Victoria (wrestler)

wrestler e culturista statunitense
Victoria
Lisa Marie Varon by Gage Skidmore.jpg
Lisa Marie Varon nel 2017
NomeLisa Marie Varon
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
Luogo nascitaSan Bernardino[1]
10 febbraio 1971 (50 anni)[2]
Ring nameHead Bitch in Charge[3][4]
Queen Victoria[3][4]
Victoria[3][4]
Tara[3][4]
Lisa Marie Varon[3][4]
Varon[3][4]
Residenza dichiarataLos Angeles
(Victoria)
San Bernardino
(Tara)
Altezza dichiarata173[5] cm
Peso dichiarato70[6] kg
AllenatoreMike Bell e Tom Howard[5]
Debuttogiugno 2000[3]
Ritiro21 settembre 2019[7]
sito ufficiale
Progetto Wrestling

Lisa Marie Varon[1], (nata Sole), meglio conosciuta con il ring name Victoria (San Bernardino, 10 febbraio 1971), è un'ex wrestler ed ex culturista statunitense, nota per i suoi trascorsi nella WWE tra gli anni 2000 e 2009. Dal 2009 al 2013, ha combattuto nella Total Nonstop Action Wrestling con lo pseudonimo Tara.

La Varon iniziò a gareggiare nelle competizioni di fitness e vinse la "Fitness America Series" nel 1997.[8][9] Nel 1999, arrivò seconda a una competizione di fitness a New York ottenendo la International Federation of BodyBuilders Professional Fitness Card.[2][6][9]

Tramite un incontro casuale, fu incoraggiata dalla wrestler della World Wrestling Federation Chyna a diventare una lottatrice professionista.[2][6][8] Si allenò dapprima nella Ultimate Pro Wrestling e nel 2000 fu messa sotto contratto dalla WWF. Nel 2009 abbandonò la federazione e nello stesso anno debuttò nella Total Nonstop Action Wrestling, dove lottò per quattro anni.

In WWE è stata due volte WWE Women's Champion, mentre in TNA ha detenuto cinque volte il TNA Knockout's Championship, rendendo complessivamente Lisa una sette volte campionessa femminile. Ha inoltre vinto una volta il TNA Knockouts Tag Team Championship insieme a Miss Tessmacher.

EsordiModifica

Frequentò la Eisenhower High School di Rialto. In questa scuola fece parte delle cheerleader e venne riconosciuta a livello nazionale dalla National Cheerleading Association, vincendo il premio All-American per le cheerleader e venendo scelta per incoraggiare negli intervalli del NFL Pro Browl insieme ad altre settanta ragazze. Dopo il diploma studiò biologia presso l'Università della California a Los Angeles e medicina alla Loma Linda University, con l'intenzione di diventare medico. Lavorò quindi come human tissue coordinator presso la Inland Eye and Tissue Bank di Redlands, dove si occupò delle procedure per la donazione di organi.

Culturismo e competizioni di fitnessModifica

Prima di intraprendere la carriera di wrestler, la Varon partecipò a diverse competizioni di culturismo e di fitness e lavorò come personal trainer in diverse palestre. Nel 1997 vinse l'ESPN2's Fitness America Series e l'anno successivo partecipò a Miss Galaxy Competition; durante l'evento conobbe Torrie Wilson,[2][8] la quale, una volta trasferitasi a Los Angeles e firmato un contratto con la World Championship Wrestling, invitò la Varon a vedere uno show; raggiunto il retroscena dell'evento, un road agent della federazione la invitò a prendere parte ad un segmento con Scott Hall. Non riuscì tuttavia a farsi ingaggiare dalla WCW.[2] Si trasferì a Los Angeles, nel tentativo di trovare lavoro in uno degli show di fitness trasmessi in televisione. Nel 1999 si guadagnò l'International Federation of BodyBuilders Professional Fitness Card piazzandosi seconda all'evento National Physique Committee Team Universe tenutosi a New York; durante questo evento conobbe Trish Stratus.[6]

Carriera nel wrestlingModifica

World Wrestling Federation/Entertainment (2000–2009)Modifica

Gli inizi (2000–2001)Modifica

Mentre lavorava a Los Angeles come personal trainer, incontrò Chyna, che rimase molto colpita dal suo aspetto e la incoraggiò a diventare una lottatrice.[10][11] In seguito a questo incontro fortuito tentò l'ingresso nel mondo del wrestling. Inviò un curriculum alla World Wrestling Federation (WWF) e fu richiamata da Kevin Kelly qualche giorno dopo.[11] Poiché a corto di esperienza sul ring, si allenò nella Ultimate Pro Wrestling, debuttando nel giugno del 2000 e interpretando la gimmick di una cheerleder con il ring name Head Bitch In Charge.[10] Bruce Prichard rimase favorevolmente colpito dalla Varon, che in seguito fu messa sotto contratto dalla WWF.[10]

Fece la sua prima apparizione negli show della WWF come una delle "Ho's" di The Godfather, utilizzando come ring name Victoria.[12] Apparì al suo fianco fino a quando The Godfather (ora The Goodfather) non entrò a far parte della stable Right to Censor, e nella puntata di Raw is War del 7 agosto 2000, Victoria subì una powerbomb su un tavolo da parte dell'ex wrestler assistito.[13] In seguito Victoria, insieme a Mandy (un'altra "Ho's"), si unì a Rikishi e ai Too Cool e inizò il suo nuovo ruolo di valletta. Continuò ad apparire negli show della federazione fino a novembre di quell'anno,[12] quando sia Victoria che Mandy furono attaccate da Chyna nel backstage, dopo essere state riprese in compagnia di Eddie Guerrero (con il quale Chyna aveva una relazione).

Successivamente fu mandata alla Memphis Championship Wrestling, federazione satellite della WWF, per migliorare le capacità sul ring.[12] Nella MCW Victoria arrivò a ricoprire il ruolo di commissioner e partecipò a diverse storyline assieme a Stacy Carter e ad Ivory, oltre a diventare manager di Steve Bradley. Con la chiusura della federazione, la Varon si spostò a Louisville per allenarsi nella Ohio Valley Wrestling, anche questa affiliata alla WWF, usando il ring name Queen Victoria;[12] in OVW divenne manager dei Basham Brothers formando il team "The Revolution" e aiutò uno dei membri, Doug Basham, a vincere l'OVW Heavyweight Championship il 25 luglio 2001.[12]

Women's Champion (2002–2003)Modifica

 
Victoria in un match contro Jacqueline a Raw nel 2002

Debuttò nuovamente negli show principali della federazione, ora nota come WWE (World Wrestling Entertainment), il 7 luglio 2002, durante una puntata di Sunday Night Heat.[14][12] Con la gimmick di instabile e sadica, la wrestler diede vita ad un angle con l'allora Women's Champion Trish Stratus, dettato da rancori risalenti agli anni in cui le due lavoravano come modelle di fitness nella vita reale. La rivalità, arricchita da lotte nel backstage e squalifiche per mano di oggetti proibiti, condusse le lottatrici a sfidarsi a No Mercy 2002 in un match con in palio il titolo, che Trish riuscì a difendere.[15] Poco meno di un mese dopo, alle Survivor Series 2002 Victoria vinse il Women's Championship in un Hardcore Match.[16][14] Dopo una difesa del titolo contro Stacy Keibler avvenuta la sera successiva a Raw,[17] Victoria venne attaccata dalla ex campionessa; in suo soccorso arrivò Steven Richards, con il quale iniziò una relazione (kayfabe). A dicembre Victoria feudò brevemente con Jacqueline dopo aver perso un match non titolato durante la serata di Raw del 2 dicembre.[18] La faida si concluse ad Armageddon 2002 in un match valido per la cintura femminile, al quale prese parte anche Trish Stratus e dove ne uscì vincitrice Victoria.[19]

La storyline con la Stratus proseguì anche l'anno seguente: con al suo fianco Steven Richards, Victoria riuscì a battere diverse volte la bionda canadese, come nel Chicago Street Fight Match tenutosi il 27 gennaio 2003 a Raw.[20] Iniziò poi a fare coppia con la rientrante Jazz contro Trish Stratus e Jacqueline, ma il 10 marzo, durante un match tra Jazz e Trish Stratus per la nomina di prima contendente al titolo, Victoria colpì le due con la cintura, decretando la fine dell'incontro per squalifica.[21] Il 30 marzo 2003 le tre si sfidarono dunque a WrestleMania XIX, ma in quell'occasione Victoria perse il Women's Championship in favore di Trish Stratus.[22] Da qui alla fine dell'anno, Victoria venne coinvolta in incontri con altre divas, come un Fatal Four-Way Match per il titolo femminile al Judgment Day 2003,[23] e vinse il primo Steel cage match tra donne della storia della WWE battendo Lita il 24 novembre.[24][25] Sconfisse in seguito anche Ivory in un match valido per la nomina di prima sfidante al titolo nell'ultima puntata di Sunday Night Heat del 2003.[26] Dopo il match, la campionessa femminile Molly Holly colpì Victoria alla testa con la cintura. La settimana successiva a Raw, Victoria effettuò un turn face, attaccando la Holly quando fu inserita nel suo stesso team (assieme a Miss Jackie) durante un Six Woman Happy Holiday tag team Match.[27]

Secondo regno e varie faide (2004–2005)Modifica

All'inizio del 2004 Victoria sconfisse diverse volte la campionessa Molly Holly: riuscì a schienarla il 25 gennaio alla Royal Rumble (durante Sunday Night Heat), in un match non valido per il titolo[28] e nelle settimane successive in due Tag Team Match.[29][30] Il 23 febbraio, Victoria conquistò per la seconda volta il Women's Championship sconfiggendo Jazz, Molly Holly e Lita in un Fatal Four-Way Match ad eliminazione.[31] La settimana successiva sconfisse la ex campionessa in un Tag Team Match (in coppia con Lita), ma la Holly la sfidò in un incontro di rivincita per il titolo a WrestleMania XX, che diventò un Hair vs Title Match. Al pay-per-view, Victoria vinse il match e rasò la testa di Molly Holly.[32] La faida tra le due wrestler proseguì nei mesi successivi, con Gail Kim al fianco di Molly Holly, la quale durante tutto quel periodo indossava delle parrucche per nascondere la testa rasata.

Dopo aver conquistato il favoreggiamento dei fan, a maggio Victoria abbandonò completamente la sua vecchia gimmick e cominciò ad accompagnare ogni suo ingresso sul ring con una stravagante danza hip hop.[33] La Varon mantenne il titolo fino al 13 giugno, quando lo perse contro Trish Stratus durante un Fatal Four-Way Match a Bad Blood, che vedeva sul ring anche Lita e Gail Kim.[34] La settimana successiva fu sconfitta anche nel rematch.[35] Battuta Molly Holly a Vengeance per diventare la sfidante numero uno al titolo,[36] Victoria perse il match contro la Stratus ad Unforgiven.[37] Prima del pay-per-view, alcuni dei match di Victoria furono interrotti da un personaggio misterioso, rivelatosi in seguito essere Steven Richards, con il quale aveva avuto una relazione precedentemente. Dopo il match con la Stratus, la storyline arrivò al culmine quando Richards sfidò l'alleato di Trish Tyson Tomko, in un match che Richards perse. Da qui all'inizio del nuovo anno, Victoria fu impegnata in vari Tag Team Match, spesso in coppia con Nidia, Stacy Keibler e Lita, e cercò di riconquistare invano il titolo della Stratus.[38][39][40][41][42][43]

Il 30 maggio 2005, Victoria partecipò ad un Bikini Contest, vinto però da Christy Hemme.[44] Dopo la sconfitta, la storyline vide Victoria tornare heel attaccando le altre concorrenti ed il conduttore Jerry Lawler (colpendolo con un calcio nei testicoli),[45] affermando di essere stufa dell'attenzione che la Hemme riceveva. Le due ingaggiarono una breve rivalità che si concluse a Vengeance 2005 in un match vinto da Victoria.[46]

Vince's Devils (2005–2006)Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Vince's Devils.
 
Victoria sul ring nel 2005

Il 29 agosto Victoria venne affiancata a Candice Michelle e a Torrie Wilson, dando vita ad una stable conosciuta dapprima come Ladies in Pink e più tardi come Vince's Devils.[47][48] Le tre wrestler (con Victoria nel ruolo di enforcer del gruppo) unirono le forze contro la vincitrice del Diva Search del 2005 Ashley Massaro. Quest'ultima venne aiutata da Trish Stratus e, ad Unforgiven 2005, Victoria e la Wilson vennero sconfitte dalla Stratus e dalla Massaro.[49] A WWE Homecoming le Ladies in Pink persero un Bra and Panties Handicap Match sempre contro la Stratus e la Massaro. La rivalità tra le lottatrici si protrasse nei mesi seguenti, con l'arrivo di Mickie James nella fazione avversaria. A causa di quest'ultima, Victoria non riuscì a rimpossessarsi del titolo femminile a Taboo Tuesday, quando la James spinse Victoria dal ring durante un Elimination Battle Royal, autoeliminandosi e consentendo alla Stratus di vincere.[50]

Il 6 marzo 2006 a Raw, Victoria e Candice attaccarono la Wilson durante la presentazione della copertina di Playboy di Candice, cominciando un angle contro la ex compagna di squadra.[51] Venne organizzato un match per Saturday Night's Main Event del 18 marzo nel quale si sarebbero dovute sfidare Victoria e Candice contro Wilson e Stratus. Come parte della storyline, comunque, nella puntata di Raw precedente l'evento, la Wilson venne trovata priva di sensi nel backstage in seguito ad un attacco delle rivali. Il match ebbe luogo il 27 marzo con Victoria e Candice che furono sconfitte.[52] L'alleanza tra le due heel terminò durante un tag team match il 17 luglio, quando Victoria e Mickie James furono sconfitte da Trish e Torrie, con Candice nelle vesti di arbitro speciale.[53]

Rincorsa al Women's Championship e draft a SmackDown (2006–2007)Modifica

 
Victoria in un tag team match a Raw nell'aprile 2007

Il personaggio di Victoria ottenne un push a partire dal 27 novembre, quando vinse una Divas Battle Royal per il titolo di prima sfidante, rompendo il naso a Candice Michelle e infliggendole una Widow's Peak subito dopo il match.[54] Dopo la vittoria, nell'ottica dell'angle interpretato, Victoria iniziò a portare con sé un elenco con i nomi di altre divas di Raw, sfidandole una ad una e cancellandone il nome in caso di vittoria[10][55]: sconfisse dapprima Maria, poi Torrie Wilson e infine la campionessa in carica Mickie James in un match non titolato.[56] Il 1º gennaio 2007 attaccò anche Lilian Garcia, ma venne fermata da Mickie James che corse in suo aiuto. A New Year's Revolution perse però il match con la cintura in palio[57] e successivamente anche il rematch del 15 gennaio 2007.[58] In quel periodo iniziò un'alleanza con Melina: il team fu impegnato in diversi Tag Team Match per tutto il primo quadrimestre dell'anno, molti dei quali senza vittoria.[59][60][61]

Il 17 giugno, Victoria venne selezionata a SmackDown durante il draft supplementare.[62] Il suo primo match nel "roster blu" fu contro Mickie James, in quell'occasione perse.[63] Iniziò un feud contro Torrie Wilson che durò diverse settimane ed intraprese una relazione con Kenny Dykstra (kayfabe). I due diedero vita ad una faida con Jimmy Wang Yang e la Wilson.[64] In una puntata di Smackdown, Victoria attaccò Torrie dopo averla sconfitta e a difenderla arrivò Michelle McCool che la sfidò la settimana successiva vincendo il match.[65] A SummerSlam partecipò ad una Battle Royal per determinare la contendente numero uno per il titolo femminile, ma fu eliminata da Kristal Marshall.[66] Dopo qualche settimana lei e Kenny ebbero un feud con Chuck Palumbo e la sua fidanzata Michelle McCool. Il 29 ottobre, a Raw, vestita da lottatrice di sumo, perse un Halloween Battle Royal che includeva le divas di tutti e tre i roster.[67] Dopo due settimane batté Michelle McCool. Durante un Tour in Europa con la WWE, Victoria affermò di aver legittimamente rotto il naso della McCool.[4]

Varie faide e abbandono (2008–2009)Modifica

 
Victoria (a destra) e Natalya a SmackDown nel 2008

Nella prima puntata di Smackdown del 2008 competé in un Mixed Tag Team Match in coppia con Kenny Dykstra, dove batterono Michelle McCool e Chuck Palumbo.[68] Nella puntata di Smackdown del 28 marzo perse un Tag Team Match con Maryse, contro Michelle McCool e Cherry.[69] Victoria iniziò poi un'alleanza con la nuova debuttante a SmackDown, Natalya.[70] Le due feudarono con Michelle McCool e Cherry, alle quali in seguito si aggiunsero anche Maryse (dalla parte di Victoria e Natalya) e Maria (nella fazione avversaria). Insieme, saranno impegnate in diversi incontri di coppia nei mesi seguenti. A Backlash 2008 Victoria, in team con Natalya, Melina, Beth Phoenix, Jillian Hall e Layla sconfisse Mickie James, Maria, Ashley, Michelle McCool, Cherry e Kelly Kelly.[71] Intanto Victoria e Natalya iniziarono un feud con le Bella Twins. A Survivor Series 2008, nella sfida a eliminazione Interbrand tra Divas, il Team SmackDown, di cui faceva parte Victoria, venne sconfitto dal Team Raw.[72]

Il 9 gennaio 2009, a SmackDown, Victoria perse in coppia con Michelle McCool contro le Bella Twins.[73] Alla fine del match la McCool attaccò Victoria, e quest'ultima effettuò un turn face. La settimana successiva, il 16 gennaio 2009, Victoria combatté nel suo ultimo match contro Michelle McCool dove fu quest'ultima a uscirne trionfatrice.[74] La sera stessa ebbe luogo il suo ritiro dalla WWE chiudendo definitivamente il cerchio delle grandi campionesse femminili dell'era d'oro.[75][55] Il suo contratto sarebbe in realtà durato ancora due anni, ma l'insoddisfazione della wrestler riguardo al suo utilizzo negli ultimi anni in federazione portarono la stessa a decidere di abbandonare anticipatamente la WWE.[11][76]

Tuttavia, il 5 aprile 2009, Victoria ritornò sul ring di WrestleMania XXV nella Miss WresteMania Battle Royal.[77] Eliminò Maria ma non riuscì a vincere il titolo di Miss WrestleMania e venne eliminata da Brie Bella e Nikki Bella.

Total Nonstop Action Wrestling (2009–2013)Modifica

Debutto e TNA Knockouts Champion (2009–2010)Modifica

 
Lisa, con il ring name di "Tara", sul ring della TNA nel 2009

Con il ring name di Tara (che in seguito rivelerà essere l'abbreviazione di tarantola), Lisa debuttò nella puntata di IMPACT! il 28 maggio 2009 dove, in un match valido per il TNA World Women's Championship, attaccò The Beautiful People (Angelina Love, Velvet Sky e Madison Rayne) e finì la detentrice del titolo con una Widow's Peak.[78] La stessa sera sfidò Angelina Love per il titolo e, sempre nel tentativo di vincerlo, riaffrontò senza successo la Love a Slammiversary. Nella puntata del 1º luglio Tara portò con sé una tarantola (dal nome "Poison") sul ring e, dopo aver vinto il match contro le Beautiful People, mise il ragno sopra il corpo svenuto di Velvet Sky; il 9 luglio, dopo aver riprovato ancora a mettere il ragno sul corpo della ragazza, Angelina Love accettò di mettere in palio la cintura delle Knockout, perdendolo in favore di Tara, che vinse il titolo femminile per la prima volta.[79]

Dieci giorni dopo ed a causa di una svista dell'arbitro, perse la cintura in un nuovo match contro Angelina Love a Victory Road: difatti l'arbitro non si accorse che durante lo schienamento subito dalla Love, Tara stava toccando le corde con un piede.[80] In seguito alimenterà la faida contro la Love prendendo ancora parte ad un match contro di lei. Partecipò in seguito al torneo per determinare le nuove campionesse di coppia della TNA al fianco di Christy Hemme ma vennero eliminate alle semifinali da Angelina Love e Velvet Sky. Partecipò ad un triple threat match per il titolo femminile contro la campionessa ODB ed Awesome Kong perdendo contro quest'ultima. Vinta la 10-women Battle Royal per stabilire la prima contendente al titolo, Tara ebbe una seconda chance contro ODB al Final resolution del 20 dicembre 2009 e, dopo aver vinto per la seconda volta il titolo femminile, lo perse (sempre contro ODB) nel corso della puntata speciale di iMPACT! avvenuta il 4 gennaio 2010. Al Genesis sconfisse di nuovo ODB e diventò la prima Knockout a vincere per tre volte il titolo femminile della TNA.[81] Difese con successo il titolo contro Daffney a Destination X (in quell'occasione, Daffney rubò il ragno di Tara), e la batté nuovamente anche nell'episodio di iMPACT! del 29 marzo, nel primo First Blood Match femminile nella storia della TNA.[82] Il 5 aprile, però, perse la cintura in favore di Angelina Love durante un eight-Knockout Lockbox match: nel box di Angelina vi era il titolo femminile, mentre il box che Tara aprì conteneva Poison, il ragno a cui era molto affezionata. Tara effettuò così un turn heel attaccando la Love dopo aver perso uno Steel Cage match contro Madison Rayne e Velvet Sky.

Regni titolati e abbandono (2010–2013)Modifica

Il 16 maggio, nel corso del Sacrifice 2010 Tara perse la possibilità di vincere il titolo in un Loser Leave TNA match (titolo vs. carriera) contro Madison Rayne, concludendo la sua carriera nella TNA.[83] Un mese più tardi, Tara ritornò come guardia del corpo della Rayne, mantenendo celata la sua identità sotto una tuta nera ed un casco. Rivelerà la sua identità nella puntata di iMPACT! del 2 settembre 2010 indossando sempre una tuta nera e un casco da motociclista ed arrivando a brodo ring in sella a una moto.[84] Tara adesso aveva un contratto con la Rayne (kayfabe) che le consentiva di lottare nella federazone. Al No Surrender accompagnò Madison Rayne nel Grudge Match contro Velvet Sky e, nel corso del Bound for Glory, Tara sconfisse Angelina Love, Velvet Sky e Madison Rayne, conquistando per la quarta volta il titolo TNA Knockout's Championship, con grande costernazione da parte della Rayne.[85] Lo perse dopo soli 4 giorni di regno (puntata di iMPACT! del 14 ottobre 2010) proprio contro la Rayne, permettendole di essere schienata per vincere il titolo. La settimana seguente, Tara attaccò Mickie James dopo la vittoria di quest'ultima contro Sarita. A Turning Point, Tara lottò con la James, ma il match si concluse con una doppia squalifica, dopo che entrambe spinsero l'arbitro che cercava di dividerle.[86] Il 2 dicembre, Tara attaccò la James mentre cantava il suo singolo Hardcore Country. A Final Resolution Tara sconfisse Mickie James in un Falls Count Anywhere Match, a seguito di interferenze da parte di Madison Rayne.[87] Nel successivo episodio di Impact!, Mickie James sconfisse Tara in uno Steel Cage Match.[88] Durante l'incontro, Tara si fratturò un legamento del gomito, ma l'infortunio non richiese un intervento chirurgico.

 
Tara (con identità nascosta) in sella alla motocicletta nel 2010

Nel 2011, Madison Rayne iniziò una rivalità con Mickie James per il titolo femminile, e difese con successo la cintura contro di lei a Genesis e a Against All Odds con l'aiuto di Tara che interferì in entrambi i match.[89][90] Durante la faida, Tara iniziò a sostenere che la Rayne si era spinta oltre nei confronti di Mickie James, ma fu costretta a seguire i suoi ordini a causa del contratto che legava la lottatrice alla Rayne, e non alla TNA. Dopo che Madison Rayne perse il Knockouts Championship contro Mickie James a Lockdown, la nuova campionessa accettò di darle una rivincita a condizione che se non fosse stata in grado di riconquistare il titolo, Tara sarebbe stata liberata dal suo contratto con Rayne. Il 15 maggio a Sacrifice, Tara effettuò un turn face e ottenne un push dai fan dopo aver messo K.O. la Rayne durante il match con Mickie James, garantendole la liberazione dal suo contratto.[91]

Nella puntata 21 luglio 2011 Tara e Miss Tessmacher, rinominate in seguito TnT, conquistarono i titoli di TNA Knockouts Tag Team Champion.[92] Difesero le cinture con successo fino a novembre, quando le persero contro Gail Kim e Madison Rayne. Il 26 gennaio 2012, Tara conquistò la nomina di prima contendente al titolo battendo Mickie James e Velvet Sky in un Triple Threat Match, ma ad Against All Odds 2012, perse l'incontro valido per la cintura di Gail Kim. Il 5 aprile 2012 combatté in un match per stabilire la sfidante della campionessa Gail Kim: a vincere fu Velvet Sky. Nella puntata del 23 agosto batté Miss Tessmacher in un match non valido per il titolo. Due settimane dopo sconfisse Gail Kim. A No Surrender 2012 perse un match con il titolo in palio contro la sua migliore amica Miss Tessmacher.[93] Nella puntata di IMPACT! del 13 settembre, però, l'attaccò alle spalle, effettuando un turn heel. La settimana seguente, durante un segmento di iMPACT!, Tara attaccò Christy Hemme, ma Miss Tessmacher salvò la ragazza e cercò di colpire Tara, senza riuscirci. Nella puntata di IMPACT! del 27 settembre, Tara batté ODB in un 1º contender's match e a Bound for Glory riuscì a schienare Miss Tessmacher, diventando TNA Knockout Champion per la quinta volta.[94] Successivamente, Tara iniziò un'alleanza con il debuttante Jesse, il suo "ragazzo di Hollywood", alleanza che fruttò diverse vittorie a Tara grazie all'interferenza di Jesse durante i suoi match. Nella puntata di IMPACT! del 21 febbraio 2013 perse il titolo in un Fatal Four Way Elimination match vinto da Velvet Sky, alla quale presero parte anche Gail Kim e Miss Tessmacher. Nei mesi successivi, Tara avrebbe fatto sempre meno apparizioni, e sarebbe stata usata raramente in competizione nelle partite.

Al PPV One Night Only TNA Knockout Knockdown sconfisse Mia Yim.[95] Nella stessa serata partecipò ad una Battle Royal, venendo eliminata.[95] Il 14 luglio, nell'episodio di TNA Xplosion, Tara perse il suo ultimo match in TNA contro ODB.[96] Due giorni dopo, il 16 luglio, venne rilasciata dalla TNA.[97] La Varon successivamente dichiarò in un'intervista che era intenzionata a lasciare la TNA già prima del suo rilascio, e che non sarebbe mai più tornata a combattere nella federazione.[98] Affermò inoltre di aver decisamente preferito la sua carriera in WWE, nonostante non abbia disdegnato la sua permanenza in TNA.[99]

Circuito indipendente (2011–2019)Modifica

Il 5 novembre 2011, Tara ha preso parte al pay-per-view della Family Wrestling Entertainment ovvero FWE: Fallout, sconfiggendo Madison Rayne con Christy Hemme come special guest referee. Il 25 febbraio 2012, a FWE: No Limits, ha partecipato al torneo per determinare l'inaugurale FWE Women's Champion, dove viene sconfitta da Maria Kanellis. Tara ha poi aiutato Maria a sconfiggere Winter per vincere il campionato insieme alla sua compagna Tessmacher.[100] Lisa Marie Varon ha debuttato con il suo vero nome a Ring of Honor il 26 ottobre 2013. All'evento, ha attaccato Maria Kanellis con un Widow's Peak. Il 9 novembre 2013, la Varon ha debuttato alla House of Hardcore 3, dove lei e Stevie Richards sono stati sconfitti da Carlito e Rosita.

Il 19 giugno 2015, la Varon è tornata nel circuito indipendente all'evento Ladies Night del Maryland Championship Wrestling's Ladies Night, fungendo da arbitro speciale del main event valido per il MCW Women's Championship tra Mickie James e Amber Rodriguez, che ha contato la partecipazione anche di Melina. la Varon ha attaccato Melina durante il match, dopo che quest'ultima aveva attaccato la James con un tacco.[101]

Il 2 settembre 2016, Victoria ha debuttato in Chikara, partecipando insieme a Jazz e Mickie James al torneo King of Trios 2016 sotto il nome "Team Original Divas Revolution". Il trio ha sconfitto il "Team Shimmer" (Candice LeRae, Crazy Mary Dobson e Solo Darling), ma il giorno seguente è stato eliminato dal torneo per mano delle "The Warriors Three" (Oleg the Usurper, Princess KimberLee e ThunderFrog).[102]

Il 2 dicembre 2017, Victoria è apparsa alla House of Hardcore 36 come avversaria di Candice Michelle nel match di addio di quest'ultima. Victoria ha attaccato Candice dopo aver finto un infortunio, per poi essere sconfitta dalla Michelle con un DDT.[103]

Il 6 gennaio 2019, Victoria fa sapere che questo sarà il suo ultimo anno come lottatrice attiva, annunciando il The Final Action Tour che la vedrà protagonista nei suoi ultimi incontri di wrestling nei circuiti indipendenti.[104] Il 21 settembre disputa il suo ultimo match contro Melina a Masters of Ring 1, laureandosi prima Masters of Ring Women's Champion.[105]

Ritorno in WWE (2021)Modifica

A distanza di 12 anni dalla sua ultima apparizione sul ring della WWE, Victoria è tornata nella federazione il 31 gennaio 2021 in occasione della Royal Rumble, entrando per decima nell'omonimo match e venendo eliminata da Shayna Baszler.[106][107] Successivamente è apparsa insieme a Rey Misterio, Kane e Kurt Angle durante l'episodio di WWE's The Bump del 24 marzo.[108]

Altre attivitàModifica

La Varon è apparsa come ospite negli show televisivi V.I.P. e Nikki, oltre ad aver partecipato a due competizioni di fitness per il programma di Univision Sàbado Gigante. Ha inoltre preso parte alle riprese del documentario WWE Divas: Desert Heat (2003).

Lisa possedeva un ristorante a Louisville, chiamato Fat Tony's Pizzeria, ma lo vendette nel maggio 2007. Nel maggio 2008, lei e il suo ex marito aprirono un negozio di auto personalizzate, Black Widow Customs, a Louisville. Il negozio fu distrutto il 16 dicembre 2010, in un incendio, che le autorità ritennero sospetto poiché avvenne il giorno dopo il segmento "Consumer Watch" di un programma televisivo locale. Antwane Glenn, un giocatore di calcio dell'Università del Kentucky, voleva un rimborso dopo aver affermato che la sua auto era stata lasciata inagibile a seguito dei lavori della Black Widow's Customs. Contattò la WHAS11 e la storia fu descritta allo show.

Nel marzo 2013, la Varon ha aperto un ristorante a tema wrestling a Chicago, Illinois, chiamato The Squared Circle. Nel gennaio 2015, Lisa ha annunciato che sarebbe tornata in California, lasciando il ristorante nelle mani dell'ex marito e di un amico. Nonostante questo, la Varon continua a fare visite regolari al ristorante.

Nel 2020 la Varon, insieme a Mickie James e Valerie Wyndham ha avviato il progetto GAWTV (Grown Ass Women),[109] uno show in streaming dove il trio discute senza filtri su argomenti di attualità, wrestling, moda, bellezza, vino, musica e altro. Tra le varie ospitate vi sono grandi nomi del wrestling, tra cui Mick Foley, Al Snow, Trish Stratus, MVP, Chavo Guerrero Jr., Jazz e altri.

Vita privataModifica

La Varon ha il padre portoricano, veterano del Vietnam, e la madre turca, che faceva la cantante in Giappone. È cresciuta con tre fratelli più grandi, diventati tutti lottatori; il più grande di questi, Bobby Sole, vinse una medaglia d'oro nel 1983 ai Giochi panamericani. Ha un tatuaggio di un cuore su una caviglia, fatto ai tempi del liceo e all'oscuro dai genitori. È inoltre amante delle motocicletta.

È stata sposata con Lee Varon dal 1994 al 2015.[110][111] Dal settembre 2018 è legata sentimentalmente con David Lubic.[112]

In un'intervista per il Sun-Sentinel, la Varon affermò di essere realmente gelosa della vincitrice del WWE Diva Search del 2004 Christy Hemme. Ritirò poi quest'affermazione nel suo sito ufficiale, affermando che il reporter aveva alterato le sue parole quando lei disse di essere gelosa dello stipendio della Hemme, estremamente più alto rispetto a quello di Varon al primo anno nella federazione.

PersonaggioModifica

 
Lisa esegue la Widow's Peak su Gail Kim

Mosse finaliModifica

SoprannomiModifica

  • "The Vicious Vixen"
  • "The Lady Not To Mess With"
  • "The Black Widow"

Wrestler assistitiModifica

Musiche d'ingressoModifica

  • Chopping Block di Jim Johnston (WWE; 2002)
  • Adrenaline Crash di Bryan New e George Young (WWE; 2002)
  • All the Things She Said1 delle t.A.T.u. (WWE; 2002–2004)
  • Don't Mess With di The Hood$tars (WWE; 2004–2005, 2021[114])
  • Don't Mess With (V2) di The Hood$tars (WWE; 2005–2009)
  • Broken dei Goldy Locks (TNA; 2009–2013)

1 Nei DVD e videogiochi della WWE, All the Things She Said fu sostituita da Brainsick di Jim Johnston per non incorrere a violazione di copyright.

Titoli e riconoscimentiModifica

 
Victoria con il WWE Women's Championship, titolo che ha detenuto due volte

Cheerleading

  • National Cheerleading Association
    • NCA All-American Award

Fitness e culturismo

  • Debbie Kruck Fitness Classic
  • National Physique Committee
    • NPC Inland Empire, Middleweight – 1º posto (1995)[115]
    • NPC Team Universe, Tall Class – 2º posto (1999)[115]
  • Women's Tri-Fitness
    • Ironwoman Tri-Fitness – 4º posto (1998)[115]
    • Tri-Fitness Hall of Fame (Classe del 2012)[116]

Wrestling

  • Cauliflower Alley Club
  • Masters of Ring Entertainment
    • MORE Wrestling Women's Heavyweight Championship (1)[118]

Risultati nella Lucha de ApuestasModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Terminologia del wrestling § Lucha de Apuestas.
Vincitrice (posta in palio) Sconfitta (posta in palio) Località Evento Data Note
Victoria (titolo) Molly Holly (capelli) New York WrestleMania XX 14 marzo 2004 [123]
Madison Rayne (titolo) Tara (carriera) Orlando Sacrifice 16 maggio 2010 [124]

Nei videogiochiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Official site of Lisa Marie Varon – Biography, su viciousvixen.com, Vicious Vixen. URL consultato l'11 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2007).
  2. ^ a b c d e (EN) Jim Varsallone, Victoria's secret: the WWE women's champion credits her competitive fitness background for her quick rise to wrestling stardom, Wrestling Digest. URL consultato l'11 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2007).
  3. ^ a b c d e f g (EN) Lisa Marie, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 3 aprile 2016.
  4. ^ a b c d e f g (EN) Online World of Wrestling profile, Online World of Wrestling. URL consultato il 7 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2009).
  5. ^ a b (EN) Victoria, su wwe.com, WWE. URL consultato il 3 aprile 2016.
  6. ^ a b c d (EN) Andrea Pantelic, Complete Interview: Victoria, Up & Coming Magazine, 21 giugno 2006. URL consultato il 7 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2007).
  7. ^ (EN) Victoria Officially Retires From Pro Wrestling, su sescoops.com, 24 settembre 2019. URL consultato il 30 settembre 2019.
  8. ^ a b c (EN) Greg Oliver, Victoria talks ankle, divas and weddings, Slam! Sports, 7 agosto 2006. URL consultato il 15 maggio 2019.
  9. ^ a b (EN) Official site of Lisa Marie Varon – Resume, Vicious Vixen. URL consultato il 15 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2007).
  10. ^ a b c d (EN) Victoria - A Wrestling Career Never To Mess With, su prowrestlingpost.com, 7 marzo 2021. URL consultato il 7 aprile 2021.
  11. ^ a b c (EN) Chris Van Vliet, Victoria on how Chyna convinced her to become a wrestler, retirement, working for WWE & TNA, su youtube.com, 17 dicembre 2020. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  12. ^ a b c d e f (EN) Gerweck Profile, su gerweck.net (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2007).
  13. ^ (EN) August 7, 2000 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 7 agosto 2000. URL consultato il 7 aprile 2021.
  14. ^ a b (EN) Victoria, su wwe.com.
  15. ^ (EN) WWE No Mercy 2002 Results, su thesmackdownhotel.com, 20 ottobre 2002. URL consultato il 7 aprile 2021.
  16. ^ (EN) WWE Survivor Series 2002 Results, su thesmackdownhotel.com, 17 novembre 2002. URL consultato il 7 aprile 2021.
  17. ^ (EN) November 18, 2002 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 18 novembre 2002. URL consultato il 7 aprile 2021.
  18. ^ (EN) December 2, 2002 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 2 dicembre 2002. URL consultato il 7 aprile 2021.
  19. ^ (EN) WWE Armageddon 2002 Results, su thesmackdownhotel.com, 15 dicembre 2002. URL consultato il 7 aprile 2021.
  20. ^ (EN) January 27, 2003 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 27 gennaio 2003. URL consultato il 7 aprile 2021.
  21. ^ (EN) March 10, 2003 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 10 marzo 2003. URL consultato il 7 aprile 2021.
  22. ^ (EN) WWE WrestleMania XIX Results, su thesmackdownhotel.com, 30 marzo 2003. URL consultato il 7 aprile 2021.
  23. ^ (EN) Judgement Day 2003 Results, su wwe.com, 18 maggio 2003. URL consultato il 7 aprile 2021.
  24. ^ (EN) November 24, 2003 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 24 novembre 2003. URL consultato il 7 aprile 2021.
  25. ^ (EN) Classic Match: Lita vs. Victoria (Steel Cage Match), Monday Night RAW, su rondarousey.com, 17 aprile 2019. URL consultato il 7 aprile 2021.
  26. ^ (EN) December 21, 2003 WWE Heat results, su prowrestling.fandom.com, 21 dicembre 2003. URL consultato il 7 aprile 2021.
  27. ^ (EN) December 29, 2003 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 29 dicembre 2003. URL consultato il 7 aprile 2021.
  28. ^ (EN) WWE Royal Rumble 2004 results, su thesmackdownhotel.com, 25 gennaio 2004. URL consultato il 7 aprile 2021.
  29. ^ (EN) January 26, 2004 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 26 gennaio 2004. URL consultato il 7 aprile 2021.
  30. ^ (EN) February 16, 2004 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 16 febbraio 2004. URL consultato il 7 aprile 2021.
  31. ^ (EN) February 23, 2004 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 23 febbraio 2004. URL consultato il 7 aprile 2021.
  32. ^ (EN) WWE WrestleMania XX results, su thesmackdownhotel.com, 14 marzo 2004. URL consultato il 7 aprile 2021.
  33. ^ (EN) WWE Raw Results 24 May 2004, su onlineworldofwrestling.com, 24 maggio 2004. URL consultato il 7 aprile 2021.
  34. ^ (EN) WWE Bad Blood 2004 results, su thesmackdownhotel.com, 13 giugno 2004. URL consultato il 7 aprile 2021.
  35. ^ (EN) June 21, 2004 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 21 giugno 2004. URL consultato il 7 aprile 2021.
  36. ^ (EN) WWE Vengeance 2004 results, su thesmackdownhotel.com, 11 luglio 2004. URL consultato il 7 aprile 2021.
  37. ^ (EN) WWE Unforgiven 2004 results, su thesmackdownhotel.com, 12 settembre 2004. URL consultato il 7 aprile 2021.
  38. ^ (EN) September 13, 2004 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 13 settembre 2004. URL consultato il 7 aprile 2021.
  39. ^ (EN) September 20, 2004 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 20 settembre 2004. URL consultato il 7 aprile 2021.
  40. ^ (EN) October 18, 2004 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 18 ottobre 2004. URL consultato il 7 aprile 2021.
  41. ^ (EN) November 29, 2004 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 29 novembre 2004. URL consultato il 7 aprile 2021.
  42. ^ (EN) January 2, 2005 WWE Heat results, su prowrestling.fandom.com, 2 gennaio 2005. URL consultato il 7 aprile 2005.
  43. ^ (EN) February 21, 2005 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 21 febbraio 2005. URL consultato il 7 aprile 2021.
  44. ^ (EN) May 30, 2005 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 30 maggio 2005. URL consultato il 7 aprile 2021.
  45. ^ (EN) Today In History: Victoria Turns Heel (May 30, 2005), su bvmbshelled.wordpress.com, 30 maggio 2020. URL consultato il 7 aprile 2021.
  46. ^ (EN) WWE Vengeance 2005 results, su thesmackdownhotel.com, 26 giugno 2005. URL consultato il 7 aprile 2021.
  47. ^ (EN) Jon Waldman, Torrie Wilson released by WWE, su slam.canoe.ca, Slam! Sports. URL consultato il 14 marzo 2018.
  48. ^ (EN) Tim Baines, Sting down with TNA for ring return, su slam.canoe.ca, Slam! Sports. URL consultato il 14 marzo 2018.
  49. ^ (EN) WWE Unforgiven 2005, su thesmackdownhotel.com, 18 settembre 2005. URL consultato il 7 aprile 2021.
  50. ^ (EN) WWE Taboo Tuesday 2005, su thesmackdownhotel.com, 1º novembre 2005. URL consultato il 7 aprile 2021.
  51. ^ (EN) RAW Results Monday, Mar 6 2006, su wwe.com, 6 marzo 2006. URL consultato il 7 aprile 2021.
  52. ^ (EN) Saturday Night's Main Event XXXII results, su prowrestling.fandom.com, 18 marzo 2006. URL consultato il 7 aprile 2021.
  53. ^ (EN) July 17, 2006 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 17 luglio 2006. URL consultato il 7 aprile 2021.
  54. ^ (EN) November 27, 2006 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 27 novembre 2006. URL consultato il 7 aprile 2021.
  55. ^ a b (EN) Erik Beaston, Full Career Retrospective and Greatest Moments for Victoria, su bleacherreport.com, 1º ottobre 2014. URL consultato il 7 aprile 2021.
  56. ^ (EN) December 18, 2006 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 18 dicembre 2006. URL consultato il 7 aprile 2021.
  57. ^ (EN) WWE New Years Revolution 2007 results, su thesmackdownhotel.com, 7 gennaio 2007. URL consultato il 7 aprile 2021.
  58. ^ (EN) January 15, 2007 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 15 gennaio 2007. URL consultato il 7 aprile 2021.
  59. ^ (EN) January 8, 2007 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 8 gennaio 2007. URL consultato il 7 aprile 2021.
  60. ^ (EN) April 9, 2007 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 9 aprile 2007. URL consultato il 7 aprile 2021.
  61. ^ (EN) May 7, 2007 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 7 maggio 2007. URL consultato il 7 aprile 2021.
  62. ^ (EN) 2007 Supplemental Draft results, su wwe.com, 17 giugno 2007. URL consultato il 7 aprile 2021.
  63. ^ (EN) June 29, 2007 SmackDown results, su prowrestling.fandom.com, 29 giugno 2007. URL consultato il 7 aprile 2021.
  64. ^ (EN) July 27, 2007 SmackDown results, su prowrestling.fandom.com, 27 luglio 2007. URL consultato il 7 aprile 2021.
  65. ^ (EN) August 17, 2007 SmackDown results, su prowrestling.fandom.com, 17 agosto 2007. URL consultato il 7 aprile 2021.
  66. ^ (EN) WWE SummerSlam 2007 results, su thesmackdownhotel.com, 26 agosto 2007. URL consultato il 7 aprile 2021.
  67. ^ (EN) October 29, 2007 Monday Night RAW results, su prowrestling.fandom.com, 29 ottobre 2007. URL consultato il 7 aprile 2021.
  68. ^ (EN) January 4, 2008 SmackDown results, su prowrestling.fandom.com, 4 gennaio 2008. URL consultato il 7 aprile 2021.
  69. ^ (EN) March 28, 2008 SmackDown results, su prowrestling.fandom.com, 28 marzo 2008. URL consultato il 7 aprile 2021.
  70. ^ WWE Smackdown Natalya Debut + Victoria vs Michelle McCool, su youtube.com. URL consultato il 25 aprile 2017.
  71. ^ (EN) WWE Backlash 2008, su thesmackdownhotel.com, 27 aprile 2008. URL consultato il 7 aprile 2021.
  72. ^ (EN) WWE Survivor Series 2008, su thesmackdownhotel.com, 23 novembre 2008. URL consultato il 7 aprile 2021.
  73. ^ (EN) January 9, 2009 Smackdown results, su prowrestling.fandom.com, 9 gennaio 2009. URL consultato il 7 aprile 2021.
  74. ^ (EN) January 16, 2009 Smackdown results, su prowrestling.fandom.com, 16 gennaio 2009. URL consultato il 7 aprile 2021.
  75. ^ (EN) SmackDown 16/1/09 : Victoria Says Goodbye To The WWE Universe, su youtube.com, 16 gennaio 2009.
  76. ^ Mauro Cambus, Victoria: "Ho lasciato la WWE due anni prima della fine del contratto", ecco il perché, su zonawrestling.net, 19 dicembre 2020. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  77. ^ (EN) "Santina" Marella wins 25-Diva Battle Royal for title of "Miss WrestleMania", su wwe.com, 5 aprile 2009. URL consultato il 7 aprile 2021.
  78. ^ (EN) TNA: Tara Makes Her TNA Debut, su youtube.com, 28 maggio 2009. URL consultato il 10 gennaio 2010.
  79. ^ (EN) July 9, 2009 iMPACT! results, su prowrestling.fandom.com, 9 luglio 2009. URL consultato l'8 aprile 2021.
  80. ^ (EN) TNA Victory Road 2009 results, su thesmackdownhotel.com, 19 luglio 2009. URL consultato l'8 aprile 2021.
  81. ^ (EN) TNA Genesis 2010, su thesmackdownhotel.com, 17 gennaio 2010. URL consultato l'8 aprile 2021.
  82. ^ (EN) March 29, 2010 iMPACT! results, su prowrestling.fandom.com, 29 marzo 2010. URL consultato l'8 aprile 2021.
  83. ^ (EN) Sacrifice PPV Results – 5/16/10, su wrestleview.com, 16 maggio 2010. URL consultato l'8 aprile 2021.
  84. ^ (EN) September 2, 2010 iMPACT! results, su prowrestling.fandom.com, 2 settembre 2010. URL consultato l'8 aprile 2021.
  85. ^ (EN) Bound for Glory 6 PPV Results – 10/10/10, su wrestleview.com, 10 ottobre 2010. URL consultato l'8 aprile 2021.
  86. ^ (EN) TNA Turning Point 2010, su thesmackdownhotel.com, 7 novembre 2010. URL consultato l'8 aprile 2021.
  87. ^ (EN) Final Resolution PPV Results – 12/5/10, su wrestleview.com, 5 dicembre 2010. URL consultato l'8 aprile 2021.
  88. ^ (EN) TNA IMPACT 12 09 2010, su onlineworldofwrestling.com, 9 dicembre 2010. URL consultato l'8 aprile 2021.
  89. ^ (EN) Daniel Peragine, TNA Genesis 2011 Review: Did TNA Deliever The Hype?, su bleacherreport.com, 10 gennaio 2011. URL consultato l'8 aprile 2021.
  90. ^ (EN) Charlie G, TNA Against All Odds 2011 PPV Results, su bleacherreport.com, 14 febbraio 2011. URL consultato l'8 aprile 2021.
  91. ^ (EN) TNA Sacrifice 2011 Results, Review, Predictions, su smarkoutmoment.com, 15 maggio 2011. URL consultato l'8 aprile 2021.
  92. ^ (EN) Impact Results – 7/21/11, su wrestleview.com, 21 luglio 2011. URL consultato l'8 aprile 2021.
  93. ^ (EN) TNA No Surrender PPV Results – September 9, 2012, su pwmania.com, 9 settembre 2012. URL consultato l'8 aprile 2021.
  94. ^ (EN) PPV: Bound for Glory, su wrestleview.com, 14 ottobre 2012. URL consultato l'8 aprile 2021.
  95. ^ a b (EN) Knockouts Knockdown 2013, su prowrestling.fandom.com, 17 marzo 2013. URL consultato l'8 aprile 2021.
  96. ^ (EN) TNA Xplosion 17.07.2013: Kenny King Vs Chavo Guerrero, ODB Vs Tara, su solowrestling.mundodeportivo.com, 14 luglio 2013. URL consultato l'8 aprile 2021.
  97. ^ (EN) Sharon Glencross, Tara Released from TNA, su bleacherreport.com, 17 luglio 2013. URL consultato l'8 aprile 2021.
  98. ^ Steve Carrier, Tara Comments on the Direction Women's Wrestling, in NoDQ, NoDQ. URL consultato il 23 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2013).
  99. ^ (EN) Lisa Marie "Tara" Varon Shoots Hard on TNA, Why She Liked WWE Better, Her Restaurant and More – PWInsider.com, su pwinsider.com. URL consultato il 28 gennaio 2017.
  100. ^ (EN) Maria Kanellis Wins First Wrestling Championship, su diva-dirt.com, 26 febbraio 2012. URL consultato il 18 ottobre 2020 (archiviato il 29 febbraio 2012).
  101. ^ (EN) Mike Johnson, Mickie James, Melina, The Former Victoria & More Headline MCW Ladies Night Out, Roddy Piper Heading To Shane Sharmrock Memorial & More, su pwinsider.com, 22 giugno 2015. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  102. ^ (EN) Adam Cardozo, 9/4 Chikara King of Trios night two live report, su pwinsider.com, 4 settembre 2016. URL consultato il 9 novembre 2020.
  103. ^ (EN) Mike Johnson, Austin Aries vs. Joey Mercury, Tommy Dreamer vs. Abyss, Candice Michelle Retirement Match & More: Complete House Of Hardcore Blizzard Brawl Coverage, su pwinsider.com, 2 dicembre 2017. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  104. ^ (EN) M.A LeBlanc, Former WWE Women’s Champion Victoria Says She’s Retiring From The Ring In 2019, su onlineworldofwrestling.com, 7 gennaio 2019. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  105. ^ (EN) mastersofringentertainment, Our inaugural MORE Wrestling Women’s Heavyweight Champion, Lisa Marie Varon!, su instagram.com, 23 settembre 2019. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  106. ^ (EN) Andy H Murray, Victoria & Jillian Hall Return At WWE Royal Rumble 2021, su whatculture.com, 1º febbraio 2021. URL consultato il 1º febbraio 2021.
  107. ^ (EN) Victoria wreaks havoc in Royal Rumble return: Royal Rumble 2021 (WWE Network Exclusive), su youtube.com, 1º febbraio 2021. URL consultato il 1º febbraio 2021.
  108. ^ (EN) WWE's The Bump, su watch.wwe.com, 24 marzo 2021. URL consultato il 9 aprile 2021.
  109. ^ (EN) GAWTV - Grown Ass Women, su gawtv.com.
  110. ^ Pro Wrestler Tara Opens Pizza & Burger Joint, su dnainfo.com, 15 marzo 2013. URL consultato il 28 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2016).
  111. ^ Tara Clears Her Name, Talks Other Women in Wrestling, Her Future and More, su diva-dirt.com, 27 giugno 2012. URL consultato il 5 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 13 giugno 2013).
  112. ^ @sandiego2010, su instagram.com, 21 settembre 2019. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  113. ^ a b c d (EN) Entourage < Victoria < Wrestlers Database, su cagematch.net. URL consultato l'8 aprile 2021.
  114. ^ Riutilizzata in occasione della Royal Rumble 2021.
  115. ^ a b c d e f g (EN) Official site of Lisa Marie Varon – Resume, 24 maggio 2007 (archiviato dall'originale il 29 novembre 2007).
  116. ^ (EN) 2012 Tri-Fitness Hall of Fame, 15 giugno 2012 (archiviato dall'originale il 20 giugno 2012).
  117. ^ (EN) Jeffrey Harris, 2015 Cauliflower Alley Club Reunion Winners and Photos, su 411mania.com, 19 aprile 2015. URL consultato il 2 maggio 2015.
  118. ^ (EN) Nick Wilkinson, Lisa Marie Varon wins an inaugural title in her retirement match, su diva-dirt.com, 23 settembre 2019. URL consultato il 29 settembre 2019.
  119. ^ (EN) Pro Wrestling Illustrated Award Winners – Woman of the Year, 13 novembre 2007 (archiviato dall'originale il 29 novembre 2007).
  120. ^ (EN) Adam Martin, PWI Top 50 Female Wrestlers list, su wrestleview.com, 11 settembre 2009. URL consultato il 2 gennaio 2010.
  121. ^ a b (EN) Shawn S. Lealos, 11 Female TNA Wrestlers With The Most Championship Victories, su thesportster.com, 15 aprile 2020. URL consultato il 4 luglio 2020.
  122. ^ WWE Women's Championship, su wwe.com.
  123. ^ (EN) WWE WrestleMania 20 Results, March 14, 2004, su anfostar.com. URL consultato il 24 febbraio 2020.
  124. ^ (EN) TNA Sacrifice 2010 Results & Review, su smarkoutmoment.com. URL consultato il 16 maggio 2010.
  125. ^ (EN) WWE WrestleMania XIX, su cagematch.net, 8 settembre 2003. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  126. ^ (EN) WWE Raw 2, su cagematch.net, 16 settembre 2003. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  127. ^ (EN) WWE SmackDown! Here Comes The Pain, su cagematch.net, 27 ottobre 2003. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  128. ^ (EN) WWE Day Of Reckoning, su cagematch.net, 30 agosto 2004. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  129. ^ (EN) WWE SmackDown! vs. RAW, su cagematch.net, 2 novembre 2004. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  130. ^ (EN) WWE SmackDown vs. RAW 2009, su cagematch.net, 7 novembre 2008. URL consultato il 18 ottobre 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica