Fermín Cacho

atleta spagnolo
Fermín Cacho
Wiki fermin cacho.jpg
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 175 cm
Peso 65 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Mezzofondo
Record
800 m 1'45"37 (1991)
1000 m 2'16"13 Record nazionale (1993)
1000 m 2'20"18 Record nazionale (indoor - 1992)
1500 m 3'28"95 Record nazionale (1997)
1500 m 3'35"29 (indoor - 1991)
Miglio 3'49"56 (1996)
2000 m 5'02"68 (1997)
3000 m 7'37"02 (1999)
3000 m 7'36"61 (indoor - 1996)
5000 m 13'46"65 (2002)
Mezza maratona 1h33'21" (2004)
Società Joma-Sport
Reebok
Carriera
Nazionale
1987-2004 Spagna Spagna
Palmarès
Giochi olimpici 1 1 0
Mondiali 0 2 0
Mondiali indoor 0 1 0
Mondiali juniores 0 0 1
Europei 1 0 1
Europei indoor 0 1 0
Giochi del Mediterraneo 0 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Fermín Cacho Ruiz (Ágreda, 16 febbraio 1969) è un ex mezzofondista spagnolo, campione olimpico dei 1500 metri piani a Barcellona 1992.

BiografiaModifica

Il suo primo risultato di rilievo arrivò nel 1990, quando fu secondo nei 1500 metri ai Campionati europei indoor a Glasgow, alle spalle di Jens-Peter Herold. Ai Mondiali indoor dell'anno seguente a Siviglia Cacho fu ancora secondo dietro a Noureddine Morceli.

Ai Giochi olimpici di Barcellona 1992 Cacho non era considerato tra i favoriti per l'oro. Tuttavia la finale fu corsa ad andatura molto lenta e lo spagnolo si posizionò in modo ottimale per battere i rivali allo sprint e vincere a sorpresa il titolo in 3'40"12.[1]

A Stoccarda nei Campionati del mondo di atletica leggera 1993 Cacho terminò secondo; vinse il titolo l'anno dopo agli Europei ad Helsinki. Ai Mondiali 1995 a Göteborg finì invece solo ottavo.

Cacho tornò ad altissimi livelli nel 1996, la stagione dei Giochi olimpici di Atlanta. Nonostante fosse il campione in carica Cacho non era considerato un favorito per la gara, dipinta come una sfida fra Morceli e Hicham El Guerrouj, primi due ai mondiali precedenti. All'inizio dell'ultimo giro, Morceli era in testa davanti ad El Guerrouj, quando il marocchino inciampò e cadde. Cacho dovette aggirarlo per non cadere ma riuscì comunque ad arrivare al traguardo secondo 5 metri dietro Morceli.[2]

Ai Mondiali 1997 ad Atene Cacho vinse ancora una medaglia d'argento e a fine stagione riuscì a correre il suo miglior tempo di sempre: un 3'28"95, che gli valse il 3º posto all-time nella specialità, dietro a Morceli ed El Guerrouj, ed il nuovo record europeo dei 1500 metri (migliorato solo nel 2013 dal britannico Mohamed Farah).

Vinse il bronzo agli Europei 1998 a Budapest e terminò quarto ai Mondiali di Siviglia nel 1999. Cacho si infortunò al tendine di Achille nel 2000, perdendo così la possibilità di partecipare alle Olimpiadi di Sydney.

Record nazionaliModifica

SenioresModifica

  • 1000 metri piani: 2'16"13 (  Andújar, 6 settembre 1993)
  • 1000 metri piani indoor: 2'20"18 (  Madrid, 14 febbraio 1992)
  • 1500 metri piani: 3'28"95 (  Zurigo, 13 agosto 1997)

PalmarèsModifica

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1987 Mondiali di cross   Varsavia Corsa juniores 47º 23'58"
1988 Mondiali di cross   Auckland Corsa juniores 15º 25'09"
Mondiali juniores   Sudbury 1500 m piani   Bronzo 3'47"31
1990 Europei indoor   Glasgow 1500 m piani   Argento 3'44"61
1991 Mondiali indoor   Siviglia 1500 m piani   Argento 3'42"68
Mondiali   Tokyo 1500 m piani 3'35"62
1992 Giochi olimpici   Barcellona 1500 m piani   Oro 3'40"12
1993 Mondiali   Stoccarda 1500 m piani   Argento 3'35"56
1994 Europei   Helsinki 1500 m piani   Oro 3'35"27
1995 Mondiali indoor   Barcellona 1500 m piani 3'45"46
Mondiali   Göteborg 1500 m piani 3'37"02
1996 Giochi olimpici   Atlanta 1500 m piani   Argento 3'36"40
1997 Mondiali   Atene 1500 m piani   Argento 3'36"63
1998 Europei   Budapest 1500 m piani   Bronzo 3'42"43
1999 Mondiali   Siviglia 1500 m piani 3'31"34

Altre competizioni internazionaliModifica

1989
1992

OnorificenzeModifica

  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale del Merito Sportivo
— 5 dicembre 1996[3]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Athletics at the 1992 Barcelona Summer Games - Men's 1,500 metres, su sports-reference.com, Sports Reference LLC. URL consultato il 18 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).
  2. ^ (EN) Athletics at the 1996 Atlanta Summer Games - Men's 1,500 metres, su sports-reference.com, Sports Reference LLC. URL consultato il 18 agosto 2010.
  3. ^ Bollettino Ufficiale di Stato (PDF), su boe.es, Agencia Estatal Boletín Oficial del Estado. URL consultato il 24 luglio 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN5133501 · ISNI (EN0000 0000 1082 1364 · BNF (FRcb14043424c (data) · WorldCat Identities (ENviaf-5133501