Carlo IX di Francia

sovrano francese della dinastia dei Valois
Carlo IX di Valois
CharlesIX.jpg
Carlo IX di Francia
Ritratto da François Clouet (1572 circa)
Re di Francia
Duca d'Orléans
Stemma
In carica 5 dicembre 1560 – 30 maggio 1574
Incoronazione 15 maggio 1561, Reims
Predecessore Francesco II di Francia
Successore Enrico III di Francia
Nome completo Carlo Massimiliano di Francia
Nascita Saint-Germain-en-Laye, 27 giugno 1550
Morte Parigi, 30 maggio 1574
Luogo di sepoltura Basilica di Saint-Denis, Francia.
Casa reale Valois-Angoulême
Dinastia Capetingi
Padre Enrico II di Francia
Madre Caterina de' Medici
Consorte Elisabetta d'Asburgo
Figli Maria Elisabetta
Religione Cattolicesimo
Firma 1565 signature of King Charles IX of France.jpg

Carlo IX di Valois (Castello di Saint-Germain-en-Laye, 27 giugno 1550Castello di Vincennes, 30 maggio 1574) fu re di Francia (1560-1574), figlio di Enrico II e di Caterina de' Medici.

Divenne re a soli dieci anni, alla morte del fratello Francesco II, in una situazione di grave crisi economica e di potere monarchico. Durante la reggenza della regina madre, che ebbe molta influenza su di lui, fu costretto a confrontarsi con lo scoppio di varie guerre civili di religione, che imperversarono per tutta la durata del suo regno, nonostante gli sforzi per restaurare l'autorità regia.

Dopo diversi tentativi di riconciliazione, si giunse alla pace di Saint-Germain, stipulata tra la Corona e l'ammiraglio Coligny, uno dei capi del partito ugonotto. Per celebrare la conquista dell'armonia civile, fu celebrato il matrimonio della sorella Margherita con il principe del sangue ugonotto Enrico di Navarra, cui seguì pochi giorni dopo il massacro di san Bartolomeo. L'entità della strage si ripercosse sull'immagine pubblica del re, dipinto dalla propaganda ugonotta come un tiranno sanguinario, e dell'intera famiglia reale.

In risposta al massacro vi fu la nascita di una serie di movimenti, come i Malcontent e i Monarcomachi, che si opponevano alla deriva assolutista che la politica monarchica aveva incominciato ad assumere dal regno di Francesco I. Gli ultimi anni di regno, furono segnati dall'aspra divisione familiare, che portò suo fratello minore Francesco d'Alençon a tentare un colpo di stato, supportato dai Malcontent, dagli intrighi della sorella Margherita e dal re di Navarra e dal principe di Condé, prigionieri a corte. Carlo IX morì di tubercolosi nel 1574. Non avendo generato eredi maschi legittimi, gli succedette il fratello Enrico III.

BiografiaModifica

Giovinezza (1550-1560)Modifica

Infanzia ed educazioneModifica

Nacque il 27 giugno 1550 nel castello di Saint-Germain-en-Laye, figlio di Enrico II di Francia e Caterina de' Medici. Fu battezzato con il nome di «Carlo Massimiliano»: il primo nome in onore del defunto zio Carlo di Valois, il secondo in onore del padrino, il futuro imperatore Massimiliano II d'Asburgo.[1] Consultati al momento della sua nascita, gli astrologhi profetizzarono che il piccolo principe sarebbe un giorno divenuto un grande re come Carlo Magno.[2]

Designato fin dalla nascita con il titolo di duca d'Angoulême, divenne poi duca d'Orléans alla morte del fratello maggiore Luigi, il secondogenito della famiglia reale, morto a pochi anni di vita il 24 ottobre 1550. Passò l'infanzia assieme ai fratelli minori Enrico, Margherita e Francesco, nei castelli di Amboise e Blois, sotto la cura dei loro governanti, Claude d'Urfé e Françoise d'Humières[3] e la costante supervisione dei genitori e di Diana di Poitiers, potente amante del padre.[4]

Tra l'inverno 1553 e la primavera 1554, per rimpiazzare il precedente precettore del dauphin, i sovrani scelsero Jacques Amyot, celebre traduttore di Plutarco, quando Carlo Massimiliano e Alessandro Edoardo avevano rispettivamente quattro e tre anni.[1] Nonostante gli insegnamenti di questo luminare, Carlo non fu mai un esperto di latino. Ricevette una variegata istruzione umanistica e sembrò apprezzare particolarmente la musica e avrebbe trovato piacere nel comporre versi, come il padre. Nell'adolescenza avrebbe composto e inviato al suo amato Ronsard delle épîtres, che il poeta avrebbe poi fatto pubblicare in una sua raccolta.[5]

La precoce ascesa al tronoModifica

 
L'esecuzione dei colpevoli della congiura di Amboise. Questa presa d'armi dei calvinisti contro la Corona fu una delle prime manifestazioni dei violenti dissidi politico-religiosi che avrebbero portato allo scoppio delle sanguinose guerre civili di religione.

Nel 1559, l'improvvisa morte di re Enrico II portò a un'enorme destabilizzazione politica. Il breve regno di Francesco II fu caratterizzato dalla presa di potere dei cattolici Guisa, zii della nuova regina di Francia, Maria Stuart, della quale il piccolo duca d'Orléans si era invaghito.[6] La politica dei Guisa provocò numerosi malumori a causa del taglio di prebende e concessioni per far fronte all'enorme debito pubblico contratto durante le guerre d'Italia concluse con la pace di Cateau-Cambrésis.[7]

Cattolici intransigenti, i Guisa continuarono ad applicare la linea dura contro i calvinisti, che in rivalsa a ciò, ordirono la congiura di Amboise, atta a scalzare i Guisa dal potere, per sostituirli con i principi del sangue filo-calvinisti Antonio di Borbone, re di Navarra e Luigi di Condé. Questo tentato colpo di Stato venne scoperto e represso nel sangue: essendo l'erede al trono, il piccolo Carlo Massimiliano assistette assieme alla madre e al re suo fratello alla messa a morte dei traditori.[8]

Pochi mesi dopo ascese al trono di Francia con il nome di Carlo IX, in seguito alla prematura morte del fratello maggiore. Avendo solo dieci anni, il re necessitava di un reggente per guidare il regno. La carica fu ottenuta da Caterina de' Medici tramite ricatto. La regina madre obbligò il re di Navarra, che come primo principe del sangue poteva richiedere la nomina per sé, a cederle l'onere in cambio della grazia per il fratello Luigi, in precedenza arrestato e in attesa di essere giustiziato per alto tradimento.[9] In seguito a una dichiarazione di fedeltà alla Corona, Antonio di Borbone fu nominato luogotenente generale dell'esercito e il principe di Condé venne liberato.

La monarchia in difficoltà (1560-1566)Modifica

La reggenza e l'inizio delle guerre civiliModifica

 
Il giovanissimo Carlo IX. Dipinto di François Clouet. (1561). Elogiato per il bell'aspetto, soprattutto per i «bellissimi occhi» ereditati dal padre, il piccolo re soffrì di una salute precaria: aveva una «respirazione assai difficile», che si presentava dopo i giochi e gli esercizi corporali ai quali si sottoponeva spesso.[10]

L'ascesa al trono di Carlo IX creò involontariamente una latitanza del potere sovrano, che peggiorò la situazione politica francese. Confermata al potere dagli stati generali di Orléans del 1560 con il titolo di «governante di Francia», Caterina de' Medici cercò di porvi rimedio, ma le lacrime versate dal re bambino quando gli venne posta la corona di Francia sulla testa, durante la cerimonia d'incoronazione nella cattedrale di Reims il 15 maggio 1561, furono prese come un brutto presagio.[11]

I primi anni di regno di Carlo IX furono totalmente condotti dalla regina madre, che con l'aiuto del cancelliere Michel de l'Hôspital, attuò una politica di tolleranza verso i protestanti: Antonio di Navarra divenne luogotenente generale del regno e Luigi di Condé fu riammesso al Consiglio reale. Queste azioni provocarono uno sdoganamento del calvinismo, unita ad una potente azione di proselitismo. In risposta a ciò, con il sostegno del papa e del re di Spagna, il duca di Guisa, il connestabile di Montmorency e il maresciallo di Saint-André crearono un «Triumvirato» in difesa del cattolicesimo.[12]

Seguendo questa politica di conciliazione, nel settembre 1561, Caterina de' Medici organizzò un incontro tra gli esponenti del clero cattolico e calvinista, sperando di giungere ad un accordo tra le fedi: il colloquio di Poissy. Carlo IX vi presenziò assieme al resto della famiglia reale, ma tutto si risolse con un nulla di fatto.[13] Nello stesso periodo, la corte ospitò Giovanna d'Albret, regina regnante di Navarra e i suoi figli: Carlo IX strinse una forte amicizia con il principe Enrico di Navarra, che divenne suo compagno di giochi preferito.[14]

La vita privata di Carlo IX e dei suoi fratelli fu enormemente influenzata dalle discordie religiosi di quel periodo. Carlo IX sembrò comunque vivere quei fatti con l'incoscienza della sua giovane età: nell'ottobre 1561, si divertì a inscenare una sfilata religiosa, in cui predicava agitando una mitra vescovile, seguito dal principe di Navarra era vestito da cardinale e da altri bambini vestiti da monaci e abati. In un'altra occasione, avrebbe rivelato ad una sconvolta dama di corte che si recava a messa solo per far contenta sua madre.[15]

Nel gennaio 1562, fu emanato l'«editto di gennaio», che permetteva l'esercizio del culto protestante fuori dalle mura cittadine o privatamente nelle case[16], ma la strage di Wassy rese tutto inutile: attuata dal duca di Guisa e i suoi uomini contro dei riformati che stavano assistendo ad una predica in un granaio dentro la città, accese la miccia delle guerre civili di religione.

 
La famiglia reale: Caterina de' Medici con Carlo IX, Margherita, Enrico e il piccolo Francesco. 1561 circa.

La prima guerra di religione causò la morte di varie persone di alto rango, tra cui Antonio di Navarra morto durante l'assedio di Rouen e il maresciallo di Saint-André ucciso nella battaglia di Dreux, in cui vennero catturati il principe di Condé e il connestabile di Montmorency. Nel febbraio 1563 Francesco I di Guisa morì per un colpo di pistola di Jean de Poltrot de Mére, scatenando una faida tra i Guisa, capeggiata dalla vedova Anna d'Este, e l'ammiraglio di Coligny, considerato il mandante dell'omicidio.[17]

La morte dei principali guerrafondai, permise alla regina madre di giungere ad un accordo di pace, utilizzando Montemorency e Condé come negoziatori. Nel marzo 1563 si giunse infine l'editto di Amboise, che garantiva la libertà di coscienza, ma limitanva di molto l'officio del culto protestante. L'accordo non trovò la soddisfazione di alcuno dei due schieramenti: i calvinisti videro ridursi le libertà rispetto all'«editto di gennaio», mentre i cattolici si indignarono nel vedere concessioni così larghe a coloro che consideravano degli eretici sediziosi.[18]

Uno spiraglio di speranza per la quiete interna avvenne nel luglio 1563, quando un esercito francese composto sia da cattolici sia da calvinisti riconquistò Le Havre, che era stata conquistata dagli inglesi, scesi in campo al fianco dei protestanti durante la guerra civile. Con la fine del conflitto, Elisabetta I d'Inghilterra aveva fatto sapere di voler tenere la cittadella, come indennizzo al posto di Calais, persa nel 1558. Indignati dalle inaccettabili pretese degli inglesi, i francesi assediarono e si ripresero Le Havre.[19]

Il 17 agosto 1563, il parlamento di Rouen dichiarò Carlo IX maggiorenne e quindi capace di regnare, nonostante avesse solo tredici anni. Il progetto fu ideato dalla regina madre, la quale pensò che il figlio potesse esercitare maggiore autorità sui sudditi rispetto a lei. Durante la cerimonia, Carlo IX dichiarò che non avrebbe più tollerato la disobbedienza alla sua persona; poi ringraziò calorosamente la madre per il servizio svolto in nome della Corona: in realtà Caterina avrebbe sempre mantenuto una grande influenza decisionale su Carlo.[20]

Il «grande viaggio»Modifica

 
Percorso seguito dalla corte dei Valois per il «grand voyage». In verde da Parigi verso Bayonne; in rosso il ritorno verso la capitale.

Conclusa la pace, su istanza della regina madre, la corte intraprese un viaggio attraverso il paese, che durò ben due anni. Lo scopo era di pura propaganda: mostrando il giovane Carlo IX e la famiglia reale alla popolazione, si credeva di rinsaldare il legame tra la monarchia e la gente comune. Un altro obiettivo era obbligare i vari parlamenti sparsi per il regno a registrare ed applicare l'editto di tolleranza.

In questo periodo venne attuata la riforma giudiziaria (Grande ordonnance des moulins) ed esteso il potere regale.

I tumulti civili (1566-1570)Modifica

La «sorpresa di Meaux»Modifica

Nel 1567, a seguito di un tentativo da parte dei protestanti di rapire Carlo IX, riprese la guerra fra le due fedi.

La terza guerra civileModifica

La vittoria dei cattolici a Saint-Denis determinò la pace di Longjumeau (marzo 1568) ma due mesi dopo le ostilità ripresero ed i cattolici ebbero la meglio a Jarnac e a Moncontour.

La ricerca della concordia (1570-1572)Modifica

Vita privata del reModifica

Dopo di che fu siglata un'altra pace a Saint-Germain-en-Laye (5 agosto 1570), grazie a un tentativo di conciliazione da parte del re che previde anche il matrimonio di sua sorella Margherita con Enrico di Navarra. Il 22 ottobre 1570 Carlo IX sposò Elisabetta d'Asburgo, dalla quale ebbe una figlia, Maria-Elisabetta (27 ottobre 1572 - 9 aprile 1578). Carlo IX ebbe anche un figlio illegittimo da Maria Touchet: Carlo, prima conte d'Alvernia e poi duca d'Angoulême.

La politica autonoma del reModifica

Gli ultimi anni (1572-1574)Modifica

La «notte di san Bartolomeo»Modifica

Nel 1572 si verificò in Parigi la strage degli ugonotti conosciuta come la notte di San Bartolomeo (morirono in Parigi più di 2.000 ugonotti e nella provincia circa 15.000), pare ispirata dalla madre di Carlo IX alla quale il re non avrebbe saputo opporsi. Il dibattito storiografico non è mai riuscito a stabilire le responsabilità: un'interpretazione è che Caterina, preoccupata dell'influenza che l'ammiraglio ugonotto Gaspard II de Coligny aveva sul figlio e temendo che questo mettesse a repentaglio la sua politica filo-spagnola, con l'aiuto dei Guisa abbia provocato la strage per costringere il figlio a schierarsi contro gli ugonotti e quindi contro il suo consigliere, mentre un'altra interpretazione è che sia stato proprio Carlo IX a volere la strage per affermare la propria indipendenza decisionale nei confronti della madre. Ripresa la guerra di religione, durante la quale i cattolici tentarono invano di impadronirsi della roccaforte protestante di La Rochelle, essa si concluse nel luglio 1573 con la pace di Boulogne.

Le cospirazioni dei MalcontentModifica

Agonia e morte di Carlo IXModifica

 
Funerale di re Carlo IX.

Meno di un anno dopo Carlo IX morì di polmonite tubercolare senza lasciare eredi maschi e gli succedette sul trono di Francia il fratello minore, Enrico III.

Personalità del regno di Carlo IXModifica

La famiglia

I principi del sangue

I Grandi di Francia

Dame dell'alta aristocrazia

Consulenti e servitori dello stato

Comandanti dell'esercito

I letterati e gli artisti

Gli scienziati

AscendenzaModifica

Albero genealogico di tre generazioni di Carlo IX di Valois
Carlo IX di Valois Padre:
Enrico II di Francia
Nonno paterno:
Francesco I di Francia
Bisnonno paterno:
Carlo di Valois-Angoulême
Bisnonna paterna:
Luisa di Savoia
Nonna paterna:
Claudia di Francia
Bisnonno paterno:
Luigi XII di Francia
Bisnonna paterna:
Anna di Bretagna
Madre:
Caterina de' Medici
Nonno materno:
Lorenzo de' Medici duca di Urbino
Bisnonno materno:
Piero il Fatuo
Bisnonna materna:
Alfonsina Orsini
Nonna materna:
Madeleine de La Tour d'Auvergne
Bisnonno materno:
Giovanni III de La Tour d'Auvergne
Bisnonna materna:
Giovanna di Borbone

OnorificenzeModifica

  Gran Maestro dell'Ordine di San Michele
  Rosa d'Oro
— 1572
  Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro

NoteModifica

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Fonti secondarieModifica

  • (FR) Jean-Pierre Babelon, Henri IV, Fayard, 2017, Paris, ISBN 978-2-213-64402-8. (ed. or. 1982)
  • (FR) Simone Bertière, Les reines de France au temps des Valois. Les années sanglantes, 1996, Paris, ISBN 978-2-253-13874-7.
  • (FR) Georges Bordonove, Charles IX: Hamlet couronné, Pygmalion, 2002, Paris, ISBN 978-2-85704-771-1.
  • (FR) Jacqueline Boucher, Deux épouses et reines à la fin du XVIe siècle: Louise de Lorraine et Marguerite de France, 1998, Saint-Étienne, Presses universitaires de Saint-Étienne, ISBN 978-2-86272-080-7.
  • (FR) Jean-Louis Bourgeon, Charles IX devant la Saint-Barthélemy, Librairie Droz, 1995, Paris, ISBN 978-2-600-00090-1.
  • (EN) Stuart Carroll, Martyrs and murderers. The Guise Family and the Making of Europe, Oxford Press, 2009, Oxford, ISBN 978-0-19-959679-9.
  • (FR) Pierre Chevallier, Henri III: roi shakespearien, Paris, Fayard, 1985, ISBN 978-2-213-01583-5.
  • Ivan Cloulas, Caterina de' Medici, Firenze, Sansoni editore, 1980.
  • Benedetta Craveri, Amanti e regine. Il potere delle donne, Milano, Adelphi, 2008, ISBN 978-88-459-2302-9.
  • (FR) Francis De Crue, Le Parti des Politiques au lendemain de la Saint-Barthélemy. La Môle et Coconas, Paris, Librairie Plon, Nourrit et Cie, 1892.
  • (FR) Hector de la Ferrière, «Les dernières conspirations du règne de Charles IX », Revue des questions historiques, juillet 1890.
  • Antonia Fraser, Maria Stuart. La tragedia di una regina, Milano, Mondadori, 1996, ISBN 88-04-41332-8.
  • Janine Garrisson, Enrico IV e la nascita della Francia moderna, Milano, Mursia, 1987.
  • (FR) Janine Garrisson, Marguerite de Valois, Paris, Fayard, 1994, ISBN 978-2-213-59193-3.
  • (FR) Janine Garrisson, Les derniers Valois, Paris, Fayard, 2001, ISBN 978-2-213-60839-6.
  • (FR) Arlette Jouanna, Le Devoir de révolte. La noblesse française et la gestation de l'État moderne, 1559-1661, Paris, Fayard, 1989, ISBN 2-213-02275-5.
  • (EN) Robert J. Knecht, Catherine de' Medici, London and New York, Longman, 1998, ISBN 0-582-08241-2.
  • (EN) Robert J. Knecht, The Valois: Kings of France 1328-1589, London and New York, Longman, 2007, ISBN 9781852855222.
  • (EN) Mack P. Holt, The duke of Anjou and the politique struggle during the wars of religion, Cambridge, Cambridge University Press, 2002, ISBN 0-521-89278-3.
  • (FR) Nicolas Le Roux, Le faveur du Roi: Mignons et courtisans au temps des derniers Valois (vers 1574 - vers 1589), Seyssel, Epoques Champ Vallond, 2000, ISBN 978-2-87673-311-4.
  • (EN) Irene Mahoney, Madame Catherine, New York, Coward, McCann and Geoghegan, inc., 1975, ISBN 0-698-10617-2.
  • (FR) Michel Simonin, Charles IX, Paris, Fayard, 1995, ISBN 978-2-213-59401-9.
  • Stefano Tabacchi, La strage di San Bartolomeo. Una notte di sangue a Parigi, Vulcanica di Nola, Salerno editrice, 2018, ISBN 978-88-6973-271-3.
  • Éliane Viennot, Margherita di Valois. La vera storia della regina Margot, Milano, Mondadori, 1994.
  • (EN) Hugh Noel Williams, Henry II and his court, New York, Charles Scriben's sons, 1910.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN88890900 · ISNI (EN0000 0001 2142 8995 · SBN IT\ICCU\BVEV\024089 · Europeana agent/base/147177 · LCCN (ENn85048544 · GND (DE118720880 · BNF (FRcb12463140m (data) · BNE (ESXX1229304 (data) · ULAN (EN500241470 · CERL cnp00965728 · WorldCat Identities (ENlccn-n85048544