Apri il menu principale

Maurizio Gaudino

allenatore di calcio, procuratore sportivo ed ex calciatore tedesco
Maurizio Gaudino
Maurizio Gaudino – Tag der Legenden 2016 01.jpg
Gaudino nel 2016
Nazionalità Germania Germania
Altezza 183 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 2005 - giocatore
2007 - allenatore
Carriera
Giovanili
1972-1981 non conosciuta TSG Rheinau
1981-1984 Waldhof Mannheim
Squadre di club1
1984-1987Waldhof Mannheim60 (9)
1987-1993Stoccarda 171 (30)
1993-1995Eintracht Francoforte 42 (7)
1995Manchester City 20 (3)
1995-1996 Eintracht Francoforte 1 (0)
1996América15 (1)
1996-1997 Eintracht Francoforte 32 (9)
1997-1998Basilea30 (10)
1998-1999Bochum20 (2)
1999-2002Antalyaspor55 (8)
2003-2005Waldhof Mannheim1 (0)
Nazionale
1985-1987Germania Ovest Germania Ovest U-216 (2)
1993-1994Germania Germania5 (1)
Carriera da allenatore
2004-2005Waldhof MannheimInterim
2007Sonnenhof G.
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Maurizio Gaudino (Brühl, 12 dicembre 1966) è un procuratore sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore tedesco, di ruolo attaccante.

BiografiaModifica

È di origine italiana, con il padre nativo di Orta di Atella, nel casertano, e la madre di Frattaminore, nel napoletano, i quali da giovani lasciarono l'Italia per trasferirsi nell'allora Germania Ovest.[1]

È padre di Gianluca, anche lui calciatore.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

È stato attaccante di varie squadre tedesche: ha esordito tra i professionisti con il Waldhof Mannheim, club nelle cui giovanili è cresciuto.

Di grande importanza è, soprattutto, il periodo nello Stoccarda dove ha militato dal 1987 al 1993. Divenne famoso in Italia quando, in seguito alla finale di Coppa UEFA 1988-1989 contro il Napoli, alle domande di un giornalista partenopeo rispose, pur essendo nato in Germania, in un perfetto italiano, con forte cadenza napoletana.[1] Con lo Stoccarda ha vinto campionato tedesco e Supercoppa di Germania.

Successivamente è passato all'Eintracht Francoforte dov'é rimasto in tre distinti periodi, intervallati da una militanza in Inghilterra, nel 1995 al Manchester City, e in Messico, nel 1996 con l'América.

In seguito è stato per una stagione in Svizzera con il Basilea, tornando poi in patria con il Bochum. In Turchia è stato per tre stagioni nell'Antalyaspor.

Ha concluso la carriera in patria, al Waldhof Mannheim, squadra che lo aveva lanciato.

NazionaleModifica

Ha esordito con la nazionale maggiore tedesca il 22 settembre 1993, in amichevole contro la Tunisia, giocando da titolare.[2]

Segnò la sua unica rete in nazionale il 27 aprile 1994, nel corso dell'amichevole contro gli Emirati Arabi Uniti, quando subentrò nei minuti finali al posto di Andreas Möller.[3]

Fu poi convocato dal commissario tecnico Berti Vogts per i mondiali di USA '94, senza però scendere mai in campo.

Ha totalizzato cinque presenze con la selezione tedesca.

Dopo il ritiroModifica

Nell'ultimo periodo di attività ha svolto ad interim anche il ruolo di allenatore del Waldhof Mannheim, cui ha fatto seguito un breve intermezzo sulla panchina del Sonnenhof G..

Dalla fine dell'attività agonistica, ricopre l'incarico di procuratore sportivo di calciatori, tra i quali di Mario Gómez.

È stato direttore sportivo del Reutlingen e del Wacker Nordhausen.

StatisticheModifica

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Germania
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
22-9-1993 Tunisi Tunisia   1 – 1   Germania Amichevole -
17-11-1993 Colonia Germania   2 – 1   Brasile Amichevole -   84’
22-12-1993 Città del Messico Messico   0 – 0   Germania Amichevole -   54’
7-4-1994 Abu Dhabi Emirati Arabi Uniti   0 – 2   Germania Amichevole 1   87’
8-6-1993 Toronto Canada   0 – 2   Germania Amichevole -   69’
Totale Presenze 5 Reti 1

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Stoccarda: 1992
Stoccarda: 1992

NoteModifica

  1. ^ a b Jvan Sica, Quando il Napoli vinse la Coppa UEFA, su ultimouomo.com, 18 aprile 2019.
  2. ^ (EN) Tunisia v Germany 1:1, football match 22 September 1993, su eu-football.info.
  3. ^ (EN) U.A.E. v Germany 0:2, football match 27 April 1994, su eu-football.info.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica