Clayface

nome utilizzato da molti personaggi nei fumetti della DC Comics
Clayface
Clayface.png
La scheda biografica di Clayface in Batman: Arkham City
Universo Universo DC
Lingua orig. Inglese
Alter ego
  • Basil Karlo
  • Matt Hagen
  • Preston Payne
  • Shondra Fuller
  • Ethan Bennet
Autore Bill Finger
Disegni Bob Kane
Editore DC Comics
1ª app. gennaio 1940
1ª app. in Detective Comics vol. 1[1] n. 40
app. it. marzo 1993
app. it. in Batman n. 13 [2]
Specie Umano mutato
Sesso Maschio
Poteri
  • Mutaforma
  • Può trasformare varie parti del corpo in un'arma bianca oppure da lancio
  • Può moltiplicarsi (in alcune versioni)
  • Tocco velenoso, in grado di uccidere con un solo tocco
  • Forza fisica sovrumana
  • Semi-invulnerabilità
Basil Karlo
Lingua orig. Inglese
Autore Bill Finger
Disegni Bob Kane
Editore DC Comics
1ª app. giugno 1940
1ª app. in Detective Comics vol. 1[1] n. 40
Interpretato da Brian McManamon (Gotham)
Voci orig.
Sesso Maschio
Matt Hagen
Lingua orig. Inglese
Autore Bill Finger
Disegni Sheldon Moldoff
Editore DC Comics
1ª app. dicembre 1961
1ª app. in Detective Comics vol. 1[1] n. 298
Sesso Maschio
Preston Payne
Lingua orig. Inglese
Autore Len Wein
Disegni Marshall Rogers
Editore DC Comics
1ª app. maggio/giugno 1978
1ª app. in Detective Comics vol. 1[1] n. 477
Sesso Maschio
Sondra Fuller
Lingua orig. Inglese
Autore Len Wein
Disegni Marshall Rogers
Editore DC Comics
1ª app. luglio 1987
1ª app. in Outsiders vol. 1[1] n. 21
Sesso Femmina

Clayface, noto in Italia anche come Faccia di creta o Faccia d'argilla o anche come l'Uomo d'argilla, è un personaggio dei fumetti DC Comics creato da Bill Finger (testi) e Bob Kane (disegni) per le pagine di Detective Comics vol. 1[1] n. 40 (gennaio 1940).

È un nome utilizzato da numerosi supercriminali, e tutti loro sono nemici di Batman. La maggior parte di loro possiedono corpi d'argilla ed hanno la capacità di mutare la propria forma. La sua prima apparizione risale a Detective Comics vol. 1[1] n. 40 (1940). Appassionato di cinema, il creatore di Batman Bob Kane ha affermato che il personaggio è parzialmente ispirato dalla versione del Il fantasma dell'Opera di Lon Chaney, e che il nome del personaggio è ispirato a quelli di Boris Karloff e Basil Rathbone.[3][4]

Si è classificato al 73º posto nella classifica stilata nel 2010 dei più grandi cattivi nella storia dei fumetti secondo IGN.[5]

Indice

I ClayfaceModifica

La sua identità è stata assunta da cinque differenti personaggi:

  • Basil Karlo (1940-1961, 2008-oggi)
  • Matt Hagen (1961-1978)
  • Preston Payne (1978-anni '90)
  • Shondra Fuller (anni '90-2004)

Basil KarloModifica

Il Clayface originale è un attore cinematografico che impazzisce all'idea di un remake di un suo vecchio film, ed inizia ad assassinare membri della troupe e del cast utilizzando l'identità di un cattivo di uno dei suoi film[6], ma viene fermato da Batman e Robin.[7]

In seguito questi riesce ad impadronirsi dei poteri degli altri Clayface, e divenire il Clayface definitivo. Karlo verrà poi sconfitto e gettato nelle viscere delle Terra, per poi tornare con poteri pirici. Karlo proverà anche ad assorbire Wonder Woman, ma con scarso successo. Nel nuovo Universo DC si sposerà con Poison Ivy.

Matt HagenModifica

Matt Hagen era un ricercatore di tesori che un giorno, giunto in una grotta, si trova di fronte una pozza di protoplasma radioattivo, e dopo essersi immerso dentro, si ritrova con una pelle malleabile come fosse argilla, ed è in grado di mutare forma e aspetto, trasformandosi in ciò che desidera. Il suo punto debole consiste nel dover periodicamente immergersi in quel liquido al fine di mantenere i poteri, in seguito assumerà un agente chimico con le stesse proprietà.

Preston PayneModifica

Preston Payne era uno scienziato dei laboratori S.T.A.R. che soffre di una malattia della pelle che lo rende deforme fin dall'infanzia. Ottenuto un campione del sangue di Matt Hagen, il Faccia di Creta precedente, cerca di cambiare il proprio aspetto deforme grazie ad un siero ottenuto artificialmente. Dopo un successo iniziale, la pelle di Payne inizia a sciogliersi e, come secondo ed indesiderato effetto, scioglie, letteralmente, tutti gli esseri viventi che tocca. Costretto in un'armatura dalla forza incredibile e sempre più spinto dalla follia, inizia ad uccidere, scontrandosi inevitabilmente con Batman e finendo sconfitto. Si innamorerà di un manichino di cera che lui chiama "Helena", e arriverà persino a portarselo nella sua cella.

Shondra FullerModifica

Shondra Fuller, conosciuta anche come Lady Clay, è un membro del gruppo terrorista Kobra. Viene sottoposta ad alcuni esperimenti, e si trasforma in un essere con le stesse abilità di Matt Hagen, ma permanenti. Legata sentimentalmente a Preston Payne, i due hanno un figlio, Cassius "Clay" Face.

Cassius PayneModifica

Cassius Payne è il figlio di Preston e Shondra e possiede una mistura di poteri derivanti dalla madre e dal padre. Se un pezzo di Cassius si unisce ad un corpo umano, gli dona i poteri tipici di Clayface con in più la capacità di fondere gli oggetti usando solo la concentrazione. Questo accadde al dottor Peter Malley, che studiava la fisiologia del ragazzo. Nel processo però la mente del dottore si fonderà con quella di Cassius, dando origine al criminale Claything.

Todd RusselModifica

Todd Russel è un militare che dopo essere stato ferito è stato usato come cavia per diversi esperimenti, che gli hanno dato la capacità di trasformarsi in argilla e di assumere qualunque forma. Dopo essere impazzito, inizierà ad uccidere prostitute, scontrandosi con Catwoman. Verrà in seguito catturato e studiato dai laboratori S.T.A.R.

Johnny WilliamsModifica

Jonathan Johnny Williams è un pompiere di Gotham si ritroverà trasformato in un mostro d'argilla dopo essere stato esposto all'esplosione di un laboratorio chimico. In principio cercherà di suicidarsi, ma verrà convinto dall'Enigmista e da Hush a partecipare ad un piano per distruggere Batman in cambio di una cura. In seguito cambierà fazione e diventerà un alleato di Batman, arrivando a salvare Alfred da un'accusa di omicidio.

AspettoModifica

Principalmente Clayface viene ritratto come un umanoide gigantesco fatto di argilla di colore beige, a volte grasso, a volte con un fisico scultureo, e con un volto dove sono presenti due occhi rossi e una larga bocca. Nella serie a cartoni The Batman, come Ethan Bennet, ha un aspetto umanoide ma che risulta "fangoso", di colore grigio con occhi verdi. Come Basil Karlo, invece, ricalca quasi l'aspetto classico: un essere umanoide di colore rossiccio di grandi dimensioni con gli arti più lunghi, occhi rossi e una larga bocca.

Poteri e abilitàModifica

Clayface può sfruttare la sua pelle malleabile per trasformarsi virtualmente in qualsiasi cosa desideri, come oggetti, animali o persone; può inoltre alterare a piacimento la sua densità, diventando liquido per insidiarsi attraverso ogni spiraglio o duro come il metallo per resistere ai colpi; possiede anche un grande livello di superforza. In combattimento è solito trasformare i suoi arti in armi, quali martelli o lame, lanciare dei frammenti del suo corpo come proiettili e farsi attraversare dai colpi dei suoi avversari, potendo così intrappolarli e ucciderli con calma.

