Adalino Mealli

ciclista su strada italiano
(Reindirizzamento da Aladino Mealli)
Adalino Mealli
Nazionalità Bandiera dell'Italia Italia
Ciclismo
Specialità Strada
Termine carriera 1947
Carriera
Squadre di club
1933C. Ideal Incisa Valdarno
1934U.C. Pistoiese
1934Wolsit
1935-1938Legnano
1938Wolsit-Binda
1939Legnano
1939S.C. Vigor Torino
1940Lygie
1946U.C. Pistoiese
1947U.C. Aretina
Nazionale
1933Bandiera dell'Italia Italia Dilettanti
 

Adalino Mealli (Loro Ciuffenna, 20 aprile 1910Loro Ciuffenna, 9 gennaio 2001) è stato un ciclista su strada italiano. Professionista e indipendente tra il 1934 e il 1947, vinse due tappe al Giro di Svizzera.[1]

Carriera modifica

Ciclista dell'U.C. Pistoiese, come indipendente e professionista corse per le squadre di marca Legnano, Wolsit (sottomarca della Legnano) e Lygie. Nel 1934 vinse due tappe al Giro del Lazio, la Coppa Zucchi e la sesta tappa del Giro di Svizzera, da Berna a Basilea. Nel 1935 vinse la quinta tappa del Giro di Svizzera, da Ginevra a Berna, mentre nel 1936 vinse una tappa del Giro delle Quattro Province del Lazio.

In carriera partecipò a quattro edizioni del Giro d'Italia tra il 1934 e il 1937, classificandosi quarto nel 1936.[1]

Palmarès modifica

Circuito di Cesa
Coppa Ciuffenna
Tre Valli Varesine dilettanti[2]
  • 1934 (U.C. Pistoiese/Wolsit, quattro vittorie)
Coppa Zucchi
3ª tappa Giro del Lazio (Rieti > Formia)
4ª tappa Giro del Lazio
6ª tappa Giro di Svizzera (Berna > Basilea)
  • 1935 (Legnano, una vittoria)
5ª tappa Giro di Svizzera (Ginevra > Berna)
  • 1936 (Legnano, una vittoria)
1ª tappa, 2ª semitappa Giro del Lazio (Tagliacozzo > Avezzano)

Piazzamenti modifica

Grandi Giri modifica

1934: 14º
1935: 18º
1936: 4º
1937: 11º
1938: 10º
1939: 17º

Classiche monumento modifica

1936: 8º
1937: 14º
1938: 25º
1940: 64º

Competizioni mondiali modifica

Montlhéry 1933 - In linea Dilettanti: ritirato

Note modifica

  1. ^ a b Adalino Mealli, su sitodelciclismo.net. URL consultato il 15 maggio 2011.
  2. ^ La vittoria di Mealli nella prova dei dilettanti [collegamento interrotto], in Il Littoriale, Anno VII, n. 188, 31 luglio 1933. URL consultato il 2 aprile 2023.

Collegamenti esterni modifica