Apri il menu principale
Giulio Cesare da Varano
Signore di Camerino
Stemma
In carica 1444-1502
Nascita Camerino, 1434
Morte Pergola, 9 ottobre 1502
Dinastia Da Varano
Padre Giovanni II da Varano
Madre Bartolomea Smeducci
Consorte Giovanna Malatesta
Figli Giovanni, Venanzio, Camilla (naturale), Pirro (naturale), Ottaviano (naturale), Annibale (naturale)
Giulio Cesare da Varano
NascitaCamerino, 1434
MortePergola, 9 ottobre 1502
Cause della mortestrangolamento
Etniaitaliana
Dati militari
Paese servito
Anni di servizio1447-1502
Gradocondottiero
Altre caricheluogotenente di Ferdinando I di Napoli
voci di militari presenti su Wikipedia
Signori e Duchi di Camerino
Da Varano
Stemma varano di camerino.jpg

Gentile I
Figli
Berardo I
Figli
Rodolfo I
Figli
  • Giovanni
  • Sigismondo
  • Berardo
  • Ismaduccio
  • Nuccio
Gentile II
Figli
Berardo II
Figli
Rodolfo II
Giovanni I
Figli
  • Ciondolina
  • Niccolò (naturale)
  • Luca
Gentile III
Figli
Rodolfo III
Figli
Piergentile
Figli
Giovanni II
Rodolfo IV
Figli
Giulio Cesare
Figli
Venanzio
Figli
Giovanni Maria (Duca)
Figli
  • Rodolfo
  • Giulio Cesare
  • Cornelia
Giulia (Duchessa)
Figli
Modifica

Giulio Cesare da Varano (Camerino, 1434Pergola, 9 ottobre 1502), signore di Camerino e grande mecenate, fu uno degli esponenti più illustri della famiglia Da Varano.

BiografiaModifica

Era figlio di Giovanni II da Varano e di Bartolomea Smeducci di Sanseverino.

Venne salvato ancora bambino dalla strage della sua famiglia[1] dalla zia Tora da Varano, figlia di Rodolfo III, facendolo portare da Camerino a Fabriano presso i Chiavelli. Dal massacro si salvarono solo Giulio Cesare e Rodolfo, figlio di Piergentile;[2] Camerino venne assoggettata alla Repubblica della città, che governò dal 1434 al 1444, con l'appoggio dello Stato Pontificio. Solo nel 1444 i Da Varano poterono fare ritorno nel feudo, grazie al condottiero Carlo Fortebracci, figlio di Braccio da Montone e Giulio Cesare venne acclamato signore dal popolo.

Nel 1447 venne nominato vicario della Chiesa assieme al cugino Rodolfo IV. Ma papa Nicola V, vista la giovane età dei nuovi signori, affidò il governo della città a Elisabetta Malatesta, figlia di Galeazzo Malatesta, che si fece monaca quando rimase vedova di Piergentile da Varano. Giulio Cesare da allora divenne uomo d'armi, militando prima per la Repubblica di Firenze e quindi per Siena, contro Jacopo Piccinino. Combatté per papa Pio II contro il re di Napoli e nel 1469 fu al fianco dei pontifici contro Rimini, ma per due volte rimase sconfitto. Militò per il cardinale Giuliano della Rovere, futuro papa Giulio II, contro Todi e Spoleto e quindi contro Firenze. Nel 1484 fu al servizio della Serenissima.

Nulla poté contro le truppe di Cesare Borgia, che assalirono Camerino nel 1502. Giulio venne catturato e condotto nella rocca di Pergola, dove venne strangolato da Michelotto Corella, soldato del Valentino. Stessa sorte toccò a tre sui figli, mentre Camilla, suora clarissa, riuscì a fuggire rifugiandosi ad Atri. Camerino venne eretta a ducato da papa Alessandro VI e conferita al figlio, che governerà sino al 1503, data di morte del pontefice.

Giulio Cesare fece edificare, attorno all'anno 1460, il sontuoso Palazzo Ducale e fondò il monastero di Santa Chiara, dove dimorò sua figlia Camilla. Sotto la sua signoria Camerino visse il periodo di maggior splendore.

DiscendenzaModifica

Giulio Cesare sposò nel 1451 Giovanna Malatesta (1444-1511), figlia di Sigismondo Pandolfo Malatesta, signore di Rimini, e di Polissena Sforza, figlia naturale di Francesco Sforza, futuro duca di Milano. Ebbero due figli:[3]

  • Giovanni Maria (1481-1527), signore e duca di Camerino
  • Venanzio (1476-1502), signore di Camerino, uomo d'armi, morto strangolato come il padre

Giulio Cesare ebbe anche questi figli naturali:

  • Pirro (1486-1502), morto strangolato come il padre
  • Ottaviano (?-1488)
  • Annibale (?-1502), uomo d'armi, morto strangolato come il padre
  • Camilla (1458-1524),[4] religiosa proclamata santa

NoteModifica

  1. ^ Misteri, crimini e storie insolite delle Marche.
  2. ^ Treccani.it. Da Varano.
  3. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Varano da Camerino, Torino, 1835.
  4. ^ Santa Camilla Battista Varano., su vangelodelgiorno.org. URL consultato l'8 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2018).

Prof. Ettore Racioppa Biancamaria Santucci. Un Giudizio per Giulio Cesare

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Varano da Camerino, Torino, 1835, ISBN non esistente.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN207297000 · ISNI (EN0000 0001 4093 1510 · GND (DE129074772 · CERL cnp00526482 · WorldCat Identities (EN207297000