Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Margherita di Svezia (disambigua).
Margherita di Svezia
Margaretha of Denmark (1919) 1921.jpg
Margherita di Svezia, principessa di Danimarca, nel 1921.
Principessa di Svezia
Stemma
In carica 25 giugno 1899 –
4 gennaio 1977
Principessa di Norvegia
In carica 25 giugno 1899 –
7 giugno 1905
Principessa di Danimarca
In carica 22 maggio 1919 –
4 gennaio 1977
Nome completo Margaretha Sofia Lovisa Ingeborg
Onorificenze Sua Altezza Reale
Nascita Stora Parkudden, Djurgården, Stoccolma, Svezia, 25 giugno 1899
Morte Tranemosegård, Fakse, Sjælland, Danimarca, 4 gennaio 1977
Dinastia Bernadotte di nascita

Casato di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg per matrimonio

Padre Principe Carlo, duca di Västergötland
Madre Principessa Ingeborg di Danimarca
Consorte Principe Axel di Danimarca
Figli Principe George Valdemar
Principe Flemming (poi Conte di Rosenborg)
Religione Luterana

Margherita di Svezia, nome completo in svedese Margareta Sophie Lovisa Ingerborg Bernadotte[1] (Stoccolma, 25 giugno 1899Fakse, 4 gennaio 1977), nata principessa di Svezia e di Norvegia, dopo il 1905 solo principessa di Svezia[1], divenne principessa di Danimarca per matrimonio.

Famiglia d'origineModifica

Margherita era la figlia primogenita del principe Carlo duca di Västergötland, fratello di re Gustavo V, e della principessa Ingeborg di Danimarca[1].
I suoi nonni paterni erano re Oscar II di Svezia e di Norvegia e la regina Sofia di Nassau; quelli materni re Federico VIII di Danimarca e la regina Luisa, nata principessa di Svezia.

Nel 1916 la sua confermazione attirò l'entusiasmo della stampa; fu detto che l'evento segnò l'inizio di una nuova era per la casa reale svedese, a cui mancavano principesse da così tanto tempo.

La famiglia trascorse l'estate a Villa Parkudden e l'inverno al Palazzo di Kronprinz. Tuttavia, nel 1908, suo padre acquistò la villa Bistrom, che divenne la loro residenza permanente.

Margherita ebbe tre fratelli minori:

MatrimonioModifica

Alla fine del 1910, la regina Mary di Teck, espresse la speranza che Margherita potesse diventare la moglie del figlio maggiore Edoardo, principe di Galles.

Il 22 maggio 1919[1], nella città di Stoccolma, Margherita sposò il cugino Axel di Danimarca, figlio del principe Valdemaro di Danimarca e della principessa Maria d'Orléans. Fu un matrimonio d'amore[2] ed è stato celebrato con grandi festeggiamenti a Stoccolma. Come regalo di nozze dei genitori dello sposo, gli sposi hanno ricevuto Bernstorffshøj - una tenuta vicino al Palazzo di Bernstorff. La coppia trascorse la luna di miele nella tenuta del principe Eugenio a Örberga, nell'Östergötland

La coppia ebbe due figli:[1]

Attività di beneficenzaModifica

Margherita si adattò bene in Danimarca, che aveva spesso visitato in occasioni familiari durante la sua infanzia. Visse una vita privata dedicata alla sua famiglia nella tenuta Bernstorffshøj a Gentofte e in genere evitò la mondanità e rimase in stretto contatto con i suoi parenti all'estero. Era interessata a questioni sociali in Svezia, e divenne patrona di diverse organizzazioni di beneficenza in Danimarca, ed era la presidente di Gentofte Børnevenner.

Fu un ospite di spicco al matrimonio del 1947 tra la principessa Elisabetta e Filippo, duca di Edimburgo[3].

Dopo la morte di sua sorella, la regina Astrid del Belgio, nel 1935, divenne un grande sostegno per i figli di sua sorella in Belgio. Inoltre, dopo la morte dell'altra sorella, la Marta nel 1954, divenne un grande sostegno per i figli di sua sorella in Norvegia; era la madrina della principessa Marta Luisa di Norvegia.

Come vedova, era spesso di ritorno in Svezia, dove si univa ad altri membri della casa reale svedese in compiti rappresentativi alle cerimonie ufficiali, in particolare il Premio Nobel. Nella sua famiglia, era affettuosamente conosciuta come "Tante Ta" ("Zia Ta").

MorteModifica

Morì il 4 gennaio 1977 a Tranemosegård, vicino a Fakse.

La famosa Torta della principessa è stata chiamata in onore di Margherita e delle sue sorelle.

Albero genealogicoModifica

Famiglia reale svedese
Casato di Bernadotte

Carlo XIV (1763-1844)
Oscar I (1799-1859)
Carlo XV (1826-1872)
Figli
Oscar II (1829-1907)
Gustavo V (1858-1950)
Gustavo VI Adolfo (1882-1973)
Figli
Carlo XVI Gustavo (1946)
Nipoti
Margherita di Svezia Padre:
Carlo di Svezia
Nonno paterno:
Oscar II di Svezia
Bisnonno paterno:
Oscar I di Svezia
Trisnonno paterno:
Jean-Baptiste Jules Bernadotte
Trisnonna paterna:
Désirée Clary
Bisnonna paterna:
Giuseppina di Leuchtenberg
Trisnonno paterno:
Eugenio di Beauharnais
Trisnonna paterna:
Augusta di Baviera
Nonna paterna:
Sofia di Nassau
Bisnonno paterno:
Guglielmo di Nassau
Trisnonno paterno:
Federico Guglielmo di Nassau-Weilburg
Trisnonna paterna:
Luisa Isabella di Kirchberg
Bisnonna paterna:
Paolina di Württemberg
Trisnonno paterno:
Paolo Federico di Württemberg
Trisnonna paterna:
Carlotta di Sassonia-Hildburghausen
Madre:
Ingeborg di Danimarca
Nonno materno:
Federico VIII di Danimarca
Bisnonno materno:
Cristiano IX di Danimarca
Trisnonno materno:
Federico Guglielmo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Trisnonna materna:
Luisa Carolina d'Assia-Kassel
Bisnonna materna:
Luisa d'Assia-Kassel
Trisnonno materno:
Guglielmo d'Assia-Kassel
Trisnonna materna:
Luisa Carlotta di Danimarca
Nonna materna:
Luisa di Svezia
Bisnonno materno:
Carlo XV di Svezia
Trisnonno materno:
Oscar I di Svezia
Trisnonna materna:
Giuseppina di Leuchtenberg
Bisnonna materna:
Luisa dei Paesi Bassi
Trisnonno materno:
Federico d'Orange-Nassau
Trisnonna materna:
Luisa di Prussia

OnorificenzeModifica

Onorificenze svedesiModifica

  Membro e Commendatore degli Ordini di S. M. (Reale Ordine dei Serafini, LoK av KMO)
— 8 dicembre 1965

Onorificenze danesiModifica

  Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (R.E.)
— 4 settembre 1960
Stemma di Margherita di Svezia, Principessa di Svezia e di Danimarca (1919-1977)
Piccolo stemma di Margherita di Svezia, Principessa di Svezia e di Danimarca (1919-1977)(come appare nello stallo dei Cavalieri dell'Ordine dei Serafini nella cattedrale di Stoccolma, ricostruzione grafica moderna)

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Darryl Lundy, Genealogia della principessa Margherita di Svezia, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 17 settembre 2009.
  2. ^ Staffan Skott: Alla dessa Bernadottar (All these Bernadottes) (1996) (in Swedish)
  3. ^ A Royal Wedding, 20 November 1947, in Royal Collection. URL consultato il 6 marzo 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica