Apri il menu principale

Days Gone

videogioco del 2019
Days Gone
videogioco
PiattaformaPlayStation 4
Data di pubblicazioneMondo/non specificato 26 aprile 2019[1][2]
GenereAvventura dinamica, survival horror
OrigineStati Uniti
SviluppoSIE Bend Studio
PubblicazioneSony Interactive Entertainment
DirezioneJohn Garvin, Jeff Ross
ProduzioneDarren Yager
DesignRon Allen
ProgrammazioneJohn Hoffman
Direzione artisticaDonald Yatomi
SceneggiaturaJohn Garvin
MusicheNathan Whitehead
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputDualShock 4
Motore graficoUnreal Engine 4
SupportoBlu-ray Disc
Fascia di etàACBR18+ · CEROZ · ESRBM · OFLC (AU): MA15+ · PEGI: 18 · USK: 18

Days Gone è un videogioco action adventure del 2019, sviluppato da SIE Bend Studio e pubblicato da Sony Interactive Entertainment in esclusiva per PlayStation 4.

TramaModifica

Deacon "Deek" St. John, ex militare, motociclista e cacciatore di taglie, è costretto a vivere in un mondo post-apocalittico a causa di una pandemia che ha trasformato le persone in creature sovrannaturali privati della ragione, chiamati «furiosi».

L'epidemia, scoppiata due anni prima degli eventi del gioco, ha causato la morte di innumerevoli persone e la rapida caduta delle principali città. Durante le prime fasi del contagio, Deacon si era trovato separato dalla moglie Sarah, da lui messa su un elicottero di salvataggio della NERO (ente governativo il cui incarico era quello di aiutare i superstiti dell'epidemia) in quanto ferita da una coltellata infertagli da una bambina infetta. Rimasto a terra per aiutare l'amico Boozer, anche lui biker e legato a Deacon da un rapporto più che fraterno, Deacon aveva dato un suo anello alla moglie con la promessa di incontrarsi poco dopo presso un campo di rifugiati, che però Deacon aveva trovato distrutto da un attacco dei furiosi senza che vi fosse alcun superstite.

Due anni dopo la presunta morte della moglie, Deacon e Bozeer sono diventati due cacciatori di taglie, che viaggiano continuamente lungo quella che ormai è conosciuta come "la Strada Morta" offrendo i loro servizi in cambio di denaro; Deacon, tuttavia, non ha mai abbandonato il ricordo di Sarah e la segreta speranza di poterla ritrovare. Un giorno, mentre sono alla ricerca di un pezzo di ricambio per la moto, Boozer viene attaccato da una setta chiamati "I Ripugnanti", che venera i furiosi in qualità di creature quasi divine, i cui membri bruciano la pelle del braccio destro di Boozer per cancellare i suoi tatuaggi con una fiamma ossidrica, causandogli una gravissima ustione.

Deacon cerca a tutti i costi di aiutare Boozer, cercando dei medicinali. Più tardi Deek conoscerà una ragazzina di nome Lisa che avrà bisogno di aiuto da Deacon portandola a un accampamento diretto da Tucker, ex guardia carceraria e donna molto sicura di sé, che dirige il campo come un campo di lavoro. Nel frattempo il braccio di Boozer va peggiorando, con addirittura febbri e allucinazioni a causa di una setticemia in corso, e si rende perciò necessario portarlo da qualcuno che possa realmente aiutarlo. Deek porta Bozeer a Lost Lake, un accampamento (del quale facevano già parte un tempo) diretto da un uomo anziano chiamato da tutti Iron Mike. Deek e Iron Mike avevamo discusso aspramente in passato e perciò il motociclista e il suo amico avevano deciso di allontanarsi dal campo, ma ora per Bozeer sono necessarie vere cure e di conseguenza i due si trovano costretti a tornare al campo a chiedere aiuto. Qui Deek incontrerà una sua vecchia amica, Rikky, che sembra covare simpatie sia con Addy (che è una donna), medico del campo (anche se poi si scoprirà essere una veterinaria), sia con lo stesso Deek in un secondo tempo. Deek, su consiglio di Skizzo, capo della sicurezza nel campo di Iron Mike, si addentra nel bel mezzo del territorio dei Ripugnanti (con i quali Iron Mike ha stretto un patto di non belligeranza reciproca) per cercare antibiotici e salvare la vita all'amico Boozer. Purtroppo le medicine da sole non bastano, in quanto l'infezione era già troppo estesa e l'unica possibilità per Boozer è quella di amputargli un braccio. Addy perciò, con l'aiuto di Rikky e Deek, taglia il braccio senza anestesia a Boozer, che fortunatamente sopravvive al rocambolesco intervento.

Rikky, che prima dello scoppio dell'epidemia studiava ingegneria meccanica, costruisce una protesi a Boozer con un coltello in modo che il motociclista possa difendersi una volta tornato nel così detto "Incubo", ovvero il mondo al di fuori dei campi dove vige la legge del più forte. Deek, che dopo aver passato un anno intero nell'incubo a contatto diretto con i furiosi li conosce bene, mostra ad Iron Mike una delle tante caverne dove questi, quando arriva la luce, vanno a rifugiarsi entrando in una sorta di stato di ibernazione. Entra a questo punto di nuovo in scena la NERO, che sembra stia svolgendo qualche esperimento o ricerca sui furiosi. Deek, interessato da un elicottero dell'ente governativo che vede sorvolare la zona dopo anni dallo scoppio dell'epidemia, decide di seguirlo è una volta atterrato sente parlare uno dei ricercatori di un certo O'Brian, che Decon identifica immediatamente con l'uomo a cui aveva lasciato Sarah la sera in cui questa era stata aferita. Intanto tra Decon e Skizzo sembra nascere quasi una sorta di amicizia (anche se in un primo momento i due erano uno contro l'altro), tanto che i due vanno insieme in missione nel territorio dei Ripugnanti per recuperare alcune cose per far esplodere le caverne così da poter chiudere il passaggio per i furiosi. recuperati miccia ed esplosivi, tuttavia, Skizzo vende Deek ai Ripugnanti, tornando al campo per consegnare anche Boozer. Deek riesce a liberarsi grazie a Lisa, fuggita dal campo di Tucker ed unitasi ai Ripugnanti in quanto desiderosa di dimenticare le persone che ha perso a causa del morbo, e torna all'accampamento giusto in tempo per fermare i fanatici e far rinchiudere Skizzo; lui e Boozer decidono quindi di far saltare la diga che sovrasta il territorio dei Ripugnanti, annegandone una buona parte e uccidendo il loro capo Carlos (vecchia conoscenza di Deacon in quanto appartenente al gruppo di biker in cui lui e Boozer militavano).

Parlando con O'Brian, Deacon scopre che Sarah è ancora viva ma si trova nelle regione del sud; per raggiungerla dovrebbe passare tra le montagne, cosa quasi impossibile, ma Iron Mike (che nel frattempo ha liberato Skizzo) conosce un passaggio quindi accompagna Deacon per poi fargli attraversare la valle da solo. Arrivato a sud, per trovare informazioni sulla moglie. Deek entra a far parte di un gruppo paramilitare, la "Deschutes County Militia", dopo aver salvato un soldato di nome Russel, attaccato da un idrofobo (orso infetto). Qui il protagonista fa la conoscenza del Capitano Derrick Kouri, con al dito l'anello dato a Sarah per il matrimonio che Deacon aveva preso in pegno la notte che i due si erano separati. Più tardi Deacon si reca nella base della Milizia, un isolotto-fortezza (Wizard Island), dove incontra il colonnello Garret, l'uomo al comando di tutto, profondamente religioso (al limite del fanatismo), convinto che l'epidemia sia un castigo divino e di essere stato scelto come un nuovo Noè per mettere in salvo la conoscenza umana e le persone da lui ritenute meritevoli. A Wizard Island Deacon incontra finalmente sua moglie Sarah, in cerca di una cura per l'epidemia che trasforma gli esseri umani in Furiosi, con la quale si troverà a collaborare procurandogli strumentazione e materiali; i due decidono infine di fuggire dal campo per proseguire le ricerche nel laboratorio dove Sarah lavorava prima dell'epidemia (da cui, si scoprirà, era partito il contagio). A seguito dell'omicidio, da parte di una recluta (un motociclista tossicodipendente con cui Deacon aveva stretto amicizia), del medico del campo, il colonnello Garret, secondo cui tutti gli altri superstiti sono peccatori (da lui additati come il vero nemico dell'umanità) che non meritano altro che la morte, diventa sempre più paranoico, tanto da rinchiudere i ricercatori nelle caverne dell'isolotto; Deacon contatta O'Brian, il quale accetta di prelevare lui e Sarah con il suo elicottero in cambio di informazioni su una pattuglia della NERO di cui non si hanno più notizie. Il motociclista trova i membri della pattuglia, barbaramente massacrati da una nuova specie di furiosi, ed apprende da o'Brian come il virus che ha causato l'epidemia stia rapidamente mutando.

La sera della fuga Deacon libera Sarah dal suo laboratorio-prigione e si reca sul punto più alto di Wizard Island per essere prelevato da O'Brian; qui incontra il Col. Garret e Skizzo, appena unitosi alla milizia, che lo riconosce e lo attacca. I due vengono sottoposti ad interrogatorio da parte del colonnello: Skizzo, mentendo, afferma che Deacon sia una spia di Lost Lake Camp, e Garret lo affida a Kouri affinché sia tenuto in custodia in attesa di essere giustiziato, dichiarando guerra a tutti i campi di superstiti rimasti. Kouri, tuttavia, avendo capito che Deacon aveva corso innumerevoli rischi solo per ritrovare sua moglie, decide di liberarlo e di restituirgli l'anello. Deek corre quindi ad aiutare i superstiti di Lost Lake, sotto attacco da parte della milizia, non riuscendo tuttavia ad evitare la morte di Iron Mike; lui e Boozer decidono allora di attaccare Garret per primi, facendo saltare la base della milizia con un camion bomba. Recuperato quanto necessario per fabbricare l'esplosivo ed ottenuto l'aiuto degli altri campi i due sferrano l'attacco, facendo esplodere il cancello della base; Deacon si reca quindi alla ricerca di Sarah, eliminando Skizzo e trovandola ostaggio del colonnello, che però decide di suicidarsi ingerendo del veleno (che cerca di far bere anche al protagonista) messo di fronte al fatto che ormai la sua base è caduta. Liberata la moglie Deacon ritrova Boozer (da lui creduto morto nell'esplosione) e Rikki e il giorno seguente tiene un discorso ai membri degli altri campi, sottolineando come siano riusciti a prevalere perché, per la prima volta da quando era scoppiata l'epidemia, avevano collaborato tutti per fare la cosa giusta, senza limitarsi a sopravvivere abbandonandosi all'egoismo ed alla bestialità. Dopo aver bruciato la bandiera della milizia Deacon può finalmente scambiare un bacio con Sarah ed i due decidono di partire insieme; alla domanda di Sarah su dove siano diretti, il motociclista risponde "Ovunque vogliamo".

Finale Segreto

Nel finale segreto, ottenibile completando le varie missioni secondarie, Deacon viene contattato da O'Brian, il quale rivela al protagonista come i vertici della NERO fossero a conoscenza sin dall'inizio della capacità del virus (ora in grado di attaccare il sistema nervoso dei superstiti) di mutare, implicando che l'epidemia sia stata voluta e causata da persone più in alto di quanto si possa immaginare. A conferma di quanto detto, O'Brian rimuove il casco della sua tuta, rivelando come l'epidemia abbia colpito anche lui, ma a differenza dei normali Furiosi, sia ancora in grado di mantenere le proprie facoltà mentali. Dopo aver detto a Deacon che le persone dietro all'epidemia stanno arrivando e non c'è nulla che si possa fare per fermarle, O'Brian monta sull'elicottero già in volo, spiccando un balzo ad un'altezza sovrumana, lasciando un esterrefatto Deacon ad osservare il velivolo scomparire nella notte.

Modalità di giocoModifica

Days Gone è un videogioco ambientato in un Open World post apocalittico, giocandolo da una prospettiva in terza persona. Il giocatore controlla Deacon St. John (interpretato da Sam Witwer), un ex fuorilegge motociclista che si trasforma in un vagabondo e cacciatore di taglie che preferisce vivere sulla strada che negli accampamenti nella natura selvaggia.[3]

Il gioco si svolge due anni dopo la pandemia globale che ha sterminato quasi l'intera umanità, trasformando milioni di persone in "Furiosi", zombie notturni che sono sensibili alla luce, privi di mente e in una costante evoluzione.[3]

SviluppoModifica

Days Gone entrato ufficialmente in produzione nel gennaio del 2015, sviluppato con una versione migliorata del motore grafico Unreal Engine 4.[4]

La data di uscita pianificata del gioco, era stata prevista per il 22 febbraio 2019, ma venne posticipata al 26 aprile 2019, per consentire al team di sviluppo di migliorare il gioco.[5]

La direzione creativa è stata curata da John Garvin, mentre Jeff Ross si occupa della direzione del gioco. La colonna sonora è stata composta da Nathan Whitehead.

PromozioneModifica

Il gioco è stato annunciato ufficialmente il 13 giugno 2016, durante la conferenza di Sony all'Electronic Entertainment Expo.[6] All'E3 2017 è stato presentato un lungo filmato di gameplay.[7]

NoteModifica

  1. ^ Days Gone Rides to PS4 February 22, su blog.us.playstation.com, 7 giugno 2018. URL consultato il 2 luglio 2018.
  2. ^ Days Gone ha una data d'uscita, gamesurf.it, 8 giugno 2018. URL consultato il 2 luglio 2018.
  3. ^ a b (EN) Days Gone: Bend Studio’s New Open-World PS4 Adventure, su PlayStation.Blog, 13 giugno 2016. URL consultato il 26 aprile 2019.
  4. ^ (EN) Eddie Makuch, Sony Bend Dev Says Next Game Will "Push PS4 to Somewhere It's Never Been", in GameSpot, 21 gennaio 2015. URL consultato l'8 gennaio 2018.
  5. ^ Owen S. Good, Days Gone delayed two months, su Polygon, 19 ottobre 2018. URL consultato il 26 aprile 2019.
  6. ^ (EN) Jacob Dekker, Days Gone Trailer at E3 2016, in GameSpot, 13 giugno 2016. URL consultato l'8 gennaio 2018.
  7. ^ (EN) Ron Whitaker, Days Gone E3 Demo Features a Giant Zombie Bear, in The Escapist, 13 giugno 2017. URL consultato l'8 gennaio 2018.

Collegamenti esterniModifica