Phedon Papamichael

direttore della fotografia e regista greco

Phedon Papamichael Jr. (in greco: Φαίδων Παπαμιχαήλ, traslitterato: Faidōn Papamichaīl; Atene, 24 febbraio 1962[1]) è un direttore della fotografia e regista greco con cittadinanza statunitense. È stato candidato due volte all'Oscar alla migliore fotografia, nel 2014 per Nebraska e nel 2021 per Il processo ai Chicago 7.

BiografiaModifica

Nato ad Atene da padre greco e madre tedesca, si trasferisce da giovane con la famiglia in Germania, dove studia belle arti all'università di Monaco.[2][3] Arrivato negli Stati Uniti nel 1983 con ambizioni da fotografo, viene raccomandato a John Cassavetes dal padre, suo cugino di primo grado e scenografo di Volti e Una moglie.[2][3] Grazie a Cassavetes, viene preso sotto l'ala di Roger Corman,[2] per il quale Papamichael dirige la fotografia di numerosi film di serie B tra la fine degli anni ottanta e l'inizio degli anni novanta, formandosi così assieme ad altri direttori della fotografia emergenti come Janusz Kamiński, Wally Pfister e Mauro Fiore.[4]

Esordisce alla regia nel 1992 col film per la televisione Doppio identikit, ma decide di continuare ad occuparsi della fotografia, lavorando per il resto del decennio perlopiù in film commedia o per famiglie. Si fa notare all'inizio degli anni duemila con una serie di collaborazioni con Wim Wenders, il cui direttore della fotografia Robby Müller era stato una sua grande ispirazione,[4] specialmente in The Million Dollar Hotel.[3] Nel 1996 dirige la fotografia di Una donna molto speciale, del figlio di Cassavetes Nick.

Tra il 2003 e il 2004 inaugura il sodalizio con due registi che segneranno la sua carriera, James Mangold e Alexander Payne, curando la fotografia di pressoché tutti i loro film da allora; tra questi, Quando l'amore brucia l'anima, Quel treno per Yuma e Le Mans '66 - La grande sfida, e Sideways, Paradiso amaro e Nebraska. Per la fotografia in bianco e nero di quest'ultimo riceve la sua prima candidatura al premio Oscar, nel 2014.[2]

Nel 2006 cura la fotografia de La ricerca della felicità di Gabriele Muccino, mentre nel 2008 dirige il film dell'orrore From Within, presentato al Tribeca Film Festival. Nel 2021 riceve la sua seconda candidatura all'Oscar per la fotografia del film di Netflix Il processo ai Chicago 7.

FilmografiaModifica

Direttore della fotografiaModifica

CinemaModifica

Spot pubblicitariModifica

TelevisioneModifica

Video musicaliModifica

RegistaModifica

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Phedon Papamichael: Cinematographer, Camera Department, Director, su networthstat.com. URL consultato il 10 settembre 2019.
  2. ^ a b c d (EN) Paula Bernstein, Veteran DP Phedon Papamichael on the Future of Cinematography and Finally Netting an Oscar Nomination, su IndieWire, 18 febbraio 2014.
  3. ^ a b c (FR) Madelyn Most, Entretien avec Phedon Papamichael, ASC, GSC, in La Lettre AFC, n. 46, 2014.
  4. ^ a b (EN) Steve Chagollan, Phedon Papamichael Eschews Visual Flash for Authenticity, Humanity, su Variety, 20 aprile 2016.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN213575 · ISNI (EN0000 0001 1931 7962 · Europeana agent/base/13469 · LCCN (ENno2003083302 · GND (DE137248369 · BNF (FRcb14051561k (data) · BNE (ESXX1104485 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2003083302