Andreas Romar

sciatore alpino finlandese
Andreas Romar
Andreas Romar EC-GS Hinterstoder 20080111.jpg
Andreas Romar impegnato in uno slalom gigante di Coppa Europa a Hinterstoder nel 2008
Nazionalità Finlandia Finlandia
Altezza 190 cm
Peso 91 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Discesa libera, supergigante, combinata
Squadra Vaasa SK
Termine carriera 2019
Palmarès
Mondiali juniores 0 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Andreas Romar (Korsholm, 4 luglio 1989) è un ex sciatore alpino finlandese che gareggiava soprattutto nelle prove veloci. Anche sua sorella Tii-Maria era una sciatrice della nazionale[senza fonte].

BiografiaModifica

Stagioni 2006-2009Modifica

Attivo in gare FIS dal novembre del 2004, Romar ha disputato la sua prima gara di Coppa Europa il 25 novembre 2006 a Salla, senza concludere lo slalom speciale in programma. Il 28 gennaio 2007 ha esordito in Coppa del Mondo, partecipando allo slalom speciale di Kitzbühel nel quale non si è qualificato per la seconda manche. La settimana successiva è stato convocato per i suoi primi Campionati mondiali, Åre 2007, dove si è classificato 42º nella discesa libera, 48º nel supergigante e non ha completato la supercombinata.

Il 4 novembre 2008 ha ottenuto ad Amnéville in slalom indoor il suo primo podio in Coppa Europa (3º) e nel 2009 è stato nuovamente convocato per i Mondiali, disputati questa volta a Val-d'Isère: ha gareggiato solo nello slalom speciale senza qualificarsi per la finale. In marzo è stato poi ai Mondiali juniores di Garmisch-Partenkirchen, dove ha vinto la medaglia di bronzo nella discesa libera alle spalle degli italiani Andy Plank e Dominik Paris.

Stagioni 2010-2019Modifica

Ha esordito ai Giochi olimpici invernali a Vancouver 2010, gareggiando in tutte le specialità (42º nella discesa libera, 30º nello slalom gigante, non ha concluso il supergigante, lo slalom speciale e la supercombinata); il 13 marzo dello stesso anno ha colto a Tarvisio in discesa libera il suo secondo e ultimo podio in Coppa Europa (3º). Ai Mondiali di Garmisch-Partenkirchen 2011 si è piazzato 27º nella discesa libera, 27º nello slalom gigante, 9º nella supercombinata e non ha concluso il supergigante, mentre a quelli di Schladming 2013 è stato 5º nella discesa libera, 17º nel supergigante e 4º nella supercombinata. A causa di un infortunio subito a Lake Louise a fine novembre 2013 ha saltato l'intera stagione 2013-2014[1].

Ai Mondiali di Vail/Beaver Creek 2015 è stato 31º nella discesa libera, 7º nella combinata e non ha completato il supergigante, mentre ai XXIII Giochi olimpici invernali di Pyeongchang 2018, sua ultima presenza olimpica, si è classificato 31º nella discesa libera e 31º nel supergigante e 24º nella combinata. Ai Mondiali di Åre 2019, suo congedo iridato, è stato 39º nella discesa libera, 20º nella combinata e non ha completato il supergigante. Si è ritirato al termine di quella stessa stagione 2018-2019; la sua ultima gara in Coppa del Mondo (competizione nella quale ha ottenuto come migliori risultati tre settimi posti, tutti in supergigante) è stata il supergigante di Lillehammer Kvitfjell del 3 marzo, che non ha concluso, e la sua ultima gara in carriera è stata un supergigante FIS disputato a Ylläs il 10 aprile, chiuso da Romar al 4º posto.

PalmarèsModifica

Mondiali junioresModifica

Coppa del MondoModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 38º nel 2012

Coppa EuropaModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 28º nel 2010
  • 2 podi:
    • 2 terzi posti

Nor-Am CupModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 36º nel 2016
  • 3 podi:
    • 3 terzi posti

South American CupModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 15º nel 2013
  • Vincitore della classifica di discesa libera nel 2013
  • 1 podio:
    • 1 vittoria

South American Cup - vittorieModifica

Data Località Paese Specialità
4 settembre 2012 La Parva   Cile DH

Legenda:
DH = discesa libera

Campionati finlandesiModifica

NoteModifica

  1. ^ Max Valle, Stagione finita per il talento finlandese Andreas Romar, in neveitalia.it, 10 gennaio 2014. URL consultato il 20 luglio 2014.
  2. ^ (EN) Profilo FIS, su data.fis-ski.com. URL consultato il 19 luglio 2019.

Collegamenti esterniModifica