Apri il menu principale

Nel gorgo del peccato (film 1954)

film del 1954 diretto da Vittorio Cottafavi
Nel gorgo del peccato
Nel gorgo del peccato.jpg
Una sequenza del film
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1954
Durata92 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37:1
Generedrammatico
RegiaVittorio Cottafavi
SoggettoOreste Biancoli
SceneggiaturaOreste Biancoli, Giuseppe Mangione
ProduttoreAlberto Gilacone
Casa di produzioneItala Film
Distribuzione in italianoENIC
FotografiaAugusto Tiezzi
MontaggioJolanda Benvenuti
MusicheMarcello Abbado
ScenografiaOttavio Scotti
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Nel gorgo del peccato è un film del 1954 diretto da Vittorio Cottafavi.

Indice

TramaModifica

Dopo anni di distacco Alberto Valli torna in casa di Margherita, sua madre rimasta vedova, con la sua amante Germaine. Filippo, ex amante di Germaine, lo coinvolge a sua insaputa in un traffico di droga e, ricattato dalla donna, la ferisce. Alberto è arrestato per tentato omicidio. Sua madre induce Filippo a confessare la sua colpevolezza, ma ne viene uccisa.

CensuraModifica

La censura italiana impose non poche modifiche, una delle quali la frase di Germaine «Il letto è l'unica cosa che funziona qua dentro. Finirò col passarci le giornate. È il divertimento dei poveri. Per questo si vedono tanti bambini stracciati per le strade...», recitata in sala di doppiaggio da Lydia Simoneschi, che venne fatta modificare, diventando «Il letto è l'unica cosa che funziona qua dentro. Finirò col passarci le giornate. Mah, dopotutto è comodo. E poi si passa tutto il tempo al caldo senza spendere una lira».[1]

Altri tagli riguardarono l'eliminazione dei fotogrammi in cui Germaine appare in vestaglia, la riduzione al minimo dei fotogrammi che mostrano Filippo che abbraccia Germaine in modo voluttuoso, la scena in cui i due protagonisti si danno un lungo bacio e accorciata la scena in cui il piccolo Gino sbircia la cognata in vestaglia.[2]

Il film venne vietato ai minori di 16 anni. Solo nel 1996 venne concessa la proiezione in pubblico senza limiti di età.[3]

Il negativo col montaggio originale è attualmente irreperibile. Una copia d'epoca, risalente al secondo visto censura, è stata salvata e conservata dalla Cineteca di Bologna. Tale copia è stata proiettata nel 2008 al festival I Mille Occhi.

Passaggi televisiviModifica

Pur essendo stato modificato dalla censura, nei passaggi televisivi alcune scene che all'uscita nelle sale vennero eliminate sono state reintrodotte. Tuttavia la Rai e Mediaset utilizzano due master differenti: la versione Rai deriva da un positivo ma non corrisponde a nessun visto censura, poiché mantiene parzialmente il taglio della sequenza fra il ragazzino e la zia mentre reintegra tutti gli altri; la versione Mediaset invece reintegra tutti i tagli precedenti ma ne apporta due nuovi, ovvero la scazzottata tra Alberto e Filippo, che viene alleggerita, e abbreviata la scena sul divano.[2]

DistribuzioneModifica

A causa delle numerose modifiche, la distribuzione nelle sale venne rimandata per vari mesi. La prima proiezione in pubblico fu al Festival Cinematografico dell'Anteprima, a San Marino, il 24 luglio. La distribuzione in pochissime sale italiane inizia il 30 ottobre, con divieto ai minori di 16 anni. Dopo una richiesta di una nuova revisione da parte della produzione, i tempi si allungano ulteriormente, data anche la decisione dei revisori di eliminare ulteriori scene. La regolare distribuzione in tutta Italia inizierà soltanto dal giugno 1955.[2]

IncassiModifica

Al botteghino si rivelò un insuccesso, incassando soltanto 50 milioni di lire a fronte dei 95 spesi nella produzione.[2]

NoteModifica

  1. ^ La scena prima e dopo la censura
  2. ^ a b c d Nel gorgo del peccato (1954, Vittorio Cottafavi), su visioniproibite.it. URL consultato il 15 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2014).
  3. ^ Note sulla revisione del film su italiataglia.it

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema