Nazionale di calcio degli Emirati Arabi Uniti

Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Sport Football pictogram.svg Calcio
Federazione UAEFA
Confederazione AFC
Codice FIFA UAE
Soprannome Al-Abyad (Bianchi)
Selezionatore Argentina Rodolfo Arruabarrena
Record presenze Adnan Al-Talyani (161)
Capocannoniere Ali Mabkhout (68)
Ranking FIFA 69º[1] (23 dicembre 2021)
Esordio internazionale
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti 1 - 0 Qatar Qatar
Riad, Arabia Saudita; 17 marzo 1972
Migliore vittoria
Brunei Brunei 0 - 12 Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
Bandar Seri Begawan, Brunei; 14 aprile 2001
Peggiore sconfitta
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti 0 - 8 Brasile Brasile
Abu Dhabi, Emirati Arabi Uniti; 12 novembre 2005
Coppa d'Asia
Partecipazioni 10 (esordio: 1980)
Miglior risultato Argento Secondo posto nel 1996
Confederations Cup
Partecipazioni 1 (esordio: 1997)
Miglior risultato Primo turno nel 1997

La nazionale di calcio degli Emirati Arabi Uniti (in arabo: منتخب الإمارات العربية المتحدة لكرة القدم‎) è la squadra di calcio nazionale degli Emirati Arabi Uniti ed è posta sotto l'egida della Federazione calcistica degli Emirati Arabi Uniti.

Conta una partecipazione alla fase finale del campionato del mondo (Italia 1990, dove fu eliminata al primo turno) e vanta un secondo posto e due terzi posti in Coppa d'Asia, oltre alla vittoria di due Coppe del Golfo (2007 e 2013).

StoriaModifica

EsordiModifica

La nazionale emiratina giocò il suo primo match il 17 marzo 1972 contro il Qatar (vittoria per 1-0) a Riad, qualche mese dopo la proclamazione di indipendenza degli Emirati Arabi Uniti. Il gol decisivo fu segnato da Ahmed Chowbi. In quei giorni affrontò tre altre nazionali arabe: perse per 4-0 contro l'Arabia Saudita e per 7-0 contro il Kuwait e vinse per 3-0 contro il Bahrein.

Dal 1972 prese parte alla Coppa delle nazioni del Golfo, che ospitò nel 1982, ottenendo tre terzi posti consecutivi.

Prime partecipazioni alla Coppa d'AsiaModifica

Qualificatasi per la fase finale della Coppa d'Asia 1980, giocata in Kuwait, la nazionale emiratina affrontò i padroni di casa (futuri vincitori del torneo), la Corea del Sud, la Malaysia e il Qatar nel gruppo B. Dopo il pareggio per 1-1 contro il Kuwait perse gli altri tre incontri, terminando il torneo al quinto posto nel suo girone e nono generale.

Gli Emirati Arabi si qualificarono anche per la Coppa d'Asia 1984 a Singapore e per la Coppa d'Asia 1988 in Qatar, edizioni in cui l'eliminazione arrivò sempre al primo turno. Il 7 dicembre 1984 ottennero la prima vittoria nelle fasi finali del torneo, contro l'India, sotto la guida del CT Heshmat Mohajerani.

Nel 1984 il CT Mohajerani si dimise e fu sostituito dal brasiliano Carlos Alberto Parreira, che guidò la squadra nella Coppa d'Asia 1988, per poi lasciare il suo posto al connazionale Mário Zagallo.

Mondiale 1990Modifica

Sotto la gestione Zagallo la nazionale emiratina si qualificò per la prima volta alla fase finale di un mondiale, guadagnando l'accesso a Italia 1990. Prima della fase finale Parreira tornò a guidare la nazionale al posto del dimissionario Zagallo.

Inserita in un difficile girone comprendente Germania Ovest (poi vincitrice del torneo), Colombia e Jugoslavia, la squadra di Parreira totalizzò tre sconfitte in tre partite, segnando due gol e subendone undici. Perse per 2-0 contro la Colombia, per 5-1 contro la Germania Ovest e per 4-1 contro la Jugoslavia. Khalid Ismaïl contro la Germania Ovest mise a segno il primo gol emiratino nelle fasi finali dei mondiali.

Parreira fu esonerato dopo il mondiale.

Due anni dopo, nella Coppa d'Asia 1992, gli Emirati Arabi Uniti ottennero il quarto posto.

Coppa d'Asia 1996Modifica

La nazionale emiratina, padrona di casa nella Coppa d'Asia 1996, si preparò al torneo ingaggiando il CT croato Tomislav Ivić nel 1995. Nella fase finale fu inserita in un gruppo con Kuwait, Corea del Sud e Indonesia. Dopo il pari contro i sudcoreani (1-1) arrivarono due vittorie, contro Kuwait (3-2) e Indonesia (2-0), che garantirono il primo posto nel girone con sette punti in classifica. Ai quarti di finale gli Emirati Arabi Uniti ebbero la meglio sull'Iraq (1-0 con il golden gol di Abdulrahman Ibrahim al 103º minuto di gioco) e in semifinale contro il Kuwait (1-0), qualificandosi per la prima volta per la finale. Nell'atto conclusivo del torneo si arresero all'Arabia Saudita ai tiri di rigore, ottenendo comunque un ottimo secondo posto, miglior risultato di sempre della squadra emiratina nel torneo.

Alla FIFA Confederations Cup 1997 furono presenti anche gli Emirati Arabi vice-campioni d'Asia, dato che l'Arabia Saudita, campione d'Asia in carica, era già qualificata per il torneo in quanto paese ospitante. Persero per 2-0 contro l'Uruguay, poi batterono il Sudafrica per 1-0 e furono nuovamente sconfitti (per 6-1) dalla Rep. Ceca nell'ultima partita, uscendo così dal torneo.

Anni bui e Coppa del Golfo 2007Modifica

Malgrado le buone prestazioni nella Coppa d'Asia 1996, gli Emirati Arabi Uniti mancarono la qualificazione alla Coppa d'Asia 2000, la cui fase finale si tenne in Libano. Terminarono successivamente all'ultimo posto il girone della Coppa del Golfo 2002.

Gli anni a venire furono caratterizzati da altri insuccessi. La squadra emiratina fu eliminata al primo turno della Coppa d'Asia nelle edizioni 2004, 2007 e 2011 (edizione, quest'ultima, conclusa senza gol all'attivo).

In questo periodo sulla panchina emiratina sedettero, tra gli altri, Carlos Queiroz (1999), Roy Hodgson (2002-2004) e Dick Advocaat (2005). Nel 2006 fu la volta di Bruno Metsu, che aveva guidato il Senegal ai quarti di finale del campionato del mondo 2002. Il tecnico francese condusse gli Emirati Arabi Uniti alla vittoria della Coppa del Golfo 2007, primo titolo nella storia della nazionale.

Ottimi risultati (dal 2012)Modifica

Nel 2012 sulla panchina della squadra arrivò Mahdi Ali, che aveva guidato la nazionale emiratina Under-23 alla sua prima partecipazione alle Olimpiadi. Lavorando con i giovani, egli seppe formare un ottimo sodalizio, in grado di vincere la Coppa del Golfo 2013.

Nella fase conclusiva della Coppa d'Asia 2015, in Australia, gli Emirati Arabi Uniti affrontarono Iran, Qatar, Bahrein. Battuto per 4-1 il Qatar all'esordio, sconfissero anche il Bahrein (2-1), qualificandosi così per la fase a eliminazione diretta. Nel terzo incontro del girone persero per 1-0 contro l'Iran, ma guadagnarono comunque il secondo posto in classifica. Nei quarti di finale ebbero la meglio sul Giappone ai tiri di rigore, per poi perdere per 2-0 la semifinale contro l'Australia padrona di casa e futura vincitrice del torneo. Gli Emirati Arabi vinsero poi per 3-2 la finale per il terzo posto contro l'Iraq.

