Galeotto Belfiore Malatesta

condottiero italiano
Signoria di Rimini
(1334-1528)

Malatesta
Blasone Malatesta.svg

Ferrantino (1334-1335)
Malatesta II (1335-1364)
Ungaro (1364-1372)

Galeotto I (1372-1385)

Figli

Carlo I (1385-1429)

Galeotto Roberto (1429-1432)

Sigismondo Pandolfo (1432-1468)

Figli

Sallustio (1468-1469)

Roberto (1469-1482)

Figli

Pandolfaccio (1482-1528)

Modifica

Galeotto Belfiore Malatesta (Montefiore, 5 luglio 1377Montalboddo, 15 agosto 1400) è stato un condottiero italiano.

BiografiaModifica

Figlio di Galeotto Malatesta e Gentile da Varano[1], figlia di Rodolfo II Da Varano, venne chiamato anche "Galeotto Novello" per distinguerlo dal padre, ed ebbe il soprannome Belfiore proprio per essere nato nel castello di Montefiore Conca. Venne tenuto a battesimo da Jean de Malestroit (Giovanni Malastretta), capitano di ventura a capo di una compagnia di Bretoni comandati dal cardinale Roberto di Ginevra.

Nella divisione della Signoria in seguito alla morte del padre, ricevette Cervia, Meldola, Borgo San Sepolcro, la Pieve di Sestino e Montefiore. Ebbe diversi contrasti con i Malatesta di Ghiaggiolo ed i Conti di Urbino, verso i quali non esitò ad impugnare le armi.

Nel 1395 sposò con un fastoso ricevimento Anna da Montefeltro, figlia del conte Antonio. Dal matrimonio non nacquero figli.

Morì il 15 agosto 1400, a Montalboddo, durante l'assedio della città. Il fratello Carlo, signore di Rimini, gli organizzò solenni funerali.

Il Clementini ricorda, per volontà di Galeotto Belfiore, la costruzione di una bellissima & altissima Torre al di sopra della porta di Sant'Andrea, a Rimini.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Tonini Luigi. Storia civile e sacra riminese, vol. IV, Rimini, 1880, pp. 348-349.
  • Clementini Cesare. Raccolto istorico della fondazione di rimino e dell'origine e vite dei Malatesti, tomo II, Rimini, 1617, pp. 171-173.
  • Vitali Gaetano. Memorie storiche risguardanti la terra di M. Fiore, Rimini, 1828, p. 311.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN13185658 · ISNI (EN0000 0000 4279 222X · LCCN (ENno00039984 · GND (DE122239288 · BNF (FRcb144898531 (data) · CERL cnp01377861 · WorldCat Identities (ENlccn-no00039984