Campionato Primavera

campionato giovanile italiano
Campionato Primavera 1
Logo della competizione
Sport Football pictogram.svg Calcio
Tipo Club
Federazione FIGC
Paese Italia Italia
Organizzatore Lega Serie A
Titolo Campione d'Italia Primavera
Apertura settembre
Chiusura giugno
Partecipanti 16 squadre
Formula girone all'italiana (stagione regolare) + eliminazione diretta (play-off e fase finale per assegnazione titolo)
Retrocessione in Campionato Primavera 2
Sito Internet Albo d'oro Primavera 1
Storia
Fondazione 1962
Detentore Inter (8)
Record vittorie Torino (9) (Serie A/Serie A-B/Primavera 1)
Verona (2) (Serie B)[1]
Edizione in corso Campionato Primavera 1 2017-2018
Scudetto.svg
Trofeo o riconoscimento

Il Campionato Primavera 1, ufficialmente Campionato Primavera 1 TIM - "Trofeo Giacinto Facchetti" (Campionato Primavera fino alla stagione 2016-2017), è una competizione calcistica giovanile, la più importante per il campionato italiano. Viene organizzata e gestita dalla Lega Nazionale Professionisti Serie A, prevedendo la partecipazione delle più forti formazioni giovanili italiane, a condizione di appartenere a società le cui squadre maggiori siano iscritte ai campionati di A o B.

Indice

Cenni storici, formula e regolamentoModifica

Il campionato "Ragazzi Primavera"[2] nasce dalla stagione 1962-1963, in sostituzione del "Campionato Cadetti"; fino al 1969 il torneo prevedeva una specifica fase finale per le società di Serie B.[2] Dalla stagione 2006-2007 il trofeo del campionato è stato intitolato a Giacinto Facchetti.[3]

Dalla stagione 2012-2013 sono state introdotte limitazioni relative all'età anagrafica dei calciatori in rosa: possono partecipare calciatori che hanno anagraficamente compiuto il 15º anno di età e che nell'anno in cui ha inizio la stagione sportiva non hanno compiuto il 19º anno.[4]

Nelle partite dei gironi eliminatori è consentito l'impiego di un calciatore "fuori quota" non soggetto a alcun limite di età e due calciatori "fuori quota" che non abbiano compiuto il 20º anno di età nell'anno in cui ha inizio la stagione sportiva. Nella successiva fase a eliminazione diretta possono essere impiegati tre calciatori "fuori quota" che non abbiano compiuto il 20º anno di età nell'anno in cui ha inizio la stagione sportiva.[5]

Fino alla stagione 2016-2017 la stagione regolare del campionato Primavera si componeva di 3 gironi di 14 squadre che si affrontavano in gare di andata e ritorno.[6] La composizione dei gironi avveniva inserendo nei gironi le 42 società, partendo dalla prima nel ranking fino all'ultima e procedendo a "serpente" ovvero seguendo l'ordine 1ªA - 2ªB - 3ªC - 4ªC - 5ªB - 6ªA e così via.

Il ranking sportivo veniva stilato assegnando alle squadre dei punti per i risultati ottenuti nelle ultime 5 stagioni della stessa competizione. Al termine della stagione regolare, le prime due classificate di ogni girone erano ammesse alla fase finale: i restanti due posti venivano assegnati tramite i play-off. Ad essi partecipavano 8 squadre: le terze e le quarte classificate, le due migliori quinte.[7] Gli abbinamenti dei play-off erano così decisi:

  • Primo turno:
    • Migliore 3ª - seconda migliore 5ª (primo incontro)
    • Migliore 4ª - seconda migliore 4ª (secondo incontro)
    • Migliore 5ª - seconda migliore 3ª (terzo incontro)
    • Peggiore 3ª - peggiore 4ª (quarto incontro)
  • Secondo turno:
    • Vincente primo incontro - vincente secondo incontro
    • Vincente terzo incontro - vincente quarto incontro

Le partite dei play-off venivano disputati in gara secca: le due vincitrici si aggiungevano alle altre sei qualificate. La fase finale era interamente ad eliminazione diretta (quarti di finale, semifinali, finale per il primo posto) in gara unica.

A partire dalla stagione 2017-2018 il campionato è stato suddiviso in 2 categorie: Primavera 1 e Primavera 2. La Primavera 1 è a girone unico composto da 16 squadre che si affrontano con partite di andata e ritorno. Al termine della regular season le prime due classificate attendono altre due formazioni, provenienti dagli spareggi tra 3ª-6ª e 4ª-5ª, per dar vita alle semifinali con gare di andata e ritorno. La 3ª e la 4ª della classifica accedono direttamente alle semifinali contro le prime 2 se la 5ª classificata accumula un distacco superiore ai 9 punti dal quarto posto. Le vincenti delle semifinali si affrontano in campo neutro nella finalissima che assegna il titolo di Campione d'Italia per la categoria Primavera 1. La squadra vincitrice è premiata con un trofeo simile alla Coppa Campioni d'Italia (assegnata ai vincitori del campionato di Serie A) oltre al diritto di partecipare alla Supercoppa Primavera e alla qualificazione in UEFA Youth League. Le squadre classificate agli ultimi due posti, e la perdente dei play-out fra la quartultima e la terzultima, retrocedono in Primavera 2. Le formazioni Primavera le cui prime squadre verranno retrocesse in Serie C saranno sostituite dalle formazioni Primavera delle 4 squadre promosse in Serie B.

Albo d'oroModifica

Serie A/Serie A-B/Primavera 1Modifica

Serie BModifica

Vittorie per squadraModifica

Modifica

NoteModifica

  1. ^ Il titolo di Serie B è stato assegnato dalla stagione 1962-63 alla stagione 1968-69.
  2. ^ a b Come da documenti ufficiali conservati presso la sede della Lega Serie A in via Rosellini a Milano.
  3. ^ Dalla stagione 2017-18 il Trofeo Facchetti è quello del campionato Primavera 1.
  4. ^ COMUNICATO UFFICIALE N.5/A DEL 5 LUGLIO 2011 (PDF), FIGC.IT.
  5. ^ COMUNICATO UFFICIALE N. 15 DELL'8 AGOSTO 2016 (PDF), su legaseriea.it.
  6. ^ Comunicato ufficiale n. 25 del 2 settembre 2015 (PDF), FIGC.it.
  7. ^ Comunicato ufficiale n. 6 del 13 luglio 2012 (PDF), FIGC.it.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio