Apri il menu principale

Arturo Reghini

filosofo e esoterista italiano

BiografiaModifica

Si laureò nel 1912 in matematica all'Università di Pisa, dedicandosi all'insegnamento della materia in vari istituti superiori in Toscana, a Roma ed in Emilia-Romagna.

Promotóre del Pitagorismo, Reghini fu affiliato a vari gruppi dell'esoterismo italiano. Nel 1898 entrò nella Società Teosofica e ne fondò la sezione romana. Più tardi, nel 1903, fonderà a Palermo la Biblioteca Teosofica, alla quale di poi cambierà nome in Biblioteca Filosofica. Nel 1902 venne iniziato al Rito di Memphis di Palermo (rito massonico di supposta origine egizia) e nel 1905 fondò a Firenze la loggia Lucifero, dipendente dal Grande Oriente d'Italia. Ebbe una breve adesione al Martinismo papusiano, che in Italia era diretto dall'avvocato Sacchi, verso le carenze della cui maestranza e pubblicistica Reghini apporta una demolizione magistrale. Nel 1907 fu poi chiamato da Amedeo Rocco Armentano, che lo avviò allo studio del pitagorismo. Nel 1912 entrò nel Supremo Consiglio Universale del Rito filosofico italiano[1], dal quale però si dimise nel 1914, non aveva infatti un'alta opinione dello stato della massoneria in Italia[2]. Insignito del 33° e massimo grado del Rito Scozzese Antico e Accettato, nel 1921 entrò a far parte come membro effettivo del Supremo Consiglio d'Italia, di cui fu Gran cancelliere e Segretario generale[3].

Gli anni della Grande Guerra videro discepoli e maestri della Schola Italica Pitagorica partire volontari per il fronte. Reghini non rimase inerte innanzi al sorgere delle istanze interventiste; partecipò attivamente alla manifestazione romana del maggio 1915, culminata in Campidoglio, tesa ad ottenere la dichiarazione di guerra. Accolto nell'Accademia Militare di Torino come allievo ufficiale del Genio il 1º febbraio 1917, successivamente partì volontario per il fronte, ottenendo sul campo il grado di capitano del Genio.

Anni dopo, precisamente il 18 dicembre 1923, Reghini ed il suo Maestro Armentano crearono a Roma l'Associazione Pitagorica, che riprendeva le fila di precedenti esperienze e si richiamava operativamente al sodalizio pitagorico dell'antichità.

Da solo o con altri, fondò e animò varie riviste, con interventi sagaci e ricchi di dottrina: scrisse nel 1906 sul papiniano Leonardo , dando vita ad Atanór (1924), Ignis (1925 e di nuovo nel 1929), UR (1927-1928, con Giovanni Colazza, Julius Evola come direttore, Giulio Parise, Arturo Onofri).

Contrasti d'idee e caratteriali prevalsero, alla fine del 1928, nel rapporto di collaborazione fra Evola e Reghini, provocando la scelta evoliana di allontanamento di questi, assieme a Giulio Parise, da UR (rivista sórta a esprimere al pubblico della cultura italiana l'intento dell'occulto Gruppo di Ur; nella quale il Maestro fiorentino pubblicò con l'eteronimo di Pietro Negri); e se ne ebbero anche strascichi giudiziari: infatti Evola tenterà di fare incriminare Reghini per affiliazione massonica (affiliazione che costituiva reato dopo l'imposizione di scioglimento delle "associazioni segrete" decretata dal Regime fascista nel 1925); ma il potere giudiziario optò infine per un "accordo" tra i due onde evitare uno scandalo[4]. Negli anni seguenti, per via del condizionamento repressivo fascista vòlto all'emarginazione di tanti esponenti dell'esoterismo italiano (Armentano era partito per il Brasile già nel maggio del 1924), Reghini ormai isolato si ritirava dalle attività pubbliche e a Budrio si dedicava all'insegnamento nell'istituto privato "Quirico Filopanti" (diretto da Camilla Partengo), alla meditazione - in chiave pitagorica - delle scienze matematiche.

Negli Anni Trenta ottenne tuttavia pubblici riconoscimenti dall'Accademia dei Lincei e dall'Accademia d'Italia, per la sua opera sulla restituzione della geometria pitagorica, di poi nel 1935 data alle stampe[5].

NoteModifica

  1. ^ Rito filosofico italiano
  2. ^ Aniceto Del Massa, Pagine esoteriche, La Finestra, Trento, 2001, p. 46-47.
  3. ^ In questa qualità firmò il 23 novembre 1925 il decreto del suo scioglimento n. 245 (riprodotto in: Luigi Sessa, I Sovrani Grandi Commendatori e breve storia del Supremo Consiglio d'Italia del Rito scozzese antico ed accettato Palazzo Giustiniani dal 1805 ad oggi , Ed. Bastogi, Foggia, 2004, p. 117), in seguito all'approvazione il 19 maggio dello stesso anno alla Camera dei deputati del progetto di legge sulla disciplina delle associazioni, presentato da Mussolini, mirante allo scioglimento della massoneria.
  4. ^ Angelo Iacovella, "Il Barone e il Pitagorico: Julius Evola e Arturo Reghini", in: Vie della Tradizione, anno XXVIII, n. 110 (aprile-giugno 1998), pp. 85-95.
  5. ^ Cfr. la recensione fattane da René Guénon: ed. postuma di Comptes Rendus, Parigi, 1973.

OpereModifica

  • Le parole sacre e di passo dei primi tre gradi ed il massimo mistero massonico, Atanor, Roma, 1922.
  • Per la restituzione della geometria pitagorica (1935); nuova edizione Il Basilisco, Genova, 1988, che comprende anche I numeri sacri nella tradizione pitagorica; nuovo titolo Numeri sacri e geometria pitagorica.
  • Il fascio littorio, ovvero il simbolismo duodecimale e il fascio etrusco (1935); nuova edizione Il Basilisco, Genova, 1980.
  • Dei Numeri pitagorici (Libri sette) (1940) - Prologo - Associazione culturale Ignis, 2004.
  • Dei Numeri Pitagorici (Libri sette) - Parte Prima - Volume Primo - Dell'equazione indeterminata di secondo grado con due incognite - Archè/pizeta, 2006.
  • Dei Numeri Pitagorici (Libri sette) - Parte Prima - Volume Secondo - Delle soluzioni primitive dell'equazione di tipo Pell x^2-Dy^2=B e del loro numero - Archè/pizeta, 2012.
  • Dei Numeri Pitagorici (Libri sette) - Parte Seconda - Volume Terzo - Dei numeri triangolari, dei quadrati e dei numeri piramidali a base triangolare o quadrata - Archè/pizeta, 2018.
  • Dizionario Filologico, ("Associazione culturale Ignis"), 2008.
  • Cagliostro, ("Associazione culturale Ignis"), 2007.
  • Considerazioni sul Rituale dell'apprendista libero muratore, Phoenix, Genova, 1978.
  • Paganesimo, Pitagorismo, Massoneria, Mantinea, Furnari (Messina), 1986.
  • Per la restituzione della Massoneria Pitagorica Italiana, introduzione di Vinicio Serino, Raffaelli Editore, Rimini, 2005, ISBN 88-89642-01-7
  • La Tradizione Pitagorica Massonica, Fratelli Melita Editori, Genova, 1988, ISBN 88-403-9155-X
  • Trascendenza di Spazio e Tempo, rivista "Mondo Occulto", Napoli, 1926, ristampa Libreria Ed. ASEQ 2010.

Curò fondamentali traduzioni (con introduzione e note), tra cui:

BibliografiaModifica

  • AA.VV., Arturo Reghini. La Sapienza pagana e pitagorica del '900 (La Cittadella, Anno VI/VII n.s., n° triplo 23-24-25, MMDCCLIX a.U.c., luglio-dicembre 2006 - gennaio-marzo 2007 d.C.), I Libri del Graal.
  • Geminello Alvi, Reghini, il massone pitagorico che amava la guerra, Corriere della Sera, 18 agosto 2003.
  • Riccardo Paradisi, Reghini, il Pitagorico che sognava l’impero, L’Indipendente, 4 marzo 2007.
  • Natale M. Di Luca, "Arturo Reghini. Un intellettuale neopitagorico tra massoneria e fascismo", Atanòr, Roma, 2003.
  • Giulio Parise, "Nota sulla vita di A. Reghini", in calce a Considerazioni sul rituale dell'apprendista libero muratore, Phoenix, Genova, 1978.
  • Roberto Sestito, Il figlio del Sole. Vita e opere di Arturo Reghini, filosofo e matematico, Ancona, Associazione Culturale "Ignis", 2006.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN69993666 · ISNI (EN0000 0000 6684 0783 · BNF (FRcb156135811 (data) · WorldCat Identities (EN69993666