La squadra emiratina non riuscì poi a qualificarsi per il campionato del mondo 2018. Giunta seconda nel gruppo A di seconda fase delle eliminatorie AFC dietro l'Arabia Saudita, si piazzò quarta nel girone B di terza fase, pur avendo piazzato l'attaccante Ahmed Khalil in testa alla classifica dei marcatori, a pari merito con altri due giocatori. Il commissario tecnico argentino Edgardo Bauza fu dunque esonerato e rimpiazzato dall'italiano Alberto Zaccheroni.[2]

In qualità di paese organizzatore della Coppa d'Asia 2019, gli Emirati Arabi Uniti si qualificarono d'ufficio alla fase finale del torneo. Qui vinsero il proprio girone con un pareggio (1-1 contro il Bahrein), una vittoria (2-0 contro l'India) e un altro pareggio (1-1 contro la Thailandia), per poi eliminare agli ottavi di finale il Kirghizistan (3-2 dopo i tempi supplementari) e ai quarti di finale l'Australia campione in carica (1-0), ma in semifinale subirono una clamorosa sconfitta contro il Qatar (0-4).[3] Zaccheroni si dimise alla scadenza del contratto con la federazione.[4]

Nelle qualificazioni al campionato del mondo 2022 la squadra emiratina riuscì a superare il girone di secondo turno e si piazzò terza nel proprio girone di terzo turno, qualificandosi allo spareggio con la terza classificata nell'altro girone, l'Australia.

TorneiModifica

MondialiModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1978   Argentina Ritirata - - -
1982   Spagna Non partecipante - - -
1986   Messico Non qualificata - - -
1990   Italia Primo turno 0 0 3 2:11
1994   Stati Uniti Non qualificata - - -
1998   Francia Non qualificata - - -
2002   Corea del Sud /   Giappone Non qualificata - - -
2006   Germania Non qualificata - - -
2010   Sudafrica Non qualificata - - - -
2014   Brasile Non qualificata - - - -
2018   Russia Non qualificata - - - -

Coppa d'AsiaModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1956   Hong Kong Non partecipante - - - -
1960   Corea del Sud Non partecipante - - - -
1964   Israele Non partecipante - - - -
1968   Iran Non iscritta - - - -
1972   Thailandia Non partecipante - - - -
1976   Iran Non partecipante - - - -
1980   Kuwait Primo turno 0 1 3 3:9
1984   Singapore Primo turno 2 0 2 3:8
1988   Qatar Primo turno 1 0 3 2:4
1992   Giappone Quarto posto 1 2 2 5:7
1996   Emirati Arabi Uniti Secondo posto   4 1 1 8:7
2000   Libano Non qualificata - - - -
2004   Cina Primo turno 0 1 2 1:5
2007   Indonesia/  Malaysia
  Thailandia/  Vietnam
Primo turno 1 0 2 3:6
2011   Qatar Primo turno 0 1 2 0:4
2015   Australia Terzo posto   3 1 2 10:8
2019   Emirati Arabi Uniti Semifinali 3 2 1 8:8

Confederations CupModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1992   Arabia Saudita Non invitata - - - -
1995   Arabia Saudita Non invitata - - - -
1997   Arabia Saudita Primo turno 1 0 2 2:8
1999   Messico Non qualificata - - - -
2001   Corea del Sud /   Giappone Non qualificata - - - -
2003   Francia Non qualificata - - - -
2005   Germania Non qualificata - - - -
2009   Sudafrica Non qualificata - - - -
2013   Brasile Non qualificata - - - -
2017   Russia Non qualificata - - - -

Coppa delle nazioni del GolfoModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1970   Bahrein Non partecipante - - - -
1972   Arabia Saudita Terzo posto   1 0 2 1:11
1974   Kuwait Quarto posto 1 0 3 5:9
1976   Qatar Terzo posto   0 2 4 4:13
1979   Iraq Sesto posto 1 0 5 5:18
1982   Emirati Arabi Uniti Terzo posto   3 0 2 7:6
1984   Oman Quarto posto 2 3 1 5:4
1986   Bahrein Secondo posto   3 1 2 10:7
1988   Arabia Saudita Secondo posto   3 2 1 7:4
1990   Kuwait Quinto posto 0 2 2 2:8
1992   Qatar Quarto posto 3 0 1 4:3
1994   Emirati Arabi Uniti Secondo posto   3 2 0 7:1
1996   Oman Quarto posto 1 3 1 5:5
1998   Bahrein Terzo posto   2 1 2 5:7
2002   Arabia Saudita Sesto posto 1 0 4 3:7
2003   Kuwait Quinto posto 2 1 3 6:7
2004   Qatar Primo turno 0 1 2 4:5
2007   Emirati Arabi Uniti Campione   4 0 1 8:5
2009   Oman Primo turno 1 1 1 3:4
2010   Yemen Terzo posto   1 2 1 3:2
2013   Bahrein Campione   5 0 0 10:3
2014   Arabia Saudita Terzo posto   2 2 1 7:5
2017   Kuwait Secondo posto   1 4 0 1:0
2019   Qatar Primo Turno 1 0 2 5:6

AllenatoriModifica

Allenatore Dal Al
  Mohammed Sheita 1972 1973
  Jumaa Gharib 1973 1973
  Mohammed Sheita 1973 1974
  Mimi El-Sherbini 1975 1975
  Jumaa Gharib 1975 1976
  Dimitri Tadić 1976 1976
  Don Revie 1977 1980
  Heshmat Mohajerani 1980 1984
  Carlos Alberto Parreira 1984 1988
  Mário Zagallo 1988 1990
  Bernhard Blaut 1990 1990
  Valery Lobanovsky 1990 1992
  Antoni Piechniczek 1992 1995
  Tomislav Ivić 1995 1996
  Lori Sandri 1997 1997
  Milan Máčala 1997 1997
  Lori Sandri 1998 1998
  Carlos Queiroz 1998 Set 1999
  Srećko Juričić 1999 1999
  Abdullah Masfar 2000 2000
  Henri Michel 2000 2001
  Abdullah Saqr 2001 2001
  Tini Ruijs 2001 2001
  Jo Bonfrère Nov 2001 Gen 2002
  Roy Hodgson Apr 2002 Gen 2004
  Aad de Mos 2004 2005
  Dick Advocaat Ago 2005 Set 2005
  Bruno Metsu 2006 Set 2008
  Dominique Bathenay Set 2008 Gen 2009
  Srečko Katanec Giu 2009 Set 2011
  Abdullah Masfar Set 2011 Ago 2012
  Mahdi Ali Ago 2012 Mag 2017
  Edgardo Bauza Mag 2017 Sett 2017
  Alberto Zaccheroni Ott 2017 Gen 2019
  Bert van Marwijk Mar 2019 Dic 2019
  Ivan Jovanović Dic 2019 Apr 2020
  Jorge Luis Pinto Lug 2020 Apr 2020
  Bert van Marwijk Dic 2020 Feb 2022
  Rodolfo Arruabarrena Feb 2022 in carica

RosaModifica

Lista dei convocati per le partite di qualificazione al campionato del mondo 2022 contro Iraq e Corea del Sud del 24 e 29 marzo 2022.[5]

Presenze e reti aggiornate al 29 marzo 2022.

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Reti Squadra
1 P Mohamed Al Shamsi 4 gennaio 1997 (25 anni) 5 0   Al Wahda
17 P Khalid Eisa 15 settembre 1989 (32 anni) 56 0   Al Ain
22 P Adel Al Hosani 23 agosto 1989 (32 anni) 1 0   Sharjah
2 D Khalid Al-Hashemi 18 marzo 1997 (25 anni) 0 0   Baniyas
3 D Walid Abbas 11 giugno 1985 (36 anni) 106 7   Shabab Al Ahli (Capitano)
4 D Mohammed Marzooq 23 gennaio 1989 (33 anni) 11 0   Shabab Al Ahli
12 D Khalifa Al Hammadi 6 novembre 1998 (23 anni) 16 0   Al Jazira
13 D Mohammed Al Attas 5 agosto 1997 (24 anni) 22 1   Al Jazira
21 D Mahmoud Khamees 28 ottobre 1987 (34 anni) 47 2   Al Wahda
23 D Abdulaziz Hussain 10 settembre 1990 (31 anni) 43 1   Shabab Al Ahli
5 C Ali Salmeen 2 aprile 1995 (27 anni) 47 2   Al Wasl
6 C Tahnoon Al-Zaabi 10 aprile 1999 (23 anni) 14 0   Al Wahda
8 C Majed Hassan 1º agosto 1992 (29 anni) 61 1   Shabab Al Ahli
9 C Bandar Al-Ahbabi 9 luglio 1990 (31 anni) 44 2   Al Ain
10 C Abdullah Al-Naqbi 28 aprile 1993 (29 anni) 3 0   Shabab Al Ahli
14 C Khalil Ibrahim 4 maggio 1993 (29 anni) 22 6   Al Wahda
18 C Abdullah Ramadan 7 marzo 1998 (24 anni) 27 0   Al Jazira
7 A Hareb Abdullah 26 novembre 2002 (19 anni) 6 1   Shabab Al Ahli
11 A Caio Canedo 9 agosto 1990 (31 anni) 19 6   Al Ain
16 A Ali Saleh 22 gennaio 2000 (22 anni) 20 3   Al Wasl
19 A Yahya Al Ghassani 18 aprile 1998 (24 anni) 3 1   Shabab Al Ahli
20 A Sultan Adil Mohamed 4 maggio 2004 (18 anni) 1 0   Kalba

Statistiche e recordModifica

Record individualiModifica

Statistiche aggiornate al 24 marzo 2022.[6] I calciatori in grassetto militano tuttora in nazionale.

PresenzeModifica

 
Adnan Al Talyani, il primatista di presenze con la nazionale emiratina.
Pos. Giocatore Pres. Reti Periodo
1 Adnan Al Talyani 161 52 1983-1997
2 Ismail Matar 136 36 2003-oggi
3 Subait Khater 120 12 1999-2011
4 Abdulrahim Jumaa 116 13 1998-2009
5 Ismail Al Hammadi 115 13 2007-oggi
6 Zuhair Bakheet 112 27 1988-2002
Abdulsalam Jumaa 112 7 1997-2010
8 Muhsin Musabah 107 0 1988-1999
9 Walid Abbas 106 6 2008-oggi
10 Ahmed Khalil 105 48 2008-oggi

RetiModifica

 
Ali Mabkhout, il primatista di reti con la nazionale emiratina.
Pos. Giocatore Reti Pres. Media reti Periodo
1 Ali Mabkhout 79 103 0.77 2009-oggi
2 Adnan Al Talyani 52 161 0.32 1983-1997
3 Ahmed Khalil 48 105 0.46 2008-oggi
4 Ismail Matar 36 136 0.26 2003-oggi
5 Mohammad Omar 28 102 0.27 1996-2009
6 Zuhair Bakheet 27 112 0.24 1988-2002
7 Saeed Al Kass 15 60 0.25 1998-2013
8 Faisal Khalil 13 61 0.21 2001-2010
Ismail Al Hammadi 13 115 0.11 2007-oggi
Abdulrahim Jumaa 13 116 0.11 1998-2009

Evoluzione magliaModifica

1990 Casa
1990 Trasferta
Coppa d'Asia 1992
Giochi Asiatici 1994

NoteModifica

  1. ^ (EN) Men's Ranking, su fifa.com. URL consultato il 31 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2018).
  2. ^ Zaccheroni nuovo ct degli Emirati Arabi Uniti, Il Mattino, 16 ottobre 2017.
  3. ^ Coppa d’Asia, Zaccheroni, niente finale. Qatar a valanga: finisce 4-0, Gazzetta, 29 gennaio 2019.
  4. ^ (EN) Alberto Zaccheroni's reign as UAE manager set to end following Asian Cup exit, thenational.ae, 30 gennaio 2019.
  5. ^ لاعباً في قائمة الأبيض استعداداً لمباراتي سوريا وإيران بتصفيات المونديال, su albayan.ae, Al Bayan.
  6. ^ Roberto Mamrud; Karel Stokkermans, Players with 100+ Caps and 30+ International Goals, su rsssf.com, RSSSF. URL consultato il 5 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 22 marzo 2012).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio