Apri il menu principale

Carlo Di Stefano

regista italiano
Carlo Di Stefano tra Angela Bianchini e Umberto Ceriani (1972)

Carlo Di Stefano (Roma, 1923Roma, 2008) è stato un regista televisivo e regista radiofonico italiano.

BiografiaModifica

Fu regista e autore di testi per teatro, radio e televisione. Nella sua lunga attività, iniziata dopo la seconda guerra mondiale, lasciò un'impronta di grande professionalità, evidente in una moltitudine di lavori firmati per la televisione e andati avanti fino alla fine degli anni settanta.

Diresse alcune compagnie di prosa, curando, a partire dal 1945, la regia di decine di opere teatrali tra le quali numerose novità. Per la radio curò testi e regia de "La piccola storia dell'avanspettacolo", originale lavoro andato in onda in 15 puntate nel 1976, dove, divisi per argomenti, venivano presentati i protagonisti e le varie tipologie artistiche che caratterizzavano il varietà e l'avanspettacolo. Sempre per la radio si occupò, negli anni settanta, della riduzione teatrale di opere di grandi autori: il programma si intitolava "Una commedia in trenta minuti", lavori che, oltre a rendere in un tempo ristretto lo spirito della rappresentazione, realizzavano lo scopo divulgativo della produzione artistica di tanti autori di vaglia.

Intervenne inoltre con scritti e saggi su numerosi quotidiani e su riviste di cultura specializzate dello spettacolo.

TelevisioneModifica

  • I diritti dell'anima, di Giuseppe Giacosa, trasmessa il 17 gennaio 1963.
  • La signorina Chimera, di Piero Mazzolotti, 16 agosto 1963.
  • Il grillo del focolare, di Anna Maria Romagnoli, 24 dicembre 1963.
  • Ben tornato, di Dino Falconi, 2 giugno 1964.
  • Martina, di Jean Jacques Bernard, 3 giugno 1964.
  • I proverbi di tutti, di Vittorio Metz, 10 puntate, dal 21 giugno al 30 agosto 1964.
  • L'appalto, di Gianni Balzarini, 15 settembre 1964.
  • Gli occhi consacrati, di Roberto Bracco, 2 luglio 1965.
  • Il perfetto amore, di Roberto Bracco, 2 luglio 1965.
  • Il gioco delle vacanze, di Mihail Sebastian, 13 agosto 1965.
  • Il ventaglio di Lady Windermere, di Oscar Wilde, 17 giugno 1966.
  • I milioni dello zio Peteroff, di Pedro Muñoz Seca e Enrique García Álvarez, 31 agosto 1966.
  • Il fischietto d'argento, di Robert E. McEnroe, 20 gennaio 1967.
  • Il sottotenente Tenente, di Pierre Gripari, 31 maggio 1967.
  • Ultima edizione, di Mihail Sebastian, 28 giugno 1967.
  • I principi di papà, di Edmond Gondinet, 14 luglio 1967.
  • L'eredità, di Henry G. Harris, 3 ottobre 1967.
  • I tre doni, di Raoul Maria De Angelis, 26 dicembre 1967.
  • Una sera con Caragiale, di Carlo Di Stefano e Aldo Trifiletti, 8 febbraio 1968.
  • Il ragazzo e il cavallo, di Alfio Valdarnini, 12 marzo 1969.
  • Il treno, di Davide Turner, 26 marzo 1969.
  • La casa in ordine, di Arthur Wing Pinero, 21 maggio 1968.
  • Lucrezia Borgia, di Domenico Prodo, 9 giugno 1968.
  • Chi non prova non crede, di Tebaldo Checchi, 9 giugno 1968.
  • Casa disabitata, di Giovanni Giraud, 9 giugno 1968.
  • Una notte piovosa, di Agostino Nardi, 9 giugno 1968.
  • Il valzer del defunto signor Giobatta, di Ermanno Carsana, 8 agosto 1969.
  • Annie e il suo ladro, di Anna Maria Romagnoli, 11 febbraio 1970.
  • Quadriglia, di Noël Coward, 27 ottobre 1970.
  • Pensaci, Giacomino!, di Luigi Pirandello, 15 gennaio 1971.
  • L'estate dimenticata, di Robert Philips, 16 marzo 1971.
  • Assunta Spina, di Salvatore Di Giacomo, 23 febbraio 1973.
  • Un bambino per commissione, di Tommaso Gherardi del Testa, 24 luglio 1973.
  • Il più forte, di Giuseppe Giacosa, 22 febbraio 1974.
  • Civitoti in pretura, di Nino Martoglio, 18 luglio 1974.
  • Le Rozeno, di Camillo Antona Traversi, 4 aprile 1975.
  • Lo sa solo il pesce rosso, di Jean Barbier e Dominique Nohain, 30 gennaio 1976.
  • L'ospite inattesa, di Richard Harris, 6 agosto 1976.

RadioModifica

  • Il dente e Un magnate del teatro, di Ring Lardner, trasmessa il 12 giugno 1965.
  • Il sottotenente Tenente, di Pierre Gripari, 23 luglio 1965.
  • Giuochi per Leda, di Cesare Meano, 10 agosto 1965.
  • Le sorelle Materassi, di Aldo Palazzeschi, 7 puntate, dal 22 novembre al 13 dicembre 1965[1]
  • I treni che vedevo passare, di Carlo Di Stefano, 5 febbraio 1966.
  • Il mantello, di Dino Buzzati, 25 marzo 1966.
  • I dadi e l'archibugio, di Alfredo Balducci, 2 agosto 1966.
  • Naturalezza, di Jacinto Benavente, 9 agosto 1966.
  • Orbite, di Diego Fabbri, 4 ottobre 1966.
  • La scelta di Hobson, di Harold Brighouse, 13 dicembre 1966.
  • Knock, ovvero il trionfo della medicina, di Jules Romains, 21 febbraio 1967.
  • Margherita Pusterla, di Cesare Cantù, 15 puntate, dal 7al 25 agosto 1967.
  • Il cavaliere di Lagardère, di Paul Féval, 15 puntate, dal 18 settembre al 6 ottobre 1967.
  • Piccolo proprietario terriero, di Ercole Patti, 13 marzo 1968.
  • Piccolo amore invernale, di Alun Owen, 19 marzo 1968.
  • Il corvo, di Alfonso Sastre, 1º maggio 1968.
  • L'emigrato di Brisbane, di Georges Schehadé, 17 giugno 1968.
  • La signorina Mignon, di Honoré de Balzac, 18 puntate, dal 5 al 26 agosto 1968.
  • I provinciali, August von Kotzebue, 23 ottobre 1968.
  • Noi quattro uniti, di Muriel Spark, 27 ottobre 1968.
  • Fragilità, di Achille Torelli, 11 dicembre 1968.
  • Scherzo? Satira? Ironia?, di Christian Dietrich Grabbe, 15 febbraio 1969.
  • L'intenzione violetta, di Gabriele Baldini, 1º giugno 1969.
  • Pamela, di Samuel Richardson, 15 puntate, dal 23 giugno all'11 luglio 1969.
  • L'estate in città, di Irina Grekova, 17 settembre 1969.
  • L'uomo alla moda, di George Etherege, 15 ottobre 1969.
  • La grande rabbia di Philip Hotz, di Max Frisch, 20 dicembre 1969.
  • L'illusione, di Federico De Roberto, 6 puntate, dal 9 maggio al 13 giugno 1970.
  • Lettere d'amore, di Gherardo Gherardi, 30 ottobre 1970.
  • L'elicottero, di Giovanni Guaita, 28 novembre 1970.
  • Settembre 1920: L'occupazione delle fabbriche, di Massimo Sani, 8 marzo 1971.
  • Il Cristo, di José Martín Recuerda, 7 aprile 1971.
  • Mitì, di Virgilio Brocchi, 12 puntate, dal 7 al 23 giugno 1971.
  • Svegliati e canta, di Clifford Odets, 10 giugno 1971.
  • La prediletta signora, di Gabriella Leto, 4 luglio 1971.
  • Il buffone, di Nora Finzi, 9 luglio 1971.
  • Storia di un’amicizia: Giacomo Leopardi e Alessandro Poerio, di Vittorio Quintarelli, 6 agosto 1971.
  • Soldati, di Jakob Michael Reinhold Lenz, 7 agosto 1971.
  • Ezra Pound e quelli del 1914, di Romano Costa, 4 febbraio 1972.
  • Un Tolstoi sconosciuto, di Silvio Bernardini, 26 marzo 1972.
  • L'uomo dal mantello rosso, di Charles Nodier, 10 puntate, dal 15 al 26 maggio 1972.
  • Franz Werfel: un amico del mondo, di Mario Devena, 28 maggio 1972.
  • La crociata della temperanza, di Carlo Di Stefano, 9 luglio 1972.
  • Cosa cerchi?, diNikolaj Maksimovič Minskij, 15 luglio 1972.
  • Sei domeniche di gennaio, di Arnold Wesker, 21 ottobre 1972.
  • Veglia, di Roberto Zerboni, 8 novembre 1972.
  • La grande e la piccola morte, di Elena Bono, 21 aprile 1973.
  • L'ombra che cammina, di Gino Magazù, 15 puntate, dall’11 al 29 giugno 1973.
  • Il fuoco dei Marziani, di Raoul Maria De Angelis, 1º agosto 1973.
  • Il monologo espressionista, di Edoardo Bruno, 24 marzo 1974.
  • Nicola e Alessandra: l’epilogo dell’autocrazia zarista, di Giuseppe D'Avino, 5 maggio 1974.
  • Temporale, di August Strindberg, 14 maggio 1974.
  • Il re, di Giorgio Prosperi, 4 giugno 1974.
  • Mogli e figlie, di Elizabeth Gaskell, 15 puntate, dal 10 al 28 giugno 1974.
  • Ravachol e compagni, di Giuseppe Lazzari, 4 agosto 1974.
  • L’eredità, di Lidija Nikolaevna Sejfullina, 23 ottobre 1976
  • Romantico trio, di Diego Fabbri, 20 puntate, dall’8 novembre al 3 dicembre 1976.
  • Il sorriso degli dei, di Ryūnosuke Akutagawa, 20 novembre 1976

ScrittiModifica

  • Carlo Di Stefano, Censura teatrale in Italia (1600-1962), Cappelli, 1964

NoteModifica

  1. ^ Il Radiocorriere n. 47/1965

BibliografiaModifica

  • Maria Letizia Compatangelo, La maschera e il video, Rai Eri, VQPT 168, 1999, p. 777

Collegamenti esterniModifica