Apri il menu principale

Marina di San Nicola

frazione del comune italiano di Ladispoli
Marina di San Nicola
frazione
Marina di San Nicola – Veduta
Scavi archeologici di Marina di San Nicola
scorcio della villa romana detta di Pompeo
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
Città metropolitanaProvincia di Roma-Stemma.png Roma
ComuneLadispoli-Stemma.png Ladispoli
Territorio
Coordinate41°55′58″N 12°07′21″E / 41.932778°N 12.1225°E41.932778; 12.1225 (Marina di San Nicola)Coordinate: 41°55′58″N 12°07′21″E / 41.932778°N 12.1225°E41.932778; 12.1225 (Marina di San Nicola)
Altitudinem s.l.m.
Abitanti1 518 (2001)
Altre informazioni
Cod. postale00055
Prefisso06
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantisannicolesi o sannicolani
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Marina di San Nicola
Marina di San Nicola

Marina di San Nicola è una frazione di Ladispoli, centro balneare del litorale laziale nella Città metropolitana di Roma Capitale, raggiungibile da una diramazione della via Aurelia. Ha circa 1.800 residenti, ma d'estate raggiunge oltre 12.000 villeggianti, per lo più romani.

Indice

StoriaModifica

L'abitato si è sviluppato a partire dagli anni cinquanta come luogo di villeggiatura estiva, con numerosi parchi, villette e villini, che, a partire dagli anni sessanta, sono gestiti da un consorzio. La maggior parte delle attuali abitazioni risale però agli anni settanta. Le strade presentano denominazioni dedicate agli astri (via del Sole, via della Luna, via Mercurio, via Venere, via delle Pleiadi, via delle Naiadi, ecc.). Numerosi personaggi noti risiedono o hanno risieduto d'estate a Marina San Nicola. Tra questi: Lino Banfi, Jerry Calà, Loretta Goggi, Anna Mazzamauro, Alessandra Mussolini, Daniele Pradè, Felice Pulici, Maria Scicolone e numerosi parlamentari.

 Lo stesso argomento in dettaglio: Villa di Pompeo.

Presso la spiaggia, tra via Venere, via Alsium e via Mercurio si trovano resti archeologici relativi ad una villa romana identificata tradizionalmente come "villa di Pompeo" in quanto presunto possesso di Pompeo Magno, ovvero con i ruderi dell'antica città di Alsium. Le strutture più antiche risalgono al I secolo a.C. e all'epoca augustea. La villa rimase in uso durante tutta l'epoca imperiale. Sono conservati resti di muri in opera reticolata e laterizia e pavimenti musivi. Vi venne rinvenuta un'erma con testa di Giano. Nei pressi della struttura principale sono presenti anche strutture ad uso commerciale e un piccolo porto con banchine in prossimità della spiaggia. Una torretta di avvistamento della seconda guerra mondiale venne costruita in cemento riutilizzando in parte i materiali antichi della villa.

Una passeggiata pedonale porta da via Diana all'Oasi del WWF di Palo Laziale.

Infrastrutture e trasportiModifica

Situata qualche chilometro a sud di Ladispoli, Marina di San Nicola è direttamente collegata alla Strada statale 1 Via Aurelia con un apposito svincolo. La località è altresì raggiungibile con l'Autostrada A12 Roma - Civitavecchia, attraverso i caselli di Torrimpietra e Cerveteri - Ladispoli.

Non possedendo né una stazione né una fermata sulla Ferrovia Tirrenica, gli scali più vicini sono Torre in Pietra-Palidoro e Ladispoli - Cerveteri.

Marina di San Nicola si trova a 30 km dall'Aeroporto Internazionale Leonardo Da Vinci di Roma-Fiumicino e a 50 km dal Giovanni Battista Pastine di Roma-Ciampino.

La località dista circa 40 km dal Porto di Civitavecchia, che è il principale del Lazio.

Il servizio bus extraurbano (che transita su Via Aurelia) è garantito dal COTRAL[1]

Il problema dell'acquaModifica

Nel 2014 la località è salita agli onori della cronaca per problemi relativi alla potabilità dell'acqua. Per abbassare, in particolare, il livello dei nitrati, il Consorzio che gestisce la località ha attivato nell'estate del 2014 un denitrificatore a quattro cisterne.[2]

NoteModifica

  1. ^ Autolinea COTRAL Roma - Ladispoli - Santa Marinella - Civitavecchia, leggi la sezione "Tempi di percorrenza"
  2. ^ [Articolo su Marina San Nicola del quotidiano on-line "Pensieri d'integrazione" del 1º settembre 2014[collegamento interrotto]

Collegamenti esterniModifica