Brendan Fraser

attore canadese naturalizzato statunitense (1968-)

Brendan James Fraser (Indianapolis, 3 dicembre 1968) è un attore canadese naturalizzato statunitense.[1][2]

Brendan Fraser nel 2022

È principalmente noto per aver interpretato Rick O'Connell nella trilogia colossal La mummia (1999), La mummia - Il ritorno (2001) e La mummia - La tomba dell'Imperatore Dragone (2008).

Nel 2022 ottiene il plauso della critica per la sua performance nella pellicola drammatica The Whale, con il quale si è aggiudicato il Critics' Choice Award come miglior attore e ha ricevuto la candidatura al Premio Oscar come miglior attore protagonista, al Golden Globe nella sezione miglior attore in un film drammatico, allo Screen Actors Guild Award e al Premio BAFTA nella sezione migliore attore protagonista.

BiografiaModifica

Brendan Fraser è nato a Indianapolis, in Indiana, figlio dei genitori canadesi Carol Mary e Peter Fraser. Sua madre era una consulente di vendita e suo padre era un ex giornalista che lavorò come funzionario del servizio estero dell'ufficio del turismo del governo canadese.[3][4] Ha tre fratelli maggiori: Kevin, Regan e Sean.[5] Ha origini irlandesi, scozzesi, tedesche, ceche e franco-canadesi,[6] ed ha la doppia cittadinanza canadese e statunitense.

Si trasferì spesso durante la sua infanzia assieme alla famiglia, vivendo a Eureka, Seattle, Washington, Ottawa, nei Paesi Bassi e in Svizzera. Ha frequentato l'Upper Canada College,[7] un collegio privato a Toronto. Durante una vacanza a Londra, ha assistito al suo primo spettacolo teatrale professionale nel West End, ed è cominciato il suo interesse per la recitazione.[8] Si è laureato al Cornish College of the Arts di Seattle nel 1990.[9] Ha iniziato a recitare in un piccolo college di recitazione a New York ed aveva in programma di studiare presso la Southern Methodist University ma, durante il tragitto, si fermò a Hollywood e decise di rimanere lì per lavorare nel cinema.

CarrieraModifica

 
Brendan Fraser nel 2006

Nel 1991 fa il suo debutto cinematografico in Dogfight - Una storia d'amore, nei panni di un marinaio diretto in Vietnam. L'anno seguente ottiene il suo primo ruolo da protagonista nella commedia Il mio amico scongelato,[10] rivelatosi un discreto successo al botteghino.[11] Lo stesso anno recita al fianco di Matt Damon e Chris O'Donnell in Scuola d'onore.

Nel 1994 interpreta Steve Nebraska in Un colpo da campione e Montgomery "Monty" Kessler in 110 e lode, oltre a recitare insieme ad Adam Sandler e Steve Buscemi in Airheads - Una band da lanciare. L'anno seguente recita in film come Sinistre ossessioni. Nel 1997 è protagonista della commedia George re della giungla...?, basato sulla serie animata George della giungla, e della pellicola drammatica L'orgoglio di un figlio.[12]

Nel 1998 riceve il plauso della critica per la sua performance nella pellicola Demoni e dei, in cui recita al fianco di Ian McKellen.[13] L'anno seguente è protagonista del film colossal La mummia, in cui veste i panni dell'impavido Rick O'Connell, assieme a Rachel Weisz. La pellicola si rivelò un ottimo successo al botteghino.[14] Nello stesso anno è protagonista della commedia Sbucato dal passato.

Nel 2001 torna ad interpretare Rick O'Connell nel sequel La mummia - Il ritorno. Lo stesso anno è protagonista del film d'animazione Monkeybone, diretto da Henry Selick ed ha recitato, a partire da settembre, nel ruolo di "Brick" nella produzione teatrale di La gatta sul tetto che scotta, diretto da Anthony Page. Assieme a lui, nel cast vi erano Ned Beatty, Frances O'Connor e Gemma Jones. Lo spettacolo si è concluso il 12 gennaio 2002, con Fraser che ha ottenuto molte recensioni positive.[15]

Nel 2002 recita al fianco di Michael Caine nel dramma politico The Quiet American, che venne ben accolto dalla critica.[16] Nello stesso periodo partecipa in tre puntate della serie televisiva Scrubs - Medici ai primi ferri, nel ruolo di Ben.[17] L'anno successivo è protagonista del film d'animazione Looney Tunes: Back in Action.

Nel 2004 è tra i protagonisti dell'acclamato Crash - Contatto fisico, con il quale si aggiudica uno Screen Actors Guild Award come miglior cast cinematografico.[18]

Nel marzo 2006 viene inserito nella Canada's Walk of Fame, diventando il primo attore americano a ricevere l'onore.[3]

Nel 2008 è nuovamente protagonista di La mummia - La tomba dell'Imperatore Dragone, terzo capitolo della saga cinematografica. Lo stesso anno recita in Viaggio al centro della Terra 3D e nel film fantasy Inkheart - La leggenda di cuore d'inchiostro.

Nel 2010 recita in una produzione di Broadway di Elling, ma lo spettacolo viene interrotto dopo una settimana, a causa di recensioni poco brillanti.[19] Nello stesso anno appare nel film Puzzole alla riscossa, che viene stroncato dalla critica.[20]

Nel 2013 interpreta un imitatore di Elvis Presley nella commedia nera I truffatori.[21] Successivamente si unisce al cast della serie televisiva drammatica The Affair - Una relazione pericolosa durante la terza stagione, dove ha interpretato la guardia carceraria infelice Gunther.[22] Ha in seguito preso parte alla serie Trust - Il rapimento di Getty.

Nel 2018 interpreta Clifford "Cliff" Steele / Robotman nella serie televisiva Titans, riprendendo il ruolo nel 2019 nello spin-off Doom Patrol.[23] Lo stesso anno è presente nel film thriller di Bollywood Line of Descent.[24]

Nel 2021 recita nella parte del gangster Doug Jones nel film poliziesco No Sudden Move, di Steven Soderbergh.[25] Lo stesso anno viene scelto per interpretare Ted Carson / Firefly nella pellicola Batgirl, diretto da Adil El Arbi e Bilall Fallah.[26] Il film viene in seguito cancellato l'anno seguente durante la sua post produzione, non venendo distribuito.[27][28]

Nel 2022 è protagonista della pellicola drammatica The Whale, diretta da Darren Aronofsky, in cui interpreta un professore universitario di oltre 250 chili recluso in casa.[29] Il film viene presentato in anteprima mondiale alla 79ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, dove ha ricevuto un'ovazione di sei minuti.[30] Sia il film che la sua interpretazione vengono acclamati dalla critica,[31][32] e grazie a questo ruolo ottiene una candidatura all'Oscar come miglior attore protagonista, ai Golden Globe come miglior attore in un film drammatico,[33] ai Critics' Choice Awards come miglior attore,[34] ai Screen Actors Guild Award come miglior attore cinematografico,[35] ed ai Gotham Independent Film Awards come miglior attore protagonista.[36]

Vita privataModifica

Nel 1993 conosce l'attrice Afton Smith. Legati sentimentalmente da allora, si sono sposati il 27 settembre 1998 e hanno avuto tre figli: Griffin Arthur Fraser (2002), Holden Fletcher Fraser (2004) e Leland Francis Fraser (2006). La coppia ha in seguito divorziato nel 2008.

Nel febbraio 2018 l'attore ha accusato l'ex presidente della Hollywood Foreign Press Association, Philip Berk, di molestie sessuali nei suoi confronti avvenute nel 2003, sostenendo che a causa di questo accaduto aveva deciso di ritirarsi dalla vita pubblica e declinare varie offerte di lavoro.[37] Quando nel 2022 riceve la candidatura ai Golden Globe come miglior attore in un film drammatico per la sua performance nella pellicola The Whale, annuncia di non presidiare alla cerimonia commentando "non sono un ipocrita".[38]

FilmografiaModifica

 
Brendan Fraser nel 2009

AttoreModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DoppiatoreModifica

TeatrografiaModifica

RiconoscimentiModifica

Doppiatori italianiModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Brendan Fraser è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

NoteModifica

  1. ^ (EN) Brendan Fraser, su canadaswalkoffame.com. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2008).
  2. ^ (EN) Lewis Beale, IN THE KNOW BRENDAN UP TO BUFF IN `GODS AND MONSTERS', su nydailynews.com, 1º novembre 1998. URL consultato il 10 marzo 2022 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2008).
  3. ^ a b (EN) 2006 Inductees – Brendan Fraser, su canadaswalkoffame.com. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2008).
  4. ^ (EN) Brendan Fraser Biography (1968-), su filmreference.com.
  5. ^ (EN) Brendan Fraser on playing the real John Crowley in 'Extraordinary Measures', su irishcentral.com.
  6. ^ (EN) Brendan Fraser on Playing John Crowley in Extraordinary Measures, su irishamerica.com.
  7. ^ (EN) Up and Coming: Brendan Fraser; A Man Schooled for Success, su nytimes.com.
  8. ^ (EN) Brendan Fraser / The Canadian Encyclopedia, su thecanadianencyclopedia.ca.
  9. ^ (EN) Fraser's Edge, su cornish.edu. URL consultato il 9 novembre 2022 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2007).
  10. ^ (EN) The many faces of Brendan Fraser, su philstar.com.
  11. ^ (EN) Hey bu-ddy! ‘Encino Man’ turns 25 — but here’s where the ’90s comedy was really filmed, su ocregister.com.
  12. ^ (EN) Bankability Breakdown: Brendan Fraser – Box Office Mojo, su boxofficemojo.com.
  13. ^ (EN) Gods and Monsters Credits, su godsandmonsters.net.
  14. ^ (EN) The Mummy - Box Office Mojo, su boxofficemojo.com.
  15. ^ (EN) Albemarle – Archive, su albemarle-london.com. URL consultato il 9 novembre 2022 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2008).
  16. ^ (EN) The Quiet American - Rotten Tomatoes, su rottentomatoes.com.
  17. ^ (EN) The Creator Of Scrubs Got Brendan Fraser To Do The Show After Sending Him A Pair Of Gym Shorts, su thethings.com.
  18. ^ a b (EN) ‘This Is New for Me’: Brendan Fraser Earns Another Standing Ovation, Toronto Film Fest Prize for ‘The Whale’, su rollingstone.com.
  19. ^ (EN) Brendan Fraser Broadway debut shuts after one week, su bbc.com.
  20. ^ (EN) Furry Vengeance - Rotten Tomatoes, su rottentomatoes.com.
  21. ^ (EN) Elijah Wood, Brendan Fraser & Many More Tell 'Pawn Shop Chronicles', su firstshowing.net.
  22. ^ (EN) An unrecognizable Brendan Fraser shows up to give The Affair a menacing twist, su avclub.com.
  23. ^ (EN) ‘Doom Patrol’: Brendan Fraser To Star As Robotman In DC Universe TV Series, su deadline.com.
  24. ^ (EN) Brendan Fraser Replaces Ray Liotta in Indian Mafia Thriller ‘The Field’, su hollywoodreporter.com.
  25. ^ (EN) “No Sudden Move,” Reviewed: Steven Soderbergh’s New Crime Drama Is a Brisk Nostalgia Trip, su newyorker.com.
  26. ^ (EN) ‘Batgirl’: Brendan Fraser To Play Villain In New Warner Bros And DC Pic Starring Leslie Grace, su deadline.com.
  27. ^ (EN) Grant Hermanns, Why Brendan Fraser Is Disappointed By Batgirl Movie Cancellation, su screenrant.com. URL consultato il 5 settembre 2022.
  28. ^ (EN) ‘Batgirl’ Film Axed by Warner Bros., Won’t Be Released on Any Platform, su variety.com.
  29. ^ (EN) Brendan Fraser to Play a 600 lb. Reclusive Man in Darren Aronofsky's Movie Adaptation of 'The Whale', su people.com.
  30. ^ (EN) Brendan Fraser Breaks Down in Tears as ‘The Whale’ Gets Huge 6-Minute Standing Ovation in Venice, su variety.com.
  31. ^ (EN) The Whale, review: Brendan Fraser seals his comeback in a sensational film of rare compassion, su telegraph.co.uk.
  32. ^ (EN) Brendan Fraser’s Comeback Surges: ‘The Whale’ Gets Five-Minute TIFF Ovation, Actor Fights Back Tears, su variety.com.
  33. ^ a b (EN) Brendan Fraser - Golden Globes, su goldenglobes.com.
  34. ^ a b (EN) ‘Everything Everywhere’, ‘Fabelmans’, ‘Babylon’ Lead Critics Choice Award Nominees For Film, su deadline.com.
  35. ^ a b (IT) SAG Awards 2023, tutte le nomination, su rollingstone.it.
  36. ^ a b (EN) ‘Tár’ Leads Gotham Awards Nominations: Full List, su variety.com.
  37. ^ (EN) Kirsten Chuba, Brendan Fraser Says HFPA Ex-President Sexually Assaulted Him, in Variety, 22 febbraio 2018. URL consultato il 21 ottobre 2018.
  38. ^ (EN) Brendan Fraser Won't Attend Golden Globes After Sexual Assault Allegations Against Former HFPA President, su people.com.
  39. ^ (EN) Brendan Fraser's transformative Whale performance wins major pre-Oscars award, su ew.com.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN64205473 · ISNI (EN0000 0001 2136 7248 · LCCN (ENno98095932 · GND (DE128589809 · BNE (ESXX1085695 (data) · BNF (FRcb14028124b (data) · J9U (ENHE987007451096205171 · CONOR.SI (SL13208419 · WorldCat Identities (ENlccn-no98095932