Apri il menu principale

Teoria del gender

(Reindirizzamento da Ideologia gender)

Teoria del gender è un neologismo (prestito linguistico dall'inglese gender theory) coniato in ambienti conservatori cattolici negli anni novanta del XX secolo per riferirsi in modo critico agli studi di genere: chi fa uso di tale espressione sostiene che gli studi di genere sottendano un progetto predefinito mirante alla distruzione della famiglia e di un supposto «ordine naturale» su cui fondare la società[1]. In sostanza l'espressione teoria del gender è un termine ombrello usato come parola d'ordine d'opposizione ai movimenti femministi e LGBT e alle lotte, rivendicazioni, saperi e teorie che tali movimenti hanno elaborato e prodotto[2].

Al gender (presentato a seconda delle occasioni come filosofia progressista, teoria sociologica o ideologia di sinistra) viene imputato di propagandare l'inesistenza di qualsivoglia differenza tra i sessi biologici, da ciò discendendo la variabilità del proprio sesso a piacimento. Tale costruzione mescola elementi propri della sociologia costruzionista (il genere e i ruoli sociali come costrutti della società), degli studi di genere, della teoria queer (il superamento del binarismo di genere), del femminismo (l'uguaglianza tra uomo e donna), e degli studi sul transessualismo (la differenza tra identità di genere e sesso biologico), finendo per disegnare un sistema di pensiero unitario che, invero, non appartiene né è propugnato da alcuno degli ambiti culturali e di ricerca citati. Altresì il termine teoria del gender è largamente usato (e denunciato) come espediente retorico al fine di prendere posizione contro i diritti LGBT e il femminismo, inferendo che i movimenti che propugnano tale teoria, benché eterogenei, nascondano una strategia politica unitaria[3][4][5].

In ambito accademico qualsiasi riferimento a teorie strutturate come anzi descritto - quando non esplicitamente presentate come «ideologia gender» - è generalmente considerato un tipico argomento fantoccio[6] da leggere nel contesto di una teoria del complotto[7]. In Italia il termine è usato talora con varianti quali teoria gender, ancora ideologia [del] gender, gender theory, gender ideology, ideologia del genere e ideologia di genere[8]. Nei paesi anglosassoni, per riferirsi al fenomeno che in italiano viene denotato come «teoria del gender», si usò inizialmente un'analogia con l'espressione gender feminism,[9] per poi adottare l'espressione "gender ideology" o talvolta anche "gender theory", ma quest'ultima per dare un'indicazione letterale quando dal contesto è chiaro che non si riferisce al concetto anglosassone traducibile in "teoria del genere".[10] L'espressione mantiene l'inglese "gender" anche in Polonia[11], e Germania.[12]

StoriaModifica

OriginiModifica

Le origini della narrativa anti-gender sono ascrivibili a Dale O'Leary, medico statunitense e antifemminista storica, affiliata all'Opus Dei, e collaboratrice dei controversi centri Narth di terapia di conversione di omosessuali fondati da Joseph Nicolosi,[13] terapia considerata inutile, dannosa e contraria all'etica professionale da molte agenzie internazionali (a partire dalle Nazioni Unite[14]) e da ordini e associazioni professionali (tra cui l'American Psychiatric Society[15] e l'Ordine italiano degli psicologi[16][17][18][19][20]). Nel suo The Gender Agenda: Redifining Equality del 1997 O'Leary prende le mosse dallo scontro politico avvenuto alla Conferenza mondiale sulle donne del 1995, nella quale l'uso della parola gender (in luogo di sex) da parte di associazioni per i diritti delle donne e delle persone LGBT era stato aspramente contestato dai gruppi pro-famiglia[21].

Già due anni prima della conferenza di Pechino la biologa Anne Fausto-Sterling spiegava, in un articolo sulla rivista The Sciences[22], come il tentativo di forzare talora l'appartenenza sessuale dei neonati alla logica binaria fosse un atto di violenza ai dati biologici[22] e proponeva provocatoriamente di aggiungere ai due sessi tradizionali lo herm (l'ermafrodito, ovvero un intersessuale con un testicolo e un'ovaia); il merm (lo pseudoermafrodita maschio con i testicoli, con qualche caratteristica sessuale femminile e nessun'ovaia) e la ferm (pseudoermafrodita femmina con le ovaie, con qualche caratteristica sessuale maschile e nessun testicolo). Lo scopo dell'articolo di Fausto-Sterling ‒ al pari di uno precedente di Suzanne Kessler del 1990[23] ‒ era quello di favorire un dibattito e un cambio di prassi all'interno del mondo clinico che si occupava del trattamento delle persone intersessuali, in particolare per mettere un freno alla diffusa abitudine di operare alla nascita i neonati con malformazioni genitali, assegnando loro arbitrariamente un sesso prima ancora che essi potessero sviluppare una loro identità di genere.

Nel corso dei lavori preparatori alla conferenza di Pechino, tenutisi a New York nel marzo del 1995, furono diffusi tra i delegati pro-famiglia alcuni articoli comparsi su riviste femministe e usati come materiale di studio nelle università statunitensi. Un funzionario americano conservatore, discutendo in famiglia dei contrasti sorti tra opposte fazioni durante tali lavori all'ONU, aveva ottenuto alcuni articoli in questione tramite la baby-sitter dei suoi figli, studentessa allo Hunter College di New York[24]. Tra tali scritti figurava anche il citato articolo del 1993 di Fausto-Sterling. Fraintendendo (o mistificando) il significato di tale articolo, i delegati pro-famiglia asserirono la volontà del fronte progressista di voler superare il paradigma binario dei due sessi noti per introdurre anche i concetti di «omosessuale maschile, omosessuale femminile e transessuale»[25] oppure «omosessuale, lesbica, bisessuale e transessuale»[26].

In tal modo il termine gender diveniva una definizione in codice di «omosessualità» nonché una sorta di attributo dal significato di «a supporto dei diritti gay»[27][28]. O'Leary utilizzava l'espressione «gender feminism» («femminismo di genere»), coniata dalla scrittrice e critica del femminismo contemporaneo Christina Hoff Sommers, per definire i promotori, a suo dire, dell'ideologia del gender, ovvero un gruppo eterogeneo composto da fautori del controllo demografico, libertari della sessualità, attivisti per i diritti LGBT, promotori multiculturali del politicamente corretto, ambientalisti estremisti, neomarxisti e progressisti; decostruzionisti e postmodernisti[29] e sostenuta dai grandi liberal governativi e da corporazioni multinazionali[29].

Dopo la polemica del 1995 O'Leary scrisse il citato The Gender Agenda (pubblicato dieci anni più tardi in italia come Maschi o femmine?[30]), mentre il Pontificio consiglio per la famiglia avviò la realizzazione di un glossario in cui fossero contenuti tutti i termini «ambigui e discussi sulla famiglia», il Lexicon[31], in cui compare anche il saggio della teologa tedesca Jutta Burggraf (anch'essa dell'Opus Dei) Genere (Gender)[32], e un altro saggio del vescovo peruviano Óscar Alzamora Revoredo, Ideologia di genere: pericoli e portata[33].

Utilizzo in ambito cattolicoModifica

Quella citata nel paragrafo precedente è la produzione culturale di riferimento di quella parte di mondo cattolico che dà credito alla narrativa sulla teoria del gender[33][34][35].

L'espressione fu ripresa e diffusa dal Pontificio consiglio per la famiglia quale sinonimo di ideologia tendente a svalutare la differenza e la complementarità dei sessi e usata per giustificare le unioni omosessuali: «l'identità sessuale di genere (gender) sarebbe non solo il prodotto dell'interazione tra la comunità e l'individuo, ma anche indipendente dall'identità sessuale personale […] il matrimonio e le unioni di fatto (incluse quelle omosessuali) è oggi generalmente giustificato facendo ricorso a categorie e termini derivanti dall'ideologia di gender»[36]. Sia lo stesso Ratzinger[37] che, in seguito, il suo successore Bergoglio[38], in più occasioni hanno utilizzato tale narrativa in chiave di denuncia dei pericoli derivanti da permissivismo verso i diritti familiari delle persone LGBT.

La XIV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi, tenutasi nel mese di ottobre 2015 sul tema della famiglia, ha affermato che l'ideologia del gender «svuota la base antropologica della famiglia. Questa ideologia induce progetti educativi e orientamenti legislativi che promuovono un'identità personale e un'intimità affettiva radicalmente svincolate dalla diversità biologica fra maschio e femmina».[39]

Nell'esortazione apostolica post-sinodale Amoris laetitia, papa Francesco fa riferimento soltanto in un passaggio all'ideologia genericamente chiamata gender, affermando che essa «induce progetti educativi e orientamenti legislativi che promuovono un'identità personale e un'intimità affettiva radicalmente svincolate dalla diversità biologica fra maschio e femmina. L'identità umana viene consegnata ad un'opzione individualistica, anche mutevole nel tempo».[40] L'esortazione recepisce altresì uno dei principi fondanti degli studi di genere, ossia la distinzione tra "sesso" e "genere": «Non si deve ignorare che sesso biologico (sex) e ruolo sociale-culturale del sesso (gender) si possono distinguere, ma non separare».[40]

Alcuni intellettuali cattolici parlano di una "teoria del gender", sulla base di una lettura di alcuni testi di intellettuali ritenuti femministi e LGBT. La filosofa Judith Butler è talvolta citata: Butler sostiene che il genere, come percezione sociale, sia risultato di comportamenti e consuetudini culturali, mentre la natura della persona non sarebbe per tutti strettamente binaria.[41][42][43] Tuttavia, Judith Butler non nega una componente innata e immutabile nella definizione dell'orientamento sessuale, sostenendo che "la sessualità non può essere sommariamente fatto o disfatta, e sarebbe un errore associare il "costruttivismo" con la libertà del soggetto di formare la sua sessualità come lui o lei desidera"[44]

Critiche all'abuso del termineModifica

Diverse associazioni accademiche e ordini professionali si sono espressi soprattutto negli anni 2014-2015, ribadendo che una "ideologia" del gender semplicemente non esiste: le intense campagne mediatiche sarebbero piuttosto da ricondurre a dinamiche tipiche delle teorie del complotto.

«intervenire per rasserenare il dibattito nazionale sui temi della diffusione degli studi di genere e orientamento sessuale nelle scuole italiane e per chiarire l'inconsistenza scientifica del concetto di "ideologia del gender". Esistono, al contrario, studi scientifici di genere, meglio noti come Gender Studies che, insieme ai Gay and Lesbian Studies, hanno contribuito in modo significativo alla conoscenza di tematiche di grande rilievo per molti campi disciplinari (dalla medicina alla psicologia, all'economia, alla giurisprudenza, alle scienze sociali) e alla riduzione, a livello individuale e sociale, dei pregiudizi e delle discriminazioni basati sul genere e l'orientamento sessuale.»

  • A luglio 2015 l'Ordine degli Psicologi delle Marche ha emesso un comunicato intitolato Basta teorie fasulle che creano solo confusione, nel quale si afferma che le comunicazioni circolate nei social media, nelle quali «si parlava di corsi di gender nelle scuole con l'obiettivo di obbligare bambini in tenera età a comportamenti sessualizzati, non conformi al luogo e alla maturità reale», siano servite soltanto a creare un ingiustificato allarmismo.[46]
  • L'Ordine degli Psicologi della Puglia ha ribadito, in un comunicato stampa, che «a prescindere da valutazioni e "credo" personali, non esiste alcuna "teoria del genere" o "ideologia di genere". [...] L'attività di prevenzione nella scuola può essere un anello della catena indispensabile al superamento di stereotipi di genere, ancora troppo radicati nella nostra società. Tra gli obiettivi nazionali dell'insegnamento nelle scuole italiane è improcrastinabile attuare sia la promozione del rispetto delle identità di genere, sia il superamento di stereotipi sessisti attraverso la diffusione dell'educazione affettiva e sessuale, rispondendo altresì all'esigenza di attuare i principi di pari dignità e non discriminazione sanciti dalla Costituzione».[47]
  • Analogamente si è pronunciato anche l'Ordine degli Psicologi del Lazio.[48]
  • Dopo i vari pronunciamenti degli ordini regionali a settembre 2015 anche il Consiglio nazionale dell'Ordine nazionale degli psicologi ha preso ufficialmente posizione,[49] appoggiando pienamente la posizione dell'Associazione Italiana di Psicologia, ribadendo «l'inconsistenza scientifica del concetto di "ideologia del gender"» e chiarendo che

«favorire l'educazione sessuale nelle scuole e inserire nei progetti didattico‐formativi contenuti riguardanti il genere e l'orientamento sessuale non significa promuovere un'inesistente "ideologia del gender", ma fare chiarezza sulle dimensioni costitutive della sessualità e dell'affettività, favorendo una cultura delle differenze e del rispetto della persona umana in tutte le sue dimensioni e mettendo in atto strategie preventive adeguate ed efficaci capaci di contrastare fenomeni come il bullismo omofobico, la discriminazione di genere, il cyberbullismo.»

  • L'associazione di docenti universitarie "Società italiana delle storiche" ha affermato che «non esiste [...] una "teoria del gender"»: il "genere" (gender) è piuttosto «uno strumento concettuale per poter pensare e analizzare le realtà storico-sociali delle relazioni tra i sessi in tutta la loro complessità e articolazione».[50]

Alcuni studiosi hanno denunciato come movimenti cattolici, tra i quali ProVita onlus e Manif Pour Tous Italia (oggi nota come Generazione Famiglia), abbiano introdotto nel dibattito pubblico una lettura distorta delle teorie del genere, con toni aggressivi ed allarmistici (affermando ad esempio che la teoria del gender condurrebbe all'insegnamento della masturbazione in età scolare, oppure indurrebbe a confondere i bambini circa il loro orientamento sessuale, o negherebbe l'esistenza dei generi maschio e femmina) al solo fine di ostacolare il riconoscimento dei diritti delle persone omosessuali, bisessuali, transessuali, transgender e intersex[6].

Significativo, in effetti, è il fatto che intense campagne di denuncia del presunto complotto dettato dall'agenda "gender" siano state condotte, prima in Francia e poi in Italia, esattamente in coincidenza con l'apertura di un pubblico dibattito circa il matrimonio egualitario o le unioni civili tra persone dello stesso sesso. Secondo la filosofa Michela Marzano questa sarebbe una prova sufficiente della strumentalità di campagne basate sulla paura e sulla confusione voluta e cercata, campagne il cui vero bersaglio è il riconoscimento della piena dignità delle persone LGBT.[51]

In questo senso, anche l'utilizzo dell'anglicismo "gender", al posto della parola già esistente in italiano, "genere", sarebbe un artificio retorico volto a creare, nelle persone meno preparate, la confusione e la paura che si stia introducendo qualcosa di anomalo ed alieno.[51]

NoteModifica

  1. ^ Sara Garbagnoli, «L'ideologia del genere»: l'irresistibile ascesa di un'invenzione retorica vaticana contro la denaturalizzazione dell'ordine sessuale, in AboutGender, vol. 3, nº 6, Genova, pp. 250-263, ISSN 2279-5057 (WC · ACNP). URL consultato il 5 giugno 2019.
  2. ^ Sara Garbagnoli, «Teoria del gender»: come è nata e a cosa serve, in La 27esima ora, Rizzoli Corriere della Sera, 6 novembre 2017. URL consultato il 5 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2019).
  3. ^ (FR) Mathieu Trachman, Genre : état des lieux. Entretien avec Laure Bereni (PDF), in La Vie des idées, 5 ottobre 2011. URL consultato il 25 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2018).
  4. ^ (FR) Gaëlle Krikorian, Philippe Mangeot, Adèle Ponticelli e Pierre Zaoui, History trouble : entretien avec Joan W. Scott, in Vacarme, nº 66, 11 gennaio 2014, ISSN 1253-2479 (WC · ACNP). URL consultato il 5 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 30 novembre 2018).
  5. ^ (FR) Odile Fillod, L’invention de la "théorie du genre": le mariage blanc du Vatican et de la science, in Contemporary French Civilization, vol. 39, nº 3, Liverpool, Liverpool University Press, 2014, pp. 321-33, DOI:10.3828/cfc.2014.19, ISSN 0147-9156 (WC · ACNP). URL consultato il 25 marzo 2016.
  6. ^ a b Chiara Lalli, Tutti pazzi per il gender, in Internazionale, 31 maggio 2015. URL consultato il 5 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2019).
    «Ma le Cassandre della “ideologia del gender” combattono contro un nemico che hanno immaginato, o che hanno costruito, stravolgendo il reale, per renderlo irriconoscibile e poterlo così additare come un mostro temibile (si chiama straw man ed è una fallacia molto comune […]».
  7. ^ (FR) Anne-Charlotte Husson, Généalogies polémiques du genre : généalogie et théorie du complot, su cursives.hypotheses.org, (Dis)cursives. Linguistique discursive, études de genre, féminisme, 25 febbraio 2016. URL consultato il 6 aprile 2016.
    «Plusieurs éléments, dans le discours antigenre, évoquent la théorie du complot».
  8. ^ Giulia Siviero, Che cos'è la «teoria del gender», in il Post, 16 aprile 2015. URL consultato il 30 marzo 2018.
  9. ^ (EN) Definition of gender feminism in English, su oxforddictionaries.com, Oxford Living Dictionaries. URL consultato il 5 giugno 2019.
  10. ^ Sara Garbagnoli, Against the Heresy of Immanence: Vatican’s ‘Gender’ as a New Rhetorical Device Against the Denaturalization of the Sexual Order, in Religion and Gender, vol. 6, nº 2, Brill, 19 febbraio 2016, pp. 187–204 nota 2, DOI:10.18352/rg.10156, ISSN 2589-8051 (WC · ACNP).
  11. ^ http://wyborcza.pl/1,75968,15075819,Co_to_jest__ideologia_gender___Nowe_narzedzie_walki.html
  12. ^ http://www.welt.de/politik/deutschland/article142893078/Im-Suedwesten-kocht-die-Wut-auf-Gender-Ideologie.html
  13. ^ (FR) Odile Fillot, Le mariage raté du Vatican et de la science, in Allodoxia, 30 aprile 2013. URL consultato l'8 aprile 2016.
  14. ^ (EN) Citing ‘pervasive abuse,’ new UN report presents recommendations on protecting LGBT rights, su news.un.org, 1º giugno 2015.
  15. ^ (EN) Therapies Focused on Attempts to Change Sexual Orientation (Reparative or Conversion Therapies) - position statement, su psych.org, Société américaine de psychiatrie, marzo 2000. URL consultato il 16 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2011).
  16. ^ Ordine Nazionale Psicologi, OMOFOBIA - La POSIZIONE DEGLI PSICOLOGI (PDF), su psy.it, 19 luglio 2011.
  17. ^ Le cosiddette "terapie riparative", rivolte a clienti aventi un orientamento omosessuale, rischiano, violando il codice deontologico della professione, di forzare i propri pazienti nella direzione di "cambiare" o reprimere il proprio orientamento sessuale, invece di analizzare la complessità di fattori che lo determinano e favorire la piena accettazione di se stessi. Ordine degli Psicologi della Lombardia, Delibera sulle terapie riparative (PDF) [collegamento interrotto], su opl.it. URL consultato il 18 giugno 2014. Vedi anche commento Archiviato il 13 giugno 2013 in Internet Archive. del dottor Mauro Grimoldi, presidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia.
  18. ^ Ordine degli Psicologi dell'Emilia-Romagna, Comunicazioni dal Consiglio (PDF), su ordpsicologier.it. URL consultato il 2 dicembre 2011. Vedi anche: Ordine degli Psicologi dell'Emilia-Romagna, Il no dell'Ordine degli psicologi dell'Emilia Romagna alle terapie riparative (PDF), su ordpsicologier.it. URL consultato il 18 giugno 2014.
  19. ^ Ordine degli Psicologi del Lazio, La posizione dell'Ordine riguardo alle "terapie riparative", su ordinepsicologilazio.it. URL consultato il 2 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2011).
  20. ^ L'omosessualità non è una malattia da curare, su noriparative.it. URL consultato il 2 dicembre 2011. Documento firmato da numerosi professionisti e ricercatori nel campo della salute mentale e della formazione, tra cui il presidente dell'Ordine nazionale degli psicologi italiani e i presidenti di alcuni ordini regionali
  21. ^ (EN) Sally Baden e Anna Maria Goetz, Who Needs [Sex] when you can Have [Gender]? Conflicting Discourses on Gender at Beijing, in Feminist Review, nº 56, London, Sage Publications, estate 1997, pp. 3-25.
  22. ^ a b (EN) Anne Fausto-Sterling, The Five Sexes: Why Male and Female are not enough (PDF), in The Sciences, New York, New York Academy of Sciences, marzo/aprile 1993, pp. 20-25.
  23. ^ (EN) Suzanne J. Kessler, The Medical Construction of Gender: Case Managements of Intersexed Infants, in Signs: Journal of Women in Culture and Society, XVI, nº 11, Chicago, The University of Chicago Press, 1990, pp. 3-26, ISSN 0097-9740 (WC · ACNP).
  24. ^ O'Leary 2006, p. 77.
  25. ^ Marco Politi, La Chiesa si prepara alla guerra dei cinque sessi, in la Repubblica, 20 maggio 1995. URL consultato l'8 aprile 2015.
  26. ^ O'Leary 2006, p. 81.
  27. ^ Butler 2004, pp. 181-90.
  28. ^ Anic 2012, p. 31.
  29. ^ a b O'Leary 2006, p. 11.
  30. ^ O'Leary 2006.
  31. ^ Lexicon.
  32. ^ (EN) Jutta Burggraf, Gender (PDF), su godeeper.weebly.com, 2003. URL consultato il 7 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2018).
  33. ^ a b Danna e Piola 2009, p. 169.
  34. ^ Andrea Galli, Teoria del gender, l'esperta O'Leary: «Ideologia promossa a livello globale», in Avvenire, 15 aprile 2013. URL consultato il 9 agosto 2018.
  35. ^ Siviglia 2007, p. 58.
  36. ^ Pontificio consiglio per la famiglia, Famiglia, matrimonio e unioni di fatto, su vatican.va, La Santa Sede, 26 luglio 2000.
  37. ^ Andrea Tornielli, Il papa: «La teoria gender mette a rischio la dignità dei figli», in La Stampa, 22 dicembre 2012. URL consultato il 7 giugno 2019.
  38. ^ Il papa: «La teoria del gender è uno sbaglio della mente umana», in Il Foglio, 22 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2015).
  39. ^ Relazione finale del Sinodo dei Vescovi a Papa Francesco, su www.vatican.va. URL consultato il 5 novembre 2016.
  40. ^ a b Amoris laetitia, num 56.
  41. ^ Viggiani Giacomo, “La performatività del genere”, Convegno Internazionale 'Spaces of Difference', Milano, 20-21 Ottobre 2010, Pg. 2, Pg.2 (PDF), su archivio.formazione.unimib.it. URL consultato il 19 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2018).
  42. ^ Cosa (non) è la teoria del gender, su Coordinamento Genitori Democratici Onlus. URL consultato il 19 aprile 2018.
  43. ^ Butler 1999, pp. 163–71, 177–8.
  44. ^ Butler J. (1993), Bodies that matter, New York, Routledge, p. 94
  45. ^ AIP-Sulla rilevanza scientifica degli studi di genere e orientamento sessuale e sulla loro diffusione nei contesti scolastici, Associazione Italiana di Psicologia, 12 marzo 2015. URL consultato il 22 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  46. ^ Comunicato Stampa - l'Ordine Psicologi Marche si esprime in merito all'ideologia del gender - "Basta teorie fasulle che creano solo confusione" -, Ordine degli Psicologi delle Marche, 1º luglio 2015. URL consultato il 22 agosto 2015.
  47. ^ Teoria del gender o studi di genere?, su psicologipuglia.it, 3 luglio 2015. URL consultato il 17 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2016).
  48. ^ Consiglio Nazionale Ordine degli Psicologi pronunci un no chiaro a terapie riparative e a ideologia del gender (comunicato stampa), su ordinepsicologilazio.it, 15 aprile 2015. URL consultato il 17 settembre 2015.
  49. ^ Consiglio nazionale, Nota dell'AIP sulla rilevanza scientifica degli studi di genere e orientamento sessuale e sulla loro diffusione nei contesti scolastici italiani (PDF) (comunicato stampa), Ordine degli psicologi.
  50. ^ Direttivo della Società Italiana delle Storiche, Lettera all'on. Stefania Giannini e all'on. Teresa Bellanova, su casadelladonnapisa.it, 9 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2015).
  51. ^ a b Michela Marzano, La paura del gender è una bufala omofoba, parola di Michela Marzano, Wired.it, 10 novembre 2015.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Federico Ferrari, Enrico M. Ragaglia e Paolo Rigliano (a cura di), Il "genere": una guida orientativa (PDF), su nuovapropostaroma.it, 2015. URL consultato il 22 ottobre 2015.