12 Ore di Sebring 1957

Sebring International Raceway, Sebring, Florida, USA

La 12 Ore di Sebring 1957 è stata la settima edizione della 12 Ore di Sebring, oltre che secondo round del Campionato mondiale vetture sport 1957 e si tenne al Sebring International Raceway il 23 marzo 1957.

12 Ore di Sebring 1957
Edizione n. 7 della 12 Ore di Sebring
Dati generali
Inizio23 marzo
Termine23 marzo
Valevole anche per il Campionato mondiale vetture sport
Titoli in palio
Vittoria assolutaBandiera dell'Argentina Juan Manuel Fangio
Bandiera della Francia Jean Behra
Sport fino a 5 litri
su Maserati 450S
Sport fino a 3 litriBandiera del Regno Unito Stirling Moss
Bandiera degli Stati Uniti Harry Schell
su Maserati 300S
Sport fino a 1,5 litriBandiera degli Stati Uniti Art Bunker
Bandiera degli Stati Uniti Charles Wallace
su Porsche 550 RS
Sport fino a 2 litriBandiera degli Stati Uniti Howard Hively
Bandiera degli Stati Uniti Richie Ginther
su Ferrari 500 TRC
Sport fino a 1,1 litri

Gran Turismo fino a 5 litri

Gran Turismo fino a 2 litri

Gran Turismo fino a 1,3 litri

Gran Turismo fino a 1,6 litri

Gran Turismo fino a 3,5 litri

Sport fino a 750 litri

Turismo fino a 1 litro
Bandiera del Regno Unito Colin Chapman
Bandiera degli Stati Uniti Dick Dungan
Bandiera degli Stati Uniti Dick Dungan
su Lotus Eleven
Bandiera degli Stati Uniti Dick Thompson Jr.
Bandiera della Svizzera Gaston Andrey
su Chevrolet Corvette C1
Bandiera degli Stati Uniti Bob Oker
Bandiera degli Stati Uniti Ed Pennybacker
su Triumph TR3
Bandiera degli Stati Uniti Jack Kaplan
Bandiera degli Stati Uniti Ed Pennybacker
su Alfa Romeo Giuletta Spider Veloce
Bandiera del Canada Alan R. N. Miller
Bandiera del Canada Rowland Keith
Bandiera del Canada Ed Leavens
su MG A
Bandiera degli Stati Uniti Fred Windridge
Bandiera degli Stati Uniti Rundle Gilbert
Bandiera degli Stati Uniti George Reed
su Mercedes-Benz 300 SL
Bandiera degli Stati Uniti Herman Behm
Bandiera degli Stati Uniti Sandy MacArthur
Bandiera degli Stati Uniti Carl Haas
su Stanguellini S750 Bialbero
Bandiera della Francia Maurice Michy
Bandiera della Francia Maurice Foulgoc
su Renault Dauphine
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Una Maserati 450S, vincitrice della gara.

Vigilia modifica

Per questo evento sono state registrate un totale di 86 auto da corsa, di cui 76 sono arrivate per le prove. Solo questi, 66 si sono qualificati e hanno iniziato la gara. Tra le numerose storie dei media che circolavano su questa gara c'era che la divisione Chevrolet della General Motors Company avrebbe sfidato il dominio europeo iscrivendo quattro auto sportive Corvette. Una di queste sarebbe un'auto radicalmente nuova, la Corvette SS con carrozzeria in lega di magnesio, con i suoi 4.638 c.c. motore completo di testate cilindri in alluminio leggero. Oltre a questa elegante SS blu metallizzato, c'era un mulo di sviluppo SS, equipaggiato con un motore Corvette standard e un corpo in plastica. Nonostante l'aspetto trasandato, è stato molto veloce e nei giorni precedenti l'evento, altri piloti chiedevano costantemente al direttore della competizione Chevy, Zora Arkus-Duntov, la possibilità di guidare una delle SS. Avrebbe solo pochi selezionati per guidare uno di questi. Dopo aver terminato le prove libere sulle loro Maserati, sia Juan Manuel Fangio che Stirling Moss sono stati autorizzati da Duntov a fare una corsa di cortesia nell'auto di prova. Nel giro di due giri, Fangio ha battuto il record sul giro del percorso.

L'altra storia davanti a Sebring, è stata la defezione di Fangio alle Officine Alfieri Maserati della Scuderia Ferrari. Fangio aveva vinto questo evento per la Ferrari nel 1956. Nel tentativo di attirare Fangio dalla Ferrari, Maserati si offrì di fornirgli non meno di sei auto da corsa nuove di zecca per i test. Ha scelto una 450S per la gara, che alla fine ha portato alla vittoria a Sebring. Intanto, tornato a Maranello, l'onere della vittoria della Ferrari a Sebring è caduto sulle spalle di Eugenio Castellotti, che ha collaborato con Fangio nel 1956. Tuttavia, il 14 marzo Castellotti stava provando una Ferrari di Formula 1 all'Autodromo di Modena quando è caduto pesantemente, morendo sul colpo per le ferite riportate.

Prima della gara, una piccola folla di fotografi scattava ai box della Renault. Sembrava che Gilberte Thirion e Nadège Ferrier, che avrebbero dovuto guidare una Renault Dauphine 845cc, stessero posando per la stampa, mentre solo pochi fotografi sono stati visti altrove lungo la corsia dei box. Forse, artisti del calibro di Fangio e Collins, non erano adatti come queste guidatori.

Nel frattempo, la Lotus Cars aveva portato quattro Lotus Eleven dal Norfolk. Il loro designer e fondatore, Colin Chapman, ha avuto un modo innovativo di finanziare il lavoro del team di Sebring. Tutte e quattro le voci sono state pre-vendute a clienti americani.

Qualifiche modifica

Poiché non c'erano sessioni di qualifiche per impostare la griglia, le posizioni di partenza sono state decise in base alla cilindrata con la Corvette 4,6 litri di John Fitch e Piero Taruffi al primo posto. Poi c'era un'altra Lindsay Hopkins entrata nella Corvette di Paul O'Shea e Pete Lovely. Infatti le Corvette occupavano i primi quattro posti. Le successive in fila c'erano le due Maserati 450S, seguite da una mezza dozzina di Jaguar D-Type.[1]

Gara modifica

Collins, su una Ferrari 315 S, è stato il primo a partire con Moss non molto indietro, ma il motore della Maserati 300S di Moss ha borbottato per un breve momento, consegnando a Collins un vantaggio imponente. Il resto del campo è seguito con i piccoli Dauphines che si sono portati in fondo. Alla fine del primo giro Collins aveva già dieci secondi di vantaggio su Moss, con la Maserati 450S di Behra non molto indietro.[2]

Entro i primi 60 minuti, la nuova Corvette SS ha iniziato ad avere problemi ai freni e si è fermata ai box per farli controllare, mentre lì hanno cambiato anche le gomme. La Briggs Cunningham Jaguar D-Type, guidata da Bill Lloyd, è stata la prima a ritirarsi per problemi al motore, mentre Collins ha continuato a guidare con Behra ora al secondo, a pochi secondi da Collins. Moss era ora terzo, con de Portago quarto sulla sua Ferrari 315 S. Masten Gregory e Phil Hill hanno completato i primi sei con le loro Ferrari. Quando le vetture sono passate alla seconda ora, il caldo ha iniziato a mettere a dura prova sia le vetture che i piloti. La Maserati 150S di Lloyd Ruby spezzò il motore e si ritirò. Behra è passato in testa, ora davanti a Collins di oltre un minuto alle due ore, con de Portago, Moss e Gregory che hanno completato i primi cinque.

Durante la terza ora si è verificata una tragedia, quando Bob Goldich, alla guida di un'Arnolt Bolide, si è schiantato contro l'Esses e ha ribaltato più volte la sua auto. Morì sul colpo per la frattura del cranio e la frattura del collo. Quando la notizia della morte di Goldich raggiunse Stanley Arnolt, ritirò il resto della sua squadra. Questo ha segnato la prima morte di un pilota nella storia della gara di Sebring.

Alle 13:15 Behra rientra ai box e consegna la sua 450S a Fangio. Durante il suo incantesimo, Behra aveva battuto più volte il record sul giro e, a questo punto, aveva un vantaggio abbastanza ampio sul compagno di squadra Moss. Terza e quarta le Ferrari di Collins e Portago con Carroll Shelby ora quinto su Maserati.

Entro le 15:00, la Corvette SS era elencata tra i ritiri. Dalla pit lane si è diffusa la voce che i persistenti problemi di surriscaldamento hanno portato al ritiro, anche se le classifiche ufficiali indicano la causa della rottura della sospensione posteriore. Fangio era ancora in testa e alla fine Moss decise di consegnare la sua macchina al suo copilota, Harry Schell. Alle 15:19 de Portago porta la sua Ferrari con gravi problemi ai freni. I meccanici non sono riusciti a rimediare al problema e hanno riportato la vettura in pista con Luigi Musso al volante. Portago ha riferito che l'auto "non aveva freni". Entro la fine dell'ora, Mike Hawthorn ha portato la sua Jaguar D-Type per un cambio del freno.

A metà gara, il team Maserati Factory aveva Fangio in testa alla gara, ma un grave errore del team ha portato alla squalifica. Sembrava che Fangio e Shelby stessero finendo il carburante. Shelby ha portato la sua 250S e aveva iniziato a fare rifornimento quando gli è stato detto di tornare in pista perché Fangio sarebbe dovuto entrare. Dopo che Fangio è stato tagliato e liberato i box, Shelby è tornato ai box per il resto del suo carburante, ma è stato immediatamente squalificato. C'era una regola FIA che stabiliva che dovevi fare almeno 20 giri prima di poter entrare per più carburante, e il team Maserati aveva dimenticato questa regola.

Dopo 10 ore di gara, Fangio era ancora in testa, seguito da Hawthorn, de Portago e Schell. Quell'ordine non era cambiato da più di un'ora. La Ferrari di de Portago ha dovuto rientrare ai box per un problema alla pompa della benzina, che gli è costato 30 minuti. Moss ha continuato a guadagnare sui leader. Alle 21:00 Fangio era ancora al volante della sua vettura e ora era avanti di quattro giri. A causa dei pit stop e dei cambi di pilota, Moss era ora secondo con Hawthorn che scendeva al terzo, Gregory quarto e Walt Hansgen ora quinto. Nella Ferrari ufficiale, Collins era molto fuori ritmo a causa della rottura dei freni. Le piccole ma affidabili Porsche 550 erano ora in 8ª, 9ª e 10ª posizione.[3]

A soli 30 minuti dalla fine c'era del trambusto ai box Maserati. Sembrava che durante l'ultimo pit stop in programma un meccanico avesse versato una grossa quantità di carburante sul sedile di Fangio. Nella tipica moda italiana c'erano molte urla e gesti delle mani, nel frattempo il team manager è andato a cercare un posto sostitutivo. Ne trovarono uno e Fangio tornò in gara con il vantaggio ridotto. A meno di mezz'ora dalla fine e tutti ai box Maserati trattenevano il respiro.[3]

Alle 22:00 fuochi d'artificio sono apparsi sulla pista. Questo segnò la fine della gara e una straordinaria vittoria per Maserati. Primi sono stati Fangio e Behra al volante della loro Maserati 450S con la Maserati 300S Moss/Schell al secondo, dopo aver ridotto il vantaggio a soli due giri. Il podio è stato completato dalla Jaguar D-Type di Hawthorn, co-guidata da Ivor Bueb, la coppia inglese che ha recuperato un po' di onore per il marchio di Coventry. Al quarto posto, Gregory e Lou Brero, che in precedenza erano crollati a causa dell'esaurimento del calore, sono stati i primi Ferrari a finire. Hansgen e Russ Boss erano quinti su una Cunningham Jaguar D-Type, Collins e Maurice Trintignant erano sesti sulla prima Ferrari 315 S ufficiale, de Portago e Luigi Musso erano settimo nell'altra Ferrari 315 S ufficiale, Art Bunker e Charles Wallace erano ottavo su una Porsche 550 RS, Jean Pierre Kunstle e Ken Miles erano noni su un'altra Porsche 550 RS. Howard Hively e Richie Ginther hanno completato la top ten con la loro Ferrari 500 TRC. Bunker e Wallace hanno anche ottenuto un primo nell'Indice di prestazione che ha valutato le auto in base alle prestazioni.[4][5]

Successivamente è stato rivelato che Fangio ha dovuto consultare un medico per dolorose vesciche da ustione, dalla vita alle ginocchia sul lato destro. Sembra che l'isolamento che circondava i tubi di scarico, che correvano lungo il lato guida dell'auto, si fosse consumato, lasciando la parte inferiore del corpo di Fangio esposta a temperature molto, molto calde.

Classifica finale modifica

I vincitori di ogni classe sono indicati in grassetto.

Pos Classe Team Piloti Telaio Giri
1 S
5.0
19   Maserati Factory   Juan Manuel Fangio
  Jean Behra
Maserati 450S 197
2 S
3.0
20   Maserati Factory   Stirling Moss
  Harry Schell
Maserati 300S 195
3 S
5.0
5   Jaguar Cars North America   Mike Hawthorn
  Ivor Bueb
Jaguar D-Type 193
4 S
5.0
15   George Tilp   Masten Gregory
  Lou Brero
Ferrari 290S 193
5 S
5.0
7   B. S. Cunningham   Walt Hansgen
  Russ Boss
Jaguar D-Type 188
6 S
5.0
11   Ferrari Factory   Peter Collins
  Maurice Trintignant
Ferrari 315 S 187
7 S
5.0
12   Ferrari Factory   Alfonso de Portago
  Luigi Musso
Ferrari 315 S 186
8 S
1.5
44   Bunker & Pry   Art Bunker
  Charles Wallace
Porsche 550 RS 185
9 S
1.5
45   Jean-Pierre Kunstle   Jean-Pierre Kunstle
  Ken Miles
Porsche 550 RS 184
10 S
2.0
28   Temple Buell   Howard Hively
  Richie Ginther
Ferrari 500 TRC 179
11 S
1.1
59   Lotus Company   Colin Chapman
  Dick Dungan
  Joe Sheppard
Lotus Eleven 174
12 GT
5.0
4   John Fitch   Dick Thompson Jr.
  Gaston Andrey
Chevrolet Corvette C1 173
13 S
1.5
47   OSCA of Italy   Harry Beck
  Otto Linton
  Hal Stetson
Osca MT4 1500 170
14 S
2.0
31   Jan de Vroom   Jan de Vroom
  David Cunningham
  George Arents III
Ferrari 500 TRC 169
Rit S
1.5
42   Norman Scott   Norman Scott
  Frank Bott
Porsche 550 RS 168
15 GT
5.0
3   Lindsay Hopkins   John Kilborn
  Dale Duncan
  Jim Jeffords
Chevrolet Corvette 168
16 GT
5.0
2   Lindsay Hopkins   Paul O’Shea
  Pete Lovely
Chevrolet Corvette SR-2 166
Rit S
1.5
41   Porsche Company   Hans Herrmann
  Jack McAfee
Porsche 550 RS 165
17 S
2.0
36   A.C. Car Company   Juan Fernández
  Lino Fayen
  J. L. Droullers
AC Ace 161
18 S
1.1
58   Cooper Company   Tom Hallock
  Max Goldman
Cooper T39 159
19 GT
2.0
34   Standard-Triumph   Bob Oker
  Ed Pennybacker
Triumph TR3 159
20 GT
1.3
34   Jack Kaplan   Jack Kaplan
  Charlie Rainville
Alfa Romeo Giuletta Spider Veloce 158
21 GT
2.0
33   Standard-Triumph   Mike Rothschild
  Robert Johns
Triumph TR3 156
22 S
2.0
35   A.C. Car Company   Joseph Hap Dressel
  William F. Woodbury
  Don Cullen
AC Ace 154
23 GT
1.6
49   Hambro Automotive   Alan R. N. Miller
  Rowland Keith
  Ed Leavens
MG A 154
24 GT
1.3
52   Sir S. Oakes   Sherman Crise
  Alan Markelson
Alfa Romeo Giulietta Spider Veloce 153
25 GT
3.5
18   C. Kreisler   Fred Windridge
  Rundle Gilbert
  George Reed
Mercedes-Benz 300 SL 153
26 GT
3.5
25   Hambro Automotive   Gilbert Gietner
  Ray Cuomo
Austin-Healey 100S 151
27 GT
1.6
51   Hambro Automotive   David Ash
  John van Driel
  Gus Ehrman
MG A 150
28 S
750
56   Behm Motors   Herman Behm
  Sandy MacArthur
  Carl Haas
Stanguellini Sport Bialbero 750 149
29 GT
2.0
32   Robert Grier   Robert Grier
  Bob Kennedy
Morgan Plus 4 147
Rit S
2.0
72   A. C. Car Company   John B. Mull
  Evelyn Mull
AC Ace 146
30 S
2.0
71   James Cook   James Cook
  Leonard Karber
  Ralph Durbin
Arnolt-Bristol Bolide 146
31 GT
1.6
40   Porsche Company   Fritz Huschke von Hanstein
  Herbert Linge
Porsche 356A Carrera 144
Rit S
2.0
29   Ed Lunken   Ed Lunken
  Charles Hassan
Ferrari 500 TRC 143
32 S
1.1
32   Puerto Rico Club   Victor Merino
  Rafael Rosales
  Luis Pedrerra
Lotus Eleven 141
33 GT
3.5
17   Chester Flynn   Chester Flynn
  Edward "Ed" Hugus
Mercedes-Benz 300 SL 138
34 T
1.0
64   Renault Company   Maurice Michy
  Maurice Foulgoc
Renault Dauphine 138
35 T
1.0
65   Renault Company   Gilberte Thirion
  Gabriele Spydel
  Nadège Ferrier
Renault Dauphine 138
36 GT
1.6
50   Hambro Automotive   Stephen Spitler
  William Kinchloe
MG A 137
NC T
1.0
66   Renault Company   Paul Frère
  Jean Lucas
Renault Dauphine 134
Rit GT
3.5
16   Harry Kullen   Olivier Gendebien
  William Greenspun
Ferrari 250 Europa GT Coupé 111
Rit S
5.0
14   Ferrari Factory   Phil Hill Jr.
  Wolfgang von Trips
Ferrari 290 MM 106
Rit GT
3.5
24   Hambro Automotive   Roy Jackson-Moore
  Elliott Forbes-Robinson senior
Austin-Healey 100S 105
Rit GT
3.5
23   Hambro Automotive   Phil Stiles
  John Bentley
Austin-Healey 100S 98
SQ S
1.5
74   Charles Moran   M. R. J. Wyllie
  Charles Moran Jr.
  Margaret Wyllie
Lotus Eleven Le Mans 89
Rit S
2.0
27   Lance Reventlow   Lance Reventlow
  Bill Pollack
Maserati 200S 88
Rit S
1.1
60   Lotus Company   Jay Chamberlain
  Ignacio Lozano
Lotus Eleven 77
Rit S
750
67   Argentine Auto Club   Alejandro de Tomaso
  Isabelle Haskell
Osca MT4 750 70
SQ S
3.0
21   Maserati Factory   Roy Salvadori
  Carroll Shelby
Maserati 250S 68
Rit S
1.1
63   B. Stevens   G. Storr
  Hal Ullrich
DB HBR 5 67
Rit S
2.0
26   Jim Kimberly   Jim Kimberly
  Ted Boynton
Maserati 200S 58
Rit S
3.0
22   A. V. Dayton   Jo Bonnier
  Giorgio Scarlatti
Maserati 150S 55
Rit S
2.0
38   S. H. Arnolt   John Weltz
  Robert Gary
Arnolt-Bristol Bolide 51
Rit S
5.0
8   Jack Ensley   Pat O'Connor
  Jack Ensley
Jaguar D-Type 50
Rit S
2.0
37   S. H. Arnolt   Bob Ballenger
  Jim Peterson
Arnolt-Bristol Bolide 49
NC GT
1.3
54   Louis Comito   Louis Comito
  Bob Rubin
  Bruce Kessler
Alfa Romeo Giuletta Spider Veloce 54
Rit S
2.0
39   S. H. Arnolt   Bob Goldich
  Stanley Arnolt
Arnolt-Bristol Bolide 40
Rit S
3.0
30   William Helburn   William Helburn
  Jim Pauley
Ferrari 500 TRC 38
Rit S
5.0
9   Alfonso Gómez-Mena   Alfonso Gómez-Mena
  Santiago González
  Ernie Ericksson
Jaguar D-Type 37
Rit S
1.5
43   Ed Crawford   Ed Crawford
  Phil Stewart
Porsche 550 RS 35
Rit S
5.0
10   R. V. Milosevich   Pete Woods
  Bobby Unser
Jaguar D-Type 33
Rit S
5.0
1   Lindsay Hopkins   John Fitch
  Piero Taruffi
Chevrolet Corvette SS 23
Rit S
1.5
46   Bobby Burns   Lloyd Ruby
  Bobby Burns
Maserati 150S 20
Rit GT
2.0
70   Triumph Company   Jim Roberts
  Ed Pennybacker
Triumph TR3 10
Rit S
5.0
6   Triumph Company   Jim Roberts
  Ed Pennybacker
Triumph TR3 10
NP GT
1.3
53   A. Martinez   Frank Aldhous
  Daniel Watters
  Jack Brumby
Alfa Romeo Giulietta 0
NP S
1.5
62   George Schrafft   George Schrafft Lotus Eleven 0
NP S
3.0
69   Jim Pauley   Jim Pauley
  Don Vitale
  Harry Kullen
Ferrari 750 Monza 0
NP S
1.5
73   John von Neumann   John von Neumann Porsche 550 RS 0
NP S
1.1
75   Howard Hanna   Howard Hanna
  Harry Brown
DB HBR 0
NP S
5.0
T   Lindsay Hopkins   Piero Taruffi
  Zora Arkus-Duntov
  John Fitch
  Stirling Moss
  Juan Manuel Fangio
Chevrolet Corvette SS 0
NP S
5.0
6T   Briggs Cunningham   Bill Lloyd
  Briggs Cunningham
Jaguar D-Type 0
NP S
5.0
6T   Briggs Cunningham   Peter Collins
  Maurice Trintignant
  Alfonso de Portago
  Luigi Musso
  Phil Hill Jr.
  Wolfgang von Trips
Ferrari 857S 0
NP S
2.0
38   S. H. Arnolt   John Weitz
  Robert Gary
  Jim Robinson
Arnolt Bolide 0

Statistiche modifica

Note modifica

  1. ^ Sebring 12 Hours 1957 - Car Data & Information - Racing Sports Cars, su racingsportscars.com.
  2. ^ 1957 Sebring 12 Hours, su teamdan.com. URL consultato il 16 luglio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  3. ^ a b 1957 Sebring 12-Hour Grand Prix - Race History, Profile and Photos, su sportscardigest.com, 4 marzo 2011.
  4. ^ Archived copy, su teamdan.com. URL consultato il 16 luglio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  5. ^ 1956 Sebring 12 Hours Grand Prix - Race Photos, History, Profile, su sportscardigest.com, 7 dicembre 2012.

Altri progetti modifica

  Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo