Apri il menu principale
San Candido-Maribor
Nome originaleDrautalbahn
InizioSan Candido
FineMaribor
Stati attraversatiAustria Austria
Italia Italia
Slovenia Slovenia
Lunghezza311,059 km
Apertura1871
GestoreÖBB / RFI /
Precedenti gestoriSüdbahn
[1]
Scartamento1 435 m
Elettrificazione15 kV ~ 16⅔ Hz (San Candido-Klagenfurt)
Ferrovie

La ferrovia San Candido-Maribor (in tedesco Drautalbahn, ferrovia della Val Drava) è una linea ferroviaria internazionale che collega San Candido, in provincia di Bolzano, alla città slovena di Maribor, passando lungo la valle della Drava e tra le città carinziane di Villaco e Klagenfurt. Assieme alla ferrovia della Val Pusteria fa parte della storica ferrovia carinziana (in tedesco Kärntner Bahn), che unisce Fortezza, sulla ferrovia del Brennero, a Maribor, sulla Vienna-Trieste.

La linea fu costruita nel periodo in cui Tirolo e Carinzia appartenevano ai territori dell'Impero austro-ungarico e fu esercita dalla Südbahn. Attualmente (2009), essa è suddivisa dai tre paesi europei ed è pertanto gestita dai tre gestori nazionali: Rete Ferroviaria Italiana per il breve tratto italiano, Österreichische Bundesbahnen per quello austriaco e Slovenske železnice per lo sloveno.

Il servizio ferroviario passeggeri è invece espletato dalle ferrovie austriache, da quelle slovene e (limitatamente al tratto San Candido-Lienz) dalla SAD.

Treno merci a Poertschach, Carinzia, Austria

Cenni storiciModifica

Il privilegio per la costruzione di una linea ferroviaria fra Marburgo (oggi Maribor) e Villaco fu ottenuto da una società privata austriaca costituita ad hoc il 26 ottobre 1856. Quest'impresa, a causa di insufficienti capitali a disposizione, cedette poi i diritti al gruppo Creditanstalt che a sua volta, nel settembre 1858, li girò alla Südbahn dei Rothschild.

Il primo tronco ad essere inaugurato fu il MariborKlagenfurt nel 1863[2]. L'anno successivo fu raggiunta Villaco[3]. A seguito di decisioni di carattere politico e strategico si decise di far proseguire la ferrovia lungo la valle del fiume Drava in direzione di Lienz, farle valicare la Sella di Dobbiaco (in tedesco Toblach) per poi scendere lungo la valle occidentale della Pusteria fino a Fortezza (in tedesco Frazenfeste), dove si sarebbe congiunta alla ferrovia del Brennero in direzione di Innsbruck.

Il tratto Villaco – Fortezza fu inaugurato il 20 novembre 1871[3][4].

Dopo il primo conflitto mondiale, il trattato di Sain Germain divise la linea fra Italia, Austria e Jugoslavia. I valichi di confine furono posti presso San Candido (in tedesco Innichen) e Bleiburg che divennero stazioni internazionali.

CaratteristicheModifica

Armamento e trazioneModifica

La linea è a singolo binario tra San Candido e il bivio di comunicazione di Pusarnitz Sud e tra Ebenthal e Maribor Studenci. Il tratto tra Pusarnitz Sud ed Ebenthal è, invece, a doppio binario. Il tratto Pusarnitz Sud-Spittal era un tempo a due binari unici affiancati, ma dopo l'attivazione del bivio di Lendorf, oggi chiamato Bivio/Posto di comunicazione Pusarnitz sud, avvenuta negli anni settanta è a doppio binario. Il recente raddoppio del tratto Klagenfurt-Ebenthal è strutturato in maniera da poter essere connesso alla progettanda linea veloce verso Graz e Vienna.

La linea è elettrificata secondo il sistema austriaco (con corrente alternata da 15000 volt a 16,7 Hz) tra San Candido e Klagenfurt, mentre è a trazione termica per il restante tratto, compreso il tronco oltre il confine sloveno[5][6].

La stazione di San Candido/Innichen svolge il ruolo di stazione internazionale: il tratto italiano della linea da qui al confine di stato, quindi, pur essendo in gestione a Rete Ferroviaria Italiana, è esercito dalla Österreichische Bundesbahnen e dalla SAD. Inoltre, a differenza di quanto avveniva in passato, in questo tratto il segnalamento moderno luminoso è stato realizzato con i regolamenti italiani anziché con quelli austriaci, che subentrano solo all'effettivo passaggio del confine di stato. Anche la palificazione e la catenaria sono di tipo FS fino al punto di confine, dove immediatamente ha inizio la catenaria di tipo austriaco.

EsercizioModifica

Da San Candido/Innichen a Sachsenburg esiste il blocco automatico conta-assi reversibile a Dirigenza Locale. Da quest'ultima stazione a quella di Rothenturn il controllo è affidato al Dirigente Centrale Operativo di Spittal an der Drau con blocco banalizzato a partire da Pusarnitz Sud. Da Rothenturn fino a Ebenthal vi è di nuovo il sistema di blocco automatico banalizzato, ma l'esercizio è regolato da dirigenza locale. Da Ebenthal ritorna il blocco automatico reversibile fino a Bleiburg.

Il tratto di competenza delle ferrovie slovene è invece a dirigenza locale con il blocco telefonico fino alla stazione di Maribor Studenci. In quest'ultima località ferroviaria, la linea si raddoppia e ritorna l'esercizio a blocco automatico, il tutto connesso con gli impianti del nodo di Maribor. In questo tratto si trovano gli impianti del servizio merci marburghese.

PercorsoModifica

Stazioni e fermate
 
Linea per Fortezza
 
64+509 San Candido/Innichen (cambio tensione) 1176 m s.l.m.
 
68+819 Versciaco † 1961
 
69+115 Versciaco-Elmo/Vierscach-Helm * 2014 1137 m s.l.m.
 
Drava
 
Versciaco-Prato *1871 † 1961
 
71+668 Prato alla Drava/Winnebach † 2018[7] 1125 m s.l.m.
 
72+568
303+000
Confine Italia - Austria
 
301+400 Weitlanbrunn 1111 m s.l.m.
 
298+627 Sillian 1090 m s.l.m.
 
Drava
 
295+406 Tassenbach 1070 m s.l.m.
 
291+504 Abfaltersbach 1036 m s.l.m.
 
284+497 Mittewald an der Drau 882 m s.l.m.
 
278+334 Thal 812 m s.l.m.
 
268+381 Lienz 674 m s.l.m.
 
263+235 Dölsach 653 m s.l.m.
 
257+013 Nikolsdorf 637 m s.l.m.
 
249+856 Oberdrauburg 621 m s.l.m.
 
246+640 Irschen 609 m s.l.m.
 
241+780 Dellach im Drautal 608 m s.l.m.
 
237+365 Berg im Drautal 594 m s.l.m.
 
232+075 Greifenburg-Weißensee 590 m s.l.m.
 
226+460 Steinfeld im Drautal 582 m s.l.m.
 
219+574 Kleblach-Lind 572 m s.l.m.
 
213+057 Markt Sachsenburg 562 m s.l.m.
 
210+639 Möllbrücke-Sachsenburg 558 m s.l.m.
 
206+652 Lendorf 548 m s.l.m.
 
206+504 Pusarnitz-Süd (Linea per Schwarzach-Sankt Veit)
 
200+135 Spittal-Millstättersee 544 m s.l.m.
 
191+710 Rothenthurn 520 m s.l.m.
 
187+000 Ferndorf 527 m s.l.m.
 
185+684 Markt Paternion 525 m s.l.m.
 
183+163 Paternion-Feistritz 513 m s.l.m.
 
177+688 Weißenstein-Kellerberg 506 m s.l.m.
 
174+013 Puch 505 m s.l.m.
 
172+799 Gummern 505 m s.l.m.
 
Raccordo per Villach Westbahnhof
 
Linea per Tarvisio / Linea per Jesenice
 
164+264 Villach Hauptbahnhof 498 m s.l.m.
 
163+450 raccordo fra Villach Ostbahnhof e Hauptbahnhof
 
Linea per Sankt Valentin
 
162+207 Villach-Seebach 492 m s.l.m.
 
155+036 Föderlach 505 m s.l.m.
 
151+676 Lind-Rosegg 500 m s.l.m.
 
147+883 Velden am Wörthersee 469 m s.l.m.
 
142+549 Töschling 445 m s.l.m.
 
139+727 Pörtschach am Wörthersee 448 m s.l.m.
 
137+630 Pritschitz 448 m s.l.m.
 
133+257 Krumpendorf am Wörthersee 445 m s.l.m.
 
128+394 Klagenfurt-Lend 447 m s.l.m.
 
Linea per Jesenice
 
125+881 Klagenfurt Hauptbahnhof 440 m s.l.m.
 
Linea per Sankt Veit an der Glan
 
124+322 Klagenfurt-Ebenthal 441 m s.l.m.
 
Glan
 
Gurk
 
114+657 Grafenstein 418 m s.l.m.
 
Drava
 
107+223 Tainach-Stein 393 m s.l.m.
   
   
Linea per Eisenkappel-Vellach
   
100+027 Völkermarkt-Kühnsdorf 441 m s.l.m.
   
 
93+430 Mittlern 482 m s.l.m.
 
89+261 Sankt Michael ob Bleiburg 479 m s.l.m.
 
86+334 Bleiburg 486 m s.l.m.
 
Linea per Sankt Paul im Lavanttal
 
82+152 Confine Austria - Slovenia
 
82,0 Holmec
 
74,3 Prevalje
 
71,0 Ravne na Koroškem
 
69,2 Dobrije
 
64,9 Podklanc
 
Linea per Lavamünd (dismessa)
 
63,2 Dravograd
 
Linea per Celje (dismessa)
 
59,6 Sveti Danijel
 
56,1 Trbonje
 
54,1 Trbonjsko jezero
 
51,7 Vuzenica
 
47,7 Sveti Vid
 
43,7 Vuhred
 
39,6 Vuhred elektrarna
 
34,5 Podvelka
 
27,4 Ožbalt
 
24,8 Ruta
 
18,3 Fala
 
(230 m)
 
12,4 Ruše
 
11,4 Ruše tovarna
 
8,1 Bistrica ob Dravi
 
5,9 Limbuš
 
4,8 Marles
 
2,6 Maribor Sokolska
 
1,9 Maribor Studenci
 
0,9 Maribor Tabor
 
Linea per Trieste
 
Drava
 
0,0 Maribor
 
Linea per Vienna

TrafficoModifica

Nel tratto di competenza delle Österreichische Bundesbahnen (ÖBB), il percorso fra Villaco e Spittal-Millstättersee - in comune con la ferrovia dei Tauri - è utilizzato prevalentemente per treni passeggeri e merci destinati al Centro Europa, soprattutto in Germania. Il tronco Villach-Klagenfurt è impiegato per le direttrici Carinzia-Vienna e Austria-Italia settentrionale.

Con il dicembre 2014 viene prevista l'apertura della nuova stazione di Versciaco, collegata immediatamente con l'impianto di risalita del Monte Elmo. I treni provenienti da Fortezza, non arresteranno la loro corsa a San Candido ma proseguiranno per Sillian.[8] Nel 2015 è previsto un proseguimento fino a Lienz.[9]

Il tratto sloveno, invece, è percorso solo da treni regionali della direttrice Bleiburg-Maribor.

NoteModifica

  1. ^ per il tratto di competenza dello stato jugoslavo
  2. ^ (EN) Frank Válóczy, Construction of Railway Lines in Slovenia, su Railways of the former Yugoslavia, 2002. URL consultato il 3 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2003).
    «11863: Maribor - Dravograd and on to St. Paul, Austria and Klagenfurt, Austria (Südbahn)».
  3. ^ a b (DE) Elmar Oberegger, Kärntner-bahn, su Eisenbahnngeschichte Alpen-Donau-Adria, Elmar Oberegger, 2006. URL consultato il 3 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2006).
  4. ^ Ufficio Centrale di Statistica delle Ferrovie dello Stato, Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926, su Trenidicarta.it, Alessandro Tuzza, 1927. URL consultato il 3 luglio 2009.
    «20 novembre 1871 S. Candido-Confine Austriaco 7,442».
  5. ^ (EN) Thorsten Büker et al., Maps of Austria (GIF), Railways through Europe, 2009. URL consultato il 3 luglio 2009.
  6. ^ (EN) Thorsten Büker et al., Maps of Croatia, Slovenia and Bosnia-Hercegovina (GIF), Railways through Europe, 2009. URL consultato il 3 luglio 2009.
  7. ^ Rete Ferroviaria Italiana, Circolare territoriale VR 4/2018
  8. ^ Tuttotreno
  9. ^ Tuttotreno

BibliografiaModifica

  • RFI S.p.A. Fascicolo Linea 44 Fortezza – San Candido. p. 53 e p. 63.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica