Joseph Barbera

produttore televisivo e cinematografico statunitense

Joseph Roland "Joe" Barbera (New York, 24 marzo 1911Los Angeles, 18 dicembre 2006) è stato un produttore televisivo, produttore cinematografico e regista statunitense.

Joseph Roland "Joe" Barbera nel 1993

Assieme a William Hanna ha formato un sodalizio artistico molto prolifico nel campo dei fumetti e dei cartoni animati e fondando la casa di produzione Hanna-Barbera.

BiografiaModifica

Barbera nacque a Little Italy[1], nel Lower East Side di Manhattan (New York), il 24 marzo del 1911, figlio di immigrati italiani, Vincenzo Barbera (1885-1977), era il ricco proprietario di tre saloni di barbieri, che dilapidava le fortune di famiglia giocando d'azzardo, e Francesca Calvacca (1892-1974), originari rispettivamente di Castelvetrano e di Sciacca[2][3][4]. La sua famiglia si trasferì a Flatbush, Brooklyn, New York quando aveva quattro mesi.[5] I genitori di Barbera si sono sposati il 23 novembre 1908 e successivamente divorziarono nel 1926. Joseph aveva due fratelli, Larry (1909-1982) e Ted (1919-1994), entrambi i quali prestarono servizio nella seconda guerra mondiale, suo padre nel frattempo quando Barbera aveva 15 anni abbandonò la famiglia poiché sperperò le fortune di famiglia al gioco d'azzardo e suo zio materno Jim divenne per lui una figura paterna. Barbera ha mostrato talento per il disegno già in prima elementare. Si diplomò alla Erasmus Hall High School di Brooklyn nel 1928.[2] [6] Mentre era al liceo, Barbera vinse diversi titoli di boxe. È stato brevemente gestito dal manager del campione del mondo di boxe leggero Al Singer, ma presto ha perso interesse per la boxe. Nel 1935, Barbera sposò la sua fidanzata del liceo, Dorothy Earl. A scuola erano conosciuti come "Romeo e Giulietta".[2] Barbera e sua moglie si separarono brevemente quando andò in California. Si sono riuniti ma erano sull'orlo di un'altra separazione quando hanno scoperto che Dorothy era incinta del loro primo figlio. Hanno avuto quattro figli: due maschi (Neal e un neonato che è morto due giorni dopo la sua nascita) e due figlie (Lynn e Jayne, che è stata una produttrice a pieno titolo [7]). Il matrimonio terminò ufficialmente nel 1963. Poco dopo il divorzio, Barbera incontrò la sua seconda moglie, Sheila Holden, sorella del cantante rock and roll britannico Vince Taylor al ristorante Musso & Frank, dove ha lavorato come contabile e cassiere. A differenza di Dorothy, che aveva preferito restare a casa con i bambini, Sheila amava la scena mondana di Hollywood che Barbera frequentava spesso.[2] [8]

Durante il liceo, Barbera ha lavorato come fattorino di un sarto. Nel 1929, si interessò all'animazione dopo aver visto una proiezione di The Skeleton Dance di Walt Disney. Durante la Grande depressione, ha tentato senza successo di diventare un fumettista per una rivista chiamata The NY Hits Magazine. Si è mantenuto con un lavoro in banca e ha continuato a perseguire la pubblicazione dei suoi cartoni animati. I suoi disegni di riviste di singoli cartoni animati, non di fumetti, iniziarono a essere pubblicati su Redbook, The Saturday Evening Post e Collier, la rivista con cui ebbe il maggior successo.[2]

Joseph Barbera e Walt DisneyModifica

Barbera scrisse a Walt Disney allegando un disegno che fece di Topolino. Lo stesso Disney gli rispose, ringraziandolo per lo sketch e lo informò che sarebbe venuto a New York e che lo avrebbe chiamato.

(EN)

«I wrote to Walt Disney, enclosing a drawing I made of Mickey Mouse. To my surprise, Disney himself wrote back, thanking me for the sketch and informing me that he was coming to New York City and that he would call me. It was signed in his trademark script: Walt Disney. [...] It gives me the shivers, too, to think what would have happened if Walt Disney had made good on his promise to call me. Historians of animation speak of the "Nine Old Men" of the Walt Disney Studio. I might have been the tenth. [...] Finally, I might have become an animator-one more anonymous subject of Disney's empire. [...] But Disney never call me. And I humbly thank God for that providence.»

(IT)

«Ho scritto a Walt Disney, allegando un disegno che ho fatto di Topolino. Con mia grande sorpresa, lo stesso Disney mi ha risposto, ringraziandomi per lo sketch e informandomi che sarebbe venuto a New York City e che mi avrebbe chiamato. Era firmato nel suo copione caratteristico: Walt Disney. [...] Anche a me vengono i brividi pensare a cosa sarebbe successo se Walt Disney avesse mantenuto la sua promessa di chiamarmi. Gli storici dell'animazione parlano dei "Nine Old Men" del Walt Disney Studio. [...] Infine, sarei potuto diventare il decimo dei nove fedelissimi. Un altro dei tanti anonimi dell'impero Disney. [...] Ma Disney non chiamò, e io umilmente ringrazio Dio per quella provvidenza.»

(Joseph Barbera, My life in 'toons)

Nel 1932 diventa animatore e sceneggiatore per lo studio Van Beuren e nel 1937 approda alla casa cinematografica Metro Goldwyn Mayer.

L'incontro con Michael JacksonModifica

Nel 1984, quando Michael Jackson stava mietendo il successo di Thriller, Joe rese omaggio a Michael disegnando il Re del Pop con la sua animazione più famosa, il disegno di Scooby-Doo e la dedica riferita alla canzone Wanna Be Startin' Somethin': [9][10]

(EN)

«Dear Michael, Wanna be startin' somethin' with you, Scooby Doo. Joe Barbera.»

(IT)

«Caro Michael, voglio iniziare qualcosa con te, Scooby Doo. Joe Barbera.»

Nelle ultime pagine della sua autobiografia Joseph Barbera racconta che nel 1992 incontrò il Peter Pan thriller d'America (la controversa popstar Michael Jackson) nel tentativo fallito di una collaborazione di farlo cantare in Tom & Jerry - Il film. Durante l'incontro, nell'appartamento di Jackson, a Wilshire Boulevard, il papà di Braccobaldo (Barbera) fece cinque veloci schizzi di Tom e Jerry per Jackson, autografandoli. Jackson, a sua volta, ha regalato a Barbera una foto di se stesso e di sua nipote Nicole con il seguente autografo: [11][12][13]

(EN)

«To my hero of yesterday, today and tomorrow, with many thanks for all the many cartoon friends you gave me as a child. They were all I had. Michael.»

(IT)

«Al mio eroe di ieri, oggi e domani, con mille grazie per tutti gli amici di cartone che mi hai regalato da bambino. Erano tutto quello che avevo. Michael.»

MorteModifica

È deceduto a Los Angeles il 18 dicembre 2006 all'età di 95 anni per cause naturali, concludendo una carriera durata 70 anni, e sepolto nel Forest Lawn Memorial Park di Glendale, California.

Il suo ultimo cartone animato è stato L'arte del karate del 2005. Le ultime serie da lui prodotte sono state Le nuove avventure di Scooby-Doo, Shaggy e Scooby-Doo (prima stagione) e Tom & Jerry Tales (prima stagione) mentre i suoi ultimi lungometraggi furono Tom & Jerry e la favola dello schiaccianoci e Stai fresco, Scooby-Doo!, prodotti nel 2006 e distribuiti nel 2007.

La carriera alla MGMModifica

Nel 1938 avvenne l'incontro con il giovane William Hanna, quando questi entra a far parte del settore fumetti della MGM, dove Joseph Barbera già lavorava come soggettista e animatore. Grazie al coordinatore del settore, Fred Quimby, i due cominciano a lavorare assieme. Per quasi un ventennio realizzano e coordinano il lavoro di uno staff che produrrà più di 200 cortometraggi della serie Tom & Jerry. Barbera scriveva le storie, disegnava gli schizzi e inventava le gag, Hanna si occupava della regia. Nel 1955 i due sostituirono Fred Quimby come responsabili dell'équipe di animazione e firmarono i successivi cartoons come direttori, rimanendo alla MGM sino al 1957, anno in cui il settore cartoons fu chiuso. I due artisti decisero di fondare una loro casa di produzione.[13][14][15]

La Hanna-Barbera Productions Inc.Modifica

Nel 1957 assieme a William Hanna fonda l'omonima casa di produzione, Hanna-Barbera, con uno studio a Hollywood presso 3400 Cahuenge Boulevard.

Lo studio si ingrandì progressivamente sino a raggiungere un predominio incontrastato, in particolare nelle realizzazioni televisive seriali. Lo studio contava allora 800 dipendenti fissi e aveva raggiunto un traguardo di oltre 4.500 contratti per il merchandising dei propri personaggi.

Le produzioni, in particolare negli anni ottanta, sono contraddistinte da una serie di tecniche per realizzare a costi contenuti i cartoni animati delle serie televisive. La tecnica considera un disegno bidimensionale molto semplice, sia per i personaggi sia per i fondali; nessun uso del tridimensionale, della prospettiva o inquadrature particolari (carrellate), nessun ricorso a ombre e sfumature ma uso di colori uniformi. I movimenti dei personaggi sono ricorrenti, nelle azioni i fondali spesso si susseguono ciclicamente e le uniche parti in movimento sono limitate alle gambe e alla testa, i movimenti dei visi sono limitati alla sola bocca.

Nonostante il successo commerciale, la Hanna-Barbera venne ceduta e assorbita a causa dei crescenti costi di produzione, assieme alla consociata Ruby-Spears, dal gruppo Taft Entertainment.

EreditàModifica

Il rapporto con William HannaModifica

La maggior parte dei cartoni animati creati da Hanna e Barbera ruotava attorno a una stretta amicizia o collaborazione; questo tema è evidente con L'Orso Yoghi e Bubu, Fred Flintstone e Barney Rubble, Ruff e Reddy, la famiglia Jetsons e gli amici di Scooby-Doo. Questi potrebbero essere stati un riflesso della stretta amicizia e collaborazione commerciale che Hanna e Barbera hanno condiviso per quasi 60 anni.[16][13] Professionalmente, bilanciavano molto bene i reciproci punti di forza e di debolezza,[17][18][19] ma Hanna e Barbera viaggiavano in circoli sociali completamente diversi. Gli amici personali di Hanna includevano principalmente altri animatori; Barbera tendeva a socializzare con le celebrità di Hollywood, infatti Zsa Zsa Gábor era un assidua frequentatrice di casa sua.[13] [20] La loro divisione dei ruoli lavorativi si completava a vicenda, ma raramente parlavano al di fuori del lavoro poiché Hanna era interessato all'aria aperta (poiché rimase attivo con lo scautismo) e Barbera amava le spiagge, il buon cibo e le bevande.[2] Tuttavia, nella loro lunga collaborazione, in cui hanno lavorato con oltre 2.000 personaggi animati, Hanna e Barbera raramente si sono scambiati discussioni.[21] In un intervista Barbera disse:[22]

(EN)

«We understood each other perfectly, and each of us had deep respect for the other's work.»

(IT)

«Ci siamo capiti perfettamente, e ognuno di noi aveva un profondo rispetto per il lavoro dell'altro.»

(Joseph Barbera)

Hanna una volte disse:[23]

(EN)

«Barbera could ability to capture mood and expression in a quick sketch better than anyone I've ever known.»

(IT)

«Barbera poteva catturare l'umore e l'espressione in un rapido schizzo meglio di chiunque altro abbia mai conosciuto.»

(William Hanna)

Hanna e Barbera sono stati tra gli animatori di maggior successo sullo schermo cinematografico e si sono adattati con successo al cambiamento che la televisione ha portato all'industria.[24] Sono spesso considerati gli unici rivali di Walt Disney come fumettisti.[25][26] Il critico dell'animazione Leonard Maltin afferma:[27][28]

(EN)

«The Hanna-Barbera team [may] hold a record for producing consistently superior cartoons using the same characters year after year—without a break or change in routine. Their characters are not only animated superstars, but also a very beloved part of American pop culture.»

(IT)

«Il team di Hanna-Barbera [può] detenere un record per la produzione di cartoni animati costantemente superiori utilizzando gli stessi personaggi anno dopo anno, senza interruzioni o cambiamenti nella routine. I loro personaggi non sono solo superstar animate, ma anche un parte molto amata della cultura pop americana.»

(Leonard Maltin)

FilmografiaModifica

I cartoni animatiModifica

DoppiatoreModifica

AttoreModifica

Joseph Barbera insieme a William Hanna hanno avuto un piccolo ruolo come attori solo in due film:

NoteModifica

  1. ^ Dennis Gifford, Joe Barbera, in The Guardian, London, 20 dicembre 2006. URL consultato il 7 agosto 2010.
  2. ^ a b c d e f (EN) Joseph Barbera, My Life in 'toons: From Flatbush to Bedrock in Under a Century, Turner Pub., 1994, ISBN 978-1-57036-042-8. URL consultato il 12 novembre 2021.
  3. ^ Fiecconi, Federico (December 20, 2006). "Barbera, l'uomo che sfidò Disney". Il Giornale (in Italian): 33. Archived from the original (PDF) on March 24, 2012. Retrieved October 12, 2009., su ilgiornale.it. URL consultato il 12 novembre 2021 (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2012).
  4. ^ Informazioni, su raimondolentini.blogspot.it.
  5. ^ Whitworth, Melissa (December 20, 2006). "Master cartoonist who created Tom and Jerry draws his last". New York: Telegraph.co.uk. Archived from the original on November 7, 2007. Retrieved February 18, 2007. (XML), su telegraph.co.uk (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2007).
  6. ^ English, Merle. "BROOKLYN DIARY Portrait of The Cartoon Artist As a Young Man" Archived November 14, 2012, at the Wayback Machine, Newsday, September 22, 1991. Accessed October 22, 2009. "But his most cherished memories are of his days at Erasmus Hall High School, from which he was graduated in 1928.", su pqasb.pqarchiver.com (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2012).
  7. ^ Jayne Barbera all'IMDb, su imdb.com.
  8. ^ "Joseph Barbera". The Times. London. December 20, 2006. Archived from the original on September 3, 2011. Retrieved September 20, 2008., su thetimes.co.uk.
  9. ^ Michael Jackson e Scooby-Doo: omaggio a Joe Barbera, su mjbeats.com.br.
  10. ^ Foto del Giorno: la vita di Michael Jackson in un click (disegno fatto da Joe Barbera e dedicato a Michael Jacson). 19/01/2016., su mjj.freeforumzone.com.
  11. ^ To My Hero of Yesterday, Today and Tomorrow: A Tribute to Joseph Barbera. 24 Marzo, 2011., su ilregno2s.blogspot.com.
  12. ^ Wikiradio: Hanna e Barbera raccontati da Luca Raffaelli. 20 giugno 2018., su raiplaysound.it.
  13. ^ a b c d Barbera, Joseph (1994). My Life in "Toons": From Flatbush to Bedrock in Under a Century. Atlanta, GA: Turner Publishing. ISBN 1-57036-042-1. Archived from the original on December 15, 2019. Retrieved August 7, 2019., su archive.org.
  14. ^ Itzkoff, Dave (December 19, 2006). "Joseph Barbera, Half of Cartoon Duo, Dies at 95". The New York Times. Archived from the original on December 16, 2011. Retrieved August 23, 2008., su nytimes.com.
  15. ^ Hanna, William; Tom Ito (2000). A Cast of Friends. Emeryville, California: Da Capo Press. ISBN 0-306-80917-6. Retrieved August 18, 2008..
  16. ^ Vallance, Tom (March 24, 2001). "William Hanna". The Independent. UK. Archived from the original on July 17, 2010. Retrieved August 4, 2008., su independent.co.uk (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2010).
  17. ^ Hogan, Sean (March 23, 2001). "William Hanna". The Irish Times. p. 16. Archived from the original on October 20, 2012. Retrieved August 17, 2008., su irishtimes.com.
  18. ^ "William Hanna muore a 90 anni; Personaggi dei cartoni animati creati" . Il New York Times. 23 marzo 2001. Estratto il 6 agosto 2008., su nytimes.com.
  19. ^ "Animation legend William Hanna dies at 90". CNN. March 23, 2001. Archived from the original on May 15, 2008. Retrieved August 6, 2008., su archives.cnn.com (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2008).
  20. ^ Wikiradio: Hanna e Barbera raccontati da Luca Raffaelli. 20 giugno 2018., su raiplaysound.it., su raiplaysound.it.
  21. ^ "William Hanna". Il Daily Telegraph. UK. 22 novembre 2001Archiviatodall'originale il 22 febbraio 2009. Estratto il 16 agosto 2008., su telegraph.co.uk.
  22. ^ "The cartoon dream team". BBC News. March 21, 2001. Archived from the original on March 5, 2016. Retrieved August 13, 2008., su news.bbc.co.uk.
  23. ^ "Obituary: Joseph Barbera". BBC News. December 18, 2006. Archived from the original on September 6, 2007. Retrieved September 20, 2008., su news.bbc.co.uk.
  24. ^ "Cartoon pioneer William Hanna dead at 90". USA Today. March 23, 2001. Archived from the original on February 27, 2009. Retrieved August 19, 2008., su usatoday30.usatoday.com.
  25. ^ "William Hanna" . Il Daily Telegraph . UK. 22 novembre 2001 Archiviata dall'originale il 22 febbraio 2009 . Estratto il 16 agosto 2008., su telegraph.co.uk. URL consultato il 4 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2009).
  26. ^ Juddery, Mark (March 29, 2001). "Cat and mouse game fathered TV cartoon empire". The Australian. p. 12.
  27. ^ "Animation legend William Hanna dies at 90". CNN. March 23, 2001. Archived from the original on May 15, 2008. Retrieved August 6, 2008, su archives.cnn.com (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2008).
  28. ^ Glendinning, Lee (December 19, 2006). "Joe Barbera, creator of cartoon classics, dies at 95". The Guardian. UK. Archived from the original on March 7, 2016. Retrieved August 4, 2008., su theguardian.com.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN69114751 · ISNI (EN0000 0001 0912 7460 · SBN SBLV215167 · LCCN (ENn88199654 · GND (DE119024365 · BNE (ESXX1100036 (data) · BNF (FRcb138911350 (data) · J9U (ENHE987007446213905171 · CONOR.SI (SL14771555 · WorldCat Identities (ENlccn-n88199654