Dispone di un potente fattore rigenerante che gli consente di ricostruire parti perdute del suo corpo e che lo rende con tutta probabilità immortale: se viene distrutto è infatti in grado di ricongiungere i frammenti del suo corpo e rigenerarsi, e può controllare i frammenti di sé stesso indipendentemente l'uno dall'altro. Per trasformarsi nella perfetta copia di un'altra persona gli basta anche solo un capello o un frammento di pelle.

Il solo punto debole conosciuto di Clayface è l'acqua, che lo dissolve, e il ghiaccio è l'unica sostanza che può intrappolarlo e impedire che si rigeneri; è vulnerabile anche ad attacchi elettrici, in quanto paralizzano il suo sistema nervoso diluito nella sua massa argillosa, liquefacendolo all'istante. Data la natura pressoché invulnerabile, Batman per avere la meglio su Clayface, ha utilizzato più volte bombe congelanti, pistole taser, sostanze chimiche speciali e dispositivi a microonde, come fonte di calore per batterlo. Non di rado, comunque, Batman è riuscito a batterlo anche nel corpo a corpo, quando Clayface era nella sua forma meno potente. L'attuale Clayface (Basil Karlo) tuttavia, ha dimostrato di essere estremamente più resistente rispetto alle versioni precedenti. In Batman #20 (New 52) Batman ha tentato di batterlo con una speciale armatura che era equipaggiata con solventi chimici speciali, liquido congelante e raggi elettrici, ma non è bastato a fermarlo, lo ha solo momentaneamente rallentato. Alla fine l'eroe è riuscito ad intrappolarlo solo tramite uno speciale cilindro indistruttibile.

Altre versioniModifica

Earth-9Modifica

La versione Earth-9 di Clayface è descritta nella serie di Reign di Superman's Comics della Tangent Comics. Questa versione è un insieme di quelle della continuity dei fumetti, ma la sua forma di base è quella di un umano ingannevole e deformato con la pelle sciolta.[8]

Fumetti DCAUModifica

In The Batman Adventures # 9, Clayface fa un cammeo in una sequenza di flashback lungo altri rogues di Batman.[9] Finalmente ritorna nel numero 14, rivelando che è sopravvissuto all'esplosione dei fuochi d'artificio nell'episodio della Justice League "Secret Society" e decide di finire Batman e The Ghost Grey. Tuttavia, alla fine, si mescola con il calcestruzzo e finisce per diventare una statua di The Ghost Grey, finendo la sua minaccia una volta per tutte.[10]

FlashpointModifica

Nella cronologia alternativa dell'evento Flashpoint, una versione di Clayface è un membro dei pirati di Deathstroke dopo essere stato spezzato da una prigione galleggiante da Deathstroke.[11] Durante gli attacchi di Aquaman e Ocean Master, Clayface è spinto da Aquaman nell'acqua apparentemente uccidendolo.[12]

Injustice: Gods Among UsModifica

La versione Basil Karlo di Clayface appare in Year Two del fumetto di Injustice: Gods Among Us.

Batman: Arkham KnightModifica

Nella serie a fumetti prequel di Batman: Arkham Knight, i campioni del fango di Basil Karlo furono acquisiti da vari partiti tra cui Simon Stagg, che ha creato "Project: Meta" e Hush che ha usato per il suo viso per nascondere le cicatrici di chirurgia estetica. Karlo apparve anche durante una delle fantasie del Joker, e brevemente durante una delle simulazioni di Batman per Robin. È stato anche rivelato che Karlo è ancora vivo all'interno del fango raccolto da GCPD, ma incapace di assumere nuovamente la forma a causa delle particelle di Lazzaro mescolate con il fango e l'esplosione del generatore.

Batman '66Modifica

In Batman '66 (che si basa sulla serie televisiva del 1960), il nome Basil Karlo è stato usato per la vera identità di False-Face. Nel numero #23, False-Face mette le mani su una formula che lo trasforma in Clayface.[13]

Altri mediaModifica

AnimazioneModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Batman (serie animata), Batman - Cavaliere della notte, The Batman e Young Justice (serie animata).
  • La prima apparizione in una serie animata risale agli anni '70 con The New Adventures of Batman, in cui è doppiato dapprima da Lou Scheimer ed in seguito da Lennie Weinrib.
  • Clayface è comparso, doppiato da Ron Perlman, nella serie Batman per la prima volta nell'episodio in due parti Faccia d'argilla con l'identità di Matt Hagen (si presenta comunque come una via di mezzo fra i vari Clayface, in particolare di Basil Karlo). In questa versione, Hagen è un attore sfigurato in seguito ad un incidente d'auto che, corrotto dall'affarista Roland Daggett, diventa dipendente da un cosmetico miracoloso che gli ridà la possibilità di recitare. In cambio, Dagget pretende che Hagen impersoni altre persone (come ad esempio Bruce Wayne) allo scopo di rubare informazioni importanti. Hagen si ribella, e viene costretto a bere molte boccette di cosmetico: il suo corpo reagisce trasformando Hagen in un essere fluido e malleabile, in grado di mutare forma a piacimento.
  • È presente anche nella serie animata Justice League, doppiato da Ron Perlman,. Nell'episodio Società Segreta è stato rivelato che era stato catturato e sigillato in diversi contenitori da Morgan Edge. La Società Segreta libera Clayface e lo prendono con loro. Ora meno aggressivo e psicopatico di prima, Clayface è riluttante in un primo momento, ma Gorilla Grodd promette di trovare un modo per far ritornare Clayface a Matt Hagen, permettendogli però di mantenere i suoi poteri. Tuttavia, Clayface viene sconfitto insieme al resto del gruppo da parte della Justice League.
  • Appare anche nella serie The Batman, dove ha l'identità del detective Ethan Bennet, creato appositamente per la serie. Ethan Bennet è un vecchio amico di Bruce Wayne, e oltre a questo crede che l'intervento di Batman contro i criminali che la polizia non riesce a fronteggiare sia necessario per ristabilire l'ordine a Gotham City, scontrandosi di fatto contro il superiore Rojas. Durante un nuovo attacco di Joker, dove il Clown Principe del Crimine utilizza una sostanza in grado di rendere malleabile qualsiasi sostanza, chiamata da lui "Joker mastice", Ethan viene preso dal criminale e torturato psicologicamente per farlo impazzire (simile a ciò che appare nel fumetto The Killing Joke, in cui Joker cercava di far impazzire il commissario Gordon). Viene salvato da Batman e dalla sua collega e amica Yin, ma Ethan respira il gas del Joker mastice cominciando a sentirsi male. Quando Rojas attribuisce l'arresto di Joker a lui e a Yin, Ethan decide di farla finita rivelando alla stampa la verità di quanto è successo; come conseguenza, Rojas lo sospende dal servizio di polizia. Ritornato a casa, distrutto oltre ogni dire, Ethan vede il suo corpo liquefarsi diventando un essere umanoide amorfe grigio e dagli occhi verdi. Spaventato per il suo aspetto, Ethan chiede aiuto ad alcuni poliziotti che, non riconoscendolo, cercano di fermarlo, finendo per liquefarlo con un idrante. Ritiratosi nelle fogne, Ethan, ora conosciuto da tutti come "Clayface", spia una conferenza stampa di Rojas in cui è disposto a catturare sia i criminali definiti "mostri" che Batman. Ethan decide allora di attaccarlo, ma viene fermato prima da Batman e poi da Yin; Ethan, non volendo far del male alla sua amica, vola via, non prima che Batman prenda un campione del suo corpo per analizzarlo, scoprendo che si tratta proprio del suo vecchio amico; anche Yin, dopo un breve dialogo con il suo ex collega, si accorge che lui e l'uomo d'argilla sono la stessa persona. Batman e Yin lo rintracciano, cercando di non fargli superare il limite che divide gli uomini normali dai pazzi come Joker, e alla fine di uno scontro con Batman, Ethan è convinto da Yin e scompare. Ricomparirà nel manicomio di Arkham deciso a vendicarsi di Joker, ma verrà fermato da Batman. Seguirà poi un processo, nel quale verrà assolto per non essere il diretto responsabile di quello che è ora, e Bruce decide di affidargli un posto come guardia di sicurezza alla Wayne Tower. Tuttavia, un nuovo attacco di Joker spinge Ethan a diventare Clayface e, facendo leva sul fatto che ora anch'egli, come Joker, è un mostro, il clown convincerà Ethan a diventare un criminale, ma verrà di nuovo fermato da Batman e da Yin e rinchiuso ad Arkham. Nella notte di Halloween assumerà le sembianze dello zombie Solomon Grundy per rapinare indisturbato, ma verrà fermato un'altra volta da Batman. Quando l'attore fallito Basil Karlo ingerirà un campione di Clayface, che i medici della Wayne Tower stavano analizzando per trovare una cura, diventando un nuovo e più violento Clayface, Batman chiederà aiuto proprio a Ethan, che si scontrerà con la sua controparte. Grazie a uno stratagemma, Ethan si unisce a Karlo e Batman inietta ai due l'unica fiala di antidoto realizzato, liberando Ethan dall'esistenza di Clayface. In seguito anche di un mediocre attore di nome Basil Karlo acquista gli stessi poteri, divenendo il definitivo Clayface della serie.
  • La versione di Preston Payne è mostrata in Batman: The Brave and the Bold. Nell'episodio Joker: The Vile and the Villainous, compare un ritratto di Clayface nel bar dei cattivi.[14]
  • Compare come antagonista in due episodi (uno della prima stagione e uno della seconda) della serie Young Justice. In questa versione è Basil Karlo, il primo Clayface.

TelevisioneModifica

Basil Karlo, interpretato dall'attore Brian McManamon, fa la sua apparizione a partire dalla seconda stagione, nella serie televisiva Gotham;[15][16][17] nella narrazione della serie è un superumano geneticamente modificato dal professor Hugo Strange, che ha reso la sua pelle modellabile, infatti il suo volto può assumere le fattezze che desidera.

FilmModifica

Basil Karlo/Clayface appare nei film d'animazione Batman Unlimited Monster Mayhem e in Batman Unlimited: Mech vs. Mutants.

VideogiochiModifica

Clayface appare nei seguenti videogiochi:

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  2. ^ Detective Comics vol 1 # 40 :: ComicsBox, su comicsbox.it. URL consultato il 12 settembre 2017.
  3. ^ (EN) Bob Kane, Batman and Me, Eclipse Books, 1989, p. 111.
  4. ^ Detective Comics (Vol. 1) n.49, marzo 1941
  5. ^ (EN) Clayface is number 73 - IGN, su IGN. URL consultato il 17 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2010).
  6. ^ (EN) Dan Wallace, The DC Comics Encyclopedia, New York, Dorling Kindersley, 2008, p. 85, ISBN 0-7566-4119-5.
  7. ^ Detective Comics (Vol. 1) n. 40, gennaio 1940
  8. ^ Tangent: Superman's Reign #10
  9. ^ The Batman Adventures #9
  10. ^ The Batman Adventures #14
  11. ^ Flashpoint #2 (June 2011)
  12. ^ Flashpoint: Deathstroke and the Curse of the Ravager #2 (July 2011)
  13. ^ Batman '66 #23
  14. ^ (EN) Formspring forum thread, formspring.me. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  15. ^ (EN) Russ Burlingame, Gotham To Introduce Clayface, Mr. Freeze and Mad Hatter in Season Two, Comic Book.com, 5 aprile 2015.
  16. ^ (EN) Jay Jayson, EXCLUSIVE: Brian McManamon Cast As Basil Karlo AKA Clayface In Gotham, su Comc Book.com, 18 marzo 2016.
  17. ^ (EN) Brian McManamon, "Psyched to be guest starring (& bald!) in an upcoming episode of @Gotham with the gracious & talented @ben_mckenzie", su Twitter.com, 11 marzo 2016. URL consultato il 24 settembre 2016.

BibliografiaModifica

  • Scott Beatty, Wonder Woman: The Ultimate Guide To The Amazon Princess, Dorling Kindersley Publishing, 2009, p. 100, ISBN 0-7894-9616-X.

Collegamenti esterniModifica

  Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics