldberg sarebbe stato costretto a ritirarsi.[9][10] Nella puntata di Raw del 1º settembre, Goldberg, Shawn Michaels e Maven sconfissero l'Evolution (Triple H, Randy Orton e Ric Flair). Verso la fine del match, Orton attaccò Goldberg dietro le spalle mentre quest'ultimo si stava preparando per la spear contro Triple H. Goldberg fu in grado di salvarsi dal conto di due e eseguì il Jackhammer su Orton per la vittoria.[11][12] La settimana successiva a Raw, il co-general manager Stone Cold Steve Austin aggiunse che, in caso Triple H avesse cercato di farsi squalificare o contare fuori, avrebbe perso il titolo.[13][14]

Un'altra rivalità predominante dell'evento fu tra Kane e Shane McMahon. Nella puntata di Raw del 23 giugno, dopo aver perso un Title vs. Mask match contro Triple H, Kane fu costretto a togliersi la maschera e attaccò il suo compagno di coppia Rob Van Dam con una Chokeslam.[15][16] Nella puntata di Raw del 14 luglio durante un'intervista tra Kane e Jim Ross, Kane diede fuoco a Ross pensando che quest'ultimo lo stesse deridendo.[17][18] La settimana seguente a Raw, dopo che il match tra Kane e Van Dam terminò senza un vincitore di fatto, Linda McMahon intervenne per sedare l'attacco di Kane ai danni di Van Dam. Tuttavia, Kane eseguì un Tombstone Piledriver ai danni di Linda McMahon sulla rampa di entrata.[19][20] Nella puntata di Raw del 28 luglio, Shane McMahon fece un ritorno a sorpresa attaccando Kane per le sue azioni compiute la settimana precedente.[21][22] La settimana successiva a Raw, Eric Bischoff sconfisse Shane McMahon in seguito all'interferenza di Kane, il quale colpì McMahon con un Tombstone Piledriver sui gradonia di acciaio.[23][24] A SummerSlam, Kane sconfisse Rob Van Dam in un No Holds Barred match e Shane McMahon sconfisse Eric Bischoff in un No Disqualification Falls Count Anywhere match.[7][8] La sera seguente a Raw, Kane intervenne durante il match tra Shane McMahon e Chris Jericho, colpendo McMahon con una Chokeslam. In seguito, McMahon colpì Kane con un superkick e lo fece cadere dentro un cassonetto ricoperto di fuoco e pieno di gasolio.[25][26] Nella puntata di Raw dell'8 settembre, Bischoff annunciò che Kane e Shane McMahon si sarebbero affrontati in un Last Man Standing match a Unforgiven.[13][14] La settimana seguente a Raw, dopo la firma del contratto in vista del loro match di Unforgiven, McMahon colpì Kane con diversi low blow per poi colpirlo con un Leap of Faith attraverso il tavolo dei commentatori.[27][28]

La rivalità predominante dell' undercard fu quella tra Randy Orton e Shawn Michaels. A Bad Blood, Ric Flair sconfisse Shawn Michaels in seguito all'interferenza di Randy Orton, che colpì Michaels con una sedia di acciaio.[29][30][31] nella puntata di Raw del 21 luglio, Chris Jericho sconfisse Michaels in un single match. Durante l'incontro, Orton intervenne a favore di Jericho eseguendo una RKO su Michaels mentre l'arbitro era distratto.[19][20] La settimana seguente a Raw, durante l'Highlight Reel di Jericho, Orton disse di essere diventato un "uccisore di leggende" e Michaels sarebbe stata la sua prossima vittima. Michaels arrivò e iniziò una rissa tra i due.[1][32] Nella puntata di Raw del 1º settembre, Steve Austin annunciò che Orton avrebbe affrontato Michaels a Unforgiven.[11][12] Due settimane più tardi a Raw, Orton disse a Michaels che lo avrebbe usato come "trampolino per il successo". Michaels rispose dando uno schiaffo a Orton e gli disse che se Orton lo avesse usato come trampolino di successo, egli lo avrebbe usato come un passo difficile.[27][28]

La sfida delle Divas per Unforgiven fu un tag team match tra la coppia formata da Trish Stratus e Lita contro quella formata da Molly Holly e Gail Kim. Gail Kim fece il suo debutto nella puntata di Raw del 30 giugno e vinse il Women's Championship in una battle royal.[33] Quattro settimane più tardi a Raw, Kim perse il titolo contro Molly Holly.[34] Dopo aver sconfitto Molly Holly in un incontro non titolato la settimana seguente, Trish Stratus venne attaccata da Holly e Victoria. La Kim intervenne apparentemente per salvare la Stratus; per poi attaccarl e compiere un turn heel.[35] Nella puntata di Raw del 15 settembre, Lita tornò da un infortunio e salvò la Stratus dall'attaccò della Holly e la Kim, portando a un match tra le due coppie a Unforgiven.[36]

EventoModifica

Match preliminariModifica

Prima della messa in onda dell'evento, Maven sconfisse Stevie Richards a Sunday Night Heat.

Il primo match ad andare in onda fu il 3-on-2 Handicap Tables match per il World Tag Team Championship tra i Dudley Boyz (Bubba Ray Dudley e D-Von Dudley) e i campioni de La Résistance (Sylvan Greinier e René Duprée). I Dudley Boyz eseguirono la 3D su Duprée sopra il tavolo per vincere l'incontro e il World Tag Team Championship.[3][5][6]

Il match che seguì fu la sfida tra Test e Scott Steiner. Dopo aver provato una clothesline, Test venne colpito da Steiner con un fallaway slam, che gli valse il conto di uno. Più tardi durante la contesa, Test tentò un double axe handle, che Steiner trasformò in un suplex. Verso la fine, Test cercò di colpire Steiner con una sedia ma Stacy Keibler glielo impedì. La Keibler provò a colpire Test, ma colpì Steiner, permettendo a Test di eseguire il running big boot per lo schienamento vincente. Da stipulazione, Steiner divenne proprietà di Test.[3][5][6]

Il match successivo fu quello tra Shawn Michaels e Randy Orton. Michaels colpì Orton con la Sweet Chin Music, durante lo schienamento, Ric Flair mise il piede di Orton sopra la corda più bassa, così da poter interrompere lo schienamento. Flair diede a Orton un tirapugni e Michaels colpì Flair con la Sweet Chin Music. Michaels tentò un back suplex, ma Orton lo colpì con il tirapugni e lo schienò vincendo il match.[3][5][6]

Il match che seguì fu il tag team match tra la coppia formata da Trish Stratus e Lita contro quella formata da Molly Holly e Gail Kim. Durante la metà dell'incontro, il team della Stratus e Lita ne prese il controllo. Verso la fine, la Stratus gettò la Kim fuori dal ring, mentre Lita eseguì un moonsault su Holly che gli valse la vittoria.[3][5][6]

Match principaliModifica

Il quinto match fu il Last Man Standing match tra Kane e Shane McMahon. Prima dell'inizio dell'incontro, McMahon attaccò Kane con una sedia d'acciaio, mentre quest'ultimo stava facendo la sua entrata. Dopo che l'arbitro fece suonare la campana per annunciare l'inizio del match, Kane spinse McMahon, che stava cercando di colpire Kane di nuovo con la sedia. Kane cercò di colpire McMahon con un big boot, ma colpì l'arbitro. Dopo essersi rialzato, Kane tentò il Tombstone Piledriver su McMahon sopra i gradoni d'acciaio, che quest'ultimo contrattaccò con un bulldog e un Coast-to-Coast. Nel finale, McMahon tentò il Leap of Faith dalla cima del Titantron a 7 metri e mezzo d'altezza, fallendo in quanto Kane si spostò. Kane vinse il match dopo che McMahon non si rialzò per il conto di dieci.[3][5][6]

Il sesto match fu il triple threat match valevole per l'Intercontinental Championship tra il campione Christian e gli sfidanti Chris Jericho e Rob Van Dam. All'inizio della contesa, Jericho e Christian formarono un'alleanza contro Van Dam. RVD reagì all'offensiva di Jericho e Christian, eseguendo un doppio dropkick. Durante il match, RVD eseguì una doppia DDT su Jericho e Christian. Successivamente, RVD tentò il Five-star frog splash su Christian ma quando l'arbitro venne distratto, Christian colpì Van Dam con il titolo, per poi schienarlo e vincere il match.[3][5][6]

Il settimo match fu il tag team match tra il team formato da Al Snow e Jonathan Coachman contro quello formato da Jim Ross e Jerry Lawler, con in palio la postazione di commento. Chris Jericho intervenne in favore del team di Al Snow e Coachman, permettendo al primo di vincere il match.[3][5][6]

Il main event fu per il World Heavyweight Championship tra il campione Triple H e lo sfidante Goldberg. Verso la parte finale della contesa, Goldberg tentò una Spear, ma Triple H la contrattaccò con un facebreaker knee smash. Dopo aver cercato di eseguirne un'altra, Triple H fu colpito da Goldberg allo stomaco e con la clothesline. Goldberg eseguì la Spear e il Jackhammer su Triple H per vincere il titolo.[3][4][6]

ConseguenzeModifica

Dopo Unforgiven, Triple H offrì una ricompensa di 100.000 dollari a chi fosse riuscito a mettere fuori causa Goldberg.[37] Il primo ad agire per la ricompensa fu Steven Richards, attaccò Goldberg senza successo.[37] Molti wrestler provarono a mettere fuori causa Goldberg tra cui Mark Henry, Rodney Mack e Tommy Dreamer, ma fallirono.[38][39] Nella puntata di Raw del 20 ottobre, Goldberg affrontò Shawn Michaels per il World Heavyweight Championship. Durante il match, Goldberg e Michaels erano terra, insieme a l'arbitro. Batista intervenne attaccò Michaels.[40][41] Batista attaccò poi Goldberg rompendogli la caviglia.[40][41] Successivamente, l'Evolution la ricompensi di 100.000 dollari a Batista.[40][41] La settimana seguente, Eric Bischoff presentò Triple H con il World Heavyweight Championship, dopo gli eventi che si erano svolti la settimana precedente, ma il co-general manager Stone Cold Steve Austin intervenne e annunciò un incontro titolata per le Survivor Series tra Goldberg e Triple H.[42][43] Nella puntata di Raw del 10 novembre, Goldberg e Batista si affrontarono in un incontro che si concluse per squalifica, a causa dell'interferenza di Triple H.[44][45] Triple H cercò di infortunare il ginocchio di Goldberg usando una sedia e lo sledgehammer. Tuttavia, Goldberg attaccò Triple H con una Spear e Batista con lo sledgehammer.[44][45] Alle Survivor Series, Goldberg mantenne il titolo, dopo aver colpito Triple H con una Spear e il Jackhammer.[46]

RisultatiModifica

# Incontri[3][5] Stipulazioni Durata[2]
Heat Maven ha sconfitto Steven Richards (con Victoria) Single match 05:13
1 The Dudley Boyz (Bubba Ray Dudley e D-Von Dudley) hanno sconfitto La Résistance (René Duprée, Rob Conway e Sylvain Grenier) (c) 3-on-2 Handicap Tables match per il World Tag Team Championship 10:17
2 Test (con Stacy Keibler) ha sconfitto Scott Steiner Single match per i servizi manageriali di Stacy Keibler 06:56
3 Randy Orton (con Ric Flair) ha sconfitto Shawn Michaels Single match 18:47
4 Lita e Trish Stratus hanno sconfitto Gail Kim e Molly Holly Tag Team match 06:46
5 Kane ha sconfitto Shane McMahon Last Man Standing match 19:42
6 Christian (c) ha sconfitto Chris Jericho e Rob Van Dam Triple Threat match per il WWE Intercontinental Championship 19:03
7 Al Snow e Jonathan Coachman hanno sconfitto Jerry Lawler e Jim Ross Tag Team match per il diritto di essere i commentatori di Raw 08:16
8 Goldberg ha sconfitto Triple H (c) Title vs. Career match per il World Heavyweight Championship
Se Triple H avesse perso per squalifica o count-out, sarebbe stato privato del titolo, e se Goldberg avesse perso sarebbe stato costretto a ritirarsi.
14:57

NoteModifica

  1. ^ a b   Unforgiven 2003, WWE Home Video, 2003.
  2. ^ a b c d e (EN) Unforgiven 2003, su prowrestlinghistory.com, Pro Wrestling History. URL consultato il 10 ottobre 2017.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) Jason Clevett, Unforgiven: Goldberg wins Gold, su slam.canoe.ca, Slam! Sports. URL consultato il 10 ottobre 2017.
  4. ^ a b (EN) Triple H vs. Goldberg for the World Heavyweight Championship, su wwe.com, World Wrestling Entertainment, 21 settembre 2003. URL consultato il 10 ottobre 2017.
  5. ^ a b c d e f g h i j (EN) Unforgiven 2003 results, su pwwew.net, PWWEW. URL consultato l'11 ottobre 2017.
  6. ^ a b c d e f g h i j (EN) Unforgiven 2003 results, su wwe.com, WWE. URL consultato l'11 ottobre 2017.
  7. ^ a b c (EN) Triple H vs. Goldberg vs. Randy Orton vs. Kevin Nash vs. Shawn Michaels vs. Chris Jericho in the Elimination Chamber for the World Heavyweight Championship, su wwe.com, WWE, 24 agosto 2003. URL consultato il 14 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2007).
  8. ^ a b c (EN) Rick Scaia, WWE SummerSlam, su oowrestling.com, Online Onslaught, 24 agosto 2003. URL consultato il 14 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2008).
  9. ^ (EN) August 25, 2003 Raw results, su pwwew.net, PWWEW, 25 agosto 2003. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  10. ^ (EN) August 25, 2003 Raw results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 25 agosto 2003. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  11. ^ a b (EN) PK, 411's WWE Raw Report 09.01.03, su 411mania.com, 411 Mania, 1º settembre 2003. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  12. ^ a b (EN) September 1, 2003 Raw results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 1º settembre 2003. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  13. ^ a b (EN) September 8, 2003 Raw results, su pwwew.net, PWWEW, 8 settembre 2003. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  14. ^ a b (EN) September 8, 2003 Raw results, su onlineworldofwrestling.com, ONline World of Wrestling, 8 settembre 2003. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  15. ^ (EN) June 23, 2003 Raw results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 23 giugno 2003. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  16. ^ (EN) The Man Beneath the Mask, su pwwew.net, PWWEW, 23 giugno 2003. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  17. ^ (EN) July 14, 2003 Raw results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 23 giugno 2003. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  18. ^ (EN) Kane sets Fire to Jim Ross, su pwwew.net, PWWEW, 23 giugno 2003. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  19. ^ a b (EN) Jacob Ziegler, 411's WWE Raw Report 07.21.03, su 411mania.com, 411 Mania, 21 luglio 2003. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  20. ^ a b (EN) July 21, 2003 Raw results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 21 luglio 2003. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  21. ^ (EN) July 28, 2003 Raw results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 28 luglio 2003. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  22. ^ (EN) Stone Cold can't attack Kane ... But Shane O' Mac Can!, su pwwew.net, PWWEW, 28 luglio 2003. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  23. ^ (EN) Widro, 411's WWE Raw Report 08.04.03, su pwwew.net, PWWEW, 4 agosto 2003. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  24. ^ (EN) August 4, 2003 Raw results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 4 agosto 2003. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  25. ^ (EN) August 25, 2003 Raw results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 25 agosto 2003. URL consultato il 23 ottobre 2017.
  26. ^ (EN) 411's WWE Raw Report 08.25.03, su 411mania.com, 411 Mania, 25 agosto 2003. URL consultato il 23 ottobre 2017.
  27. ^ a b (EN) 411's WWE Raw Report 09.15.03, su 411mania.com, 411 Mania, 15 settembre 2003. URL consultato il 23 ottobre 2017.
  28. ^ a b (EN) September 15, 2003 Raw results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 15 settembre 2003. URL consultato il 23 ottobre 2017.
  29. ^ (EN) John Powell, Bad Blood just plain bad, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 15 giugno 2003. URL consultato il 23 ottobre 2017.
  30. ^ (EN) Adam Martin, Full WWE Bad Blood PPV (Raw Brand) Results – 6/15/03, su wrestleview.com, Wrestleview, 15 giugno 2003. URL consultato il 23 ottobre 2017.
  31. ^ (EN) Chris Pankonin, 411's WWE Bad Blood Report 06.15.03, su 411mania.com, 411 Mania, 15 giugno 2003. URL consultato il 23 ottobre 2017.
  32. ^ (EN) PK, 411's WWE Raw Report 07.28.03, su 411mania.com, 411 Mania, 28 luglio 2003. URL consultato il 1º novembre 2017.
  33. ^ (EN) June 30, 2003 Raw results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 30 giugno 2003. URL consultato il 2 novembre 2017.
  34. ^ (EN) July 28, 2003 Raw results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 28 luglio 2003. URL consultato il 2 novembre 2017.
  35. ^ (EN) August 4, 2003 Raw results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 4 agosto 2003. URL consultato il 2 novembre 2017.
  36. ^ (EN) Seotember 15, 2003 Raw results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 15 settembre 2003. URL consultato il 2 novembre 2017.
  37. ^ a b (EN) Raw results – September 29, 2003, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 29 settembre 2003. URL consultato il 18 novembre 2017.
  38. ^ (EN) Raw results – October 6, 2003, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 6 ottobre 2003. URL consultato il 18 novembre 2017.
  39. ^ (EN) Raw results – October 13, 2003, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 13 ottobre 2003. URL consultato il 18 novembre 2017.
  40. ^ a b c (EN) Raw results – October 20, 2003, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 20 ottobre 2003. URL consultato il 20 novembre 2017.
  41. ^ a b c (EN) Raw results – October 20, 2003, su pwwew.net, 20 ottobre 2003. URL consultato il 20 novembre 2017.
  42. ^ (EN) Raw results – October 27, 2003, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 27 ottobre 2003. URL consultato il 20 novembre 2017.
  43. ^ (EN) Raw results – October 27, 2003, su pwwew.net, PWWEW, 27 ottobre 2003. URL consultato il 20 novembre 2017.
  44. ^ a b (EN) Raw results – November 10, 2003, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 10 novembre 2003. URL consultato il 20 novembre 2017.
  45. ^ a b (EN) Raw results – November 10, 2003, su pwwew.net, PWWEW, 10 novembre 2003. URL consultato il 20 novembre 2017.
  46. ^ (EN) Rick Scaia, WWE Survivor Series, su oowwrestling.com, Online Onslaught, 16 novembre 2003. URL consultato il 20 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2008).

Collegamenti esterniModifica

  Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling