Apri il menu principale
Pilatus PC-12
US Immigration and Customs Enforcement aircraft.jpg
Descrizione
Tipoaereo executive
Equipaggio2
CostruttoreSvizzera Pilatus Aircraft
Data primo volo31 maggio 1991
Data entrata in servizio1994
Utilizzatore principaleStati Uniti USAF
Altri utilizzatoriFinlandia Suomen ilmavoimat
Esemplari1500 (in produzione)[1]
Dimensioni e pesi
Lunghezza14,40 m
Apertura alare16,28 m
Altezza4,26 m
Superficie alare25,81
Peso a vuoto3 076 kg
Peso carico4 500 kg
Peso max al decollo4 740 kg
Passeggeri9 (standard)
Capacità458 kg
Capacità combustibile1 226 kg
Propulsione
Motore1 turboelica Pratt & Whitney Canada PT6A-67B
Potenza1 200 shp (895 kW)
Prestazioni
Velocità di stallo124 km/h (67 kt) IAS
Velocità di crociera519 km/h (280 kt)
Velocità di salita585 m/min (MTOW)
Corsa di decollo808 m
Atterraggio558 m
Autonomia2 889 km (1 560 nm)
Tangenza9 144 m (30 000 ft)
Notedati riferiti alla versione PC-12 NG

i dati sono estratti da Pilatus Aircraft Ltd.[2]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il PC-12 è un aereo executive, monomotore, monoplano ad ala bassa, progettato e prodotto dall'azienda aeronautica svizzera Pilatus Aircraft.

Indice

Storia del progettoModifica

Il programma PC-12 fu lanciato alla fine degli anni ottanta dalla Pilatus Aircraft per un progetto di un nuovo aereo da trasporto leggero e d'affari pressurizzato, monoturbina ad ala bassa in grado di trasportare comodamente 9 persone oltre ai due membri dell'equipaggio.

I progettisti dell'azienda svilupparono un aeroplano dalla fusoliera a sezione rettangolare, ottenendo così una cabina capace di ospitare nel massimo comfort 6 passeggeri nella configurazione VIP e fino a un massimo di 10 persone secondo l'allestimento normale.

L'azienda svizzera decise di adottare la formula monomotore in maniera tale da permettere agli operatori dell'aereo dei costi di acquisto e utilizzo abbastanza contenuti rispetto a quelli di velivoli della stessa categoria con 2 motori.

Il prototipo volò per la prima volta il 31 maggio 1991.

La Pilatus sviluppò, oltre alla versione civile per trasporto di persone e merci, anche una variante per compiti di pattugliamento e sorveglianza da proporre sul mercato militare e paramilitare, denominata originariamente Eagle.

Infatti, grazie alla sua filosofia progettuale aperta, il velivolo si presta ad una grande varietà di compiti, dal pattugliamento marittimo, ricognitore e piattaforma di comando e controllo nelle missioni di Guerra elettronica, mediante l'installazione di radar, apparati elettronici e sistemi all'infrarosso.[3]

Il 7 agosto 2013 il 1 200esimo Pilatus PC-12 è stato consegnato dalla Pilatus Aircraft alla statunitense PlaneSense.[4]

VersioniModifica

  • PC-12: È la prima versione del PC-12 prodotta in serie, era propulso con un motore a turboelica Pratt & Whitney Canada PT6A-67B.
  • PC-12/45: Seconda variante prodotta in serie, fu certificata nel 1996 e caratterizzata da un peso massimo al decollo aumentato; è propulso con lo stesso motore della versione precedente.
  • PC-12/47: Versione certificata nel 2005 ulteriormente migliorata, anch'essa si caratterizza per il peso massimo al decollo aumentato; la motorizzazione è la stessa delle due varianti precedenti.
  • PC-12/47E: Variante certificata nel 2008 e propulsa con un turboelica Pratt & Whitney Canada PT6A-67P.
  • PC-12M Spectre: Versione chiamata originariamente Eagle, viene impiegata principalmente per compiti speciali da parte di organi militari e paramilitari.
  • PC-12NG: Variante aggiornata conosciuta come NextGeneration.
  • U-28A: versione militare da collegamento e trasporto leggero adottata in 28 esemplari dall'USAF e dall'United States Special Operations Command.[5] Tale versione è dotata di sistemi di comunicazione militare comprendenti data link, video e data voice, mentre alcuni aerei hanno ricevuto sensori elettro ottici per svolgere missioni ISR (Intelligence Surveillance e Reconaissance).[5]

UtilizzatoriModifica

MilitariModifica

  Afghanistan
18 PC-12NG ordinati nel 2012 e tutti consegnati al dicembre 2018, più 5 PC-12NG per missioni SIGINT ordinati nel 2015, 4 dei quali consegnati al dicembre 2018.[6]
  Bulgaria
ha in organico un solo esemplare di PC-12 impiegato per il trasporto VIP;
  Ciad
2 PC-12 consegnati e tutti in servizio al maggio 2018.[7][8]
  Finlandia
ha ordinato 6 esemplari di PC-12NG da impiegare per compiti di collegamento e trasporto leggero (consegne previste a partire dal 2010);
  Irlanda
3 PC-12NG ordinati a dicembre 2017, saranno consegnati tra il 2019 ed il 2020.[9][10]
  Stati Uniti
  Sudafrica
impiega un solo esemplare di PC-12 per compiti di collegamento e trasporto leggero;
  Svizzera
impiega un solo esemplare di PC-12 per compiti di collegamento e trasporto leggero;

GovernativiModifica

  Argentina
ha in organico un solo esemplare di PC-12 impiegato per il trasporto VIP;
  Australia

NoteModifica

  1. ^ Pilatus livre le 1’500ème PC-12 !
  2. ^ (EN) PC-12 NG: Performance & Specs, su Pilatus Aircraft Ltd., http://www.pilatus-aircraft.com/. URL consultato il 12 agosto 2013.
  3. ^ R. Niccoli - Aerei - De Agostini, Novara 2000.
  4. ^ (RU) PILATUS ПОСТАВИЛ 1200-Й САМОЛЕТ РС-12, su АвиаПорт, http://www.aviaport.ru, 12 agosto 2013. URL consultato il 12 agosto 2013.
  5. ^ a b c Niccoli 2016, p. 32.
  6. ^ "AFGHANISTAN FIELDING SPECIAL MISSION PC-12'S, MOD CONFIRMS", su janes.com, 7 dicembre 2018, URL consultato il 10 dicembre 2018.
  7. ^ "LES AÉRONEFS DES FORCES AÉRIENNES DES NATIONS DU G5 SAHEL EN 2018 ET EN IMAGES", su avionslegendaires.net, 10 maggio 2018, URL consultato il 9 marzo 2019.
  8. ^ "Le forze aeree del mondo. Ciad" - "Aeronautica & Difesa" N. 377 - 03/2018 pag. 70
  9. ^ "IRISH Irish AIR CORPS SIGNS FOR THREE PC-12s" Archiviato il 22 dicembre 2017 in Internet Archive., su janes.com, 19 dicembre 2017, URL consultato il 20 dicembre 2017.
  10. ^ "Irlanda. Tre nuovi Pilatus PC-12NG" - "Aeronautica & Difesa" N. 377 - 03/2018 pag. 75

BibliografiaModifica

PubblicazioniModifica

  • Riccardo Niccoli, 1st Special Operations Wing. Nel cuore delle Special Forces dell'USAF, in Rivista Aeronautica, nº 5, Roma, Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare, 2016, p. 24-32.

Velivoli comparabiliModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Galleria d'immaginiModifica